Yeti SB140

[Test] Yeti SB140 LR T3 Turq

50

Di recente Yeti ha rinnovato e aggiornato la maggior parte delle bici della sua linea e nel farlo ha rimescolato le carte in tavola, per così dire. La SB130 da 29″ è stata sostituita dalla SB140 da 29″ che è attualmente in prova in questo articolo. La vecchia SB140 da 27,5″ è diventata la nuova SB135, mantenendo le ruote più piccole. La SB115 è diventata SB120 e la SB150 è diventata SB160. Con questo cambiamento, tutte le bici hanno ricevuto alcuni aggiornamenti molto interessanti sia dal punto di vista del design che delle rispettive geometrie. Nel complesso, ritengo che Yeti abbia migliorato la stratificazione della gamma e che ogni modello sia in grado di soddisfare meglio le esigenze attuali della categoria in cui si trova.

La SB140 si colloca al centro della gamma in termini di prestazioni. È il loro modello “una bici per tutte”. Negli ultimi mesi ho trascorso alcune giornate importanti con il modello LR T3 Turq a escursione media (LR sta per Lunch Ride nel mondo Yeti), che riceve un aumento dell’escursione anteriore da 150 mm a 160 mm rispetto ai modelli non LR. In ogni caso, continuate a leggere per vedere come si è comportata questa bici per me…



.

Yeti SB140

Dettagli Yeti SB140

  • 29″ anteriore e posteriore
  • 160 mm di escursione anteriore / 140 mm di escursione posteriore
  • S, M, L (in test), XL, XXL
  • Lunghezze dei foderi e angoli del tubo sella specifici per ogni taglia
  • Sistema di sospensione posteriore Switch Infinity
  • Movimento centrale filettato
  • Universal Rear Derailleur Hanger
  • Garanzia a vita
  • Prezzo: $8.800 USD

Yeti SB140

Davanti troviamo il manubrio in fibra di carbonio Turq 35 di Yeti con una larghezza di 780 mm. Ho trovato la combinazione upsweep/backsweep abbastanza confortevole e con un’ottima qualità di guida. Detto questo, c’è un solo modello da 20 mm di rise e mi piacerebbe vedere opzioni di rialzo più elevate sulle bici più grandi, dato che ho dovuto alzare il mio attacco manubrio fino alla fine del cannotto, ma avrei comunque potuto usare un’altezza maggiore. L’attacco manubrio Burgtec da 50 mm era robusto e aveva un’ottima presa sulla forcella, impedendone lo slittamento.

Yeti SB140

Le sospensioni sono una combinazione di Fox 36 e Float X a livello di ammiraglia “Factory” davanti e dietro. La forcella è dotata di una cartuccia Grip2 e di una regolazione esterna della compressione ad alta e bassa velocità, mentre l’ammortizzatore posteriore offre un blocco e una singola regolazione dell’estensione e della compressione alle basse velocità. Si tratta di due componenti di qualità e le loro prestazioni si rivelano eccellenti sul sentiero.

Passando in rassegna alcuni dettagli, l’iconico stemma di Yeti campeggia sulla parte anteriore della Yeti SB140. Per tutta la bici, e per l’intera linea 2023, Yeti ha apportato alcune migliorie alla gestione dei cavi e dei tubi. Ogni pezzo scorre internamente e in molti punti di entrata e uscita i cavi sono fissati con saldamente per mantenere le cose in posizione. Inutile dire che la bici era molto silenziosa da questo punto di vista.

Il livello delle specifiche di questo modello prevede un mix di componenti della trasmissione SRAM X01 e GX Eagle a 12 velocità, con pedivelle in fibra di carbonio GX montate su un movimento centrale filettato. Non sorprende che le prestazioni di questo gruppo siano eccellenti. La cassetta da 30T abbinata a una cassetta da 10-52T ha fornito un’ampia gamma di rapporti per i percorsi più impegnativi con un’ottima cambiata.

Questa SB140 monta un set di ruote XM1700 di DT Swiss, dotato di un sistema a cricchetto a stella da 36T nel mozzo posteriore, la cui manutenzione non richiede l’uso di attrezzi e che si è dimostrato affidabile nel corso degli anni. I mozzi sono collegati tramite raggi a trazione diretta a cerchi con diametro interno di 30 mm. Offrono una qualità di guida piacevole e neutra e sono semplicemente il tipo di ruote che non si notano nemmeno sul trail, il che, a mio parere, è una buona cosa. Sono robuste, leggere e sufficientemente rigide, inoltre i mozzi sono costruiti per durare a lungo.

Per quanto riguarda gli pneumatici, abbiamo una combinazione di Minion DHF di Maxxis all’anteriore e DHR2 al posteriore. Il disegno del battistrada di questa combinazione di pneumatici li rende un’ottima accoppiata all around, in grado di reggere il confronto con la maggior parte delle condizioni. Detto questo, se si pedala in zone molto rocciose, si potrebbe prendere in considerazione la possibilità di passare dalle carcasse EXO di serie a quelle EXO+ più spesse, almeno sul pneumatico posteriore.

