[Test] Reggisella telescopico Uptimizer

[Test] Reggisella telescopico Uptimizer

21/01/2014
Whatsapp
21/01/2014

Il reggisella telescopico è diventato un componente ormai irrinunciabile sulla tipologia di bici più diffusa sul mercato, destinata all’escursionismo e all’enduro. Quello che però sembra un prodotto semplice, è in realtà un bel pezzo di ingegneria, dove i dettagli fanno la differenza, soprattutto in vista della sua durata nel tempo. Chi scrive ha avuto la fortuna di vederne nascere uno, infatti abbiamo potuto seguire le fasi dello sviluppo dell’Uptimizer, oggetto di questo test.

Il suo ideatore si chiama Andrea Chiesa, ed è un ex pilota di formula 1 che chi segue la televisione svizzera conoscerà per il suo ruolo di commentatore durante i gran premi. Andrea è anche un grande appassionato di mountain bike e si può dire che abbia contribuito, insieme a chi scrive, a consumare i sentieri del Monte Bar negli ultimi anni.  Ed è proprio durante uno di questi giri che ci ha presentato il suo Uptimizer. Ai tempi (parliamo di circa 6 mesi fa) il nuovo prodotto era stato mimetizzato bene, tanto da sembrare un Reverb all’occhio non attento. Con le ultime fasi di affinamento l’Uptimizer è diventato inconfondibile, come potete vedere nelle foto che seguono.

Va detto che abbiamo provato, fino ad oggi, ben quattro evoluzioni del reggisella, e che tutte e quattro confermano il risultato del test. Si è trattato di modifiche di dettagli che vi spiegheremo più sotto.

Analisi statica

toniolo-uptimizer_120

L’Uptimizer prova ad unire il meglio dei reggisella telescopici che si trovano ora sul mercato: è un sistema idraulico, azionato da un comando remoto meccanico. Il comando remoto é a joystick, con una leva che si può muovere a 360°, e il passaggio cavi può essere interno o esterno al telaio. Può venire abbassato in ogni posizione intermedia che si voglia. Il modello in test è quello con passaggio interno del cavo.

Un azionamento meccanico ha il vantaggio di non avere un cavo con passaggio di olio che richiede uno spurgo nel caso entri una bolla d’aria o si smonti il reggisella, e il suo funzionamento non risente dei cambi di temperatura. Quando fa freddo, infatti, l’olio tende a diventare più viscoso e l’azionamento del comando remoto può richiedere più forza. Inoltre il montaggio del modello con il passaggio interno non richiede spurgo, e il reggisella può venire staccato dalla bici velocemente e senza attrezzi, alla stessa maniera di un cavo per il cambio.

toniolo-uptimizer_115

La velocità di estensione può essere regolata immettendo più o meno aria nel sistema, attraverso una valvola che si trova sotto l’attacco della sella. Viene fornito un adattatore da avvitare alla classica pompetta per la regolazione delle sospensioni.

Il comando remoto è una leva azionabile a 360°: in qualunque direzione la si tiri o spinga, il reggisella viene attivato.  Molto interessante è il fissaggio al manubrio, che potete vedere nella foto qui sotto. Oltre ad essere compatibile con ogni tipo di freno e cambio, è piuttosto stretto, così da non occupare troppo spazio sul manubrio, e non è fissabile completamente, cioè si può muovere la leva verso l’alto o verso il basso con un po’ di pressione. Grande vantaggio, questo, in caso di caduta, perché la leva si sposta piuttosto che rompersi.

toniolo-uptimizer_112

La testa del reggisella è un classico aggancio a due viti ed è piuttosto “bassa”, al contrario di altri sistemi che aggiungono inutili centimetri di altezza alla sella.
L’Uptimizer non ha praticamente gioco laterale. Andrea ci tiene molto a questo particolare e ci ha lavorato molto durante le ultime settimane di sviluppo, tanto da darci un ulteriore reggisella migliorato in questo senso, anche se quello precedente aveva un gioco veramente minimo.

toniolo-uptimizer_106

Montaggio

Montare un reggisella telescopico con passaggio del cavo interno al telaio può risultare più o meno complicato a seconda della costruzione del telaio stesso e delle “curve” che il cavo deve compiere. L’Uptimizer non fa eccezione: pur dovendo far passare solo il classico cavo in acciaio, l’operazione richiede un po’ di pazienza. Per ovviare a questo problema viene fornita una guaina Nokon per facilitare lo scorrimento del cavo all’interno del telaio.

La regolazione della lunghezza e tensione del cavo viene spiegata sul sito del produttore (a breve online il manuale con foto e didascalie). Il nostro è stato montato dallo stesso Andrea.  Un buon meccanico vi farà comunque risparmiare del tempo.

Sul campo

GOPR0345

In azione sul Monte Bar.

