La giusta lunghezza della catena

La giusta lunghezza della catena

16/02/2017
Whatsapp
16/02/2017

Le moderne trasmissioni sono progettate per assicurare un’elevata ritenzione della catena. Non a caso da un po’ di anni a questa parte gli ingombranti tendicatena, quasi obbligatori per chi usava guarniture doppie ed amava andar forte in discesa, sono letteralmente spariti dalla circolazione. L’unico accessorio che si vede sulle bici moderne è un piccolo guidacatena superiore, spesso montato per avere una sicurezza in più, più che una reale necessità.

Eppure sono tanti i riders che continuano ad avere problemi, anche con le moderne trasmissioni 1×11. La causa? A parte qualche malfunzionamento del meccanismo di frizione, la maggior parte dei problemi è causata dalla lunghezza catena errata.

Lunghezza catena sbagliata, che cosa implica?

I moderni deragliatori posteriori sono tutti realizzati con la puleggia superiore arretrata, sia Shimano che soprattutto Sram.

La puleggia arretrata funziona in questo modo: più la catena è tirata, più questa si allontana dai pignoni perchè la gabbia ruota in senso antiorario e la puleggia scende. La distanza puleggia-pignoni è critica: più è vincina la puleggia, più precisa ed efficace è la cambiata, ma se la puleggià è troppo vicina il cambio produce rumore e si danneggia.

E’ quindi naturale comprendere come la corretta lunghezza catena sia un parametro critico in una trasmissione moderna, sia su Shimano sia su Sram, in particolar modo sui gruppi Eagle 12v. Se la lunghezza catena è sbagliata, la puleggia superiore non seguirà con precisione il profilo dei pignoni come è stato previsto in fase di progetto e la cambiata sarà meno efficiente.

Purtroppo una catena di lunghezza sbagliata può causare anche dei gravi problemi alla trasmissione: se ad esempio è troppo corta, il deragliatore potrebbe addirittura strapparsi durante una compressione con la configurazione “corona grande, pignone grande” causando danni a forcellino, telaio, catena e ruota, oltre alla distruzione del cambio.

Se dall’altro lato la catena è troppo lunga, la ritenzione della catena può risultare inefficiente perchè la gabbia lavora troppo arretrata e non tira abbastanza. In casi di catena particolarmente lunga può capitare che il cambio non riesca a tendere la catena nella configurazione “corona piccola-pignone piccolo”, con il rischio che questa si incastri tra pignoni e telaio o cada.

E’ quindi estremamente importante impostare correttamente la lunghezza catena, in modo da garantire alla nostra trasmissione le condizioni per cui possa lavorare al meglio. Non sapete quante trasmissioni 1×11 Sram passino in officina con la lunghezza catena sbagliata!

Cambiare la catena in casa

Lo abbiamo già detto in altre occasioni, ma la catena va ispezionata costantemente e sostituita prima che l’usura superi il punto critico, quel punto in cui cominciano ad usurarsi i pignoni.

E’ quindi importante verificare costantemente l’usura catena utilizzando l’apposita dima che misura l’allungamento. Quando l’allungamento supera gli 0,4mm la catena è da sostituire. In particolare, quando l’allungamento è compreso tra:

  • 0-0,4mm catena a posto, non serve sostituire nulla
  • 0,4-0,8mm la catena è troppo lunga, iniziano a consumarsi i pignoni
  • >0,8mm l’allungamento catena è eccessivo, i pignoni si sono usurati per adattarsi alla catena troppo lunga e vanno quindi sostituiti insieme alle corone ed ai pignoni del cambio. Il 50% della trasmissione è compromesso.

Capirete quindi l’importanza, soprattutto su trasmissioni in cui i pacchi pignoni possono costare come una forcella entry level, di sostituire la catena appena supera gli 0,4mm di allungamento. In questo modo si previene l’usura dei pignoni e si risparmiano un sacco di soldi, visto che le catene non costano tanto.

Cambiare la catena è semplicissimo, lo può fare anche un bambino.

Gli unici attrezzi che ci servono sono uno smagliacatena per accorciare la catena nuova e le pinze per aprire la falsamaglia.

Innanzitutto dobbiamo aprire la falsamaglia con le apposite pinze. A mano le falsemaglie di tipo “power-lock” non si riescono ad aprire.

