Cosa fare quando piove

Cosa fare quando piove


Anche quest’estate formato magnum è finita: il monsone è arrivato e con lui le piogge torrenziali che rendono difficili le uscite in bicicletta. Ogni tanto ci sono delle pause, ma i sentieri sono fradici e spesso pieni di foglie. Se l’acqua non viene più dal cielo, ci bagna sollevata dalle nostre ruote.

Ecco quindi delle idee su cosa fare durante questi periodi.

Continuare ad uscire, usando i vestiti giusti

Non esiste il cattivo tempo, ma solo cattivi vestiti“. Questo detto nord europeo mi ha sempre affascinato, anche perché lo trovo piuttosto naìve, oppure adatto alle pianure dove uno non suda quando è coperto da giacche e pantaloni impermeabili. Se vivete nelle vicinanze di una montagna/collina, quando vi vestite come Danny MacAskill in questo video e sta piovendo, non c’è GoreTex o materiale miracoloso che tenga, nel senso che suderete sotto i vestiti quando pedalate in salita, e arriverete in cima fradici comunque.

In ogni caso, questa settimana farò da cavia e vi riferirò come si comportano i vestiti da pioggia di Danny sotto il monsone, cioè la linea Endura MT500 che ci è appena arrivata in test.
Update: qui trovate la nostra prova.

Continuare ad uscire, adattando giro e mezzo

Un’alternativa è cercare un percorso in pianura e rassegnarsi. I più fortunati avranno un bel singletrack nel bosco piatto, gli altri magari opteranno per la bitumiera, mimetizzandosi fra gli stradisti visto che i pelazzi saranno coperti dai pantaloni lunghi. C’è però una terza soluzione: usare una bici elettrica. In salita si riesce a non sudare aumentando l’assistenza e salendo tranquilli. Ci si riesce a coprire completamente di vestiti impermeabili, non bagnandosi, e ci si divertirà in discesa su sentiero.

Ho fatto quest’esperimento lo scorso inverno, quando le temperature erano rigide e non avevo particolarmente voglia di prendere freddo sudando in salita e gelandomi in discesa. Sono uscito quasi vestito da sci, usando una Specialized Kenevo, ho percorso circa 800 metri di dislivello arrivando e sorpassando il limite della neve, e mi sono divertito in discesa sui soliti sentieri. Non mi ricordo di avere avuto freddo neanche ai piedi, a dir la verità, proprio perché ho evitato di sudare.

Zwift

Fortnite, Battelfield I e Fifa 2019 sono tutti degli ottimi passatempo durante l’inverno, ma vi ritroverete a farvi inesorabilmente battere da qualche 13enne brufoloso mentre voi tentate di svitarvi le dita che annaspavano alla ricerca del tasto giusto sul comando remoto. Se volete vivere qualche momento di gloria in un videogioco, e non ingrassare come dei tacchini seduti sul divano, eccovi Zwift.

A prima vista si tratta dei soliti pallosissimi rulli, in verità pedalate in una realtà virtuale dove i vostri compagni/rivali sono altri disperati come voi che pur di mantenere la forma salgono in sella ad una bici senza ruota posteriore fissando uno schermo e creando una pozza di sudore degna della più grande pozzanghera che potete trovare fuori casa vostra.

Piani di allenamento, gare, ritrovi, challenge, KOM (si anche quelli): Zwift rende dipendenti ed è anche divertente. L’ho usato durante lo scorso inverno e mi sono intrippato nel voler aumentare la mia FTP, facendo sforzi sovraumani quando fuori il tempo era inclemente. Su BDC abbiamo creato una sezione apposita, con tanto di gruppo Discord e incontri domenicali (virtuali). Vi ritroverete in primavera con la migliore forma della vostra vita.

Palestra e altri sport indoor

Partendo dal presupposto che, se volete mantenere la forma per andare in bici, non c’è niente come i rulli e Zwift, qualcuno preso dalla disperazione si iscrive in palestra perché vuole diventare un toro come Richie Ride e allo stesso tempo guardare qualche essere umano dell’altro sesso che gli/le ispiri sentimiento e magari stringere qualche relazione che porti a sport supini solitamente gratuiti. Dopo il mese di prova comincerete a sognare le montagne e la bici. Dopo il primo mese a pagamento non ne potrete più di sollevare pesi ma ormai è troppo tardi e vi tocca finire i 6 mesi come da contratto, cosa che non riuscirete a fare. Quindi pagherete e non ci andrete, e molto probabilmente nessuno vi ha neanche messo supini.

