Vecnum NIVO: telescopico da 212mm di escursione

Vecnum NIVO: telescopico da 212mm di escursione


La rincorsa alla maggiore escursione sembra sia ormai uno dei punti chiave nello sviluppo dei reggisella telescopici. Ne è un esempio la tedesca Vecnum che propone il NIVO, un nuovo modello di dropper disponibile in quattro diverse opzioni di escursione che partono da 90mm e arrivano fino a ben 212mm.

Il Vecnum NIVO vanta il peso più basso della concorrenza in base all’escursione. Il funzionamento è meccanico e utilizza l’aria come elemento elastico, con una pressione che varia da 200 a 300 psi, regolabile tramite una comune pompa per sospensioni.

Scopriamo i vari dettagli in questa anteprima, in attesa che ci arrivi un esemplare da mettere alla prova.

Disponibile nella versione Travelfit o Indexed, la prima con infinite posizioni a cui in realtà corrispondono una posizione ogni 4mm di corsa, la seconda con 4 posizioni predefinite.

Lo stack è di soli 42mm per permettere di utilizzare l’escursione più lunga permessa dal telaio in base al fisico del rider.

Si può ridurre l’escursione massima fino a 32mm, così da poter utilizzare la massima escursione disponibile anche se questa rappresenta una via di mezzo tra due opzioni, quindi si sceglie l’escursione maggiore e la si riduce per adattarla alle proprie esigenze.

Per ridurre l’escursione si agisce, tramite una chiave a brugola da 5mm, su un’apposita regolazione posta al di sotto del morsetto della testa, alla quale si accede rimuovendo la sella.

Disponibili diversi O-ring colorati che permettono di personalizzare il NIVO cercando il miglior accostamento cromatico con il colore della propria bici.

Il comando remoto è disponibile in versione standard oppure inversione trigLOC, interamente realizzato a CNC e dal peso di soli 17 grammi. Ampiamente regolabile come posizione e inclinazione della leva e compatibile con sistema MatchMaker.

Pesi:
112mm – 395g Indexed / 397g Travelfit
152mm – 433g Indexed / 435g Travelfit
182mm – 471g Indexed / 473g Travelfit
212mm – 509g Indexed / 511g Travelfit

Diametro disponibile: 30.9mm (31.6mm e 34.9mm disponibili tramite spacer dedicati)

Prezzi:
€429 con comando remoto standard
€449 con comando remoto trigLOC

Il Vecnum NIVO è disponibile online sull’e-commerce di Vecnum

  1. Ma poi a cosa serve tutta questa escursione del reggisella a volte bastano 2/3 cm….io per esempio ho un 100mm basta e avanza e sono un diversamente alto 😂 …..sveglia ragazzi ci stanno vendendo l’umidita nel pozzo….

    0
    1. una volta l’umidità nel pozzo era il reggisela telescopico stesso, considerato dai più inutile e dedicato a chi non sapeva affrontare tratti tecnici !!!!
      quella che chiami umidità nel pozzo è evoluzione, a volte è utile e a volte no, e nel caso evaporerà al sole della necessità.

      3+
  2. La versione da 212mm ovviamente si rivolge ai rider parecchio alti. Se la taglia del telaio non permette di montare reggisella a lunga escursione o se si è "diversamente alti" come si definisce MassyB_rider, a cui bastano 100mm di escursione, ci sono in gamma reggisella con minore escursione, come tutti i prodotti della concorrenza. Per rasserenare i complottisti di turno (…..sveglia ragazzi ci stanno vendendo l’umidita nel pozzo…. cit.), non è che ogni prodotto che esce, le aziende vogliano necessariamente propinarlo a tutti, si tratta di avere maggiore possibilità di scelta per raggiungere un pubblico più ampio che, in questo caso, non sono certo i rider sotto ai 170cm.

