• it
  • en
  • es

[Video] Gli Atherton presentano la loro bici da enduro

[Video] Gli Atherton presentano la loro bici da enduro

04/05/2019
Whatsapp
04/05/2019

Durante la presentazione del casco integrale di Endura ho avuto modo di intervistare Gee e Rachel Atherton riguardo la loro nuova bici da enduro che sarà lanciata sul mercato durante l’estate del 2019. Sottotitoli in italiano disponibili!

È in progettazione anche una enduro da 29. Dopo questa intervista siamo andati a girare insieme e in una discesa mi sono trovato Rachel alle spalle. La discesa più veloce della mia vita.

Atherton Bikes

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
impeto72
impeto72

Bah, sinceramente non vedo perché dovrei prendere una loro bici se non per il bel nome…

F
Fbf

Se ben ricordo il titanio è un materiale molto duro e complesso da lavorare: come è possibile stamparlo con una stampante 3D??? Inoltre il mix carbonio/titanio fa molto…anni 2000.
Freni: se ho visto bene costano un fottio (700 euro???)!!! Decisamente meglio un bel set Formula
Inoltre avrei puntato su un bel mezzo 29…staremo a vedere gli sviluppi

A
albatros_la

Dire che il titanio (o meglio le sue leghe) è “duro” vuol dire poco o niente. La durezza è una proprietà che ha relativamente poca importanza per un impiego strutturale come quello di un telaio ciclistico. Se vogliamo, il modulo elastico e la resistenza a fatica sono di gran lunga più importanti. Quanto a modulo elastico, le leghe di titanio sono generalmente inferiori all’acciaio. Le leghe di titanio, “semplicemente”, richiedono particolari accortezze per la saldatura e presentano una certa isteresi.

Ciò detto, la stampa 3D fa leva su proprietà dei materiali diverse da quelle che siamo abituati a valutare nelle “tradizionali” lavorazioni meccaniche. Il titanio, nella fattispecie, è uno dei metalli più semplici da “deporre” con i processi di stampa 3D, di gran lunga meno problematico delle polveri di alluminio, per esempio. Ne viene che, controintuitivamente, manufatti stampati 3D in leghe di titanio siano più facili da produrre rispetto a manufatti in leghe di alluminio.

Ghirotto
Ghirotto

Mi spiace dirti che “non ricordi benissimo ” il titanio è tutt’altro che molto duro e oggi la sua lavorazione è decisamente più semplice di un tempo. La stampa 3D è una tecnologia oggi molto usata e la si può applicare a vari tipi di materiali, il pezzo ultimato ha densità oltre il 95 % quindi paragonabile ad un ricavato dal pieno. Il perché di questa soluzione costruttiva lo hanno detto loro stessi , libertà di costruzione e geometrie. Infatti le giunzioni stampate sono facilmente modificabili e il costo rimane invariato, i tubi sono commerciali e non hai bisogno di costruire stampi come per un telaio in carbonio. Non so che tiratura possano avere ma per una azienda che parte da zero è la scelta più economica. Per quanto riguarda la resa non ne ho idea, abbinare materiali tanto diversi su un prodotto fatto per prendere botte…gli appassionati daranno la sentenza.

darionollie_
darionollie_

La prossima volta ti chiederanno una consulenza tecnica, non preoccuparti! 😉

D-Lock

Anche a me non ispira tanto il fatto che l'abbiano fatta da 27.5, ma forse una nicchia di mercato se la potrebbero guadagnare se tramite la tecnica che utilizzano, invece di avere a catalogo delle misure potessero offrire di fare bici con taglie su misura per ogni cliente. Un pò come fa Ancillotti del resto.

78Mauro
78Mauro

A me piace, processo produttivo del telaio interessante, ma al di là di questo, non vedo rilevanti novità in altri sensi.
Personalmente il formato 27.5 trovo che abbia un suo perchè per chi predilige bici giocose ed un pò più agili, lo reputo ancora attuale. Non riesco a capire perchè questo fanatismo a tutti i costi verso il 29 ed il 27.5 invece è considerato obsoleto, vecchio, che “non va bene”…..

mickmac
mickmac

Perfettamente d’accordo con te…in un altro articolo ho fatto un osservazione simile alla tua e qualcuno mi ha risposto che “quelli che capiscono si sono spostati sul 29″ da tempo” .
Vedrai che tra qualche anno faranno bici(come qualcuno sta iniziando a fare nel mercato delle bici a pedalata assistita) il posteriore da 27,5″ e l’anteriore da 29″ e poi vedremo quelli che capiscono come si sposteranno di nuovo…

pk71
pk71

Le fanno già e anche da qualche anno, vedi Liteville

lupeaq

Bici poco interessante…telaio con sezioni tonde anni 80..ruote 27.5"…carbonio/titanio..mi sa di vecchio. L unica cosa interessante è la stampa 3d delle giunzioni. Da loro mi sarei aspettato di più..anche se è vero che sono agli inizi.

