Cannondale Lancia il programma di spedizione diretta al consumatore

Cannondale Lancia il programma di spedizione diretta al consumatore

Staff, 24/04/2020
Whatsapp
Staff, 24/04/2020

[Comunicato stampa] Cannondale, marchio premium di Dorel Industries Inc. (TSX: DII.B, DII.A), ha presentato alla rete di rivenditori europei ed americani, il programma di spedizione diretta al consumatore. Il nuovo programma consente ai negozianti di ordinare una bicicletta e spedirla direttamente dal magazzino Cannondale al consumatore.

I negozi di biciclette sono ancora chiusi in molti paesi, e stanno andando incontro a riaperture scaglionate e normative che limiteranno il flusso di accesso al punto vendita. I consumatori, dal canto loro, stanno modificando i loro comportamenti di acquisto indirizzandosi maggiormente verso gli acquisti online, durante questo periodo di distanziamento sociale. Cannondale desidera aiutare i suoi rivenditori, alleggerendoli di una parte del lavoro, in maniera che possano accontentare i loro clienti durante questo periodo di incertezza.

Il procedimento è molto semplice. I consumatori possono individuare il modello di bicicletta che desiderano sul sito
cannondale.com, contattare il rivenditore Cannondale di zona e procedere all’ordine della bici attraverso il negoziante.
Ogni bicicletta sarà consegnata all’indirizzo di casa del consumatore, perfettamente assemblata in scatola e quasi pronta per essere pedalata, unitamente a istruzioni per il semplice assemblaggio finale.

Ulteriori dettagli sull’iniziativa sono disponibili sul sito cannondale.com.

Commenti

  1. Il problema non è tanto avere la bicicletta consegnata a casa , ma piuttosto una volta che hai la tua bella MBT nuova di pacca dove cavolo puoi andare se non si può uscire ?
  2. Se continuano a proporre bici con quei prezzi assurdi dubito che incrementeranno le vendite...
    Nei negozi si trovano bici nuove dell'anno precedente con sconti SUPERIORI al 50%...
    Il mercato è strasaturo, i prezzi per la maggior parte osceni, i montaggi di alcuni modelli vergognosi...
    I polli che cascano nelle trappole della fuffa del marketing sono sempre meno...
    Possono inventarsi tutte le nuove proposte che vogliono ma se non calano i prezzi le bici non le vendono!