Un weekend alla scoperta dei bike park abruzzesi

Un weekend alla scoperta dei bike park abruzzesi

08/08/2012
Whatsapp
08/08/2012

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194714][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194714&s=576&uid=84183[/img][/url]

Tra gli spot check dei bike park italiani di certo non poteva mancare un giro in Abruzzo per conoscere le realtà che questo territorio offre agli amanti delle ruote grasse e scoprire quali sono le località più apprezzate dai bikers dell’Appennino centrale per girare in mtb con i propri amici.
Abbiamo quindi deciso di prenderci un finesettimana di vacanza ed affidarci ai consigli di Giulio Neri, biker romano esperto, per capire dove andare e quali sono i bike park più cool del momento.
La risposta è stata immediata: “Nun te poi sbaja! Li mejo sono il Prato Selva Freeride Paradise e lo Swup bike park di Campo Felice.”
Detto fatto. Ci siamo messi in partenza, col programma di trascorrere il sabato allo Swup e la domenica a Prato Selva.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194711][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194711&s=576&uid=84183[/img][/url]

La stazione Campo Felice è situata in provincia dell’Aquila e si sviluppa su due versanti collegati dall’omonima seggiovia: il lato di Tornimparte (Piana di Campo Felice), raggiungibile in 50min da Roma attraverso l’autostrada Roma-L’Aquila, ed il lato di Rocca di Cambio (Altopiano delle Rocche), che è il versante su cui si snodano i sentieri del bike park, servito dalla seggiovia Brecciara e raggiungibile in circa 1h e mezza da Roma con l’autostrada Chieti-Pescara.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194723][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194723&s=576&uid=84183[/img][/url]

Noi abbiamo scelto la via più lunga, visto che volevamo trascorrere anche la serata sull’Altopiano e dormire a Rocca di Mezzo per poi rimetterci in marcia il giorno dopo alla volta di Prato Selva.
All’arrivo nel piazzale della Brecciara ci accoglie un’atmosfera molto friendly con area relax alla base della seggiovia, fornita di ombrelloni, sdraio, lettini e persino di una piccola piscina per rinfrescarsi. Viene quasi voglia di parcheggiare la bici e passare la giornata in chillout!

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194725][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194725&s=576&uid=84183[/img][/url]

Ma siamo venuti per girare e così insieme al local Marco Smeriglio e ad alcuni dei ragazzi dello staff ci siamo diretti verso i percorsi e in un attimo eravamo già in cima, grazie alla moderna seggiovia quadriposto che permette di effettuare un numero impressionate di run nell’arco della giornata.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194715][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194715&s=576&uid=84183[/img][/url]
Marco Smeriglio guida veloce e pulito nel tratto alto della Chupa Line 

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194720][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194720&s=576&uid=84183[/img][/url]
North Shore allo SWUP non significa per forza essere sospesi a metri d’altezza, si può cominciare rimanendo vicini a terra, anche se lungo la Handwood line i ponti sopra i torrentelli non mancano di certo 

Lo Swup bike park è composto da 7 percorsi che condividono la parte iniziale aperta e che poi si dividono all’interno dei boschi di faggio in un continuo sali e scendi divertente, ricco di salti ben curati e passerelle in legno.
Decidiamo di passare la giornata sulle due piste più caratteristiche del park per fare qualche scatto insieme ai nostri compagni di avventura: la gettonata Chupa line, percorso di freeride adatto a tutti con un bel ritmo e diverse varianti con rampe e drop e l’originale Handwood, percorso northshore composto da più di 20 strutture in legno.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194728][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194728&s=576&uid=84183[/img][/url]
Drop e paraboliche si susseguono nel bosco con un ritmo incalzante e quando al termine si torna all’aperto a tutta velocità si punta la seggiovia per risalire 

Il costo del giornaliero è 20Euro e gli impianti sono aperti fino alle 17.30, con un ora di pausa all’ora di pranzo. C’è una biglietteria su entrambi i versanti, ma è al piazzale della Brecciara che si trovano tutti i servizi dedicati ai biker a partire dal Bike Point Assistance per l’assistenza tecnica e l’affitto, il lavaggio bici e il bar/ristorante per fare un pranzo tipico abruzzese o semplicemente per bersi una birretta in compagnia dopo aver girato in park.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194708][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194708&s=576&uid=84183[/img][/url]
Colazione in piazza a Rocca di Mezzo, i gusti sono gusti

