• it
  • en
  • es

[Test] Ruote Formula Linea 3

[Test] Ruote Formula Linea 3

19/12/2018
Whatsapp
19/12/2018

Autore:  Francesco Mazza

Formula è storicamente conosciuta per i suoi potenti impianti frenanti e negli ultimi anni si è ritagliata ulteriore notorietà anche grazie alle sue ottime forcelle. Da un paio di anni nel catalogo del brand pratese è presente inoltre una gamma piuttosto ampia di ruote in alluminio, le Linea, con quattro modelli che coprono diverse destinazioni d’uso: XC, enduro, DH e fat bike. Abbiamo messo alla prova le Linea 3, modello da enduro in formato 27.5″ Boost, per saggiare la qualità dei prodotti Formula anche nel settore ruote, in un test durato alcuni mesi su una notevole varietà di percorsi.

Dettagli

Materiale cerchio:  lega di alluminio 6082-T6 anodizzata
Formato disponibile:  27.5” (in test) e 29″
Mozzo posteriore:  Boost 148×12mm (disponibile anche 142x12mm)
Mozzo anteriore:  Boost 110×15mm (disponibile anche 100x15mm)
Corpetto:  SRAM XD o Shimano
Larghezza interna cerchio:  30mm
Larghezza esterna cerchio:  33mm
Altezza cerchio:  20mm
Tubeless ready:  sì
Raggi:  28 a doppio spessore, testa dritta, raggiati in seconda
Nippli:  autobloccanti in lega di alluminio
Peso della coppia:  1.646g dichiarati – 1.730g verificati (dettagli in calce all’articolo)
Prezzo:  €780

Iniziamo dal cuore delle ruote, ovvero i loro mozzi. Formula in realtà produce mozzi da lungo tempo e l’esperienza specifica sul prodotto di certo non gli difetta. Con i nuovi mozzi dedicati alla gamma Linea tuttavia hanno introdotto nuove tecnologie che pongono questi mozzi a un livello superiore ai precedenti. Con il sistema Wide Position Design i cuscinetti vengono collocati in posizione più esterna possibile così da aumentare la distanza tra loro e ridurre la flessione del perno ruota, migliorando la rigidezza complessiva e prolungango la durata dei cuscinetti. Questi sono incassati in sedi appositamente lavorate per offrire il maggior contatto possibile al cuscinetto stesso (Full Contact Technology), proteggendolo da contaminazioni esterne e limitandone al massimo le flessioni all’interno del mozzo. I cuscinetti vengono registrati tramite apposite ghiere a battuta sul cuscinetto. La ghiera viola è un tocco distintivo che richiama il colore ufficiale del brand.

La ruota libera è disponibile sia in versione Shimano che in versione XD SRAM. Ha una robusta finitura anodizzata che ne protegge l’esterno. All’interno si interfaccia con il mozzo tramite un sistema a quattro cricchetti grazie ai quali offre 60 punti di ingaggio. La caratteristica del mozzo posteriore Linea è un’elevata silenziosità della ruota libera, non pari a quella del nuovo Scylence di Shimano ma assolutamente tra le più silenziose in commercio.

Ciascun mozzo è connesso al cerchio tramite 28 raggi a doppio spessore, innestati nelle flange tramite la loro testa dritta e fissati al cerchio tramite nippli autobloccanti in ergal nero. Le Linea 3 sono raggiate con incrocio in seconda. Il cerchio è realizzato in lega di alluminio 6082-T6 con finitura anodizzata e grafiche laserate. Ha un profilo simmetrico che culmina con una fascia piana dove alloggiano i fori dei nippli.

La larghezza interna del cerchio delle Linea 3 è di 30mm mentre quella esterna è di 33mm. L’altezza è di 20mm con una profondità interna al centro del canale piuttosto pronunciata per consentire un facile montaggio/smontaggio dei copertoni che difatti salgono facilmente sul cerchio.

Il dente ha una forma particolare dato che non si tratta del tipo tradizionale a gancio e nemmeno del tipo hookless, quanto piuttosto di un sistema che si potrebbe definire ibrido. Il bordo alto del dente ha un piccolo rilievo che aiuta il tallone del copertone a rimanere in sede lasciando però ampia sede al tallone, come di solito accade con i sistemi hookless.