Sent from my EVA-L09 using MTB-Forum mobile app

F
Fbf

Non riesco a capire perchè questo fanatismo a tutti i costi verso il 29

Avendo un'enduro 29 mi trovo da favola! Ci sarà anche il fanatico ma obiettivamente le 29 hanno molti lati positivi!
Poi loro venendo dal DH avranno una chiara idea di cosa vogliono su una bici che devono usare…

Andrea#11
lupeaq

Bici poco interessante…telaio con sezioni tonde anni 80..ruote 27.5"…carbonio/titanio..mi sa di vecchio. L unica cosa interessante è la stampa 3d delle giunzioni. Da loro mi sarei aspettato di più..anche se è vero che sono agli inizi.

Sent from my EVA-L09 using MTB-Forum mobile app

D-Lock

Anche a me non ispira tanto il fatto che l'abbiano fatta da 27.5, ma forse una nicchia di mercato se la potrebbero guadagnare se tramite la tecnica che utilizzano, invece di avere a catalogo delle misure potessero offrire di fare bici con taglie su misura per ogni cliente. Un pò come fa Ancillotti del resto.

Da certi commenti, a quanto pare ora per essere figo e alla moda serve avere una 29.
Il 27.5 è già morto, vecchio, cacca.
In ews ed in Dh hanno vinto bici ibride e non 29 front/rear, quindi tutti questi vantaggi li vedete solo voi schiavi del marketing e del consumismo.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Y
ymarti

Solo per dire che Pierron l’anno scorso ha vinto con una 29/29 (commencal).

D-Lock
Andrea#11

Da certi commenti, a quanto pare ora per essere figo e alla moda serve avere una 29.
Il 27.5 è già morto, vecchio, cacca.
In ews ed in Dh hanno vinto bici ibride e non 29 front/rear, quindi tutti questi vantaggi li vedete solo voi schiavi del marketing e del consumismo.
Alla Rampage 2018 erano quasi tutti su 26, pensa che pippe!

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

E nelle bici da dirt usano le 24", e con questo??? Mi spieghi cosa c'entra?

Ho usato una AM da 27.5 fino a due anni fa, poi sono passato a una 29 e mi ci trovo molto meglio, posso quindi dire che a me una nuova AM/Enduro da 27.5 non interessa, o se lo dico sono per forza schiavo del marketing? O solo tu hai la verità infusa come leggo da parecchi tuoi commenti? Io non devo fare gare quindi quale sia più veloce non mi importa proprio niente, altrimenti dovrei dirti usando proprio il tuo esempio che anche una 27.5 front/rear è morta, vecchia, cacca, visto che hanno vinto con le ibride.

Andrea#11
D-Lock

E nelle bici da dirt usano le 24", e con questo??? Mi spieghi cosa c'entra?

Ho usato una AM da 27.5 fino a due anni fa, poi sono passato a una 29 e mi ci trovo molto meglio, posso quindi dire che a me una nuova AM/Enduro da 27.5 non interessa, o se lo dico sono per forza schiavo del marketing? O solo tu hai la verità infusa come leggo da parecchi tuoi commenti? Io non devo fare gare quindi quale sia più veloce non mi importa proprio niente, altrimenti dovrei dirti usando proprio il tuo esempio che anche una 27.5 front/rear è morta, vecchia, cacca, visto che hanno vinto con le ibride.

Le bici da dirt ora sono 26…
La mia verità è che ci si fanno troppe seghe mentali quando sarebbe meglio migliorare la propria tecnica; evidentemente è più facile comprare il giocattolo nuovo piuttosto che allenarsi nella tecnica.
Le 27.5 sono ancora attuali ma se non ti interessano ok; però non c’è: una è meglio e l’altra è peggio.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

C
carmine78

Personalmente penso che ognuno sia libero di fare e pensare come meglio crede. Però condivido appieno il tuo ragionamento e credo che per molti sia più facile cambiare bici che imparare a guidarle….

