MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Specialized non verrà più ad Eurobike

Specialized non verrà più ad Eurobike

Specialized non verrà più ad Eurobike

27/01/2014
Whatsapp
27/01/2014

Due anni dopo Trek, anche Specialized decide di fare a meno della fiera più grande del mondo per presentare le proprie bici.

Lo annuncia oggi con un comunicato stampa, spiegando che la scelta deriva dalla decisione di ampliare lo Specialized Dealer Event per i negozianti e gli Specialized Days per far provare le bici ai clienti finali.
Insomma le risorse verranno investite in maniera più mirata e in iniziative più controllabili dal punto di vista dell’organizzazione e della località, ad esempio.

toniolo-eurobike-specialized-48

Sicuramente Eurobike non è la circostanza migliore in cui provare una bici (nè tanto meno per provare più bici) e un evento ad hoc permetterà a Specialized di prendersi cura degli ospiti più da vicino. Sarà un problema per i negozianti spostarsi per partecipare a più eventi?

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Marco Toniolo
Marco Toniolo

Non mi sorprende. Eurobike è ridondante al massimo, perlomeno per i media e i consumatori, dato che tutti i prodotti sono stati già presentati prima. Inoltre la fiera è così strapiena di gente che non c’entra niente, che non ci si riesce a girare. Lo stand Specialized, di suo, è sempre stato preso d’assalto e si faceva fatica a vedere la punta delle proprie scarpe.

Senza parlare delle vie di accesso alla fiera, una vero incubo di traffico ogni mattino. Deve andarsene a Monaco.

EDIT: anche per i negozianti che vendono Speci o Trek è ridondante, dato che gli ordini sono già stati fatti durante i dealer days mesi prima.

spflipper
spflipper

quoto tutto!

pergio50
pergio50

come EICMA eurobike è destinata all’oblio?

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Beh prima che arrivi all’oblio ce ne vuole…..

BIKEBROS
BIKEBROS

…..in effetti con quel ke costano le esposizioni fieristike e il fatto poi, ke tutto si presenta in anticipo sulla rete, ogni azienda dovrebbe prendere in considerazione una vera presentazione personale itinerante….cioe’ piu’ biketest presso I rivenditori principali

Saverio s
Saverio s

CONCORDO IN PIENO.

stons65
stons65

Fare molti più specialized days sarebbe ideale!!!!

Osirico
Osirico

…però se piano piano tutti i produttori cominciano a non presentare più le nuove bici in fiera, quale diventerà il vero motivo della stessa? Soltanto quello di vedere da vicino qualcosa che già si trova in commercio, e sicuramente già è stato provato, e magari anche in maniera approfondita? Non si rischia di far perdere l’interesse delle persone? Ovviamente neanche si può costringere i produttori a presentare in tale occasione… però per i più piccoli potrebbe sempre restare un’ottima occasione per avere molta visibilità… (o sto dicendo una gran cacchiata???)

David Roilo
David Roilo

Penso anch’io che per il più piccoli sia una buona opportunità. Anche perchè penso che in relazione al costo della fiera, organizzare un evento autonomo (per tutti i negozianti, non solo giornalisti) sia più dispendioso.

Riguardo al fatto che la roba presentata ad Eurobike sia già in commercio quando si svolge la fiera direi che non è così nella grande maggioranza dei casi.

Sicuramente (almeno per quanto mi riguarda) un po’ l’interesse si fa perdere presentando tutti i prodotti a partire da Giugno. Poi vai in fiera e tutta la roba importante è già stata vista.
D’altra parte è giusto così, perchè ci sta eccome che, almeno per la stampa, le case organizzimo le presentazioni per mostrare come si deve i nuovi prodotti.

fatimaholeman

penso anchio che per il consumatore finale sia meglio vedere e provare le bici tipo ad un test bike.ricordo a tutti che il 15 e 16 marzo a giavera del montello in prov. di treviso c’e’ un bel test bike organizzato dai fratelli Scavezzon di mira e il negozio specialized km261 di treviso. Veramente un gran bel evento!ciao

gaios73
gaios73

Una cosa è certa, se l’obiettivo finale è vendere le bici (e credo che quello ah ah 🙂 ), si mettono molte più pulci nelle orecchie a noi poveri stronzi con tanti piccoli test day appoggiati ai piccoli rivenditori locali che con il fierone galattico interemegamondiale.

william leonardi
william leonardi

lavoro in un’azienda che ha sempre puntato molto alle fiere, e per esperienza posso dire che la maggior parte delle volte si partecipa non per presentare nuovi prodotti o per far conoscere i propri prodotti a potenziali clienti, ma per questioni d’immagine. Gli operatori che girano per le fiere sono praticamente sempre gli stessi, quindi si utilizza la fiera come punto d’incontro e per comunicare al mercato “ci siamo ancora” piuttosto che per comunicare la novità.
Il budget richiesto per partecipare una fiera è spaventoso (parliamo di cifre intorno ai 120mila euro per 4 giorni), il ritorno sulle vendite è difficilmente valutabile.
Dall’anno scorso il calendario delle fiere è stato sfoltito non di poco: come ha fatto Spz, si preferisce puntare ad eventi in cui il consumatore abbia la possibilità di toccare e provare i prodotti, restando focalizzato sul singolo marchio, piuttosto che farsi un’overdose di tutto e di più che a fine giornata porta essenzialmente al nulla.
Praticamente, minimo sforzo (economico), massimo risultato. Mettici il contorno di 4 hostess, qualche bottiglia di vino e qualche stronzatina di gadget, ed il gioco è fatto.