Una trail bike è la bici totale?

242

La definizione di “bici totale” è una delle più discusse, amate ed odiate di sempre. Secondo alcuni non esiste, secondo altri invece sì, e normalmente è la bici che si possiede con cui “si riesce a far tutto”. A guardar bene, con il livello di specializzazione attuale nel mondo della mountain bike, non esiste una bici che possa far bene tutto, semplicemente perché per andare forte in XC si avrà bisogno di altre caratteristiche rispetto a quando si vuole andare forte in enduro.

Negli ultimi anni le due discipline si sono avvicinate più di quanto si possa pensare, grazie a percorsi sempre più impestati nel circuito della coppa del mondo XC che hanno spinto le aziende a sviluppare bici full suspension più performanti in discesa, senza penalizzare troppo la salita. Basti pensare che Nino Schurter gira da diverse stagioni con una Scott Spark con 100 mm di escursione al posteriore e 120 all’anteriore, cerchi con canale da 30mm e gommazze da 2.4″.

Dall’altro lato ci sono delle bici da enduro che sono dei veri e propri missili in discesa, ma che si lasciano pedalare bene in salita. Se usate per fare escursionismo, nulla impedisce di farci dei lunghi giri pedalati, potendo godere come dei ricci quando si punta verso valle.

È proprio quando si parla di uso amatoriale in montagna (e sottolineo, in montagna) che, a guardare bene, solo una categoria di bici si può definire “totale”, ed è di sicuro la più azzeccata: quella delle trail bike. Ruote da 29 pollici, escursione da 130/140mm. Di più non c’è bisogno per pedalare e scendere ovunque. O meglio, il resto lo si vede sul cronometro, non sui risultati di guida. Con una XC si arriverebbe in vetta più in fretta, con una Enduro si possono fare i KOM in discesa, ma nel tempo complessivo del giro, quella che mostra le chiappe a tutti è la trail bike.

Facile da pedalare in salita quando il percorso diventa tecnico, facile da portare in discesa anche quando il sentiero è impestato. Non sono 2/3 cm di escursione in più o in meno che fanno la vera differenza. La tecnica di guida e la gamba la fanno, e non si possono comprare, ma vanno conquistate con sudore e dedizione.

Quanti di voi possiedono una trail bike, e quale?

Foto di copertina di Marco Malcangi

 

Commenti

  1. Stoner:

    Bici ne ho diverse (TL Expert, YT Capra, GT Fury etc) ma quella che ritengo una bici pressocchè totale è la Specy Stumpjumper EVO del 2013,
    ruote da 29, 135 mm di escursione post, 140/150 all'anteriore, gomme robuste, ammo RS con piggy, pesa 13 kg con pedali.
    In salita non ha molto da invidiare ad una xc ed in discesa, anche su percorsi tosti e veloci come Finale e Sestri levante, perde ben poco da enduro toste come la Capra.
    Veramente una gran bici...
    condivido. Io ho il modello 2015 e mi trovo molto bene.
    la mia con i pedali da 1/2 kg supera di poco i 13 kg ed è una bella cosa e come dici in discesa si difende (nonostante i 68° di angolo sterzo).
    il modello 2020 "equivalente" (expert carbon) ha 66,5° (e angolo sella più verticale) e sicuramente da maggiore soddisfazione in discesa e (si dice) uguale pedalabilità in salita.
    Quindi per me è il tipo di bici ideale (non dico solo la stumpy ma le bici con questo approccio)

    Però la stumpy nuova (o meglio quella 2020) pesa 13,5 kg senza pedali, nonostante cerchi carbon (ma pedivelle non-carbon). montata gx e non xo1.
  2. Ho venduto la specy enduro per una Scalpel SE1 (che deve ancora arrivare): facendo xc ed essendo sempre tirato con i tempi preferisco salire "veloce" che scendere a razzo (anche perché son proprio fermo!) ed evitare quei 2 chili abbondanti di troppo; per i giri che mi piacciono la ritengo la bike perfetta
Storia precedente

Come si allena il nuovo campione del mondo di DH

Storia successiva

[Test] Nuova Specialized Stumpjumper

Gli ultimi articoli in Report e interviste

Pulite i sentieri?

Passato l’autunno, i sentieri nei boschi sono nascosti da una coltre di foglie che li rende…