La prima cosa che si nota è quanto l’Uptimizer sia fluido e sensibile. Basta veramente poca pressione per farlo scendere, anche senza salire in sella, provando ad abbassarlo solo con la mano. Questo comportamento si fa ben notare sui sentieri, quando il rider con il suo peso lo fa scendere all’altezza a lui più congeniale al momento: avendo bisogno di minor forza rispetto ad altri sistemi, l’operazione è più veloce e precisa. Per precisa intendiamo dire che è più facile posizionarlo all’altezza che si vuole.

Poter azionare il comando remoto in ogni direzione è molto comodo e permette di non staccare il pollice dal manubrio. Se ci pensate bene, questo è il dito più importante di tutti per tenere la mano ben fissa, eppure tutti gli altri reggisella richiedono il suo impiego per poter essere azionati. Il joystick dell’Uptimizer si può muovere con l’indice o, se uno sta frenando, con una falange del pollice. Dalla secondo foto qui sotto si nota come il pollice mantenga la presa sul manubrio pur premendo il joystick.

La posizione del comando remoto è ben protetta da eventuali cadute e, come detto sopra, anche in caso di contatto con il terreno la leva riesce a muoversi evitando di rompersi, nella maggior parte dei casi.

toniolo-uptimizer_026

toniolo-uptimizer_025

Nei mesi di prova l’Uptimizer non ha mai dato segni di debolezza: fango, neve, acqua non hanno inficiato il suo funzionamento. Ci siamo limitati a dargli una lavata insieme alla bici, con del normalissimo Muc-Off. Il gioco laterale non é aumentato nel corso dei mesi, e la leva del comando remoto ha sempre funzionato a dovere. Se proprio vogliamo trovare un punto debole, quando la sella è abbassata e si scende dalla bici per portarla, prendendola proprio dalla sella (come quando si scavalca una staccionata), la sella non rimane giù. Il problema si risolve immettendo più aria nel sistema, che però diventa più duro nell’azionamento.

IMG_1093

In presenza di manettini per il cambio, il comando remoto si “inserisce” bene senza creare interferenze. In questo caso l’azionamento con l’indice diventa più difficile a causa della leva freno.

Conclusioni

L’Uptimizer è promosso a pieni voti. I sui punti forti sono la fluidità dell’escursione e la poliedricità del comando remoto. Quest’ultimo genera dipendenza, perché una volta che ci si abitua al suo funzionamento risulta difficile tornare ad altri sistemi. La semplicità dell’attivazione meccanica unita alla sensibilità dell’escursione idraulica ci hanno convinto fino in fondo. Il prezzo è quello di un prodotto artigianale fatto in Svizzera.

toniolo-uptimizer_018

Dati tecnici

(In neretto i valori del reggisella in test)

Corsa: 125 -155 mm di corsa libera.
Sistema: idraulico con molla pneumatica.
Attivazione: cavo esterno fisso o passaggio cavo interno.
Controllo remoto: comando Joystick sul manubrio.
Diametri: 30.9mm o 31.6mm (34.9mm con adattatore).
Lunghezza: 375-405-435mm.
Peso: 464 grammi
Testa: in linea con regolazione a 2 bulloni.
Colori: differenti colorazioni disponibili per collare e levetta Joystick

Prezzo: 360 Euro, sia per la versione con passaggio interno che per quella con passaggio esterno. Per acquistarlo rivolgetevi al sito, vi diranno dove trovarlo in Italia.

Yepcomponents.com

toniolo-uptimizer_118

 

Aggiornamento 18/04/2014

L’Uptimizer ha subito dei piccoli upgrade:

1) il collare ora ha una forma esagonale per poter essere aperto con una normale chiave inglese del 35. Questo per poterlo lubrificare al suo interno. È infatti capitato al nostro esemplare di diventare più ruvido nella corsa dopo l’infangata storica di Pogno. Per rimetterlo in sesto abbiamo spruzzato del Brunox sullo stelo, ma ancora meglio é aprirlo per poterlo anche pulire. Il fango di Pogno, molto liquido e argilloso, è piuttosto particolare e non era stato contemplato nel nostro test.

photo

2) A Carlo Gambirasio é capitato che l’Uptimizer si bloccasse dopo aver lavato la bici. Andrea di Yep Components ha notato che dello sporco entrava nel reggisella dal basso. Parlando con Carlo ha scoperto che é solito capovolgere la bici dopo averla lavata, per far uscire l’acqua. In passato si faceva questa operazione estraendo il reggisella, operazione un poco più complicata (bisogna staccare il controllo remoto dal manubrio) se si usa un telescopico con passaggio interno del cavo. Per ovviare al problema, ora l’Uptimizer ha una specie di piccolo filtro nella sua parte inferiore, per bloccare l’eventuale fango che potrebbe entrare capovolgendo la bici dopo averla lavata.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
mondo1982
mondo1982

Il prezzo è quello di un prodotto artigianale fatto in Svizzera.