Come si può notare dalle foto precedenti, il cerchio non è già nastrato dalla casa quindi va sigillato per essere utilizzato in modalità Tubeless. A questo scopo Formula fornisce nella confezione di acquisto un kit di trasformazione Effetto Mariposa che include per ciascuna ruota un flap Caffélatex Tubeless Strip, un flacone di liquido sigillante Caffélatex e una valvola smontabile.

Il montaggio è piuttosto semplice: il flap va in sede con relativa semplicità e sigilla il canale interno del cerchio, la valvola si monta velocemente e grazie all’inserto smontabile permette di inserire il liquido sigillante direttamente dalla valvola senza sporcarsi le mani, con il copertone già tallonato.

La tenuta del sistema tuttavia si è rivelata problematica dopo poche settimane di utilizzo, soffrendo di perdite di pressione che mi hanno costretto a smontare il copertone per individuare il problema. Ho trovato il liquido sigillante Caffélatex quasi completamente essiccato e il flap danneggiato in più punti, letteralmente fessurato in corrispondenza dei fori dei nippli, come se fosse stato aggredito da una sostanza corrosiva, come potete notare nella foto in basso a destra. L’ho quindi rimosso e sostituito con l’economico e affidabile nastro Tesa che ha sigillato perfettamente il cerchio per tutta la durata del test senza alcuna perdita di pressione. Soluzione che ha inoltre fatto risparmiare circa 50 grammi di peso a ciascuna ruota. Formula sta considerando per le future consegne di fornire in dotazione un tradizionale nastro sigillante invece del flap. Per sicurezza ho anche sostituito la ghiera della valvola con una dotata di guarnizione O-ring.

In azione

Ho utilizzato le ruote Formula Linea 3 sulla Intense Recluse con copertoni Michelin Wild Enduro, aggressivi e in linea con la destinazione d’uso delle ruote. Come anticipato, i copertoni montano facilmente sul cerchio e si possono installare tranquillamente a mano, senza necessità di leve. Tallonano con facilità a pressioni relativamente basse, già intorno ai 2/2.5 bar e semplicemente con una pompa con serbatoio come la Crank Brothers Klic Floor, senza richiedere pressioni troppo alte che, a lungo andare, snerverebbero la carcassa del copertone. Il cerchio tiene bene il tallone in sede e non ho mai riscontrato sbavature di liquido sigillante sulla spalla del copertone causate da perdite di pressione dal tallone durante la guida.

La scorrevolezza dei mozzi, i cui cuscinetti sono lubrificati con Ballistol, è decisamente uno dei punti di forza delle Linea 3 ed è talmente evidente, sia in salita che in discesa, che non serve particolare sensibilità per percepirla. Personalmente ho apprezzato molto anche la silenziosità della ruota libera che non solo contribuisce alla scorrevolezza, generando meno attrito, ma permette inoltre di concentrarsi meglio sulla guida e di godersi il suono dei copertoni che mordono il terreno. I cerchi sono robusti e affidabili. La ruota nel suo insieme è nettamente rigida e incredibilmente precisa ma offre comunque un buon equilibrio con il comfort e lo smorzamento delle vibrazioni.

Dopo mesi di utilizzo le Linea 3 sono ancora in condizioni eccellenti, con cuscinetti puliti e lubrificati, nessun bisogno di intervenire sulla tensionatura e sulla centratura, nonostante un raggio leggermente piegato alla ruota posteriore a causa di un forte urto con una pietra, e con i cerchi che non hanno subìto ammaccature o bozze, se non qualche lieve segno superficiale sulla finitura anodizzata, come quelli mostrati nella foto seguente.

