Visita ad EXT, sospensioni made in Italy

26

Sono andato nella sede di EXT, Extreme Racing Shox, in provincia di Vicenza, dove fanno ammortizzatori e forcelle destinati al mercato mountain bike e non solo. Un dato molto interessante è che il 90% dei pezzi disegnati e poi montati sui loro prodotti vengono creati da fornitori presenti sul territorio in un raggio di 50 km.

Franco Fratton ci porta in giro per la fabbrica e ci fa capire quanta precisione e dedizione ci sia dietro ad EXT.



.

EXT

Commenti

  1. Sinceramente vedendo questo video e confrontandolo con quello di Pinarello mi sembra che quest' ultimo sia tanto fumo e poco arrosto... Mi viene anche da pensare che quando i prodotti vanno a toccare anche altri settori come l'automotive l'arrosto è pure di qualità...
  2. Sarebbe stato interessante chiedere come vedono i sistemi di sospensioni elettroniche e se in futuro sarà un campo che affronteranno ?
  3. Chi dice che sono costosi è perchè come al solito non ha capito niente del prodotto e l'azienda che c'è dietro...soprattutto quando lo paragona ai prezzi di Fox/Rockshox.
    Intanto questi ammortizzatori sono cuciti addosso all'acquirente e alla propria bici.In fase di acquisto ti chiedono peso del biker,stile di guida del biker,marca e anno della bicicletta ( per tarare l'idraulica in base al tipo di schema ammortizzante e dal tipo di leva che ha)...sono tutti parametri che vanno ad influenzare il comportamento dell'ammortizzatore (quando compri un Fox o un Rockshox ,senza togliere niente a questi due brand,non ti chiedono queste info e nemmeno te lo tarano).Poi oltre al tagliando esiste anche l'opzione di "rigenerare" l'ammortizzatore se il proprietario vende la bici ma vuole mantenere l'ammortizzatore anche se cambia interasse e corsa shaft...insomma capite che ci sono molti valori aggiunti e che logicamente ne determinano un prezzo differente.Tra l'altro io che sono un biker della domenica da quando ho messo su un Ext Storia non torno più indietro...piuttosto giro con una trasmissione Altus ma l'ammortizzatore rimane quello.
Storia precedente

Darfkest 2024: primi salti e Sam Reynolds infortunato

Storia successiva

Nuovo casco Leatt Gravity 6.0 Carbon

Gli ultimi articoli in Report e interviste