Posizioniamo quindi la catena sul banco di lavoro. Apriamo la nuova catena e posizioniamola affianco.

Facendo attenzione all’allungamento (la catena vecchia sarà visibilimente più lunga della nuova), tagliamo la catena nuova con lo stesso numero di maglie della vecchia. Ogni tanto, mentre contiamo, dovremo riallineare le due catene per compensare l’allungamento della vecchia.

Tagliata la catena, posizioniamola correttamente nel cambio e nel deragliawtore. Per aiutarci mettiamo i manettini nella configurazione “corona piccola-pignone piccolo”, in questo caso sul pignone 10T essendo un deragliatore 1×11 Sram.

Aiutandoci con il blocco della gabbia (Sram) o facendoci aiutare da un amico a tenere tirata la gabbia del cambio (Shimano) chiudiamo la catena con la falsamaglia.

La falsamaglia va chiusa nel seguente modo: si avvicinano i lembi della catena da unire. Si infilano i pin della falsamaglia nell’asola grande. Si tira la falsamaglia per bloccarla.

Per tirare la falsamaglia si può mollare improvvisamente la gabbia del cambio sfruttando l’effetto frusta oppure si può mettere la falsamaglia in alto e dare un colpo di pedale. Per i più fini c’è una pinza apposta.

Verificato il corretto funzionamento della trasmissione, la nostra catena è stata cambiata. Più facile a farsi che a dirsi!

Determinare la corretta lunghezza catena

La procedura che abbiamo visto funziona bene se la catena vecchia era della lunghezza giusta, ma come facciamo a renderci conto se la catena è lunga il giusto oppure se stiamo montando la trasmissione per la prima volta?

La procedura è molto semplice. Nel caso di telai full suspended è opportuno sgonfiare l’ammortizzatore fino al punto in cui l’asse ruota posteriore è più lontano dalla guarnitura (in genere a fine corsa). Sulle biciclette front questo passaggio non è ovviamente necessario (né possibile).

Quindi si fa passare la catena sul pignone grosso e sulla corona più grossa.

Nel caso di trasmissioni 1x la corona è unica, ma nel caso di trasmissioni doppie sarà opportuno usare come riferimento la corona grossa.

La catena non deve passare attraverso il deragliatore ma al di fuori di esso. Per comodità facciamo scendere il deragliatore sul pignone più piccolo, così non ingombra.

Uniamo i due lembi della catena, cercando di identificare la maglia che virtualmente ci permetterebbe di chiudere la catena (quindi devono combaciare una maglia grande ed una piccola).

Ovviamente mantenendo la catena tesa difficilmente avremo le due maglie che combaciano perfettamente, il mio consiglio è in questi casi di andare sempre per eccesso andando a prendere come riferimento la maglia precedente.

Identificata la nostra maglia di riferimento, andremo a tagliare aggiungendo:

  • 2 maglie (4 semimaglie) per le 1×11, 1×7 e nelle front con l’1×12
  • 1 maglia (2 semimaglie) per le 2×11, 2×10, 2×9, 2×8, 2×7 e nelle full  con l’1×12

Da notare come nelle full con l’eagle la catena vada leggermente più corta che sulle front: questo è perché abbiamo già compresso l’ammo e ci troviamo nella configurazione in cui il pacco pignoni è quanto più lontano possibile dalla guarnitura.

Attenzione: ogni maglia è costituita da 2 semimaglie, una larga ed una stretta. Se inoltre si utilizza la falsamaglia bisogna considerare che nel taglio l’ultima semimaglia larga va rimossa e si devono trovare due semimaglie strette ad ogni lembo della catena.

Determinato il punto di taglio procediamo al taglio e montiamo la catena facendola passare dentro il deragliatore come visto in precedenza.

Ultimo step è quello di provare la bici, prima sul cavalletto, poi sui sentieri. Molto, molto importante è regolare correttamente la distanza della puleggia superiore dal pacco pignoni, Questa regolazione andrebbe fatta sul valore di sag ed è estremamente importante che sia correttamente impostata soprattutto sulle trasmissioni 1×12. Per facilitare l’operazione, SRAM mette a disposizione una dima apposita.