D-Lock
Andrea#11

Le bici da dirt ora sono 26…
La mia verità è che ci si fanno troppe seghe mentali quando sarebbe meglio migliorare la propria tecnica; evidentemente è più facile comprare il giocattolo nuovo piuttosto che allenarsi nella tecnica.
Le 27.5 sono ancora attuali ma se non ti interessano ok; però non c’è: una è meglio e l’altra è peggio.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Mostrami dove ho scritto che sono meglio. Ho detto che a me non interessano le 27.5.

Andrea#11
D-Lock

Anche a me non ispira tanto il fatto che l'abbiano fatta da 27.5, ma forse una nicchia di mercato se la potrebbero guadagnare…

Lo sottointendi.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

L
Andrea#11

Le bici da dirt ora sono 26…
La mia verità è che ci si fanno troppe seghe mentali quando sarebbe meglio migliorare la propria tecnica; evidentemente è più facile comprare il giocattolo nuovo piuttosto che allenarsi nella tecnica.
Le 27.5 sono ancora attuali ma se non ti interessano ok; però non c’è: una è meglio e l’altra è peggio.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Ero passato dalla 26 alla 27.5,allora la mia impressioni era che é meno istantanea nel cambiar traiettoria, dovevo arrivare più lungo in curva per chiudere alla corda, ma più sicura sullo scassato; la 27.5 meno divertente ma più veloce!
Immagino che la 29, mai provata, dia lo stesso risultato esponenziale.
Alla fine mi sa che contano le piste dove vai a girare, quindi ricordiamoci che le gare attuali le fanno su tracciati sempre più veloci e con sponde , quindi va da se che le 29 siano più adatte, inoltre conta anche la tua altezza per trovartici più o meno bene.
Ogni soluzione ha i suoi pro e contro, dipende da cosa si vuol fare e da come lo si vuol fare!

D-Lock
Andrea#11

Lo sottointendi.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Ah giusto, lo sottointendo. Va be', ciao.

Andrea#11

A me comunque la bici degli Atherton piace e meno male che l’hanno fatta 27.5.

Sent from my iPhone using MTB-MAG.com

Andrea#11

A me comunque la bici degli Atherton piace e meno male che l’hanno fatta 27.5.

Sent from my iPhone using MTB-MAG.com

P
paolo pendoli

La più veloce della tua vita.. Anche perché in sellaRachel non sembra la dolce fanciulla in trepidante attesa del suo compagno. Veramente anche senza la sella….

tylerdurden71
tylerdurden71

Coraggiosi a entrare in un mercato a dir poco competitivo, che sforna novità ogni giorno.. la vedo dura un’affermazione per il loro marchio, ma gli auguro di farcela.

K
klasse

Una robot bike di qualche anno fa. Niente di più
. Erano secoli avanti i ragazzi di robot bike che nessuno gli credeva. Vediamo adesso.

Y
ymarti

Concordo

fafnir

brutta

F
Fbf

Dire che il titanio (o meglio le sue leghe) è "duro" vuol dire poco o niente.

Mi spiace dirti che "non ricordi benissimo "

Sono rimasto indietro! Quando penso al titanio applicato al mondo della bici penso sempre a quei fantastici telai saldati tipo Lynskey, Nevi, Litespeed ecc…la stampa 3D pensavo fosse possibile solo con materiali plastici

lupeaq
Andrea#11

Da certi commenti, a quanto pare ora per essere figo e alla moda serve avere una 29.
Il 27.5 è già morto, vecchio, cacca.
In ews ed in Dh hanno vinto bici ibride e non 29 front/rear, quindi tutti questi vantaggi li vedete solo voi schiavi del marketing e del consumismo.
Alla Rampage 2018 erano quasi tutti su 26, pensa che pippe!

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

È un mio pensiero..come tu credi che siano meglio le 27, io credo invece che le migliori siano le 29..poi se hai ragione tu o meno, a me in tasca nn mi viene niente. Domani mattina mi alzeró sempre x andare a lavorare caro..

Sent from my EVA-L09 using MTB-Forum mobile app

Carmelo 74

Io non capisco queste prese di posizione, non esiste una verità assoluta, ma è tutto soggettivo. Gli Atherton si rivolgono al pubblico che apprezzare le caratteristiche di guida delle 27.5. Non vi piacciano? Niente… indirizzate la vostra preferenza verso un altro brand! E così anche per chi produce solo 29". Sono bici differenti per utilizzatori differenti. Quando decideranno di abbandonare un formato… gli sfortunati si adatteranno o cambieranno sport, rimpiangendo quello che era per loro il formato più adatto a loro. Da qui a quando accadrà… cerchiamo di gioire di questa possibilità di scegliere che fa più bene a noi che al mercato.