    16+
  3. se hai uno svettamento sella di 85 cm come me, vedi che i 185 mm di yep sono una manna caduta dal cielo, 212 mm sembrano eccessivi ma poi dipende dallo slooping del telaio.
    ben vengano, ma se per molti sembra assurdo, pensiamo che solo qualche anno fa era assurdo montarlo un reggisella telescopico, adessa senza nessuno acquista una bici

    5+
      1. Non bisogna fare dh o enduro per giovare della comodità e semplicità di uso di un reggisella telescopico, a meno che uno non abbia il tarlo dei grammi e allora è inutile parlare con chi ha preconcetti o dictact vecchio stampo.
        Pensare che ancora ci siano negozianti a consigliare le forcelle rigide perché impari a guidare, e pesa meno, mi sembra di ascoltare dei nostalgici del movimento hippie e flower power anni 70 che a settant’anni fumano ancora la canna da ragazzino.
        Il mondo va avanti, se li fanno è perché le richieste ci sono.
        Pensate a tutta quella quota di sessantenni ex enduristi a motore che chiedono ebike sempre più potenti, sono dei nostalgici, e questi cercano cose alle volte improponibili ma alla fine le vogliono e le comprano.

        1+
  4. p84

    A chi ha il cavallo basso e non si dedica al dh del telescopico non frega molto, sottoscritto in primis

    Bene, anche a me non serve avere così tanta corsa, li fanno anche da 100/150/175 ecc.ecc. così come fanno ancora i reggisella fissi.
    In questo articolo si presenta un nuovo reggisella che è disponibile ANCHE con 200 mm. Detto ciò, a te non interessa perché nemmeno lo usi il reggi telescopico ? Non vedo perché devi per forza dir la tua…;-)

    7+
    1. Hai capito male, non sono contro questo tipo di soluzioni, ma vanno visti anche i loro limiti o eventuali difetti. Altrimenti ci troviamo nella stessa situazione di quando il mercato proponeva, come ultimo approdo tecnologico, escursioni degli ammortizzatori sempre maggiori fino ad arrivare a bici tra l’enduro e il dh che molti compravano e che alla fine non sapevano che farne.
      Per esempio dovrebbe essere ormai acquisito il fatto che se un biker scende molto e arretra dalla sella per fare tratti impegnativi e in forte pendenza, aumenta esponenzialmente il rischio di scaricare l’anteriore con le conseguenze note a tutti della perdita di grip alla ruota davanti. Viceversa, se l’accessorio in questione serve ad equilibrare situazioni al limite (come quelle delle persone molto alte o con cavallo lungo) troverà sicuramente una sua utilità

      0
  5. p84

    Hai capito male, non sono contro questo tipo di soluzioni, ma vanno visti anche i loro limiti o eventuali difetti. Altrimenti ci troviamo nella stessa situazione di quando il mercato proponeva, come ultimo approdo tecnologico, escursioni degli ammortizzatori sempre maggiori fino ad arrivare a bici tra l'enduro e il dh che molti compravano e che alla fine non sapevano che farne.
    Per esempio dovrebbe essere ormai acquisito il fatto che se un biker scende molto e arretra dalla sella per fare tratti impegnativi e in forte pendenza, aumenta esponenzialmente il rischio di scaricare l'anteriore con le conseguenze note a tutti della perdita di grip alla ruota davanti. Viceversa, se l'accessorio in questione serve ad equilibrare situazioni al limite (come quelle delle persone molto alte o con cavallo lungo) troverà sicuramente una sua utilità

    per scaricare l' anteriore su un tratto a forte pendenza devi togliere le mani dal manubrio….

    2+
    1. Non è vero, anche “Raida come mangi” ha fatto diversi pezzi sul fatto che l’eccessivo abbassamento o arretramento può portare il peso a ad abbassarsi drasticamente sull’anteriore con relative perdite di grip. Gli eccessi sono sempre sbagliati. Uno dei parametri che indicano l’eccessivo arretramento/abbassamento è il fatto di arrivare a guidare con le braccia tese, cosa che va sempre evitata

      1+
      1. Il reggisella telescopico dovrebbe servire proprio ad evitare di arretrare il peso (dietro alla sella) ed alleggerire l’avantreno con conseguente perdita di grip: abbassando la sella dovrebbe essere possibile abbassarsi rimanendo centrali…..

