Una trail bike è la bici totale?

242

La definizione di “bici totale” è una delle più discusse, amate ed odiate di sempre. Secondo alcuni non esiste, secondo altri invece sì, e normalmente è la bici che si possiede con cui “si riesce a far tutto”. A guardar bene, con il livello di specializzazione attuale nel mondo della mountain bike, non esiste una bici che possa far bene tutto, semplicemente perché per andare forte in XC si avrà bisogno di altre caratteristiche rispetto a quando si vuole andare forte in enduro.

Negli ultimi anni le due discipline si sono avvicinate più di quanto si possa pensare, grazie a percorsi sempre più impestati nel circuito della coppa del mondo XC che hanno spinto le aziende a sviluppare bici full suspension più performanti in discesa, senza penalizzare troppo la salita. Basti pensare che Nino Schurter gira da diverse stagioni con una Scott Spark con 100 mm di escursione al posteriore e 120 all’anteriore, cerchi con canale da 30mm e gommazze da 2.4″.



.

Dall’altro lato ci sono delle bici da enduro che sono dei veri e propri missili in discesa, ma che si lasciano pedalare bene in salita. Se usate per fare escursionismo, nulla impedisce di farci dei lunghi giri pedalati, potendo godere come dei ricci quando si punta verso valle.

È proprio quando si parla di uso amatoriale in montagna (e sottolineo, in montagna) che, a guardare bene, solo una categoria di bici si può definire “totale”, ed è di sicuro la più azzeccata: quella delle trail bike. Ruote da 29 pollici, escursione da 130/140mm. Di più non c’è bisogno per pedalare e scendere ovunque. O meglio, il resto lo si vede sul cronometro, non sui risultati di guida. Con una XC si arriverebbe in vetta più in fretta, con una Enduro si possono fare i KOM in discesa, ma nel tempo complessivo del giro, quella che mostra le chiappe a tutti è la trail bike.

Facile da pedalare in salita quando il percorso diventa tecnico, facile da portare in discesa anche quando il sentiero è impestato. Non sono 2/3 cm di escursione in più o in meno che fanno la vera differenza. La tecnica di guida e la gamba la fanno, e non si possono comprare, ma vanno conquistate con sudore e dedizione.

Quanti di voi possiedono una trail bike, e quale?

Foto di copertina di Marco Malcangi

 

Commenti

  1. sahara:

    1) ne riparliamo quando sara' ora 2) piuttosto che rinunciare a vivere le montagne e godermi sentieri in salita e discesa , io lo farò anche con la carrozzella a metano... 3) ho 56 anni e pedalo da 30 e col cxxxo che mi farò fermare dalla carta di identità .. l'idea che una ebike mi allunghera' la vita ciclistica di 10 anni, quando sarà il momento, mi piace assai...!
    boh a me piace andare in bici, la ebike l'ho provata ed è un altro sport e non mi interessa, continuero' a fare quel che mi piacve finchè riesco e poi amen, ne vedo di settantenni su bitume, sinceramente mi daro' a quello piuttosto.....

    p.s. ho 57 anni.....
  2. Pan-Bagnat:

    Bel video. Si fa' comunque sempre fatica a districarsi nei vari ragionamenti.
    Secondo me un punto fermo nella pedabilità di una bici è il profilo del copertone posteriore.
    Per esempio dal meno al più scorrevole sento tanta differenza tra questi qua con la stessa carcassa TLE in 2.35:
    Nobby Nick
    Hans Dampf
    Rock Razor

    Questo week-end vicino a Torino c'era un Bike Test. Mi sono cronometrato con un una Trek Procaliber top di gamma (front da XC da 10 kg) facendo parziali, asfalto falso piano (leggera salita), salita tecnica, salita scorrevole, discesa un po' tecnica.
    Alla mia grande sorpresa con la mia Propain Hugene (14,5 Kg) che ha ruote da 2Kg e inserti da 150 gr ho battuto tutti i tempi, anche il falso piano con la XC l'ho fatto in 5'40, con la Hugene in 5'22.
    Penso che al contrario di quello che si sento spesso del tipo 'adesso le bici vanno tutte bene' invece c'è parecchio differenza tra le bici, e alcune sono più adatte a uno o l'altro biker. La figata è provarla prima dell'acquisto, tipo come al Bike Festival di Riva.
    Altro esempio, un mio collega di merenda che ha una Giant da Trail in alluminio in 27,5 era con me al Bike Test, di solito vado più di lui in salita. Ha provato la Scott Spark World Cup ed era super entusiasta. Sul medesimo falso piano lui pedalava rilassato con una mano sola sul manubrio e non riuscivo a stargli dietro... Ho parlato con altri che l'hanno provata ed erano tutti entusiasti, anche in discesa è stata apprezzata. un po' duretta ma equilibrata. Spiace solo che costa come una Panda.
    mah... secondo me non l'hai spinta abbastanza la procaliber... io con la Lux gommata da trail leggero rispetto alla Smuggler montata ignorante la differenza è lampante... su una salita di 3km e circa 250 di dislivello prendo 3 minuti con la Smuggler...

    magari sul tecnico con la Smuggler ho una posizione più sull'anteriore e avere un po' di escursione in più fa comodo, ma su sterrati dove si può spingere la differenza è palese. tra la Lux e la Smuggler ci sono meno di 2kg di peso
  3. tunerz:

    Neanche..perchè la nobby nic scorre meglio dell'hans dampf ma peggio del rock razor..:smile:
    Per me il Nobby Nic è il peggiore. Comunque siamo off topic.
Storia precedente

Come si allena il nuovo campione del mondo di DH

Storia successiva

[Test] Nuova Specialized Stumpjumper

Gli ultimi articoli in Report e interviste