Pesi

Linea 3 27.5 Boost coppia:
– 1.646g dichiarati
– 1.730g verificati
– 1.862g verificati con flap e valvole di serie
– 1.765g verificati con nastro e valvole

Linea 3 27.5 Boost anteriore:
– 736g dichiarati
– 778g verificati
– 844g verificati con flap e valvole di serie
– 796g verificati con nastro e valvole

Linea 3 27.5 Boost posteriore:
– 910g dichiarati
– 952g verificati
– 1.018g verificati con flap e valvole di serie
– 969g verificati con nastro e valvole

Prezzi

Una coppia di ruote Formula Linea 3, indipendentemente dal formato e dalle dimensioni del mozzo, viene venduta al prezzo di listino di €780.

Anteriore: €370
Posteriore: €410

Formula

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
gargasecca
gargasecca

Nascono già Boost, oppure danno a corredo tutti gli adattatori?

sgamarco
sgamarco

Forse sul prezzo c’è un po di confusione? 780 € o 920 € ??
Comunque non mi sembrano a buon mercato per un set di ruote in alluminio nonostante il prodotto tutto Italiano.

P
pablos

A inizio e fine articolo prezzi diversi.
Il peso del solo cerchio è possibile saperlo?
Grazie.

prospero58
prospero58

Interessante articolo! Curiosità: ” …l’ho quindi rimosso e sostituito con l’economico e affidabile nastro Tesa che…”. Nello specifico quale nastro Tesa?
Grazie 🙂

Lucky86
Lucky86

anche a me non è chiaro il prezzo 780 o 920?
speriamo che lo sconto sia cospicuo perchè il prezzo altrimenti non mi sembra in linea con il prodotto.. le ruote pesano 100 g in più del dichiarato e non sono pochi, tubeless ready ma il nastro è comunque una scomodità rispetto a cerchi senza fori, 60 punti per la ruota libera sono pochi per gli standard attuali anche se capisco che siano più che sufficienti, ai 28 raggi io preferisco i 32 con incrocio in terza, secondo me le ruote sono più rigide e poi il mozzo che non fa rumore… dai….
nonostante questo sono molto belle ed è buono che il montaggio del copertone tubeless sia agevole

P

28 raggi canale da 30 in allu, sono tre cose che non mi piacciono per un uso enduro. il 28 raggi rende molto meno ridida e robusta la ruota lateralmente rispetto una 32, in piu incrociate in seconda con s.p che rende troppo rigido radialmente la ruota e sullo scassato non mi piace affatto, non e' indicato il peso del singolo cerchio, per di piu canale da 30 neanche asimmetrico di foratura, il costo e' troppo alto per quello che offrono, avrei preferito un cerchio carbon profilo basso a 28 fori e con quei mozzi e raggi, ad un prezzo simile.

lumerennù
lumerennù

dove avete letto 920 euro? Mi pare che sia scritto 780 dappertutto. Mi è sfuggito?

L
lazyrecon

come vi siete trovati con i flap mariposa? io ne ho provato uno su un cerchio DT swiss ex411… non teneva nulla ho dovuto toglierlo e rinastrare

C
ChristianR

Credo che sia l’ennesima riprova che il nastro ben messo è superiore a qualsiasi flap, oltre ad un ulteriore ennesima conferma che il Caffelattex è uno dei peggiori liquidi in commercio nonostante l’imponente campagna di marketing che gli gira intorno.

Lucky86
Lucky86

@frenk pensala come vuoi ma io non ho interesse a dare contro a nessuno, esprimo solo un giudizio su quello che leggo e dico se le ruote le comprerei o meno…
onestamente mi piacciono e mi piace la marca formula, oltre tutto se i 780 dovessero diventare 600 effettivi sarebbero buone però sulla mia esperienza non mi piacciono le cose elencate.
ciao