Sul nuoto non mi dilungo, se non dicendo che è un bell’allenamento ma difficilmente si trova qualcosa di così alienante: non si può parlare, non si ascolta musica, si fissa una riga bianca e si puzza di cloro. Sugli altri sport vi chiedo di mettere le vostre esperienze nei commenti.

Sport invernali

Sci di fondo, sci alpinismo, sci da discesa: bellissimi e un perfetto complemento all’attività estiva in bici. Il problema è che questo articolo riguarda cosa fare quando piove, non quando nevica.

Jogging

Mi viene sempre in mente questo film quando vedo qualcuno correre nella pioggia.

Di certo lo jogging è anche lui molto allenante, ma le prime volte richiede una dose di masochismo non indifferente, perché muscoli che non sapevate di avere vi faranno male per giorni, e quando questi saranno ok ecco che ginocchia e caviglie grideranno pietà. Questo accade soprattutto a chi arriva allenato da un altro sport come il ciclismo: la condizione fisica c’è e spinge ad esagerare con le prime uscite di corsa.

In ogni caso, consolatevi guardando la maratona di Venezia di ieri con l’acqua alta. Divertentissima.

Rassegnarsi

Ovvero aspettare che smetta di piovere. D’altronde si dice che riposarsi sia così importante come allenarsi.

Like
Like x 1
  1. … io esco anche con il brutto tempo e mi diverto un sacco, aspetto il momento che piove un po meno e vado, poi quel che succede succede.
    Azzeccare l’abbigliamento è la sfida piu grande, bisogna provare e riprovare trovando i capi giusti e gli strati ( si, il segreto è vestirsi a strati o cipolla )

    0
  2. Io purtroppo mi rassegno…5gg che non esco…non ho voglio si spendere per i rulli virtuali e gli altri mi stuferebbero..non pioverà una settimana di fila [email protected]!!
    Intanto ne ho approfittato per sostituire corona cassetta e catena e vagare su mtb e bdc forum… se prima o poi smette di piovere mi fiondo subito in sella!!

    0
    1. mi dà “page not found” Un peccato perché ero curioso di vedere se la tua soluzione somigliava alla mia – che esco sempre, pure coi tifoni, MA viaggio in orizzontale. Contrariamente a quel che lascia intendere l’articolo, arrivo a destinazione sudato fradicio. Però ho di che lavarmi e i porto dietro di che cambiarmi, per cui insisto.

      0
  3. L’azienda per cui lavoro ha aderito ad un servizio che si chiama Gympass. Paghi un abbonamento mensile e puoi andare in tutte le strutture che hanno aderito a quel pacchetto. Ci sono abbonamenti da 10 a 50€ al mese e il bello è che paghi mese mese e ti cancelli quando vuoi…

    Hai il vantaggio di provare più sport e rimanere iscritto solo per quei mesi che ti servono (a me… 3 o 4 bastano)

    0
  4. Gravel e sentieri di fondovalle, finchè non c'è un fondo accettabile (cioè non c'è più un metro di fango ovunque che si scivola solo a infilarsi il casco).
    Poi quando il problema è solo il freddo (e non più la pioggia/fango) si ricomincia, solo più vestiti. Il fango gelato è fantastico, ha lo stesso grip della terra asciutta.
    Personalmente trovo le radici bagnate fastidiose quanto le supposte, quindi le evito.
    La neve invece la trovo bellissima in mtb, ma siamo già Off Topic.

    0
  5. Che poi…. uscire da casa in bici con la pioggia non lo faccio, ma se la trovo in monte, magari finisco anche il giro; nella stagione fredda anche no ! ma quando non è proprio freddo stare in monte con la pioggia ha anche il suo fascino…
    Interessante il pantalone, pedalare con un pantalone del genere…. la giacca, va bè, ci stà… il cappuccio se non usato dà fastidio ? Sventola in discesa ? Si aggancia allo zaino ? Quando indossato, riesce a coprire bene il casco ? Nei movimenti di lateralità rimane in posizione ?