        6+
      2. Beh, andrà da caso a caso, certo se faccio un ripido dove al fondo posso far correre la bici è meglio stare centrato, se invece scendi in modalità trial e in fondo devi rallentare fino a quasi fermarti ad esempio….tu stai pure centrato, ci penso io ad arretrare! 😛

        0
  6. p84

    Hai capito male, non sono contro questo tipo di soluzioni, ma vanno visti anche i loro limiti o eventuali difetti.

    Ho capito male io ? Può essere…oppure non hai capito tu l' utilità di un telescopico da 200 mm. di corsa. Te lo può spiegare un biker alto 1.90 o più, anche perché la tendenza è fare telai con tubi sella sempre più corti per aver meno ingombri in discese impegnative, per me basta e avanza anche da 150 mm. perché sono bassino. A te non serve nemmeno il telescopico perché non lo usi, quindi il tuo commento mi sembra inutile…ma forse sono sempre io che non capisco.

    p84

    Altrimenti ci troviamo nella stessa situazione di quando il mercato proponeva, come ultimo approdo tecnologico, escursioni degli ammortizzatori sempre maggiori fino ad arrivare a bici tra l'enduro e il dh che molti compravano e che alla fine non sapevano che farne.

    Anche questo non riesco proprio a capirlo eh…se le aziende propongono prodotti che a TE non servono non è detto che non servano a nessun altro !

    1+
  7. p84

    A chi ha il cavallo basso e non si dedica al dh del telescopico non frega molto, sottoscritto in primis

    p84

    …Viceversa, se l'accessorio in questione serve ad equilibrare situazioni al limite (come quelle delle persone molto alte o con cavallo lungo) troverà sicuramente una sua utilità

    Mi sembra che ti stai un po' contraddicendo o ancora noon capisco ?

    :specc:

    0
  8. p84
    andry-96
    p84

    Hai capito male, non sono contro questo tipo di soluzioni, ma vanno visti anche i loro limiti o eventuali difetti. Altrimenti ci troviamo nella stessa situazione di quando il mercato proponeva, come ultimo approdo tecnologico, escursioni degli ammortizzatori sempre maggiori fino ad arrivare a bici tra l'enduro e il dh che molti compravano e che alla fine non sapevano che farne.
    Per esempio dovrebbe essere ormai acquisito il fatto che se un biker scende molto e arretra dalla sella per fare tratti impegnativi e in forte pendenza, aumenta esponenzialmente il rischio di scaricare l'anteriore con le conseguenze note a tutti della perdita di grip alla ruota davanti. Viceversa, se l'accessorio in questione serve ad equilibrare situazioni al limite (come quelle delle persone molto alte o con cavallo lungo) troverà sicuramente una sua utilità

    per scaricare l' anteriore su un tratto a forte pendenza devi togliere le mani dal manubrio….

    Non è vero, anche "Raida come mangi" ha fatto diversi pezzi sul fatto che l'eccessivo abbassamento o arretramento può portare il peso a ad abbassarsi drasticamente sull'anteriore con relative perdite di grip. Gli eccessi sono sempre sbagliati. Uno dei parametri che indicano l'eccessivo arretramento/abbassamento è il fatto di arrivare a guidare con le braccia tese, cosa che va sempre evitata

    Il reggisella telescopico dovrebbe servire proprio ad evitare di arretrare il peso (dietro alla sella) ed alleggerire l'avantreno con conseguente perdita di grip: abbassando la sella dovrebbe essere possibile abbassarsi rimanendo centrali…..