P

frenk Il prezzo corretto è €780 come indicato in calce all'articolo con i dettagli di costo della singola ruota (che peraltro avrebbero reso chiaramente intuitivo quale fosse il prezzo corretto tra i due). Il prezzo indicato nell'elenco dei dettagli (ora corretto) era il vecchio prezzo che Formula aveva indicato l'anno scorso al momento della presentazione e che mi ero scordato di aggiornare con il listino attuale, come ho fatto nel paragrafo di fondo. @prospero58 il nastro è il Tesa 4289. Rispondo "random" alle varie critiche: – C'è chi critica che serva il nastro per sigillare le ruote e che non siano Tubeless native con il cerchio privo di fori per i nippli. A parte un paio di marchi, tutti utilizzano nastri per sigillare il cerchio quindi non capisco la critica mossa a queste ruote. Inoltre, chi utilizza un cerchio non forato adotta sistemi per montare raggi e nippli piuttosto complessi, che richiedono raggi e nippli specifici (spesso di difficile reperibilità) e una manutenzione complicata, nonché problemi correlati quali grippaggio dei nippli e altro. Il nastro è riconosciuto dalla quasi totalità dei produttori come la soluzione più economica, semplice e funzionale. – Il peso del cerchio non è indicato. Il cerchio è stato rinnovato (più robusto) prima della commercializzazione e ha un peso superiore rispetto a quello montato in origine al momento della presentazione, da qui deriva la differenza di peso rispetto al dichiarato che non è ancora stato aggiornato sul sito. – La critica di @Lucky86 sulla differenza di peso… Read more »

Lucky86
Lucky86
frenk

Ho solo cercato di interpretare le tue critiche e non ho trovato riscontro, per questo ritengo siano fini a sé stesse. Per capirci meglio, a te non piacciono le ruote nastrate me le vuoi Tubeless native con cerchio senza fori, non le vuoi con 28 raggi ma devono essere a 32 raggi e raggiate in terza, devono avere una ruota libera con più di 60 punti di ingaggio e un prezzo abbordabile. Mi puoi dire quindi quali ruote corrispondono a queste tue necessità? Perché sinceramente non ricordo ne esistano.

è ovvio che a volte bisogna scendere a compromessi per ottenere i risultati voluti. comunque io ho delle assemblate con mozzi funwoks/notubes flow mk3. peso simile a queste e mozzi rumorosi (sono gusti), 32 raggi e cerchi purtroppo da nastrare ma sono ruote con caratteristiche per me almeno pari alle formula ma costano 400 euro… alla fine vanno benissimo lo stesso ma confermo che mettere il nastro è scomodo rispetto a mavic che ho avuto e non dovevo metterlo, però i 32 raggi sono migliori rispetto ai 28 che avevo sui mavic, mantenendo lo stesso peso

P
frenk

Sicuramente esistono ruote della concorrenza a un prezzo inferiore. Che siano meglio mi riserverei di dirtelo dopo averle provate, ma sicuramente tu puoi giudicarne la rigidezza e le prestazioni sulla carta… buon per te!
Mi sapresti dire invece quali siano le ruote enduro carbon che di listino costano meno di 1000 euro? Sarebbe interessante valutarne un test, grazie.

quando si potra' sapere il peso del singolo cerchio e che tipo di alluminio usato , vi diro quali sono le ruote enduro carbon attorno ai 1000euri

lumerennù
lumerennù

Per chi pratica all-mountain e non fa gare di enduro o bike park, quindi non frequenta sentieri preparati e con meccanici/assistenza vicini, ma si deve arrangiare in mezzo ai monti, la facilità di mettere/togliere il copertone è vitale. Quindi, tutte le pippe sui raggi 28 o 32, incrociati in seconda o in terza non mi interessano come non mi sono mai interessate le ruote in carbonio. Per i miei gusti, queste ruote mi sembrano molto interessanti, a giudicare dal risultato del test.

lorenzom89
lorenzom89

quoto! poi non capisco chi critica che non sono confortevoli?? girate con full da 160/170 , con gomme da 2.5 con dentro la mousse e volete pure la ruota confortevole. da poltrone sofà han della roba che fa per voi..

gargasecca
gargasecca
frenk

Sicuramente esistono ruote della concorrenza a un prezzo inferiore. Che siano meglio mi riserverei di dirtelo dopo averle provate, ma sicuramente tu puoi giudicarne la rigidezza e le prestazioni sulla carta… buon per te!
Mi sapresti dire invece quali siano le ruote enduro carbon che di listino costano meno di 1000 euro? Sarebbe interessante valutarne un test, grazie.