Sent from my SM-A320FL using MTB-Forum mobile app

teoDH

Senza dubbio le bici Atherton sono tra i progetti più interessanti di questi ultimi anni, con dietro il miglior progettista di sospensioni esistente, tecnologie per la prima volta innovative dopo 20 anni, e un sistema che può garantire una customizzazione mai vista prima…
Mi fa ridere che qualcuno la associ ai telai incollati di un tempo senza nemmeno soffermarsi sui progressi tecnologici di questi ultimi 30 anni, che stanno portando a soluzioni simili in campo automobilistico e che di fatto saranno sempre più impiegati in tanti settori.

darionollie_
darionollie_

Davvero…il livello di chiacchera da bar sotto questo articolo è disarmante, perle ai porci.

fafnir
darionollie_

Davvero…il livello di chiacchera da bar sotto questo articolo è disarmante, perle ai porci.

Del resto nel video non dicono praticamente nulla di tecnico o dettagliato sul processo produttivo, sulla sospensione o altro, è una semplice pubblicità anche per spingere sui loro sponsor.
Tra l'altro sono convinto che loro sappiano poco o nulla sul processo produttivo, per me ci hanno messo solo il nome.

Quindi non capisco perché vi aspettavate risposte di alto livello

darionollie_
darionollie_

Ma qualcuno qua sa chi è Dave Weagle?

Y
ymarti

Ho letto tutto e su alcune cose concordo, su altre meno.
Faccio solo presente una mia opinione su queste bici nate sotto il loro marchio:

1) la Rachel ci aveva abituato a vittorie con distacchi ben consistenti sulle seconde arrivate. A Maribor ciò non è successo. Coincidenze? 🙂

2) avete visto gli slow motion dei passaggi del team in confronto alle altre bici a Maribor? Le Atherton sembravano non fossero stabili, saltellavano, quasi sembrava non avessero grip.

3) Gee correva con il prototipo numero 5 (almeno le qualifiche). Al paddock aveva i prototipi 6 e la 7 pronti. Diverse geometrie, diverse bici per me!

Cosa voglio dire? Che sono ancora in sviluppo con le dh, figuriamoci con queste, e non tutto funziona come dovrebbe. Io adesso non comprerei mai un telaio del genere, ripeto in sviluppo, anche tenendo conto che le robot bike erano pressoché le stesse bici e non mi sembra abbiamo avuto tanti feedback positivi.

Questa è la mia opinione,

D-Lock

ymarti Ho letto tutto e su alcune cose concordo, su altre meno. Faccio solo presente una mia opinione su queste bici nate sotto il loro marchio: 1) la Rachel ci aveva abituato a vittorie con distacchi ben consistenti sulle seconde arrivate. A Maribor ciò non è successo. Coincidenze? 🙂 2) avete visto gli slow motion dei passaggi del team in confronto alle altre bici a Maribor? Le Atherton sembravano non fossero stabili, saltellavano, quasi sembrava non avessero grip. 3) Gee correva con il prototipo numero 5 (almeno le qualifiche). Al paddock aveva i prototipi 6 e la 7 pronti. Diverse geometrie, diverse bici per me! Cosa voglio dire? Che sono ancora in sviluppo con le dh, figuriamoci con queste, e non tutto funziona come dovrebbe. Io adesso non comprerei mai un telaio del genere, ripeto in sviluppo, anche tenendo conto che le robot bike erano pressoché le stesse bici e non mi sembra abbiamo avuto tanti feedback positivi. Questa è la mia opinione, Beh, però i loro prototipi sono quelli con cui devono provare a vincere le gare, ovvio che spinti al limite possono avere dei limiti ancora da sistemare. E comunque la Seagrave non è che è proprio ferma eh, batterla di 10 secondi può capirare una volta, come lei l'ha fatto altre vole. Ma soprattutto, il modello per "comuni mortali" chi è in grado di spingerlo al limite per riscontrarne gli eventuali limiti? Mi paiono i discorsi che sentivo 20 anni fa nelle moto: avevo un Ducati 748,… Read more »

Y
ymarti

hai ragione, in particolari sui prototipi. Ma guardando da profano le immagini sequenziali di certi tratti della gara, le altre bici sembrava fossero meglio. Solo questo dico…oh, poi magari mi sbaglio e sono delle bombe. Ma, d’altro canto, Gee ha fatto un tempo non da rilievo e la sorella ha faticato.
Se 2+2=5 -come dicevano i radiohead- Atherton guys sognano e basta…al massimo la sorellina fa funzionare il mezzo

christian.the.rider
christian.the.rider

Io ho ancora una 26″.. al netto dei super ingegneri che si sono espressi appena sopra, è il primo telaio che mi fa formicolare il portafogli. Attendo la versione finale!