    0
  9. p84

    Non è vero, anche "Raida come mangi" ha fatto diversi pezzi sul fatto che l'eccessivo abbassamento o arretramento può portare il peso a ad abbassarsi drasticamente sull'anteriore con relative perdite di grip. Gli eccessi sono sempre sbagliati. Uno dei parametri che indicano l'eccessivo arretramento/abbassamento è il fatto di arrivare a guidare con le braccia tese, cosa che va sempre evitata

    Usare il telescopico non è arretrare
    E ripeto hai scritto tratti a FORTE pendenza dove il telescopico non è di certo un limite anzi

    0
    1. Ho da quasi tre anni il precedente Vecnum, il Moveloc da 170 montato su di una Enduro 26″. Già il fatto di passare dai 125 ai 170 mi ha cambiato la vita (sono 182 cm) e comunque montato e mai più toccato, solo pulizia esterna e zona boccola.

      0
  10. p84

    Se ti abbassi molto, il risultato di scarico dell’anteriore è il medesimo, e ti trovi a guidare a braccia tese.
    Gli eccessi, in ogni direzione, non sono mai auspicabili

    ma questo che c'entra con l'avere o meno il telescopico???
    se arretri fino ad avere le braccia tese sei in una posizione sbagliata, indipendentemente dal telescopico. E ti dirò di più. Indipendentemente anche da quanto ripida è la discesa. L'arretramento deve essere commisurato all'inclinazione della discesa in modo tale che il tuo peso sia sempre centrale sulla bici.
    Comunque capisco che non hai il telescopico perchè non hai idea di quale sia la sua funzione.
    Ah non so se hai notato che negli ultimi anni anche in XC ormai sono più quelli che lo usano di quelli no.

    0
  11. Pietro.68

    ma questo che c'entra con l'avere o meno il telescopico???
    se arretri fino ad avere le braccia tese sei in una posizione sbagliata, indipendentemente dal telescopico e indipendentemente anche da quanto ripida è la discesa. L'arretramento deve essere commisurato all'inclinazione della discesa in modo tale che il tuo peso sia sempre centrale sulla bici.
    Comunque capisco che non hai il telescopico perchè non hai idea di quale sia la sua funzione.
    Ah non so se hai notato che negli ultimi anni anche in XC ormai sono più quelli che lo usano di quelli no.

    A me sembra invece che rispondi soltanto per alzare sterili polemiche perchè non hai capito quanto sto scrivendo da un pezzo. Non sono contro il telescopico, tanto meno contro questo modello che potrebbe agevolare le persone più alte. Sto semplicemente affermando che c'è una tendenza (come tante se ne sono viste su altri componenti) a rincorrere escursioni sempre maggiori e sto invitando a prendere con le pinze gli eccessi, tutto qui

    0
  12. p84

    A me sembra invece che rispondi soltanto per alzare sterili polemiche perchè non hai capito quanto sto scrivendo da un pezzo. Non sono contro il telescopico, tanto meno contro questo modello che potrebbe agevolare le persone più alte. Sto semplicemente affermando che c'è una tendenza (come tante se ne sono viste su altri componenti) a rincorrere escursioni sempre maggiori e sto invitando a prendere con le pinze gli eccessi, tutto qui

    Hai esordito dicendo che il telescopico è inutile per chi ha il cavallo basso e per chi non fa DH (telescopico in DH?!)… non ti stupire se poi vieni subissato di contestazioni. In ogni caso, le escursioni del telescopico sono rapportate alle esigenze dei vari rider del pianeta che ovviamente (bene ricordarlo) non hanno tutti le tue stesse esigenze, vuoi per altezza, per stile di guida, per abilità di guida nonché per spazio disponibile sul telaio. Per concludere… il telescopico aiuta nella guida a prescindere: se hai una buona tecnica ti permette di guidare meglio, se la tua tecnica va migliorata e non hai ben presente come dover spostare il peso sulla bici durante la guida, il telescopico aiuta ma non potrà certo compiere miracoli.