Trovo questa frase INQUIETANTE 🙂

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Cit.
Prezzo: 360 Euro. Per acquistarlo rivolgetevi al sito, vi diranno dove trovarlo in Italia.

tOriO
tOriO

Haha, il prezzo di un TISSOT di bassa gamma ; )

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Io una volta che ad inizio discesa ho guardato l’orologio anzichè azionare il telescopico mi sono cappottato al primo gradone 🙂

dankar
dankar

scusate vorrei fare una domanda tecnica a baikers di mtb forum o un problema con un reggisella telescopico ,dovrei abbassare l escursione del reggisella perché io di cavallo sono 76 e il reggisella e 78, lo mandato a revisionare a settembre all azienta di bolzano e mi e arrivato a dicembre ma lescursione non l anno controllata e mi e costato 90 euro nell istruzione non ce come abbassare la marca e xfucion con il cavo esterno potete darmi indicazioni per abbasarlo mi trovo in sicilia e non ce tanta gente ke lo sa sistemare grazie.

Carissimo
Carissimo

io ho lo stesso telescopico ma non ho capito il tuo problema

andomotard
andomotard

Il comando sembra lo stesso del Joplin,effettivamente mi sono sempre trovato bene.

Vincenzo2001
Vincenzo2001

Non ho mai provato il Joplin, ma a vista mi è sempre sembrato uno tra i comandi più intelligenti visti su di un reggi telescopico.
Mi chiedo come mai non sia stato copiato di più…

Andrey737
Andrey737

360 euro non sono pochi (ma neppure troppi se guardiamo alcuni competitors dal nome blasonato).
viste le scelte tecniche adottate, a mio parere se l’oggetto funziona bene e sopratutto se lo farà per anni, sono soldi ben spesi !

Buongiorno
Buongiorno

Quello del Gravity Dropper costa così e fa solo tre posizioni. Io ne sono possessore.
Ma in CHF quanto?

Lucianocapde
Lucianocapde

mi sembra intelligente l’idea del comando remoto non idraulico.
per i freni l’idraulica penso serva perché la pompa può trasmettere più forza; ma qui serve solo la forza per sbloccare il meccanismo, quindi l’idraulica può essere una complicazione inutile.
con il reverb, in una caduta in cui il manubrio ha toccato terra mi si è rotto il pin di innesto del tubo sul comando … in seguito lo ho montato sotto il manubrio dove è più protetto, ma la possibilità che il tubo si strappi rimane.
poi mi sembra di capire che questo con questo si può facilmente sganciarlo dal reggisella, cosa comoda per caricare all’interno di un’auto la bici, cosa che col mio non si può.
poi anche il tipo di comando azionabile non con il pollice è intelligente!

gaios73
gaios73

Mi sembra di capire che i soldi per questo oggetto siano ben spesi – se davvero “dura nel tempo”, nel vale anche 500, di euro, per me.

Però, perché nelle valutazione dei test non mettere anche il prezzo come fattore di “stellaggio” di un prodotto?
E’ chiaro che non si può valutare in maniera assoluta (per me magari 360 €. sono un capitale, per te una bazzecola), ma di certo si può confrontare coi competitori.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Ne abbiamo discusso. Volevamo inserire una voce “rapporto qualità/prezzo”, ma poi ci siamo resi conto che la cosa é molto soggettiva e difficilmente misurabile. Comunque non é detto che troviamo un modo per inserire la variabile prezzo nella valutazione finale.

Adri26
Adri26

scusatemi è…ma il rapporto qualità/prezzo è un rapporto qualità/prezzo e non rapporto qualità/prezzo/possibilità economiche d’ognuno…. si potrebbe fare eccome. Cioè, il riferimento è con gli altri prodotti del settore, non con ogni conto in banca…

andreabene20
andreabene20

Peso massimo che sopporta?

Deroma
Deroma

il comando mi piace proprio…… bravo

all3rz
all3rz

Possibilità di auto-manutenzione?

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Il cavo del remote è un semplice cavo in acciaio. Nella parte idraulica del reggisella non saprei.

solid gas
solid gas

invitante…..

monorotula
monorotula

Veramente per essere un prodotto artigianale fatto in Svizzera non mi pare tanto csotoso. Il guai di questi prodotti è che il giudizio più interessante è quello sull’affidabilità sui grandi numeri, per cui bisognerà attenderne la diffusione, per poter dire l’ultima parola.
Sbaglio o non è tra i più leggeri?

Kinxif
Kinxif

Non è una critica, ma un suggerimento: nessuno che abbia pensato a un sistema (che manuale con vite si trova su certi reggisella) che cambi l’inclinazione della sella in funzione della posizione. A stelo esteso la posizione è dritta o leggermente inclinata in avanti, scendendo la punta deve alzarsi. Sarebbe veramente il passo oltre.
Non è difficile da realizzare basta una guida con un meccanismo a pantografo….

Maurizio Deflorian
Maurizio Deflorian

ma a sella abbassata in discesa non bisogna sedersi sulla sella!