    0
  6. io capisco materiale tecnico e sopportazione fisica di ognuno e potrei anche affrontarla, ma quello che non riesco a superare è l’usura della bici e quindi del mezzo.
    uscire con con pioggia sicura vuol dire usurare inevitabilmente molto di più tutti i componenti, freni, trasmissione, sospensioni, senza che io sia pagato per farlo. tutti i componenti si usurano tantissimo e secondo me ha ben poco senso farlo se non si ha tanto denaro da buttare o si è obbligati a farlo per contratto o per obbiettivi personali condivisibili o meno, senza considerare il rischio, almeno per me, di danneggiare la bici, anche poco, per scivolate stupide che sul bagnato possono capitare molto più sovente.
    preferisco aspettare almeno un giorno che asciughi un pochino, oppure fare altro come consigliato nell’articolo.
    al massimo con una corsetta sotto la pioggia e il giusto abbigliamento si rischia meno ma ci si tiene in forma

    0
    1. certo… se non la usi anche d’estate resta proprio nuova nuova … 😉
      Personalmente se dovesse capitarmi di non uscire per non rovinare la bici mi chiederei se ho acquistato una bici che non posso permettermi….
      Meglio un cancello che usi quando vuoi “senza rispetto” che un gioiellino da teca museale.

      0
  7. Niko9

    Che poi…. uscire da casa in bici con la pioggia non lo faccio, ma se la trovo in monte, magari finisco anche il giro; nella stagione fredda anche no ! ma quando non è proprio freddo stare in monte con la pioggia ha anche il suo fascino…
    Interessante il pantalone, pedalare con un pantalone del genere…. la giacca, va bè, ci stà… il cappuccio se non usato dà fastidio ? Sventola in discesa ? Si aggancia allo zaino ? Quando indossato, riesce a coprire bene il casco ? Nei movimenti di lateralità rimane in posizione ?

    te lo dico quando l'ho provato. Comunque il cappuccio si può fissare ad un'asola che si trova dentro il colletto, quando non serve

    0
  8. Smanicato termico dell’Endura con sotto un intimo termico ed una maglia autunnale per la salita. Poi in discesa una giacca sempre dell’Endura. Poi dipende dai giri..se è una salita lunga con una sola discesa allora zaino con intimo di ricambio.

    0
  9. quando piove, quando non piove ma fa freddo e fa buio presto, e non si ha tempo di uscire il mattino , faccio solo palestra tanta palestra. poi ad inizio primavera se ne riparla. la bici in inverno la uso una volta a settimana se va bene, e non mi manca. il modo per tenersi in forma c e, se perdo un po di gamba e di allenamento chissenefrega, non lo faccio di lavoro. l importante e non diventare delle mozzarelle sfatte in inverno, la muscolatura va tenuta bella allenata anzi un po di massa magra in piu fa comodo, poi a primavera ti asciughi e ti definisci con la bici. pero' l importante e nn mettere su massa grassa nel periodo invernale

    0
  10. Bello il completo Endura… però più di 400 € come street price è una botta!
    Personalmente non esco se piove, ma se minaccia di farlo sì. Dopotutto, una volta che ci si è riscaldati (il che significa che si è già ben sudati) la pioggia è un problema relativo. L’unico requisito che deve avere una tenuta impermeabile è quello di non fare un eccessivo effetto serra, perché dopotutto se si pedala sul serio si suda e dunque ci si bagna comunque. Per me l’unico segreto è non fermarsi mai e continuare a tenersi caldi. Tanto a fine giro io sono bagnato lo stesso (non zuppo, eh, perché ho una tenuta decente, ma bagnato sì)…

    0
  11. Lucky86

    io capisco materiale tecnico e sopportazione fisica di ognuno e potrei anche affrontarla, ma quello che non riesco a superare è l'usura della bici e quindi del mezzo.
    uscire con con pioggia sicura vuol dire usurare inevitabilmente molto di più tutti i componenti, freni, trasmissione, sospensioni, senza che io sia pagato per farlo. tutti i componenti si usurano tantissimo e secondo me ha ben poco senso farlo se non si ha tanto denaro da buttare o si è obbligati a farlo per contratto o per obbiettivi personali condivisibili o meno, senza considerare il rischio, almeno per me, di danneggiare la bici, anche poco, per scivolate stupide che sul bagnato possono capitare molto più sovente.
    preferisco aspettare almeno un giorno che asciughi un pochino, oppure fare altro come consigliato nell'articolo.
    al massimo con una corsetta sotto la pioggia e il giusto abbigliamento si rischia meno ma ci si tiene in forma

    Ciao è acqua e fango al Max la sporchi ma usura maggiore proprio no!

    Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

    0
  12. Spendendo di meno ci si può rifornire da Decathlon. Vado in bici quasi tutti i giorni, tranne quando qualche collega mi da uno strappo in auto.
    Giacca impermeabile traspirante con cappuccio sotto il casco.
    Soprapantalone con copri scarpe.
    Scarpe impermeabili in goretex.
    Intimo tecnico traspirante.
    Certo la sudatina è dietro l'angolo però come hanno suggerito molti utenti…un bel ricambio nello zaino
    [emoji6]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  13. Wallyacm

    Ciao è acqua e fango al Max la sporchi ma usura maggiore proprio no!

    Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

    Come dice doib l'acqua è nemica della bici, vero che quella a bassa pressione non fa danni di solito e prendere pioggia casualmente ogni tanto non fa nulla con la giusta cura della bici, ma prenderla regolarmente sapendo di uscire sotto la pioggia la bici si consuma un sacco. acqua prima o poi penetrerà dappertutto richiedendo comunque manutenzioni più frequenti, terra e sabbia fanno danni enormi a cuscinetti, sospensioni, trasmissione, freni, sicuramente più di quanto ne farebbe la polvere estiva che comunque non deve essere trascurata.

    doib

    Scusa ma come fai a dire di no….niente come terra e acqua ti smeriglia corone pignoni catena e pastiglie dei freni eccetera…senza contare la ruggine nei cuscinetti vari…

    0
  14. sono proprio curioso di leggere il test del completo endura. quando ho visto il video ho proprio pensato, visto il mio livello di sudorazione sotto sforzo, che mi sarei bagnato meno prendendo la pioggia che non indossando quel kit.

    0
  15. Quando piove e fa freddo non esco… il mio fisico mi ha dimostrato che è molto probabile portarsi a casa un raffreddore. con le piogge estive il discorso è ovviamente diverso… se non diluvia si esce.
    Attività alternative, camminata o corsa rigorosamente nel bosco, oppure nuoto.

    0
  16. Faccio la salita in mezzo al bosco fitto che non piove mai a dirotto; scelgo la montagna con il terreno che regge meglio. Anche la discesa in mezzo al bosco, gomma da fango pesante davanti e fango medio dietro.

    Uso un pantalone da xc sotto gli Short da endurista e via. Sacco della pattumiera sul sedile al ritorno in macchina e fine. Quelle giacche integrali mi fanno sudare solo a vederle.

    L’unico vero problema è che bisogna lavare sempre la bici.

    0
  17. Pietro.68

    sono proprio curioso di leggere il test del completo endura. quando ho visto il video ho proprio pensato, visto il mio livello di sudorazione sotto sforzo, che mi sarei bagnato meno prendendo la pioggia che non indossando quel kit.

    Ciao Pietro buongiorno, ricordi quando chiedevo lumi sull'abbigliamento?
    Ebbene anziché spendere 300 euro per un solo capo (Endura ad esempio) li ho spesi fra vari abbigliamenti dal Deca, comprese le scarpe.
    Vedi l’allegato 263085Non so se facendo lo zoom si riesce a vedere il tipo di abbigliamento e se vuoi ti dico i modelli e codici.
    A parte la giacca fluo che è davvero pesante per le temperature rigide, le altre giacche sono più fresche ma sempre invernali. 50km in 2 tappe e solo la fronte sudata, la schiena leggermente sudaticcia ma la stessa di un'estate con mezze maniche tecnica.
    Le scarpe, oltre a quelle in foto (Salomon Xultra Gtx1) le ho anche a collo alto da indossare coi nubifragi. Non una goccia, assicurato[emoji6]
    Che dire…buone pedalate sotto gli acquazzoni a tutti[emoji8]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  18. D-Lock

    Io uso da un anno Zwift e confermo tutto, rende l'allenamento divertente e mai monotono. Devo ancora provare le "non uscite" di gruppo.

    Ciao Big D, ho copiato e incollato Zwift ma nulla ho trovato a riguardo. Che cos'è?

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app
    Edit…ahhhh ok, lo strumento cyclette[emoji106]
    Pensavo fosse un indumento[emoji5]

    0
  19. D-Lock

    Io uso da un anno Zwift e confermo tutto, rende l'allenamento divertente e mai monotono. Devo ancora provare le "non uscite" di gruppo.

    Azz lo zwift inspira non poco anche me.

    Unico problema, quanti €€ di investimento richiede considerando che non ho bici da stada e rulli?

    Ci sono poi altri software, uno in particolare ma non ricordo il nome, che mostra proprio la strada in prima persona come se si stesse pedalando.

    In questo caso come vengono simulate le salite? Bisogna avere rulli apposta?

