Test Pneumatici Vittoria Enduro Race Mazza e Mota

11

Vittoria ha creato una nuova gamma dedicata alle competizioni di enduro che prende appunto il nome di Enduro Race. La gamma Enduro Race si basa sui tre copertoni di punta per l’enduro del catalogo di Vittoria – Martello, Mazza e Mota – ciascuno dei quali ulteriormente curato in termini di robustezza e prestazioni lavorando su mescole e carcassa per fare fronte agli abusi dei migliori rider di specialità al mondo.

Le ho provate sullo stesso sentiero, il Tuttifrutti di Canazei, teatro di diverse prove speciali delle Enduro World Series, sulla stessa bici, ovvero la mia Trek Fuel EX.



.

Volete vincere un treno di gomme Vittoria Enduro Race? Pedalate e caricate le vostre attività su Training.Camp.

Nuova mescola soft – 1C RACE

La nuova mescola soft 1C RACE è stata sviluppata per soddisfare le esigenze dei rider enduro orientati alle alte prestazioni, per l’utilizzo in gara e per chi cerca il massimo grip su ogni sentiero, in ogni condizione. La nuova mescola presenta una combinazione di molecole di Graphene e Silice in grado di offrire flessibilità ottimale e deformazione efficace del battistrada. In termini di prestazioni, la mescola garantisce grip, assorbimento degli impatti ad ogni angolo di piega, trazione e controllo costanti anche nelle sezioni più tecniche.

Speed by more grip è la performance essenziale garantita da Mazza Race, Martello Race e Mota Race grazie all’innovativa mescola 1C RACE.

Nuova carcassa rinforzata

La gamma Enduro Race presenta una nuova carcassa più robusta che massimizza la protezione dalle forature senza compromettere la flessibilità. La carcassa in nylon 60 TPI, oltre ad uno strato protettivo posizionato nella parte centrale, offre una protezione multistrato affidabile. In più, gli inserti anti- pinch flat realizzati in gomma high tech proteggono le spalle dello pneumatico, partendo dal cerchietto e lungo i fianchi, da pizzicature e forature causate dal cerchio. Infine, i talloni pieghevoli in aramide sono realizzati per favorire il gonfiaggio e assicurare un’ottima tenuta di pressione per un’installazione tubeless efficace.

Mazza, Martello & Mota – Battistrada a prova di Enduro World Series

Mazza, Martello e Mota sono i modelli più di successo di Vittoria in ambito Enduro. Questi battistrada sono stati sviluppati e utilizzati con successo nelle prove speciali più difficili dell’Enduro World Series.

Mazza Race

Mazza Race utilizza lo stesso battistrada di successo del Mazza. Il profilo centrale ben definito e gli intagli profondi nella direzione di rotolamento favoriscono velocità, anche in curva e in contropendenza. Il gradino adiacente ai tasselli centrali funziona come una rampa in rotolamento ma affonda nel terreno in salita e in frenata, rendendo Mazza Race un’ottima soluzione sia all’anteriore che al posteriore.

Martello Race

Martello Race presenta tasselli quadrati in stile motocross con intagli direzionali che favoriscono grip e rotolamento. Il disegno del battistrada offre performance eccezionali su un’ampia tipologia di terreni rocciosi e compatti. Gli intagli progressivi sui tasselli centrali e laterali offrono maneggevolezza e controllo.

Mota Race

Mota Race utilizza un battistrada super aggressivo, disegnato specificamente per terreni morbidi e fangosi. Presenta tasselli in stile motocross molto distanziati per aumentare la stabilità nel fango e per favorire l’auto pulizia del battistrada. I tasselli quadrati e gli intagli progressivi del Mota Race offrono prestazioni eccellenti su terreni sconnessi, bagnati e fangosi.

Specifiche, pesi e prezzi

Vittoria

Commenti

  1. Ottimo test, belle gomme.
    non sei allenato? 1500dsl con quella bici e quelle gomme più due discese così vuol dire essere in gran forma!
  2. Grande @iron.mike83 quel sentiero è stupendo l'ho fatto in condizioni ottimali lo scorso anno alle 8:30 del mattino prima che iniziassero le prove dell'EWS, veramente una Bomba con una bella sorpresa, 'un'aquila si è alzata in volo mentre facevo la cresta.
    Che dire delle gomme, sicuramente saranno ottime in discesa, ma pedalo abbastanza, quindi devo rimanere su qualcosa di più leggero, il mono compound però è una cosa che sarebbe da riproporre anche su gomme trail una volta la DHF ST c'era anche leggera e durava molto.
    qui il Mio video della discesa del tutti frutti.
  3. lollo72:

    Ma, vedo che qui sul Mag vengono proposte diverse HT con geometrie molto aperte "aggressive" ed escursione ( anteriore ! ) da 150/160 che in molti tendono a definire da "enduro" , per il vero in alcune gare di enduro a volte c'è anche una categoria specifica per le front . Personalmente le definirei più AM ma se vogliono chiamarle da enduro a me non cambia la vita continuerò ad apprezzare le full 29 "biammortizzate" a lunga escursione ( quelle che definiscono "endurone" ) anche se c'è chi afferma che quest'ultima categoria è in fase di forte calo e si troveranno più facilmente quelle con la "E" davanti .
    Certo sarei curioso di vedere le differenze che ci possono essere tra la Trek Fuel EX e la Passila Runtu a parità di copertoni e percorso "enduristico" come il tuttifrutti .
    A parità di ruote su quel percorso con la front patisci molto quando passi su quei letti di radici, poi un pò meno velocità nelle parti accidentate. Ma delle coperture come queste su una Front / AM / Enduro che sia posso avere molto significato in quanto puoi girare con pressioni più basse ed avere più assorbimento delle vibrazioni / piccoli ostacoli, parla uno che ha un'endurona 170 / 170 e una front in titanio da 140, e vi assicuro che sui sentieri flow sono quasi più veloce con la front.
Storia precedente

Doppio Everesting con la mountain bike

Storia successiva

Qualifiche DH Lenzerheide: Sam Hill fuori dai giochi, Rachel Atherton super mamma

Gli ultimi articoli in Test