    0
  13. Lo scaricare l’anteriore con labassamento del corpo sono due condizioni distinte
    E, se ti abbassi dovresti ben sapete che non abbassi solo il culo e tieni le braccia dritte come un palo, ma se compensi degnamente, abbassi il centro di gravità e ne guadagni in maneggevolezza, ovvio se poi ti sai muovere e non stai come una poiana su un ramo.
    Diciamo anche che prendersi una sella sui coglioni in un contraccolpo non è che mi piaccia e sia contento di farlo, poi il bondage non mi fa impazzire.
    Più le bici si allungano, più i piantoni diventano verticali, più escursione serve dalla mia esperienza.

    0
  14. frenk

    Hai esordito dicendo che il telescopico è inutile per chi ha il cavallo basso e per chi non fa DH (telescopico in DH?!)… non ti stupire se poi vieni subissato di contestazioni. In ogni caso, le escursioni del telescopico sono rapportate alle esigenze dei vari rider del pianeta che ovviamente (bene ricordarlo) non hanno tutti le tue stesse esigenze, vuoi per altezza, per stile di guida, per abilità di guida nonché per spazio disponibile sul telaio. Per concludere… il telescopico aiuta nella guida a prescindere: se hai una buona tecnica ti permette di guidare meglio, se la tua tecnica va migliorata e non hai ben presente come dover spostare il peso sulla bici durante la guida, il telescopico aiuta ma non potrà certo compiere miracoli.

    "Dh" l'ho scritto come eccesso per definire chi predilige prettamente percorsi discesistici. Io ho il cavallo basso, pedalo a 72 cm (misurati tra Mc e sella) e non avendo vicino casa percorsi estremamente accidentati e pendenti non ho ancora avvertito questa esigenza, ma rappresento un caso a sè, il mio discorso non era da intendersi in senso assoluto. Scrivo che il telescopico va considerato in ottica strettamente personale e non idolatrato a tutti i costi

    0
  15. p84

    "Dh" l'ho scritto come eccesso per definire chi predilige prettamente percorsi discesistici. Io ho il cavallo basso, pedalo a 72 cm (misurati tra Mc e sella) e non avendo vicino casa percorsi estremamente accidentati e pendenti non ho ancora avvertito questa esigenza, ma rappresento un caso a sè, il mio discorso non era da intendersi in senso assoluto. Scrivo che il telescopico va considerato in ottica strettamente personale e non idolatrato a tutti i costi

    Diciamo che tra il DH, dove il telescopico non ha scopo di esistere, e i percorsi pianeggianti e poco impegnativi che sei solito frequentare tu, per i quali plausibilmente non necessiti di un telescopico, esiste tutto un mondo di discipline e varianti che necessitano, anzi esigono l’utilizzo del telescopico, con la maggiore escursione possibile in relazione alla propria altezze e allo spazio reso disponibile dal telaio. Correggimi se sbaglio ma nessuno sta idolatrando nulla.

    0
  16. frenk

    Diciamo che tra il DH, dove il telescopico non ha scopo di esistere, e i percorsi pianeggianti e poco impegnativi che sei solito frequentare tu, per i quali plausibilmente non necessiti di un telescopico, esiste tutto un mondo di discipline e varianti che necessitano, anzi esigono l'utilizzo del telescopico, con la maggiore escursione possibile in relazione alla propria altezze e allo spazio reso disponibile dal telaio. Correggimi se sbaglio ma nessuno sta idolatrando nulla.

    Guarda che non faccio solo percorsi pianeggianti, esistono anche persone (alcune delle quali escono di tanto in tanto con me) che hanno un'ottima tecnica di fuorisella, come si è sempre fatto fino all'avvento del telescopico che, diciamolo, facilita la vita ma non è che risolva problemi irrisolvibili

    0
  17. Lungo o corto 🤔 a casa mia si dice nel più ci sta il meno…..
    Poi io lo comprerei solo per gli OR colorati.
    Bischerate a parte su quelli lunghi il problema potrebbe essere anche la posizione sul telaio del foro di entrata del cavo di comando che se troppo alto potrebbe dare fastidio.