    Scusate ma in campo bici strada e rulli ammetto l ignoranza

    0
  20. jz91

    Azz lo zwift inspira non poco anche me.

    Unico problema, quanti €€ di investimento richiede considerando che non ho bici da stada e rulli?

    Ci sono poi altri software, uno in particolare ma non ricordo il nome, che mostra proprio la strada in prima persona come se si stesse pedalando.

    In questo caso come vengono simulate le salite? Bisogna avere rulli apposta?

    Scusate ma in campo bici strada e rulli ammetto l ignoranza

    Ciao, c'è bkool che offre anche i video credo. Comunque, che ci sia un video reale o un ambiente 3D come Zwift poco importa, la base tecnica è sempre la stessa: ti serve una bici e i rulli.

    Per la bici puoi anche montare una ruota da strada posteriore da 28" su una MTB da 29", io prima di prendere la bdc facevo così. Per i rulli l'ottimale è averne uno con tecnologia ERG ovvero che può variare la resistenza tramite comando remoto proveniente dal software. È così che simula una salita.

    0
  21. se proprio non diluvia, vestito come un manichino Endura, esco a pedalare!!!

    giacca MT500: ho il primo modello, ogni tanto devo ridare lo spray impermeabilizzante, ma funziona bene. quella nuova è anche meno rigida della mia e più confortevole.

    😉

    0
  22. jz91

    Azz lo zwift inspira non poco anche me.

    Unico problema, quanti €€ di investimento richiede considerando che non ho bici da stada e rulli?

    Ci sono poi altri software, uno in particolare ma non ricordo il nome, che mostra proprio la strada in prima persona come se si stesse pedalando.

    In questo caso come vengono simulate le salite? Bisogna avere rulli apposta?

    Scusate ma in campo bici strada e rulli ammetto l ignoranza

    puoi usare qualsiasi vecchio cancello che hai in garage, non serve una bdc.
    Con zwift pedali e ti vedi sullo schermo. Se poi hai un rullo come questo, la pedalata si indurisce quando fai una salita: https://www.bdc-mag.com/test-rullo-elite-direto/
    Più pedali su zwift e più tracciati, bici e gadget ti si sbloccano. È proprio un videogame, solo che non si sta fermi sul divano.

    0
  23. marco

    puoi usare qualsiasi vecchio cancello che hai in garage, non serve una bdc.
    Con zwift pedali e ti vedi sullo schermo. Se poi hai un rullo come questo, la pedalata si indurisce quando fai una salita: https://www.bdc-mag.com/test-rullo-elite-direto/
    Più pedali su zwift e più tracciati, bici e gadget ti si sbloccano. È proprio un videogame, solo che non si sta fermi sul divano.

    Ottimo grazie per le dritte.

    Giusto per curiosità, i tratti in discesa come li simulano? Si smette di pedalare e si guida in automatico fino che si torna sul piano o in salita?

    0
  24. jz91

    Ottimo grazie per le dritte.

    Giusto per curiosità, i tratti in discesa come li simulano? Si smette di pedalare e si guida in automatico fino che si torna sul piano o in salita?

    no, devi continuare a pedalare ma la resistenza del volano diminuisce. In compenso aumenta la velocità virtuale, quindi fai più km

    0
  25. marco

    no, devi continuare a pedalare ma la resistenza del volano diminuisce. In compenso aumenta la velocità virtuale, quindi fai più km

    Volendo i modelli più evoluti di tacx, il flux e il neo, simulano la discesa, quello che chiamano coasting, dove effettivamente puoi anche smettere di pedalare. Ma costano un bel po'.

    0
  26. jab

    Ma sono io l'unico che inizio a pedalare in maniera più assidua in autunno e finisco in primavera e poi fare qualche giretto in estate???:-P::-P::-P:

    Nono… io soffro tremendamente il caldo, mi scoppia e fa star male anche a casa fermo sulla brandina col ventilatore acceso, di fatti luglio e agosto le mie uscite sono solo furgonate o park, anzi, nel periodo più caldo neanche quelle proprio, giungo e settembre dipende dalla stagione, da ottobre a maggio invece problemi zero e se proprio non diluvia o fa temporali la mountain bike me la godo alla grande.
    Va detto però che a Massa dove abito e dintorni solitamente sono veramente pochi i giorni un cui si va vicini allo 0 e anche in pieno inverno almeno 7 o 8 gradi anche nelle giornate più fredde nelle ore centrali ci sono, nella media più quelle da 10-14, quindi viene facile uscire con maglia termica, pettorina, jersey leggero, fondello, pantaloncini corti o se bagno e piove lunghi leggeri, calzettoni alti e giusto un anti vento o pioggia portato dietro per la discesa.