I collaudati freni Code RSC di SRAM… Avere il raggio d’azione della leva e il punto di contatto regolabili esternamente e senza attrezzi è sempre piacevole e ho trovato la combinazione di rotore da 200 mm e 180 mm adatta al livello di utilizzo della Yeti SB140.


Per quanto riguarda i punti di contatto, credo che Yeti abbia fatto un buon lavoro scegliendo componenti solidi e collaudati. Il reggisella Transfer di Fox ha un’ottima sensazione di leva che consente di modulare la velocità di ritorno e i 175 mm di escursione sono stati accolti con grande favore, dato che sono alto di statura e amo i terreni ripidi.
Le manopole ODI Elite Pro offrono un buon equilibrio tra presa e smorzamento delle vibrazioni, con uno spessore accettabile. Infine, la sella Silverado marchiata Yeti è dura ma confortevole. Tutto sommato, nel cockpit – un’area in cui molti marchi tendono a tagliare i costi – non ho avuto di che lamentarmi.

Infine, una rapida occhiata a un paio di elementi che mantengono le cose protette e silenziose. I nuovi tubi obliqui Yeti hanno guadagnato un bel po’ di distanza dal suolo rispetto alla linea 2022, ma hanno anche adottato una protezione molto ben progettata che è una combinazione di plastica più dura e gomma più morbida. È rimovibile tramite viti a brugola e offre un’ampia copertura dell’area più a rischio di sassi volanti.

Mi è piaciuto molto anche l’approccio alla protezione del fodero. Una caratteristica comune al giorno d’oggi è la presenza di una serie di protuberanze che attutiscono le botte della catena, ma credo anche che la copertura extra che sale lungo la parte inferiore del tubo sella e sotto la parte anteriore del tubo catena contribuisca a rendere più silenziosa l’SB140.

Geometria Yeti SB140

Mentre tutte le bici Yeti 2023 sono diventate un po’ più aggressive in termini di geometria, una rapida occhiata alla tabella qui sopra vi farà capire che la SB140 è ancora leggermente conservativa e che l’intenzione è chiaramente quella di avere una bici che salga e scenda bene. Non si tratta di una bici unica, questo è certo…

Sul sentiero

Iniziando con la configurazione, la guida di Yeti era assolutamente perfetta per il risultato che desideravo e immagino che sia abbastanza accurata anche per la maggior parte delle altre persone. È sorprendente che laSB140 sia arrivato con la quantità perfetta di riduttori di volume nella forcella e con il riduttore di volume di dimensioni corrette nell’ammortizzatore posteriore. Ho semplicemente seguito la guida alla configurazione e non ho mai sentito la necessità di modificare un singolo aspetto della sospensione.

Con un’altezza di un metro e ottanta ho trovato che la taglia Large si adatta perfettamente a me. Il reach di 480 mm offre la giusta quantità di spazio per distendersi e il perfetto rapporto tra stabilità e maneggevolezza. L’angolo di sella di 77° ha garantito una posizione del corpo molto eretta sulle salite, che ha reso confortevole ed efficiente la bici sui i lunghi strappi e le rampe. Per quanto riguarda la salita, dal punto di vista cinematico, la SB140 è difficile da battere. Direi addirittura che è la migliore bici di questa escurione che abbia mai provato sotto questo aspetto.

Ha una piattaforma solida che non si scompone in pedalata, ma quasi paradossalmente, anche la trazione è in qualche modo infinita. Personalmente non sono il tipo di ciclista che si diverte a puntare la bici in salita, ma la SB140 mi ha fatto cercare le salite più divertenti e impegnative, perché le ho trovate molto piacevoli da conquistare con questo mezzo.

Anche nelle discese ho trovato la Yeti SB140 una delizia, ma mi permetto di avvertire che non si tratta di una bici da downhill con escursione media. La precisione chirurgica è insita nel suo DNA ed è più un bisturi che una mannaia. In un certo senso, credo che la SB140 sia un prodotto del suo ambiente (locale), dove è stata sviluppata nel terreno alpino del Colorado. Con un angolo di sterzo di 65°, non è un vero e proprio trattore mangiatutto e quindi brilla di più su terreni un po’ più tecnici – sentieri difficili da percorrere e che richiedono più finezza e input da parte del rider.

Naturalmente questo significa che brilla meno nei ripidi alle alte velocità, anche se penso che un manubrio più alto potrebbe fare la differenza in questi ambiti a un costo relativamente basso. Non fraintendetemi, niente di tutto questo significa che la bici sia gnucca. Le sospensioni sono tarate in modo impeccabile e credo che l’atteggiamento generale della SB140 abbia a che fare più che altro con la sua geometria.