    0
  18. p84

    Guarda che non faccio solo percorsi pianeggianti, esistono anche persone (alcune delle quali escono di tanto in tanto con me) che hanno un'ottima tecnica di fuorisella, come si è sempre fatto fino all'avvento del telescopico che, diciamolo, facilita la vita ma non è che risolva problemi irrisolvibili

    E qual'è il problema irrisolvibile che il telescopico non risolve?

    0
  19. impeto72

    Ti dico solo che lo stanno sperimentando anche con le bdc…

    Tu ci credi che lo monteranno sulle bdc ? Io no. Anche il monocorona sono alcuni anni che lo stanno sperimentando sulle bici da strada, ma la doppia resiste ancora alla grande

    ( P.s.: sulle mie 2 mtb ho solo monocorona )

    0
  20. p84

    Tu ci credi che lo monteranno sulle bdc ? Io no. Anche il monocorona sono alcuni anni che lo stanno sperimentando sulle bici da strada, ma la doppia resiste ancora alla grande

    ( P.s.: sulle mie 2 mtb ho solo monocorona )

    Bah, ormai credo a tutto e non credo a niente! Battute a parte, io sulla mia bdc lo monterei all'istante. Sono alto quasi 2m e per noi spilungoni ancora non hanno capito come fare misure decenti per i telai, di qualsiasi tipologia si tratti. Fatto sta che mi ritrovo sempre con dei dislivelli sella/manubrio imbarazzanti…

    0
  21. impeto72

    Bah, ormai credo a tutto e non credo a niente! Battute a parte, io sulla mia bdc lo monterei all'istante. Sono alto quasi 2m e per noi spilungoni ancora non hanno capito come fare misure decenti per i telai, di qualsiasi tipologia si tratti. Fatto sta che mi ritrovo sempre con dei dislivelli sella/manubrio imbarazzanti…

    Pardon, non avevo capito che sei un giocatore di basket 😀

    0
  22. p84

    Guarda che non faccio solo percorsi pianeggianti, esistono anche persone (alcune delle quali escono di tanto in tanto con me) che hanno un'ottima tecnica di fuorisella, come si è sempre fatto fino all'avvento del telescopico che, diciamolo, facilita la vita ma non è che risolva problemi irrisolvibili

    Se facessi un utilizzo della bici che esige il telescopico, ne avresti uno, ma non è il tuo caso, semplice. Solo che trovo sia bizzarro voler evangelizzare chiunque circa l'inutilità del telescopico quando evidentemente la maggior parte dei rider ha esigenze differenti dalle tue. Ti trovi bene così, buon per te. Però prima di sentenziare circa il fatto che sia irrilevante e che anche senza si va bene uguale, prova con la tua sella alta a farti un percorso di gara enduro a velocità sostenuta o un trail tecnico ed esposto in alta montagna… poi ci racconti nuovamente dell'inutilità del telescopico.

    1+
  23. frenk

    Se facessi un utilizzo della bici che esige il telescopico, ne avresti uno, ma non è il tuo caso, semplice. Solo che trovo sia bizzarro voler evangelizzare chiunque circa l'inutilità del telescopico quando evidentemente la maggior parte dei rider ha esigenze differenti dalle tue. Ti trovi bene così, buon per te. Però prima di sentenziare circa il fatto che sia irrilevante e che anche senza si va bene uguale, prova con la tua sella alta a farti un percorso di gara enduro a velocità sostenuta o un trail tecnico ed esposto in alta montagna… poi ci racconti nuovamente dell'inutilità del telescopico.

    Mi sembrano attacchi gratuiti su considerazioni forzate. Dove avrei scritto che è irrilevante, me lo fai notare cortesemente ? Ho scritto che facilita la vita e che alle persone alte (o con cavallo alto aiuta non poco). Che ne pensi se ti dicessi che nel mio piccolo anch'io ho un pò di tecnica ? Secondo te prima del telescopico eravamo tutti sui piattoni da gravel ??

