Smartphone Smartwatch o Ciclocomputer

Smartphone, Smartwatch o Ciclocomputer?

145

Meglio uno smartphone, uno smartwatch o un ciclocomputer quando si va in bici? Andiamo a vedere pro e contro di ciascun apparecchio.


Garmin Fenix 7 Solar


.

Se fate diversi sport, questo è l’orologio che fa per voi. Avendolo sempre con sé, al polso, va bene per correre, nuotare, sciare e anche andare in mountain bike. Dato che rileva anche i battiti cardiaci, metterlo sul manubrio con l’apposito adattatore è un po’ un peccato, ma se abbinato ad una fascia cardio offre valori più precisi.

È uno Smartwatch, vale a dire che è possibile abbinarlo al telefono e leggere tutte le notifiche direttamente dal suo schermo, o rispondere a chiamate telefoniche che però necessitano del telefono per poter parlare. Sempre se siete di quelli che resistono allo stress dato dalle mille notifiche che ci arrivano ogni giorno.

La durata della batteria è infinita: facendo 5 attività sportive di 2/3 ore a settimana si arriva a 2 settimane di autonomia. Le celle solari servono a poco: non ricaricano l’orologio, al massimo diminuiscono di una frazione il consumo della batteria quando il Fenix 7 è al sole.

Se portato al polso, in discesa può dare fastidio, malgrado il suo peso piuma di soli 95 grammi cinturino compreso. Le vibrazioni possono andare a ferire il polso o la mano con i tasti laterali, come successo a me. Quando fa caldo diventa sgradevole da portare perché fa sudare.

Garmin Fenix 7 Solar

Smartphone

Tutti ne abbiamo uno, quindi non comporta costi aggiuntivi. È l’apparecchio con il maggior numero di app, anche gratuite, e quello con lo schermo più grande per una migliore lettura in caso si voglia navigare. D’altro canto metterlo sul manubrio comporta dei rischi, se si cade, e consuma molta batteria che invece servirebbe per poter chiamare in caso d’aiuto.

Se lo usate con la nostra app Training Camp per registrare le attività, iniziate la registrazione ad inizio giro, la chiudete alla fine e ve ne dimenticate nel frattempo. Non solo, con il Live Tracking potete far sapere a famiglia e amici dove siete se girate da soli.

Training Camp Android
Training Camp iOS

Garmin Edge 530

Se andate tanto in bici, non potrete farne a meno: vuoi per i dati provenienti da powermeter o cardiofrequenzimetro, vuoi per la semplicità nel seguire una traccia quando si gira in posti sconosciuti, vuoi per la facilità con cui si aggancia a qualsiasi manubrio.

È robusto, in caso di caduta, e ha una batteria che dura diverse giornate passate in sella. È di gran lunga l’apparecchio più economico fra i tre (vedere link qui sotto).

Garmin Edge 530

Voi cosa usate?

Commenti

  1. Edge 530 e smartphone nella tasca dietro della maglia nel suo sacchetto gelo. Sono però al terzo 530 cambiato in garanzia...tutti che sballano le pendenze e il dislivello finale (di parecchio...su giri di 1500mt in media 4/500). Cubo mio ma problema riscontrato anche per altri utenti.
  2. Paolo M.:

    .. dipende dal "cosa si fa" in bici
    Infatti. Se fai giri a memoria non ti serve nulla, se non sei appassionato di statistica e presenzialismo social. All'estremo opposto, facendo attività di esplorazione pura, senza tracce, ti voglio vedere a seguire le mappe sul 530.
  3. monorotula:

    Infatti. Se fai giri a memoria non ti serve nulla, se non sei appassionato di statistica e presenzialismo social. All'estremo opposto, facendo attività di esplorazione pura, senza tracce, ti voglio vedere a seguire le mappe sul 530.
    Ma oltretutto, in caso di esplorazione come scrivi tu, avere la possibilità di utilizzare all'occorrenza più di un sw di navigazione e averlo sempre sott'occhio per me è una gran comodità. Anche quando hai una traccia impostata ma poi ti rendi conto che c'è da fare qualche deviazione.
Storia precedente

Imola Charity Bike: in bici per la ricerca contro la fibrosi cistica

Storia successiva

Il trail più epico della Val D’Adige

Gli ultimi articoli in Test