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Se la legge Jack…

MASTERDH
MASTERDH

Hahahhahaaahahhaha
Prova a sederti sulla ruota! Vedrai come passa il prurito!…

p.s.
Jack è veramente bravo, sa il fatto suo!
Altrettanto Tu!

Kinxif
Kinxif

Maurizio, grazie per il prezioso consiglio.

Kinxif
Kinxif

Quando ci arriverete magari fatemi un fischio, la birra la pago comunque.

Mauro Franzi
Mauro Franzi

E’ una cosa a cui ho pensato anch’io molte volte, e molto probabilmente ci avranno pensato anche i vari costruttori. Credo che nessuno l’abbia mai realizzata perchè l’aggravio di peso e le maggiori criticità legate al supplemento di snodi/ingranaggi (dipende da come lo vuoi realizzare) supererebbero i vantaggi.

Kinxif
Kinxif

Mh, mi gioco il birrozzo che entro cinque anni avremo un modello sul mercato con la funzionalità 🙂

ad ogni modo perdonate, mi rendo conto di essere OT.

sahara
sahara

Quest’uomo è un veggente… meno di tre anni e si è avverato con specialized!,

domebike
domebike

Per chi abita o lavora in Ticino lo potete vedere da DOMEBIKE.ch ne abbiamo una esemplare in negozio !!!! oggetto veramente fatto bene e bellissimo da utilizzare …. !!!!!

erdi43100
erdi43100

ci vedremo presto…

Sender 9.0
Sender 9.0

er shilaty vai komprarr 400.- Fränkli sono + – que 4 cene con la mia tribu hä hä

spflipper
spflipper

bella iea il joystick azionabile come si vuole, pero’ mettiamo il caso che uno voglia sia frenare che alzare / abbassare il reggisella? non puo’ usare ne pollice ne indice no? 🙂
forse sono io che mi faccio paranoie 🙂
carino cmq…
ciao

Marco Toniolo
Marco Toniolo

quando freni usi l’indice per il freno e il pollice per il reggi. Come scritto nel test, non devi staccare il pollice per azionarlo, ma devi solo usare l’ultima falange senza mollare la presa (vedi foto)

uptimizer

tOriO
tOriO

Ne risulta un bel prodotto insomma, grazie per il test. Immagino che duro lavoro sia testare un prodotto a cinque stelle ; )

RickyDabomb
RickyDabomb

mah
telescopici, li promuovono come grandissima innovazione ecc…..si sono utilissimi e in certi casi indispensabili
ma a quei prezzi se li tengano
sono dei marchingegni facilissimi come concezione, materiali….. per tutti i soldi spesi per un telescopico ci si compra esempio tecnologie piu sofisticate (e di molto)
c’era sul forum un 3d dove spiegava come costruirne uno con una cifra da ridere

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Ti riferisci a questo: http://www.mtb-forum.it/community/forum/showthread.php?t=223218 ?
Fra il dire e il fare c’é di mezzo il mare, e la tua sicurezza.

gaios73
gaios73

Non metterei mai il mio culo su quell’arnese, ma è vero che il tele è l’oggetto più sovraprezzato in una bici… Il punto è che essendo davvero utilissimo, viene fatto pagare per quello che offre, più che per quello che è… magari mi sbaglio eh, ma la sensazione è quella.

Massimiliano_EthicSport
Massimiliano_EthicSport

Ma perchè non li fanno con la testa arretrata di due centimetri come tutti i reggisella normali!! Solo a me capita di dover montare la sella al limite massimo anteriore del telaietto per avere una posizione corretta in sella??

Marco Toniolo
Marco Toniolo

reggisella “normali” con testa arretrata? Mi pare vero il contrario. Comunque ecco la soluzione: http://www.mtb-mag.com/test-fizik-thar-la-prima-sella-per-le-29-pollici/

gaios73
gaios73

Sì, vabbe’… altri 100 €. 🙁 .

Secondo me c’è un sacco di mercato per dei tele 27.2 e arretrati… ormai lo vogliono montare tutti, anche sul frontino da passeggio.
Il primo che lo capisce fa i soldi 😉 .

marcdeni
marcdeni

No, Marcone72 , capita anche a me , infatti ho dovuto sostituire il Reverb e prendere il KS Dropzone .

Massimiliano_EthicSport
Massimiliano_EthicSport

Belin l’ho appena comprato!!!! E mi piace pure! Comunque la sella è posizionata secondo le misure del biomeccanico e dovrebbe essere almeno 2 cm più indietro per stare al centro del telaietto.

Hotwheel
Hotwheel

360€, siamo seri o è stata una battuta?

Mi tengo il mio N4A meccanico che con una molla ed un cavo potrebbe anche essere eterno, funziona alla grande e me ne sono uscito con realmente UN TERZO del costo.

Il comando per la cronaca è identico a quello del Not 4 All appunto.

P.S: provato anche un tanto blasonato KS, dopo 5 minuti che ero in sella sono sceso per pazzo, non so se era difettoso o da revisionare quello in particolare, ma molto meglio il mio meccanico.