    0
  24. p84

    Tu ci credi che lo monteranno sulle bdc ? Io no. Anche il monocorona sono alcuni anni che lo stanno sperimentando sulle bici da strada, ma la doppia resiste ancora alla grande

    OT
    per quanto riguarda la bdc io dico che il monocorona arriverà (nel senso che prenderà piede come in mtb) in pochi anni. il telescopico qualcuno lo userà, la maggioranza probabilmente no. Le sospensioni arriveranno (qualche anno in più servirà) e non vedo l'ora.

    0
  25. fitzcarraldo358

    OT
    per quanto riguarda la bdc io dico che il monocorona arriverà (nel senso che prenderà piede come in mtb) in pochi anni. il telescopico qualcuno lo userà, la maggioranza probabilmente no. Le sospensioni arriveranno (qualche anno in più servirà) e non vedo l'ora.

    Le sospensioni su bdc ?

    0
  26. p84

    Mi sembrano attacchi gratuiti su considerazioni forzate. Dove avrei scritto che è irrilevante, me lo fai notare cortesemente ? Ho scritto che facilita la vita e che alle persone alte (o con cavallo alto aiuta non poco). Che ne pensi se ti dicessi che nel mio piccolo anch'io ho un pò di tecnica ? Secondo te prima del telescopico eravamo tutti sui piattoni da gravel ??

    Sto solo facendo considerazioni in merito a ciò che hai scritto, nessun attacco, tranquillo. Qui hai dato un tuo parere che, riassunto in una parola, descrive il telescopico come "irrilevante":

    p84

    Guarda che non faccio solo percorsi pianeggianti, esistono anche persone (alcune delle quali escono di tanto in tanto con me) che hanno un'ottima tecnica di fuorisella, come si è sempre fatto fino all'avvento del telescopico che, diciamolo, facilita la vita ma non è che risolva problemi irrisolvibili

    Chiaramente si scendeva in bici anche prima del telescopico ma in generale le bici erano parecchio diverse, le tecnologie a disposizione anche e di conseguenza la tecnica di guida era differente. Tutto ciò portava a delle prestazioni nettamente inferiori rispetto a quanto si ha adesso ed è innegabile che negli ultimi 10 anni la MTB si sia evoluta esponenzialmente rispetto a quando andavamo in bici con cancelli con geometrie, componenti e sistemi di sospensione che non stento a definire antiquati. Poi siamo d'accordo che anche 20 anni fa si andava comunque in MTB, ma lo si faceva diversamente, così come 20 anni fa si moriva in incidenti d'auto da cui ora usciresti illeso oppure si conviveva con malattie che ora sono curabili. Si tratta innegabilmente di progresso.
    In merito alla tua tecnica di guida non dubito che tu sia molto bravo in bici ma sinceramente alcune esternazioni circa la tecnica di guida da adottare in certe situazioni lasciano spazio a qualche perplessità:

    p84

    Vero, ma se ti abbassi molto il risultato di scaricare l'anteriore è il medesimo e ti trovi a guidare a braccia tese

    Comunque ripeto e concludo, liberissimo di ritenere poco utile il telescopico per le tue necessità, ma non estenderei questo tuo giudizio a chiunque altro, considerando che le esigenze, le discipline che si esercitano o le condizioni di utilizzo sono soggettive e molto differenti tra loro e quindi ragionevolmente diverse dalle tue.

