Cannondale Lancia il programma di spedizione diretta al consumatore

26

[Comunicato stampa] Cannondale, marchio premium di Dorel Industries Inc. (TSX: DII.B, DII.A), ha presentato alla rete di rivenditori europei ed americani, il programma di spedizione diretta al consumatore. Il nuovo programma consente ai negozianti di ordinare una bicicletta e spedirla direttamente dal magazzino Cannondale al consumatore.

I negozi di biciclette sono ancora chiusi in molti paesi, e stanno andando incontro a riaperture scaglionate e normative che limiteranno il flusso di accesso al punto vendita. I consumatori, dal canto loro, stanno modificando i loro comportamenti di acquisto indirizzandosi maggiormente verso gli acquisti online, durante questo periodo di distanziamento sociale. Cannondale desidera aiutare i suoi rivenditori, alleggerendoli di una parte del lavoro, in maniera che possano accontentare i loro clienti durante questo periodo di incertezza.



.

Il procedimento è molto semplice. I consumatori possono individuare il modello di bicicletta che desiderano sul sito
cannondale.com, contattare il rivenditore Cannondale di zona e procedere all’ordine della bici attraverso il negoziante.
Ogni bicicletta sarà consegnata all’indirizzo di casa del consumatore, perfettamente assemblata in scatola e quasi pronta per essere pedalata, unitamente a istruzioni per il semplice assemblaggio finale.

Ulteriori dettagli sull’iniziativa sono disponibili sul sito cannondale.com.

Commenti

  1. Il problema non è tanto avere la bicicletta consegnata a casa , ma piuttosto una volta che hai la tua bella MBT nuova di pacca dove cavolo puoi andare se non si può uscire ? :arrabbiat:
  2. lollo72:

    Il problema non è tanto avere la bicicletta consegnata a casa , ma piuttosto una volta che hai la tua bella MBT nuova di pacca dove cavolo puoi andare se non si può uscire ? :arrabbiat:
    la usi sui rulli e posti la foto sui social, dopo aver postato la prestazione su strava ovviamente :smile:
  3. C'era la discussione se il coronavirus provocherà la chiusura dei negozi... ecco... se i produttori dovessero tutti fare così, certo che si: RIP negozi di biciclette. L'altro giorno Orbea, adesso Specialized, Canyon e altre già lo facevano.
    Vero anche il discorso del mancato sconto in negozio rispetto al prezzo di listino. Sarebbe da augurarsi che quel prezzo fosse stato formulando prevedendo il passaggio del negozio, ma qui potrebbero saltare un punto della filiera, mantenendo il prezzo invariato.
Storia precedente

Nuova gamma di prodotti battericidi da Muc-Off

Storia successiva

Inseguendo il figlio

Gli ultimi articoli in News

Nuova Norco Sight

Oltre alla Optic, Norco presenta anche la nuova Sight, una All Mountain con 160/150mm di escursione…