MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] Cosa sei pronto a fare per raggiungere una bella discesa?

[Video] Cosa sei pronto a fare per raggiungere una bella discesa?

[Video] Cosa sei pronto a fare per raggiungere una bella discesa?

19/08/2016
Whatsapp
19/08/2016

[ad3]

Me lo chiedevo ieri, mentre vagavo fra le Pale di San Martino, in parte in sella, in parte spingendo e portando la bici, per andare a raggiungere un sentiero che avevo adocchiato tanti anni fa, quando avevo piazzato la mia tenda al campeggio Eden di Falcade.

Proprio lì sbuca infatti il 722 o, se guardato nel verso giusto, parte questo vecchio sentiero militare costruito negli anni della prima guerra mondiale, come “seconda linea” nel caso il fronte si fosse avvicinato, spostandosi dal Lagorai verso est. Con pendenze mai ripide si inerpica prima nei boschi della valle Focobon, poi sui prati sottostanti il magnifico anfiteatro delle Pale, per giungere all’omonima forcella.

Il percorso è stato fatto al contrario, partendo dal Passo Valles, per giungere prima alla forcella Venegia, poi alla Forcella Venegiota. 20 minuti a spinta prima, un bel taglio sopra la val Venegia poi, e successivamente 100 metri di dislivello a spinta per arrivare qui:

Adesso inizia il bello: per arrivare al Passo Focobon c’è un breve traverso esposto, assicurato da alcune corde fisse. Nelle immagini del video sembra peggio di quello che é, tanto che riesco a pedalare la parte finale senza molti patemi. Il panorama rimane mozzafiato. La quiete totale: a parte me c’è in giro solo una coppia diretta al rifugio Mulaz, che avevo incontrato alla Forcella Venegia, e poi superato mentre loro erano in cresta e io seguivo il sentiero “ciclabile” per il Passo Venegiota.

Vi chiederete come faccia a sapere che erano diretti al Mulaz: il bivio per il 753, l’inizio della mia discesa, non era segnalato, e le tracce di sentiero non mi convincevano, così ho fatto un tratto del percorso che porta verso il rifugio, tornando poi sui miei passi ed accorciando attraverso i prati per prendere il sentiero giusto.

Da questa foto si intravvede il 753, fotografato dal Passo Focobon. Le sue linee non lasciano adito a dubbi: è opera dei militari, molto attenti a non esagerare mai con le pendenze per non stancare truppe e animali da soma. Un vero e proprio tesoro, purtroppo lasciato in gran parte a se stesso. Infatti il sentiero presenta tanti punti franati, nelle belle serpentine del tratto successivo, e tanti sassi in mezzo ad una sottile traccia nel prato.

Il mio morale è sotto le scarpe. L’essere in giro da solo per questi posti poco frequentati (il 18 agosto!) richiede comunque un po’ più di attenzione del solito. Se poi i sentieri sono scassati e pieni di ostacoli nascosti nell’erba bagnata, è tutto un continuo salire e scendere di sella. Fino alla malga che vedete in foto sono in bambola completa. Poi però le cose cambiano, perché il 722 è pulito e veramente bello da fare in bici: mai scontato, con tante curve ed ostacoli di media difficoltà, mi porta 700 metri più in basso fino al famoso Eden, il campeggio.

Torno al Passo Valles spendendo 10 Euro che mi permettono di prendere una funivia + seggiovia e di godermi dei tagli molto divertenti della sterrata che porta al Rifugio Laresei. Sulla strada incontro orde di merendéros, per fortuna non fanno i tagli, su cui posso andare a tutta. Il parcheggio del Passo Valles è pieno come un uovo. Quando ero arrivato alle 7 di stamattina era completamente vuoto.

Per chi volesse provare questo giro, segnalo che ufficialmente il sentiero che da Passo Valles va alla forcella Venegia è vietato alle bici. In verità non è così frequentato come si direbbe, e se si percorre fuori dalle ore “pedonali”, non si incontra un’anima.

La traccia è una parte di questa (partendo dal Passo Valles la incrociate sotto la Forcella Venegiota). La discesa dal Rifugio Laresei si trova qui. Dalla forcella Venegia tenete sempre il sentiero alto per non perdere quota (sulla Tabacco è segnato in nero, come non segnalato).

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Luke
Luke

Fatto diverse volte 😉 quando ho letto il titolo mi è subito venuto in mente quel sentiero senza aver letto il resto. 🙂

Raffaele61
Raffaele61

@marco: dal Passo Valles a Falcade, indicativamente, quanto tempo hai impiegato? Giusto per capire quanto lungo possa essere tutto l’itinerario… Grazie!

monster74
monster74

Per questo tipo di avventure la Valle d’ Aosta e il Piemonte sono nettamente superiori alle Dolomiti 😉

gdipaola
gdipaola

Giusto qualche giorno fa per la prima volta ho affrontato un avventura del genere ed ho scoperto il piacere di pedalare per scoprire le alpi…(prima solo dh e seggiovia)sono andato al monte thabor da bardonecchia, è stata una follia…2000 metri di dislivello di dislivello di cui 1000m a spinta fino ai 3200 della vetta…per alcuni magrari non sembrará tanto….ma con zero allenamento e una bici da 16.8kg è stata dura….anche se poi la discesa mi ha fatto dimenticare tutto il sudore versato:)

cheyax
cheyax

Io sulle dolomiti ho trovato un sacco di percorsi tecnici su fondi difficili, questo genere di avventure da quello che ho capito si trovano ma a quote un po’ più basse quindi con meno dislivello e più corti

gasate
gasate

Dda la thuile concordo col mostro

DoubleT
DoubleT

ehhh sì… questo s’ha propprio daffare

grazie!

cheyax
cheyax

Io sul Catinaccio per una bella discesa ho dovuto superare la mia paura dei tratti esposti, però ne è valsa la pena, giro epico, discese al limite del fattibile (ricordo che ho una front da XC), più che altro per gomme e freni durante la discesa dal passo al rifugio Bergamo, però mi sono divertito davvero tantissimo

Dolomites Heart
Dolomites Heart

Fatto anche da noi di Dolomites Heart gli anni scorsi, purtroppo l eccezionale inverno 2013-2014 ha devastato il sentiero…?

cheyax
cheyax

E comunque io Marco Toniolo me lo immaginavo diverso

Breddo Ranci

Non la molli sta stumpj!

pittapittae
pittapittae

IO sono salito alla Grande Sassiere 3747 con 1500m di spallaggio, di cui gli ultimi 400m su sabbia bagnata ( ogni passo si rischiava sempre di scivolare ). Una Copada. Comunque da 3400m vale la pena

pittapittae
pittapittae

A mercoledi non contento sono salito ( Spallato 1200m ) Tête Blanche de By 4313m, ed il cima ho incontrato Paigos. li si la discesa è stata bellissima, a parte la ferrata sotto il rifugio e altri 100m di terreno friabile.
Per chi ne ha voglia consiglio, sei difronte al Gran Conbin 4314m

Bike.man
Bike.man

Herman mi sa che gli hai attaccato un millino alla Tete de By….comunque chapeau !!!

stons65
stons65

Ciao, a quanto è di peso la Stumpy così come è?

wyzoon
wyzoon

in bici non so come sia perchè non ci ho mai girato, però a Passo Valles (l’ultima volta che ci sono stato) ho mangiato non come un cinghiale ma come una mandria di cinghiali… fantastico!!! ahahahah