Bici della settimana #362: la Specialized Epic di Ide84

Bici della settimana #362: la Specialized Epic di Ide84

Marco Toniolo, 08/08/2020

Una Specialized Epic super customizzata e curatissima nei dettagli, nella versione che il suo proprietario definisce “Pianura Padana”. Peso: 10.66kg. Totalmente pellicolata Chameleon Skin.

Epic S-Works 2019 colorazione Limited

Forcella
Bright Racing Shocks F929 Steli 100 mm (80 mm di escursione)
Ammortizzatore
Tuning brain ammortizzatore by Andreani
Guarnitura
Race Face Next SL G5
Corona
Carbon Ti X-DirectRing 32T
Deragliatore
Ceramic speed OSPW specifico per AXS
Cassetta
Sram Eagle Axs
Catena
Sram Eagle
Pedali
Look X-Track Race Carbon TI
Reggisella
Ritchey WCS Carbon Link Flexlogic
Sella
Selle Italia Flow in carbonio Team Edition
Attacco manubrio
Integrato
Manubrio
Syncros Fraser IC SL
Serie sterzo
Works Components Angle set -1,5° (angolo sterzo eq. 65°)
Manopole
ESI Racer’s Edge nere
Freni
Trickstuff Direttissima
Dischi
Carbon Ti X-Rotor Steelcarbon 180 + 160 mm
Cerchi
Bike Ahead Biturbo RS
Mozzi
DT 240s
Gomme
Vittoria Barzo 29 x 2.25, posteriore Vittoria Mezcal 29 x2.1
Perni
Meti in titanio
Portaboraccia
Arundel in carbonio UD

Proponi la tua bici per questa rubrica

 

Commenti

  1. Speak:

    Boh e se non l'hai provato perchè lo hai fatto modificare da Andreani ? Magari andava già bene.
    Ok, la forcella andrà anche bene ma una rock shoks la paghi meno della metà e la revisioni con 30 per esempio.
    Freni montavi con 160€ un paio di SLX (io monto 4 pistoni anteriori e 2 posteriore ma su una XC andavano bene entrambe a 2) e te li dimenticavi.
    Il cambio elettronico poi ti fidi bene a usarlo in un giro di più giorni, se si scarica sei a piedi, se lo ciocchi su una pietra quanti € ci lasci giù.
    Per non parlare poi di tutti componenti usa e getta in carbonio......

    Per me una bici affidabile è tutt'altro: zero carbonio, compopnenti di facile gestione, affidabili, facilmente reperibili e revisionabili, la tua è una bici da esposizione, quelle che si vedono in fiera.

    Poi ci mancherebbe ora è tutta nuova, normale che abbia zero problemi, la differenza la si vedrà tra 4 o 5 anni
    ..due domeniche fa: un amico in pineta (sottolineo: pineta...) con una normalissima Giant con gli SLX. Momenti si ammazza su una cunetta (in pineta lo avevo già detto?).
    Anno scorso; sempre in pineta (quello mi posso permettere io..) monarch RC (mi pare) esploso dopo altra cunetta.
    Se vuoi ti parlo pure di bici in alluminio di marchi blasonati viste spaccate sia al livello delle saldature che non (però non in pineta stavolta...).
    Tutto è molto relativo: affidabilità compresa.
    Ti sei trovato bene con l’allumino? Bene: continua a comprare bici in alluminio.
    Ti trovi bene con gli SLX: bene... continua ad usare gli SLX.
    Però magari evita di giudicare chi, con quella “accozzaglia esoterica”, ti ha appena detto di aver chiuso un giro non-in-pineta ma di indubbia difficoltà in 3 giorni.
    Ah... un ultima cosa:
    CARBONIO = minor peso (ma non sempre) ma soprattutto = maggior rigidità e minori vibrazioni.
    Ciao (dalla pineta..).

    DON
  2. Bella bici, sicuramente ottima nelle scelte tecniche, ma è roba che non conosco e non posso dire niente..a al di là di tutto:

    Quel kit pronto soccorso messo con il nastro nero (!!!!) che tappa il telaio là dove c'è quell'intervento di alleggerimento estetico bellissimo (e non sono amante di specy ehhhh)
    È ORRENDO!
    Hai fatto trenta fai trentuno e spendi altri 3/400€ per una soluzione in ipercarbonio alleggerito per nascondere pompa e camera d'aria daiiiiii!