Beh sì…esistono sia già pronte che da farsi assemblare…e magari si spende meno per avere la stessa cosa.
Non condivido un cerchio da 30mm anche per il post…secondo me esagerato, visto che "normalmente" la gomma post. è + smilza.
L' unica cosa, non ho capito se i mozzi sono nativi boost o hanno adattatori…:roll:

P
frenk

PS: ogni volta che ho utilizzato cerchi Flow purtroppo non sono mai durati molto senza bozzarli significativamente, cosa che invece non mi succede con altri cerchi e che non mi è successa con le Linea 3.

i vecchi flow o i nuovi mk3?

P
frenk

Il tipo di alluminio utilizzato è indicato nell'articolo. Il peso non lo conosco e dovrei chiedere a Formula il peso dichiarato, dato che non mi metto certo a smontare il cerchio per pesarlo. Le ruote che hai linkato sono prodotti economici che conoscevo e per uno di questi due c'è già in programa un test.

sarei interessato a provare i drc big hit da 29 al posto del cerchio bontrager line 30 danneggiato, canale interno 27 e peso 610g, ben 100g in piu dei line 30, sono i cerchi sicuramente massicci e robusti infatti li danno per discipline gravity e dh, ma almeno non li distruggo cosi facilmente, ecco perche' ho chiesto il peso e le caratteristiche del cerchio formula linea3

marpa
marpa

Queste ruote mi piacciono , avrei sacrficato qualche grammo aggiungendo altri 4 raggi ma se hanno fattop la scelta di montarle con 28 avranno avuto le loro buone ragioni supportate da risultati dei test positivi.

Per i flap effettomariposa io li uso da 3 anni ma sotto faccio un giro di normalissimo nastro isolante 3M ed ho sempre avuto tenute perfette ed i flap non si sono danneggiati limitando i segni dei fori dei nippli che a causa della pressione alla lunga possono addiritura lacerare il flap.

B
BAROLO71

Alcuni produttori di telai hanno adottato il 12X156 detto anche superboost..ma non vedo nessuno che dia tale opzione , neanche con adattatori…e’ possibile ? mi sembra un’assurdità !

C
ChristianR

Se non ricordo male sono due marchi e poco diffusi…la vedo difficile che chi fornisce ruote complete si metta già a produrre questa opzione, siamo ben lontani dall’assurdità…

M
frenk

PS: ogni volta che ho utilizzato cerchi Flow purtroppo non sono mai durati molto senza bozzarli significativamente, cosa che invece non mi succede con altri cerchi e che non mi è successa con le Linea 3.

Oooh bella! Questa mi ha fatto sobbalzare dalla sedia!
Mi aggiungo anch’io alla domanda visto che ho adorato così tanto i vecchi Flow e li ho trovati indistruttibili.
Tanto per capire meglio ste Linea… grz!

Lucky86
Lucky86

frenk Quindi alla fine sei sceso ad abbondanti compromessi rivolgendoti a un prodotto assemblato perché le ruote complete non soddisfavano le tue esigenze, ma anche in questo caso non le possono soddisfare tutte. Questo mi sembra chiaro dato che la maggior parte delle ruote assemblate hanno 28 raggi o addirittura meno. Mi sembra altrettanto chiaro che le ruote complete, tranne qualche caso di prodotto economico, hanno prezzi in media superiori a delle ruote assemblate. Ovviamente se non vuoi Mavic (nemmeno tutti i prodotti) o Fulcrum (che non mi pare abbiano più nulla da enduro in catalogo) non puoi avere un Tubeless nativo, ma sinceramente mettere il nastro è un lavoro di pochi minuti e rispetto ai problemi disastrosi che capitano con i nippli Mavic, direi che è un'operazione più che sostenibile. Inoltre, mi fai il paragone tra 32 raggi in acciaio e 28 raggi in Zycral di Mavic, dove la differenza è enorme e insita più nel materiale stesso che nel numero di raggi. Un confronto più verosimile sarebbe tra ruote con caratteristiche simili e raggi in acciaio, 32 le une e 28 le altre. PS: ogni volta che ho utilizzato cerchi Flow purtroppo non sono mai durati molto senza bozzarli significativamente, cosa che invece non mi succede con altri cerchi e che non mi è successa con le Linea 3. beh strano, io ho sia flow ex (vecchio modello con canale da 25) che nuovo flow mk3. a me non si sono ancora bozzate :free:con pressioni intorno a 1.8… Read more »