Per quanto riguarda le sospensioni, la bici ha una curva di progressione relativamente lineare del 14%, quindi anche se non è proprio un candidato per un ammortizzatore a molla, Yeti e Fox hanno trovato un’eccellente messa a punto con il Float X che assorbe bene le piccole asperità, offre sostegno a metà corsa e non va facilmente a fine corsa. Un’altra cosa che vale la pena di notare è che spesso le bici che sono neutrali in pedalata, scattanti, sostenute ecc. (scegliete voi l’aggettivo che preferite) hanno come contropartita la trasmissione di un maggiore feedback attraverso i pedali (pedal kickback). Non è questo il caso della SB140.

Per quanto riguarda le caratteristiche del telaio, se siete alla ricerca di una bicicletta con una grande quantità di regolazioni o di piccoli accorgimenti come l’alloggiamento nel tubo obliquo, non è questa la bicicletta che fa per voi. La Yeti SB140 sfrutta la maggior parte del suo valore ingegneristico per il layout delle sospensioni e per come è fatto il telaio (di cui parleremo fra poco). Detto questo, c’è spazio per una borraccia di buone dimensioni e c’è l’attacco sul telaio per fissare un porta attrezzi davanti all’ammortizzatore. Inoltre, non potrò mai sottolineare abbastanza quanto siano curati i passaggi dei cavi e dei tubi e la protezione del telaio. Entrambi questi aspetti hanno reso la bicicletta incredibilmente silenziosa, consentendo una guida priva di distrazioni.

Per quanto riguarda le caratteristiche del telaio su sentiero, lo Switch Infinity dà una sensazione di grande robustezza in termini di rigidità laterale. L’area scatolata sovradimensionata che ospita il perno principale e i pistoni Kashima hanno probabilmente un certo merito. Inoltre, non sono un ingegnere, ma le bici con triangoli anteriori e posteriori chiusi sembrano avere una maggiore rigidità grazie alla mancanza di interruzioni strutturali nei punti di rotazione. Penso anche che i leveraggi robusti e volutamente corti aiutino in questo senso.

Inoltre, il likage a forma di campana è pensato specificamente per alleviare il carico laterale sull’ammortizzatore, migliorando così la trazione e riducendo l’usura dell’ammortizzatore. Con tutto questo in mente, c’era anche qualcosa di speciale nel layup della fibra di carbonio del telaio. I telai in carbonio sono una cosa particolare e il fatto di essere un materiale pregiato di per sé non è sufficiente. Con un tipo di costruzione sbagliata o con troppo materiale qui e poco lì, i telai in carbonio possono sembrare un po’ morti e poco stimolanti. Al contrario, ho sentito la Yeti SB140 più resistente, stimolante e intuitivamente connessa al sentiero rispetto al 90% delle bici che ho provato. In breve, la sensazione è quella di una bici di fascia alta, come è giusto che sia dato il suo prezzo.

Conclusioni

Se c’è una cosa che è un po’ difficile da affrontare con Yeti è il rapporto qualità/prezzo. Essendo un marchio boutique, questo è lo standard di Yeti e, considerando il tipo di opzioni disponibili con i marchi diretti al consumatore che sono entrati nella mischia, questo modello non vanta un rapporto qualità/prezzo che vi lascerà a bocca aperta. Ha sospensioni top di gamma, ma il vero punto di forza è il telaio stesso. Per i biker più esigenti, è qui che si trova il valore.

Tenendo presente quanto sopra, da un punto di vista oggettivo la Yeti SB140 è un’ottima mountain bike. Sebbene manchi di qualsiasi regolazione geometrica, è stata pensata in modo impeccabile per quanto riguarda le sospensioni, il design del telaio e i dettagli. È silenziosa,  efficiente in salita e, a seconda del terreno su cui si gira e di ciò che si desidera in una bicicletta, molti biker potrebbero considerare impeccabile anche la sua geometria. Detto questo, altri  potrebbero essere alla ricerca di una bici con una maggiore propensione alla velocità, al ripido e ai terreni difficili.

Personalmente ritengo che questi biker stiano cercando nella categoria sbagliata e che debbano rinunciare a una bici con escursione media e cercare bici da enduro più permissive. In ogni caso, non è la bici con cui macinare lunghe salite su strade sterrate e poi andare a cannone in discesa. Piuttosto, la SB140 è la bici perfetta per chi pedala su terreni variegati e ondulati: è fatta su misura per luoghi come Sedona o i sentieri di Whistler al di fuori del bike park. Nel complesso, la SB140 è un bel passo avanti rispetto alla SB130 e mi ha fatto davvero divertire.

www.yeticycles.com

Commenti

  1. Collins chiude il capitolo "geometria" dicendo "non si tratta di una bici unica, questo è certo…" ma la descrive come la candidata a essere la migliore delle "bici uniche".
    Cosa intendeva dire?
Storia precedente

Courdurier e Verner trionfano a Leogang, Gloria scarsi ancora seconda

Storia successiva

Clean-Up Tour 2023: un’operazione a favore dell’ambiente ad Airolo

Gli ultimi articoli in Test