[Test] Cube Stereo 150 C:62 SL 29

222

A grande richiesta ci siamo fatti mandare una Cube Stereo 150 SL con ruote da 29, nella sua versione con carbonio C:62, cioé il più economico. Abbiamo provato la stessa bici con carbonio C:68, e montaggio diverso, due anni fa. Il telaio è infatti rimasto lo stesso, a livello di forme e geometrie. L’allestimento e le grafiche sono cambiati. Per un prezzo di listino di 3.799 Euro questa Stereo monta dei componenti di prim’ordine.

Nel video ve la presento e la provo sul campo. Più sotto trovate le geometrie e le foto dei dettagli. La taglia in prova è una 20″. Ricordatevi di iscrivervi al nostro canale Youtube se non l’avete ancora fatto.


YouTube video

.

 

Geometria

Trasmissione mista Shimano XT/SLX
Ammortizzatore Fox Float DPX2 Factory Kashima
Forcella Fox 36 Factory Kashima Grip2
Sella Cube Nuance, dalle dimensioni minimaliste
Il paracolpi sotto al tubo obliquo
Cerchi Newmen Evolution A30, in alluminio con canale interno di 30mm
I rotori SLX, mentre i freni sono XT
Manopole Cube e comando remoto del reggisella telescopico Fox Transfer
Carbonio C:62
Sistema di sospensione a quadrilatero con giunto Horst
Manubrio in alluminio Race Face Chester da 780mm

Il montaggio completo si trova sul sito Cube.

 

Commenti

  1. Bel mezzo e vista dal vero da tunerz merita davvero, non so cosa intenda x geo tozze @Geep ?
    Ma visto l escursione da 160 e 66° non sono proprio da enduro pura ma se va benone ok ⬆️
  2. baffo82:

    Mia opinione personale,il biker medio deve valutare la tipologia di giro che fa nella maggior parte delle volte, se il 10/20° del giro ha dei passaggi tecnici tali da richiedere 160mm, una trail moderna da 130 potrebbe anche andare bene. Se invece il 50/60° ha dei passaggi tecnici che richiedono una escursione da 160mm, ben vengano le AM o enduro leggere.
    il vantaggio di avere una scelta ampia nel settore, in modo di accontentare tutti.

    La cube stero l'ho vista di persona, ha un ottimo rapporto qualità/prezzo e non estrema come altre bike, e forse è il suo punto + forte. Come mezzo tutto fare ci sta alla grande.

    Personalmente visto la presenza a catalogo delle sorelle da 130/120 e 170, una versione da 150/140 sarebbe stata una buona via di mezzo
    Non sono i 160 o i 170mm che ti permettono di chiudere i passaggi tecnici. Sono piuttosto le geometrie. A parità di biker, si intende..

    Ma ragazzi, ragionate un attimo, nel passaggio tecnico quando si punta la ruota in fondo al gradone e la forcella assorbe l'urto comprimendosi, più è grande l'escursione, maggiore sarà la variazione di geometria rispetto al setting iniziale. Voglio vedere i 66 gradi che fine fanno, quando la forcella è bella compressa. Non a caso le enduro moderne, quelle con escursione da 160/170, le fanno tutte con angoli da 65 o minori.

    Aggiungo che le bici da trial (non trail..), dove i passaggi tecnici sono all'apice, sono rigide o hanno al massimo 80/100 mm all'anteriore
  3. grazie della bella recensione
    bella mtb con ottimo rapporto rpezzo prestazioni. sono poi queste le bici che si comprano.
    la base, montata rs, a 3100 euro mi pare poi assolutamente uno dei mezzi più convenienti in circolazione
    per chi si lamenta dell'angolo sterzo un pò chiuso per gli standard 2020, potrebbe allungare la forca a 170 e rendere la mtb leggermente più orientata alla discesa
Storia precedente

IZZO: la nuova trail bike di YT

Storia successiva

Industry Nine: distanziali regolabili antirumore

Gli ultimi articoli in Test