Bubba
Bubba

ne ho trrovato uno da decatlon 10 anni fa per 40 euro, ma no l’ho detto a nessuno perché è segreto e funziona con la telepatia.

gaios73
gaios73

Figurati se un commento che elogia un prodotto di “basso” costo non riceveva prontamente 3 valutazioni negative. Un forum di ricchi 🙂 .

Che non vogliono sentire la voce dei poveri, per di più.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Non esageriamo. Stiamo parlando di un hobby, non del prezzo del latte o del pane.

gaios73
gaios73

Sì, era al 50% una battuta/scemenza 🙂 .

Al restante 50%, no: certe volte (nel forum) si leggono post dai quale traspare fastidio, se non disprezzo, per utenti che parlano, propongono, acquistano, si informano su prodotti “diversamente costosi” 🙁 .

E’ proprio perché parliamo di “essere taccagni” su un hobby, e non sul pane per i propri figli… calm down 😉 .

Ivan7
Ivan7

Se non vedo male, è stato usato un O-ring, per tenere chiuso ed evitare la possibile perdita del coperchio del punto di aggancio del cavo con il meccanismo di azzionamento del reggisella (versione con cavo esterno al telaio nella foto N°9 dove si legge swiss made)……..mi fa piacere, perchè io la consigliai a molti forumendoli circa un’anno fa per chi come me ha un KS lev e aveva paura di perdere il coperchietto ed usavano una fascetta da elettricista.
Allora dissi, provate ad usare un O-ring, stà molto meglio della fascetta, io ho fatto così……ed ora taaccc eccolo su un prodotto di serie.

Comunque mi sembra un buon prodotto, in linea con altri dello stesso livello il rapporto qualità/prezzo…
Forse un filino caro, ma è “Swiss made”….aahhahhhahhh

RickyDabomb
RickyDabomb

marco, il nostro amico ce l’ha fatta quindi…..
non sara come quelli fabbricati da aziende, ma i prezzi di questi banali oggetti sono troppi

200mm
200mm

Esteticamente bello, e se funziona altrettanto ne vale la spesa…360€ poi sono in linea con la concorrenza e i 464gr di peso lo fanno uno tra i più leggeri con funzionamento idraulico se non l’unico.
Molto interessante!

zouksantana
zouksantana

Mi sembra tipo il mio Lev che funziona egregiamente finora…pero’ il comando a joystick mi pare molto più comodo…

Andrey737
Andrey737

in rete per qualche decina di euro si trova la leva di attuazione del cb joplin (aka maverick speedball) come ricambio, che e’ molto molto simile a quella di questo reggisella. il mio socio di pedalate la usa proprio sul suo KS da 27.2.. che ha lo stesso comando di attuazione del lev.. quindi lo puoi fare anche sul tuo ks ! 🙂

Merlina
Merlina

Non faranno una versione manuale con la leva sottosella?Potrebbe abbattere il prezzo..

cirrusx
cirrusx

se fosse uscito 3 mesi fà l avrei preso al posto del reverb. l ho visto sabato da domebike ma ormai era troppo tardi… uffa

cacio79
cacio79

“sulla tipologia di bici più diffusa sul mercato, destinata all’escursionismo e all’enduro”
Continuerete tanto a “spingere l’enduro?”
Cioè,continuate ad affermare che le enduro sono le mtb più diffuse?Perchè io vedo più ciclisti ad un raduno di paese con la loro frontina che enduro a gara nazionali..

Marco Toniolo
Marco Toniolo

“escursionismo e all’enduro”

Escursionismo ≠ enduro

Giovanni33
Giovanni33

Io ultimamente faccio enduro con la Front !!

Andre27
Andre27

È salita la scimmia!!!

RickyDabomb
RickyDabomb

vero che è un hobby, ma bisogna dire che certe cose costano più di quello che valgono…credo questo sia uno di queste cose

il mio esempio del reggisella telescopico artigianale vuol fare capire la semplicita di funzionamento e realizzazione….non certo ho detto che e sicuro ne lo promuovo in quanto tale

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Abbiamo già discusso tante volte dei prezzi: il prezzo lo fa il mercato. Altrimenti non si spiegano i prezzi della maggior parte delle cose, a cominciare dagli smartphone che per un pezzo di vetro e due processori costano 500-600 e passa euro. Però sono in mano a tutti, anche ai disoccupati.

giancazaza
giancazaza

ed aggiungerei che uno smartphone da 600 euro non si può neanche pedalare … a questo punto è meglio una graziella col reggisella telescopico

gaios73
gaios73

Sì, però a quel punto ti serve anche un Manico per portarla.

Ricorda che, per quanto eccezionale mezzo polivalente – e le discussioni nel forum lo dimostrano – la Graziella è nulla senza sopra lo sconosciuto manico di provincia che senza allenamento e alla terza volta che sale in bici dà la polvere ai campioni dell’EWS.