    0
  27. frenk

    Sto solo facendo considerazioni in merito a ciò che hai scritto, nessun attacco, tranquillo. Qui hai dato un tuo parere che, riassunto in una parola, descrive il telescopico come "irrilevante":


    Forzatura n.1.
    Ho scritto che non è indispensabile ma aiuta. C'è differenza tra "non indispensabile" e "irrilevante" nella lingua italiana.

    frenk

    Chiaramente si scendeva in bici anche prima del telescopico ma in generale le bici erano parecchio diverse, le tecnologie a disposizione anche e di conseguenza la tecnica di guida era differente. Tutto ciò portava a delle prestazioni nettamente inferiori rispetto a quanto si ha adesso ed è innegabile che negli ultimi 10 anni la MTB si sia evoluta esponenzialmente rispetto a quando andavamo in bici con cancelli con geometrie, componenti e sistemi di sospensione che non stento a definire antiquati. Poi siamo d'accordo che anche 20 anni fa si andava comunque in MTB, ma lo si faceva diversamente, così come 20 anni fa si moriva in incidenti d'auto da cui ora usciresti illeso oppure si conviveva con malattie che ora sono curabili. Si tratta innegabilmente di progresso.
    In merito alla tua tecnica di guida non dubito che tu sia molto bravo in bici ma sinceramente alcune esternazioni circa la tecnica di guida da adottare in certe situazioni lasciano spazio a qualche perplessità:

    Forzatura n.2 Mai scritto che le prestazioni senza telescopico sono migliori di quelle con. Concordo esattamente anch'io sul fatto che sia un progresso, (anche se non indispensabile come può esserlo un deragliatore). Molti professionisti dell'XC, comprese molte donne, corrono ancora con ottimi risultati su tracciati moderni e ostici senza il telescopico, a dimostrazione che è importante ma non vitale

    frenk

    Comunque ripeto e concludo, liberissimo di ritenere poco utile il telescopico per le tue necessità, ma non estenderei questo tuo giudizio a chiunque altro, considerando che le esigenze, le discipline che si esercitano o le condizioni di utilizzo sono soggettive e molto differenti tra loro e quindi ragionevolmente diverse dalle tue.

    Forzatura n.3 Mai esteso a chiunque la mia visione del telescopico, anche perchè (come puoi rileggere sopra) ho precisato che il mio cavallo è piuttosto basso.Perfettamente daccordo sulla soggettività, come già scritto sopra e ribadito a oltranza.

    Forzatura n.4 Deve ancora arrivare, e spesso è quella dell'abuso di moderazione verso chi scrive un'opinione puntualmente travisata e criticata

    0
  28. Le uniche forzature che vedo sono quelle con cui cerchi di definire forzature i miei ragionamenti. Comunque dai, tralasciando la vena di vittimismo e le numerose contraddizioni, l'importante è che tu sia giunto infine a più miti consigli. Buona serata! 🙂

    0
  29. Come facciamo a renderci conto dell’ utilità di ciò che ci viene proposto dall’ industria della bici, quando ancora stiamo a chiederci, se una delle più grandi innovazioni degli ultimi anni, cioè il regg. telescopico, è utile o meno?

    0
    1. Il telescopico è sempre utile, a meno di non usare la mtb per passeggiate in piana. Anche negli anni 90 abbassavo la sella con lo sgancio rapido per fare i tratti più ripidi. Quando sono passato alla 29 col collarino con la brugola mi sono trovato malissimo. Ho resistito qualche mese, e poi appena è uscito il TranzX più economico per il 27.2 l’ho messo su subito! E 100mm di escursione mi sembrano ancora pochi! Purtroppo per il telaio e la taglia che ho non posso avere di più (telaio poco sloping)

      0
  30. gino75

    Come facciamo a renderci conto dell' utilità di ciò che ci viene proposto dall' industria della bici, quando ancora stiamo a chiederci, se una delle più grandi innovazioni degli ultimi anni, cioè il regg. telescopico, è utile o meno?

    solo uno se lo chiede…

    0
  31. Io sono alto 1.94 e con gambe mooolto lunghe.
    Ho una Mondraker Foxy in taglia xl con telescopico da 150… So che esiste anche da 175 della ks.
    Dico che per avere la sella ad un’altezza buona per pedalare, devo sacrificare qualcosa in discesa, occasione in cui vorrei avere la sella un po’, più bassa. Più escursione farebbe solo bene.
    Finalmente qualcosa anche per noi spillungoni

    0