MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] RCM tutorial: come uscire forte da una curva

[Video] RCM tutorial: come uscire forte da una curva

[Video] RCM tutorial: come uscire forte da una curva

22/11/2018
Whatsapp
22/11/2018

Tutti abbiamo l’amico che esce fortissimo di curva costringendoci a pedalare come matti per raggiungerlo. A fine discesa lui arriva bello riposato e divertito e noi siamo stremati dai continui scatti.
Ma come si fa ad uscire forte di curva?

Se non lo aveste fatto vi invitiamo, prima ancora di aprire il video, a rinfrescarvi le idee con due tutorial dedicati alla curva, in particolare alle fasi e agli anticipi. Solo se queste due fasi sono fatte in modo perfetto potremo allora uscire a fionda da ogni curva.

RCM world
8 DICEMBRE 2018 – Save the date!
Questo il giorno in cui presenteremo le date 2019 dei nostri corsi. Fino ad allora però potete usufruire del nostro programma “Tienimi un posto”, pensato per i tantissimi che quest’anno si sono visti rifiutare l’iscrizione a causa del numero limitato dei posti. Il procedimento è gratuito e assicura il posto al proprio corso preferito. Seguite le istruzioni che trovate QUI e non perdete l’occasione, già in tantissimi hanno aderito!

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Koroviev

Bel video e molto istruttivo come sempre. Avrei una domanda a proposito "dell'avvitamento" che comporta l'abbassarsi sulla bici.
In base a cosa si può "decidere" se su una determinata curva bisognerebbe avvitarsi più o meno? Questo perchè determinate curve, tipo quelle con sponda, possono essere fatte alla stessa velocità, sia molto avvitato sia in una posizone molto alta avendo comunque una buona stabilità.

p.s.: il paragone con l'avvitamento/svitamento lo trovo davvero molto azzecato 🙂

pk71
pk71

Niente fuffa e tutta sostanza, jack the best.

Koroviev
Jack Bisi

Allora, per rispondere rimanendo in ottica “avvitamento” devi pensare di avere un filetto con passo diverso in base alle curve. Nel senso che rotazione e “abbassamento” non sempre sono costanti. In una curva molto chiusa e senza appoggio (tornantino ad esempio) la rotazione è molto maggiore rispetto all’abbassamento, in una curva con sponda come hai indicato tu, l’abbassamento è maggiore della rotazione. In pratica ci avvitiamo in modo diverso. Inoltre considera che sulla stessa curva la mia rotazione sarà sempre la medesima, ma il mio accucciamento può variare in base a quanta spinta io voglia dare in uscita (esempio se su una curva dopo ho controcurva + stretta o tratto di rilancio in uscita).

PS: Grazie… questa spiegazione sarà alla base di ulteriori puntate in futuro in cui analizzeremo QUANDO e QUANTO utilizzare gli strumenti che piano piano vi stiamo proponendo.

Grazie per la spiegazione davvero interessante e molto ragionata e di nuovo complimenti per i vostri video 🙂

Immagino che i vostri corsi siano davvero interessanti e ben strutturati.

felipekk
felipekk

Confermo che i loro corsi sono davvero interessanti e ben strutturati!!! Sia Jack che Fabio sono bravissimi (e hanno tanta pazienza). Consigliatissimi!

teoDH

Se pesi 90 kg e giri seduto esci a fionda sempre giusto @Jack Bisi (ahahahahahah)

Teofil75
Teofil75

Penso di capire perché uscire dalle curve in manual possa esser pericoloso, si perde aderenza e controllo sulla ruota anteriore. Ma ipotiziamo di avere un rilancio pulito e senza grossi ostacoli davanti, uscire in manual non fa prendere velocità più velocemente?
Un pò come gli sci, sposti il peso indietro e loro partono a razzo in avanti!!!