Fabrizio Castelli
Fabrizio Castelli

disoccupati e (soprattutto)….ragazzini delle medie

trampbike
trampbike

scusami ma mi sembra molto semplicistico che dire che “il prezzo lo fa il mercato”……
che ne abbiate “già discusso tante volte” mi suona un po come: e’ così e basta non torniamoci più sopra….
mi dispiace ma non e’ così..
si posso fare cose egregie a prezzi veri, cose terribili a prezzi gonfiati, cose ottime a prezzi esosi etc. etc.
poi se ci sono disoccupati che comprano l’iphone sono cazzi loro(ognuno ha diritto suicidarsi sano e salvo..)
a volte si paga l’idea (se e’ veramente innovativa)
a volte si paga il brand (se e’ veramente accattivante)
a volte si paga l’artigianalita’( valore aggiunto)
più spesso si paga.
e basta.
un buon prodotto ben costruito solitamente e’ caro, ma non per forza….
se poi e’ di merda e lo comprano tutti vuol dire che ce lo meritiamo……

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Intanto complimenti per il linguaggio da Lord. A te può anche non piacere, ma che il prezzo lo fa il mercato è una regola sacrosanta. Potrebbe non esserlo nel caso in cui si parlasse di un oggetto prodotto in regime di monopolio, ma in questo caso non è così. Alternative più economiche ve ne sono, quindi nessuno ti obbliga ad acquistare l’Uptimizer se a tuo giudizio non vale i soldi che costa.

trampbike
trampbike

nessuna polemica, scusate se ho detto cazzo e merda…..
cerchero’ di avere un linguaggio più forbito per non infastidire utente alcuno….
altresi’ vorrei meglio precisare un paio di concetti:
1 non ce l’ho con l’Uptimizer (che da quel che poco capisco pare un ben fatto oggetto..)
2 nemmeno con i fiorini che costa (ognuno applica propri ricarichi e strategie..).
Ma proprio questo e’ il punto in cui dissento, in quanto forte variabile nel costo finale.., quindi al di la’ del “prezzo lo fa il mercato”…(per te regola sacrosanta..).
Potrei portarti mille esempi a riguardo, ma penso sai farteli da solo….
ti accorgerai che “ricarichi e strategie” sono la vera variabile principale…
semmai la “richiesta del mercato” diventa a sua volta variabile, in maniera ovvia ed elementare (più e’ alta la richiesta più si alza il costo e viceversa..),ed anche questo lo puoi tranquillamente verificare..(chesso’ con wikipedia…)
Ma le variabili sono anche tante altre e TUTTE possono incidere, anche in maniera rilevante…
Non so a cosa ti riferisci quando parli di “oggetti prodotti in regime(?)di monopolio”
avrei bisogno di un pratico esempio…..(sono a disposizione).
Comunque sono felice possessore di un reverb stealth (su una 180-180) e di un gravity dropper 27.2 (su una front da enduro(parola che mi sta cominciando a infastidire)),mi trovo bene con entrambi e, quando avrò problemi (ovviamente spero più tardi possibile..), mi guarderò intorno, e se in quel mentre la proposta per me più convincente sara l’Uptimiqualchecosa lo comprerò con fervore…

Scusandomi ancora per la mia prima missiva
buone e proficue raidate a tutti

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Visto che ti piace Wikipedia eccoti la definizione di monopolio presa proprio da lì: “Il monopolio è una forma di mercato, dove un unico venditore offre un prodotto o un servizio per il quale non esistono sostituti stretti (monopolio naturale) oppure opera in ambito protetto (monopolio legale, protetto da barriere giuridiche)”.
Al di là degli screzi asileschi, il concetto mi pare chiaro: i sostituti stretti all’Uptimizer esistono eccome, alcuni reperibili ad un prezzo anche sensibilmente inferiore.
Se non ti piace l’affermazione secondo la quale il prezzo lo fa il mercato vedila da questo punto di vista: il prezzo lo fa il produttore in base ad enne fattori, ma è il mercato che decide se quel prodotto a quel prezzo può o meno sopravvivere.

trampbike
trampbike

Grazie della spiegazione del termine “monopolio”, ma resto in attesa del l’esempio pratico…..
Se ben leggi quello che ho scritto,la domanda era : a cosa ti riferisci ,non a cosa vuol dire, la cosa cambia di parecchio e,in questo caso la citazione su wikipedia e inutile…..
Capire le domande a volte serve per rispondere…
Poi ripeto,nessun pregiudizio contro codesto reggi gioielli,
mi piace e mi sembra ben fatto, il rapporto corretto prodotto-prezzo e’ però altro discorso…..
Se ci vogliamo scambiare pensieri e opinioni ok, mi sembrerebbe il posto giusto, se vogliamo beccarci come due signorine hai sbagliato cliente…. E accetto tutti i pollici versi con classe e rassegnazione…..

