Giro Latch

Scarpe Giro Latch in prova

9

Negli ultimi mesi, le mie scarpe per pedali flat sono state un nuovo modello di Giro, le Latch. Disponibili in versione low-top, si rivolgono principalmente al segmento da trail a enduro leggero. L’obiettivo principale di Giro con questa scarpa era quello di arrivare a un punto in cui grip ed efficienza di pedalata fossero entrambe ideali. Vediamo come hanno fatto.

Dettagli scarpe Giro Latch

Giro Latch Shoes

L’area della punta vede una perforazione generosa per mantenere l’aria in movimento e far uscire l’umidità. C’è anche una copertura di un materiale che Giro chiama “Rockprint” per migliorare la durata, prevenire la delaminazione e proteggere ulteriormente le dita dei piedi dagli urti.

Giro Latch Shoes

La soletta è ben imbottita, ma soprattutto è ben sagomata, offrendo un supporto eccellente sia in sella che a piedi.

Alcune prese d’aria aggiuntive sui lati delle scarpe e uno sguardo all’intersuola grigia in EVA.

Il contorno della caviglia e la linguetta sono ben imbottiti. Non troppo, e non troppo poco… giusto.

Le scarpe Latch sono dotate di lacci piatti, che non si attorcigliano e rimangono ordinati grazie agli occhielli. Giro ha scelto la corretta lunghezza dei lacci. Può sembrare banale, ma troppo spesso ricevo scarpe con i lacci troppo lunghi.

Un dettaglio del disegno della suola.

Scarpe Giro Latch sul sentiero

Ho testato un 44 mentre in genere opterei per un 44.5 ma calzano perfettamente. In genere calzo un 10.5 US nella maggior parte delle marche e la guida alle taglie di Giro indica il 44 come conversione. Ad ogni modo, la sede del tallone è aderente e di supporto per la caviglia, mentre la punta del piede è giusta, abbastanza spaziosa da consentire alle dita dei piedi di muoversi. Il fit è accurato e senza strane proporzioni. Mi piacerebbe solo un contorno caviglia leggermente più alto per avere maggiore supporto e maggiore protezione. Non è un grosso problema ma le Latch sono tendenzialmente basse mentre tendo a preferire un po’ più di copertura, probabilmente a causa delle mie caviglie ossute.

Per quanto riguarda il comportamento sul sentiero, ho scoperto che queste scarpe hanno una suola leggermente più rigida rispetto alla maggior parte delle scarpe flat per MTB. Una buona cosa, in quanto si traduce in un migliore supporto e un migliore trasferimento di potenza. Le scarpe flat troppo morbide sprecano energia e fanno male ai piedi nelle lunghe pedalate. Tuttavia la scarpa non flette e non si adatta al pedale come farebbe una scarpa più morbida.

Con i pedali di forma concava questo non è un problema, ma pedali più piatti il grip è minore. Parlando di grip, la suola delle Latch si orienta verso la resistenza all’usura con una gomma più dura. Non hanno suole super gommose con mescola da arrampicata su roccia. Ciò significa che necessitano di un po’ di rodaggio per ammorbidirsi e diventare più aggressive. Inoltre non mi sono trovato in difficoltà a spostare il piede nel punto giusto ogni volta che lo rimettevo sul pedale in una posizione scomoda, cosa che può essere fastidiosa con le suole eccessivamente appiccicose.

Conclusioni

Le scarpe Giro Latch mi sono piaciute. Mi piacerebbe vedere una versione top 3/4 che adotta lo stesso approccio ma per utilizzo più aggressivo e chissà, potrebbero già essere in lavorazione. Ho apprezzato soprattutto avere una scarpa flat altamente confortevole che adotta un approccio più serio all’efficienza della pedalata rispetto a molti dei suoi concorrenti. Il rodaggio leggermente più lungo ne vale la pena e penso che questa sia probabilmente una scelta eccellente per i biker con pedali flat che vogliono affrontare lunghe giornate in sella senza sprecare energie. Nel complesso, un ottimo set di scarpe per chi non sta cercando una gomma ultra appiccicosa o una suola che si spalmi sul pedale.

www.giro.com

Commenti

  1. SemiOT: esistono scarpe FLAT ma che si chiudano con il sistema BOA. Lo uso con massima soddisfazione sulla BDC e mi piacerebbe "importarlo" anche sulle prossime scarpe MTB.
Storia precedente

EWS Loudenvielle: Courdurier e Melamed campioni 2022

Storia successiva

La pioda

Gli ultimi articoli in Test