C

Questo passaggio è interessante:
"La scorrevolezza dei mozzi, i cui cuscinetti sono lubrificati con Ballistol…"
Il Ballistol è praticamente liquido simile al lubrificante che usavo nei cuscinetti da skate, i 608, che montavo nelle ruote dello streetluge quando gareggiavo. Ero sempre più veloce di chi usava grasso per cuscinetti o lubrificanti più viscosi… ma ero anche quello che li buttava dopo 2 eventi tra prove, qualifiche e gare pur usando cuscinetti di qualità, mentre gli altri tiravano la stagione intera con 1 o 2 set.
Questo per dire che se dopo un test di durata senza manutenzione la scorrevolezza è ancora ottima, cuscinetti ma soprattutto alloggiamenti e tenute sono eccellenti.

C
gargasecca

Beh sì…esistono sia già pronte che da farsi assemblare…e magari si spende meno per avere la stessa cosa.
Non condivido un cerchio da 30mm anche per il post…secondo me esagerato, visto che "normalmente" la gomma post. è + smilza.
L' unica cosa, non ho capito se i mozzi sono nativi boost o hanno adattatori…:roll:

Nella prova delle gomme Specialized Eliminator si è capito che la redazione se ne sbatte altamente di differenziare anteriore e posteriore ritenendo una sega mentale utilizzare sezioni e mescole diverse.

bgcarlo
ChristianR

Credo che sia l'ennesima riprova che il nastro ben messo è superiore a qualsiasi flap, oltre ad un ulteriore ennesima conferma che il Caffelattex è uno dei peggiori liquidi in commercio nonostante l'imponente campagna di marketing che gli gira intorno.

Io non lo uso, ma mi si è rotto il pignone e ho portato la ruota a sistemare al mio biciclettaio. Mi ci ha messo il caffellattex. Morale? La gomma si sgonfia. Le ho provate tutte ma niente. Da notare che la stessa gomma l’ho usata da ottobre con orange e zero problemi. Non perdeva nulla di nulla tanto che facevo anche 3/4 uscite senza controllare la pressione. Non so che pensare.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Production_Br0therS

salve,da pochi giorni sto utilizzando le ruote formula linea 2 su una front da xc,al momento dell’arrivo ho notato che il corpetto ruota libera gira abbastanza “stretto”,tanto che,oltre ad essere silenziosissimo,dando un colpo di pedale e alzando la bici al posteriore,le pedivelle continuano a girare insieme al pacco pignoni.
mi chiedevo se fosse normale questa cosa,perché nuovi,oppure c’è la possibilità di precaricare/allentare i cuscinetti ?

T
tintore73

Leggendo
…. Personalmente ho apprezzato molto anche la silenziosità della ruota libera che non solo contribuisce alla scorrevolezza, generando meno attrito, ma permette inoltre di concentrarsi meglio sulla guida e di godersi il suono dei copertoni che mordono il terreno. I cerchi sono robusti e affidabili..

Io ho acquistato una bici usata che montava queste set, ma nel provarla a vuoto la ruota libera non mi è sembrata piu’ silenziosa di altri corpetti … quindi è possibile che la mia che abbia dei problemi?

salukkio

Ieri un mio socio ha rotto un raggio posteriore. Guardandoli bene, mi sembrano troppi fini in relazione al diametro e all'uso per cui le ruote sono progettate.

Sent from my SM-G950F using MTB-Forum mobile app

T
tintore73

Risolto il problema del mozzo rimandando in assistenza. Adesso però mi ritrovo con i raggi posteriori che continuano a smollarsi sulla mia 29. Condivido con salukkio i dubbi sui raggi troppo fini anche se vedendo i problemi di tensione dei miei la rottura potrebbe essere imputata più alla non uniforme tensione. Sto provando a scrivere a formula da 1 settimana x sentire cosa dicono ma il sito del supporto sembra non funzionare.