Marco Toniolo
Marco Toniolo

scusate se mi intrometto.
Esempi di

Monopolio
– autostrade spa
– enel

Oligopolio: le sette sorelle del petrolio

Libero mercato: reggisella telescopici per mtb

Luca.mazzieri79
Luca.mazzieri79

Secondo me invece, anche se il principio di funzionamento è elementare, la realizzazione non è affatto semplice.
E’ un elemento che viene azionato migliaia di volte, è sottoposto a sollecitazioni, fango, acqua, per non parlare del comando remoto, che deve continuare a funzionare anche dopo migliaia di ore, le cadute…

Per capire che è molto complicato basta ricordare i vari difetti che hanno afflitto le prime versioni dei reggisella di marchi blasonati, che hanno potuto studiare, testare e avere numerosi feedback.

Probabilmente il reale valore è un po’ più basso (ma ci sono ottimi prodotti anche a 200 euro), ed è vero che 360 euro non sono pochi, ma l’alternativa “fai da te”, seriamente, non è praticabile. 🙂

RickyDabomb
RickyDabomb

infatti io “ragazzino” delle superiori ho un cell da 99€ (anche troppo) perche credo che i prodotti devono avere il loro giusto prezzo e soprattutto non mi va di vedere smartphone a quei prezzi folli….

e chiudiamola qua

Kakkola
Kakkola

se 98 è il tuo anno di nascita, che dire… complimenti. Ho un fratello con un anno meno di te e l’iPhone 5C, ‘perché è più bello’ (poi lo tiene sempre spento, eh). 🙁

gabrireghe
gabrireghe

non ho capito questa frase:

“….Se proprio vogliamo trovare un punto debole, quando la sella è abbassata e si scende dalla bici per portarla, prendendola proprio dalla sella (come quando si scavalca una staccionata), la sella non rimane giù.”
vuol dire che quando non ci sono sopra con il peso lui torna su automaticamente????

Kakkola
Kakkola

a me sembra di aver capito che non resta giù se la prendi per la sella e sollevi la bici. Cosa che a volta succede anche a me, che ho un KS.

Luca.mazzieri79
Luca.mazzieri79

Mi hai anticipato 🙂

Si, anche a me succede col ks

Luca.mazzieri79
Luca.mazzieri79

No, credo intenda che, quando sollevi la bici prendendola per la sella, questa non rimane giù.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

esatto

claudio drudi
claudio drudi

Ciao a Tutti.
Scusate ma credo di non aver capito: Se ho il reggiS. abbassato e sono seduto sopra filo tutto ok, ma se mi alzo per un salto o per dei passaggi che lo richiedano il cannotto si alza da solo senza che io l’abbia “comandato”? Non è pericoloso?

Marco Toniolo
Marco Toniolo

no, vedi risposta sopra

AngeloMartin1980
AngeloMartin1980

Ciao Marco si può montare indifferentemente a dx e sx?
Se ho anche comando cambio si monta bene?

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Si, puoi montarlo da entrambe le parti. Con il comando cambio non ho visto particolari difficoltà, vedi foto

uptimizer

alb76
alb76

ma un bel test comparativo tra tutti i telescopici in commercio????ks integra e reverb stealt funzionano bene come questo uptimizer????

Ilgattone
Ilgattone

Beh comunque l’ho ordinato. Mi sembra ottimus.

Andrey737
Andrey737

aspetto che si rompa il mio gravity dropper da 125 e lo ordino. potrebbero volerci anni ! 🙂
seriamente, se si dimostrerà affidabile nel tempo, sarà probabilmente il mio prossimo reggisella, da 155 ovviamente 🙂
con il ks ho avuto brutte esperienze (non era il Lev, ma ormai mi sono scottato)..

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Da qualche giorno ho montato anche sulla mia bici un Uptimizer, versione da 155 mm di travel “non stealth”. Ad ora ci ho fatto tre uscite (meteo malefico!), sicuramente insufficienti per una giudizio sull’affidabilità ma abbastanza per poterne valutare la qualità del funzionamento.
Quanto riportato nel test a mio giudizio è confermato: la cura costruttiva al top, la fluidità di funzionamento eccezionale, il comando remoto non sbaglia un colpo ed è praticissimo da azionare. E’ inoltre la prima volta che mi capita un telescopico totalmente privo di gioco, verticale o laterale che sia.
L’unica cosa che non mi convince è la possibilità di posizionare il comando remoto al di sotto della leva freno facendolo convivere con i comandi del cambio o del deragliatore. Io l’ho posizionato al di sopra, in modo che la levetta diventi una sorta di seconda leva freno più corta. In questo modo riesco ad azionarlo agevolmente con l’indice e non è neppure troppo sporgente verso l’alto (se ad esempio capovolgo la bici non tocca il terreno, cosa che invece mi accadeva con il comando del Reverb).

trampbike
trampbike

E chiaramente senza rancore alcuno….

