Alluminio e mullet: Transition reinventa la Patrol

34

Con il successo della Sentinel e degli altri modelli da 29″ della gamma di Transition, molti di noi si chiedevano che fine avrebbe fatto la Patrol, storico modello da enduro rimasto legato al formato 27.5″ che ormai risulta meno richiesto. Transition è riuscita a dare nuova vita alla Patrol reinventandola in una veste moderna ma fedele alla storia del modello più longevo della sua gamma.

L’escursione è di 160mm alla ruota posteriore con l’ammortizzatore di serie da 60mm di corsa ma può essere portata a 170mm montando ammortizzatori con corsa da 65mm, disponibili come optional. La forcella di serie offre 160mm di corsa e ospita una ruota da 29 pollici mentre la ruota posteriore, come da tradizione della Patrol, o quanto meno dei modelli più recenti, è da 27.5 pollici. Esatto, la nuova Patrol esce di serie in configurazione mullet, ed è la seconda “mixed wheels” di casa Transition, dopo la Dirtbag di tanti anni fa (26/24″).

Il telaio è interamente realizzato in lega di alluminio 6061, garantito a vita, e gode di geometrie rinnovate, molto aggressive in pieno stile SBG Geometry di Transition e specifiche per la configurazione mullet, con la possibilità di essere modificate su due posizioni tramite un flip chip posizionato sull’ancoraggio inferiore dell’ammortizzatore. Inoltre il carro ha una lunghezza differente in base alle taglie, con 434mm per le taglie S e M e 440mm per le taglie L e XL.

Il triangolo anteriore offre sia lo spazio per un normale portaborraccia che l’attacco per un porta attrezzi sotto al top tube. Robusti gusci in gomma proteggono il telaio e il passaggio dei cavi è completamente interno.

Geometrie

Allestimenti e prezzi

Per la nuova Patrol saranno disponibili tre diversi allestimenti oltre al kit telaio. Ciascun allestimento prevede due diverse colorazioni. La disponibilità effettiva è prevista per questa estate.

Patrol XT: €5.999
Patrol GX: €5.299
Patrol Deore: €3.999

Patrol telaio: €2.399

Transition Bikes

 

Commenti

  1. vitamin:

    Grazie per la precisazione, non conoscevo questo antefatto che potrebbe in effetti spiegare questa nuova tendenza di formato ruote
    "Nuova"... parliamone. Il regolamento UCI in merito alle ruote di formato differente è del 2018 e immediatamente dopo in world cup hanno iniziato a usarlo.
  2. torakiki.gt:

    In realtà le mullet 26-27.5 esistevano già 10 anni fa, e ancora prima 24-26, le sperimentarono pochi costruttori ma il mercato era già stregato dalle enduro 27.5
    Scusa ma credo tu non abbia letto tutto il mio post, ho scritto che le 26/24 erano in voga nei primi 2000. Sui mullet 27.7/26 ammetto di non averli mai notati (tranne alla rampage dove sono in voga tutt'oggi, andreu lacondeguy ora ha una mullet 27.5/26, ma sono customizzazioni), per curiosità hai qualche modello che era "a catalogo" da indicarmi? Non si finisce mai di imparare :-)
  3. torakiki.gt:

    Il modelli esatti non gli ricordo, ma ai tempi mi ricordo che su qualche rivista si pubblicizzzava qualche modello da 27.5-26 , forse una era la foes.
    Io invece ho avuto una demo 9 in cui il leveraggio era impostabile su 26 e 24.
    Ma quel tipo di bici sono finite presto nel dimenticato, mentre ora le nuove mullet sembra che siano apprezzate sia dal pubblico che dai pro
    Cmq ricordando il periodo d'oro del freeride "ignorante" dei primi anni 2000 i mullet 26-24 sono stati relativamente diffusi come fenomeno. I mullet 27.5-26 non li avevo proprio notati, immagino siano durati ancora meno dei 26-24..
Storia precedente

Nuovo telescopico Fox Transfer SL da 327 grammi

Storia successiva

Nuovi allestimenti per la YT Izzo

Gli ultimi articoli in News