La mattina seguente la partenza è di buon ora perché c’era un po’ di strada da fare, non prima però di aver fatto una ricca colazione al Bar Voce, nella piazza del paese.
Il bike park di Prato Selva dista circa 1 ora e mezza da Rocca di Mezzo e circa 2 ore e 20 da Roma. Stavolta ci troviamo in provincia di Teramo, all’interno del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Il paesaggio è suggestivo, così come la strada che percorriamo per arrivare. Passando per la valle dell’Aquila, incontriamo paesi in cui sono ancora visibili i terribili effetti del terremoto, poi percorriamo il valico Capannelle che porta sul versante adriatico, attraverso una strada di montagna che si presta a circuito motociclistico per alcuni locals malandrini ed infine ci si para davanti maestoso il Gran Sasso.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194735][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194735&s=576&uid=84183[/img][/url]
Il terremoto dell’Aquila è tuttora ben impresso nella mente di coloro che l’hanno vissuto e lungo la strada non si contano gli edifici pericolanti che rimarranno tali chissà per quanti anni ancora

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194734][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194734&s=576&uid=84183[/img][/url]

Ad attenderci troviamo la crew di Bike Store, a cui è affidata la gestione del bike park e che bisogna dire sta facendo davvero un ottimo lavoro, non solo sui percorsi, ma anche nella promozione dello spot, organizzando molte attività, quali eventi e corsi di guida, con risultati ben visibili in termini di affluenza. Il parcheggio infatti è gremito di automobili e di biker intenti a sistemare le proprie bici.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194737][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194737&s=576&uid=84183[/img][/url]

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194742][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194742&s=576&uid=84183[/img][/url]

Appena arrivati ci appare immediatamente chiaro il motivo del motto “Sorridi… sei a Prato Selva”. Il paesaggio è rigenerante e si entra subito nel mood vacanziero, con tutto quello che serve raccolto alla base della seggiovia: ristoro, assistenza, affitto e persino il rifugio-albergo, per una full immersion mtb experience che permette di risvegliarsi la mattina direttamente sui percorsi.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194744][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194744&s=576&uid=84183[/img][/url]

Il costo dello skipass è anche in questo caso di 20Euro e il park è servito dalla seggiovia biposto Abetone, che in circa 15min porta alla partenza dei 3 principali percorsi Toboga, Poetica e Babetta, ai quali si aggiungono diverse varianti. Sulla carta può sembrare un tempo di risalita piuttosto lungo, ma tra il panorama da ammirare e il sole che accompagna l’intero tragitto, a tutto vantaggio della tintarella, in realtà anche questo diventa un momento da apprezzare in pieno relax!

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194746][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194746&s=576&uid=84183[/img][/url]

Il versante lungo il quale si sviluppa il park è dolce e con una pendenza relativamente omogenea e questo rende i percorsi lunghi, ricchi di flow e divertenti da guidare. A farci da cicerone è una vecchia conoscenza, l’amico Tiziano Mammana, che come primo percorso ci consiglia la Babetta, forse il tracciato più vario e tecnico che entra ed esce dal bosco in maniera molto naturale affrontando anche delle sezioni rocciose, per poi infilarsi in un caratteristico letto di torrente che porta quasi fino alla partenza della seggiovia.
Ma a Prato Selva ce n’è davvero per tutti i gusti, come la seconda pista che affrontiamo, la veloce Poetica, che seguendo la seggiovia corre tra gli alberi proprio al limite della faggeta, sfruttando ampie sponde dal fondo terroso o i tratti più paesaggistici e pedalati che si affacciano sulla vallata e dai quali è ben visibile il mare.

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194748][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194748&s=576&uid=84183[/img][/url]
Tiziano Mammana impegnato in una delle paraboliche della veloce pista Poetica, davvero suggestivi gli squarci di luce in questo tratto di bosco 

Sulla via del ritorno ripensiamo a questo bellissimo weekend e si sente già la nostalgia di un territorio selvaggio e ricco di risorse, che per gli amanti della mtb ha sicuramente ancora molto da offrire.

www.swup.it
www.pratoselva.it

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194741][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194741&s=576&uid=84183[/img][/url]

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194749][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194749&s=576&uid=84183[/img][/url]

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194739][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194739&s=576&uid=84183[/img][/url]

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=194752][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=194752&s=576&uid=84183[/img][/url]