D-Lock
marco

Convinto tu…

Ok la blastata a @fafnir che ci sta!, però Marco a questo livello di dettaglio lo so spiegare anche io come vengono fatte queste bici, stampo – stacco i pezzi – incollo i tubi – faccio asciugare. Oltretutto manca un aspetto che sarebbe carino sapere, ovvero come si incollano i tubi…

Il fatto è che secondo me gli Atherton non sono e non devono essere gli ingegneri del team, ne hanno di dedicati, a loro interesseranno immagino più questioni di quote geometriche, rigidità/flessibilità dei triangoli, e via dicendo. Poi gli ingegneri tradurranno le loro osservazioni sul campo in cambiamenti nel disegno dei vari pezzi.

fafnir
marco

Convinto tu…

Il compitino lo imparano anche i bambini a scuola, come le poesie

fafnir
darionollie_

Ma qualcuno qua sa chi è Dave Weagle?

Sì, quindi?

Ciccio
Fbf

Sono rimasto indietro! Quando penso al titanio applicato al mondo della bici penso sempre a quei fantastici telai saldati tipo Lynskey, Nevi, Litespeed ecc…la stampa 3D pensavo fosse possibile solo con materiali plastici

Anche con Titanio,anzi..

D-Lock
marco

Ovvio che non sono da soli, non è il loro mestiere. E allora?
Praticamente nessuna delle bici che compri è creata a mano dal proprietario del marchio, ma da degli operai che vivono in Oriente. Quindi, vai a dire a Sinyard che non progetta e salda le sue bici? O a un Pinarello? O a Yeti?
Se non altro il processo produttivo degli Atherton è in UK, tranne i tubi in carbonio che immagino arrivino dall'Oriente (come Colnago, tanto per citarne uno che usa un processo simile). Loro stabiliscono geo e dettagli, e poi il tipo ex robot glieli fa. Non ci vedo nulla di male, anzi, ad averne di gente che gira così e sa di cosa parla.

Sì ma non girare la frittata, sei stato tu a voler dire con quel video che gli Atherton ne sanno 😛 a me (e immagino anche a fafnir) sta benissimo che loro ci mettano il nome e le competenze da piloti, e che gli ingegneri facciano il loro mestiere.

E se proprio vogliamo dirlo, dei fratelli quello che ne capisce di più è Dan. Ma è quello che non conosce nessuno, quindi in video mettono gli altri due.

D-Lock
marco

mettiamola così: se investi nel tuo futuro post gare in un marchio di bici che ti deve dar da mangiare per il resto della tua vita, non metti i soldi in una cosa che non conosci. Un conto è se gli Atherton adesso vendessero tostapane.

In ogni caso, dal video si vede che non ho filmato i dettagli del telaio. Me lo hanno chiesto espressamente perché la bici è ancora un prototipo e alcuni dettagli cambieranno. Ovvio che ne sapremo di più fra qualche mese, ma non si discosterà molto da quella che vedete qui.

Beh, diciamo anche che giustamente investono dove sanno che il loro nome può essere speso come richiamo. Tu stesso sei andato a filmarli perchè è la bici degli Atherton, le Rezzonico Bikes non so a chi potrebbero interessare anche se fatte allo stesso modo… l'ho detto sopra, per me il potersi cucire addosso la bici ha sicuramente un bacino di potenziali clienti cui questa possibilità può interessare. Se sono un numero sufficiente per tenere a galla l'attività si vedrà.

D-Lock
marco

La stampa 3D richiede molto tempo ed è costosa. Al momento non è di certo adatta ad una produzione di massa, quindi credo che andranno a posizionarsi fra i telai di alta gamma, giocando anche sul Made in UK, e sui margini alti, piuttosto che sui numeri. È più facile farcela così, con il loro nome, che andare a far concorrenza a Canyon, Cube o Specialized

Assolutamente, e io da ipotetico cliente vorrei avere una bici come questa se fosse, tra le altre cose, anche esclusiva, e non un prodotto di massa.

salukkio

Hanno deciso di assicurarsi un futuro dopo le gare e quindi hanno pensato ad un marchio tutto loro.
Partire da zero era troppo impegnativo quindi si sono rivolti ad un marchio di nicchia, convincendoli che avrebbero allargato il bacino di utenza; hanno avuto un punto di partenza da dove cominciare e ci stanno mettendo la loro esperienza sul campo.
Il DWLink robot bike lo ha sempre avuto.