BoccaS
BoccaS

Ordinato oggi!!! 🙂

trampbike
trampbike

Concordo, cercavo solo di capire a cosa si riferisse (a proposito di monopolio) in quel del mondo mtb…..

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Non mi riferivo a niente di particolare nel mondo della mtb. Il concetto è che, NON trattandosi di un prodotto in regime di monopolio, dire che il prezzo lo fa il mercato è corretto. O meglio, che il mercato stabilirà se il prezzo è adeguato o meno.

trampbike
trampbike

se non ti riferivi a nulla che riguardi l’mtb puo’ funzionare in un altro forum(forse il sole 24 ore….)
il fatto che tu non risponda ad una domanda per me significa che non sai cosa dire.
quindi, per me, la chiacchierata e’ chiusa….
solo una precisazione : quando dici che “il prezzo lo fa il mercato” ti faccio notare che in realtà lo stabilisce il produttore (fino a prova contraria…) con le sue strategie.
mentre quando dici “che il mercato stabilirà se il prezzo e’ adeguato o meno”, mi tocca altresì’ farti notare che il mercato (cioè’ i fruitori potenziali, cioè’ noi..)stabilirà se il prodotto e’ “VALIDO OPPURE NO” decretandone quindi il successo o il fallimento.. al di la’ del costo di cui già’ troppo abbiamo sprecato parole su parole…
in attesa di un’altro “pollice verso”
cordialmente ti saluto

Mauro Franzi
Mauro Franzi

A me pare abbastanza chiaro il concetto relativo al monopolio ed all’adeguatezza o meno del prezzo, se non riesci a capirlo amen.
Per chiarire: se i pollici versi ti tolgono il sonno non ho grosse colpe, avendotelo dato solamente nel post con cazzi e merde.

raven
raven

@midopodopo ignoranza +arroganza-coerenza = tuoi post.

trampbike
trampbike

nessun problema raven,
errare e’ umano…..
questo e’ un test di un telescopico,
e mi son ritrovato a parlar d’altro…..
errore mio, punto.
buone raidate a tutti…..

trampbike
trampbike

veramente TU hai parlato di nulla parlando del monopolio, che in mtb infatti non esiste…..
per quel che riguarda l’adeguatezza del prezzo hai detto semplicemente robe tipo:
“il prezzo lo fa il mercato”, non difficili da capire, ma totalmente inesatte….
sei in confusione anche per quel che riguarda i “pollici versi” che sinceramente mi divertono molto e accetto con rinnovato entusiasmo SEMPRE, ma quando poi li prendo se dico “merda” ancora di PIU’!!
(tra parentesi non pensavo me li piazzassi tu, mi sembravi abbastanza normodotato…)
solo per informazione ti dico che l’unica cosa che, a volte, mi toglie il sonno e’ il futuro dei nostri figli….
quindi stai sereno…..
di nuovo cordialmente ti saluto

Marco Toniolo
Marco Toniolo

ma sei ancora qui a menarla? “Il prezzo lo fa il mercato” significa che se un prezzo é troppo alto porterà alla NON vendita del prodotto. Ci vuole tanto a capirla?

Quindi che TU non voglia acquistare un bene perché reputi il prezzo troppo alto non vuole dire che altri non lo facciano.
Amen.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Aggiornamento postato in fondo al test

Ilgattone
Ilgattone

Ottimo test. Uso questo reggisella da dieci giorni ed è fantastico. Sul mio manubrio in carbonio che è molto liscio il commando anche stringendo tanto non rimane bello al suo posto, ma non è rilevante in quanto è morbido da azionare e all’uso non si muove.
Ogni tanto la sella scende da qualche millimetro, è quasi impercepibile, devo chiedere ad Andrea come mai. Il gioco laterale è inesistente, va su molto velocemente. Mi piace molto la velocità con il quale i Gravity Dropper vanno su, ma con il Yep è equivalente.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Se la sella scende di qualche mm devi tirare di più il cavo. Basta avvitare il pirulo presso la levetta

Alia117
Alia117

Marco una cosa che stavo notando guardando il sito…ma con le varie modifiche che hanno fatto è cambiato anche il peso? Perxhè vedo che vanno dai 500 ai 570g.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

l’unica é chiedere al diretto interessato @church

train58
train58

@Marco Toniolo
Magari dico una cavolata ma si trova come ricambio il joystick per montarlo con un altro reggisella???

gaqjosh99455757

sono un possessore di kronolog ma come molti altri colleghi biker ho un po di problemi con questo reggisella…meditavo di cambiarlo ma sono molto indeciso se comprare un classico RS Reverb o questo fantastico Uptimizer…consigli??…quale meglio??

Church
Church

Zagor, al momento il comando tipo Joystick é disponibile solo col reggisella completo

Bose
Bose

@Marco potresti fare un ulteriore aggiornamento con le ultime impressioni derivate dalla flow??? se non erro era montato sulla tua bici…
@Church ti ho mandato una richiesta di info dal sito… 😉
Grazie
Gianluca