    0
  27. Io mi sto giusto ora apprestando ad adattare la mia bici da strada (strada bel senso lato, asfaltata o meno) alla stagione invernale…Vedi l’allegato 263174Finora l'ho felicemente utilizzata sia su asfalto che su sterrati semplici così com'è, con le 650x42b attorno alle quali è costruita, con grande soddisfazione in tutti i campi.
    Ma ora che gli sterrati iniziano ad essere sempre più spesso bagnati, e che sta per arrivare il freddo che rende problematiche le uscite puramente stradali per via delle velocità che vi si tengono, ho pensato di riutilizzare una coppia di vecchie ma valide ruote da 26" gommandole con copertoni da mtb non troppo grossi né troppo tassellati (nello specifico, Maxxis LarsenTT 26×2,0") e montandoci una casetta "custom" 12-31 al posto della abituale 11-25 (corone 46/30). Il diametro esterno è grossomodo lo stesso, quindi assetto e geometria rimarranno invariati permettendomi di non perdere troppo in quanto a velocità e reattività, ma il maggior volume d'aria e la tassellatura mi dovrebbero consentire di uscire serenamente dal nastro d'asfalto anche con pioggia fango e freddo. In più, entrano tranquillamente sotto i parafanghi, così da non ritrovarmi pieno di fango dopo pochi km, contemporaneamente salvaguardando la trasmissione.
    E poi, quando ho voglia di farmi un giro propriamente mtb, posso sempre prendere la mtb, mentre se ho voglia di farmi una girata su strada mi bastano i 5' necessari a sostituire le ruote…

    0
  28. mirc0

    si… ma chissenefrega? Comprate la bici per tenerla in salotto?

    ti assicuro che non la tengo in salotto e neanche per soprammobile ma non posso neanche cambiarla ogni 6 mesi e fidati che se la usi costantemente sotto l'acqua finisci di dover cambiare tutto moooolto spesso

    0
  29. nemmeno io posso cambiare la bici ogni sei mesi.. infatti ho una bici di 8 anni e con una saldatura su un fodero posteriore, ma credimi se fai la giusta manutenzione i componenti durano lo stesso anche se vai sul fango..
    Il problema dell'usura precoce è quando si trascura la manuntenzione allora si che si consumano i pezzi come cartapesta…

    0
  30. Sono 3 anni che uso costantemente la mtb tutto l'anno 6 giorni su 7, il lunedì e il venerdì uso lo zaino grande x portare il cambio da casa al lavoro e viceversa, quando arrivo a destinazione doccia, mi cambio e subito dopo asciugo la mia bestiola, evito solo in caso di neve e strade ghiacciate soprattutto per timore degli automobilisti ( 2 su 10 hanno un minimo di rispetto per i ciclisti, x gli altri 8…… ) il sabato o la domenica, sempre evitando l'asfalto ghiacciato, trasferta boschiva e al rientro pulizia completa del mezzo. Con il freddo e la pioggia solitamente uso intimo termico lungo, calze termiche, scarpe gorotex, copriscarpe e completo lungo antipioggia, nello zainetto che tengo sotto la giacca antipioggia, maglia termica di ricambio, felpa in micro pile e un asciugamano da bidè x assaggiarmi il busto e l'interno della giacca. I 2 momenti più brutti sono la partenza e il cambio della maglia! Non so se sia una mia fissa ma con il freddo faccio anche meno fatica.

    Sent from my HUAWEI VNS-L31 using MTB-Forum mobile app

    0
  31. Visto che in Italia siamo indietro come pochi…ci si potrebbe allenare con le bici da Dirt in un posto indoor con percorsi in pump track e salti vari. Oppure meglio ancora praticare lo Street Trial(avete presente Danny MacAskill, Fabio Wibmer solo per citare due dei più conosciuti) che fonde il Trial puro con i trick della bmx.
    A mio avviso anche solo con qualcosa di basico del Trial(quando piove si può stare anche sotto un portico, oppure in posti indoor fatti a posta dove ci sono un pò di ostacoli…) si migliora tanto in equilibrio e si capisce come bisogna stare sulla bici(e alla lunga torna utile in qualsiasi disciplina che abbia a che fare con la bici).

    0
  32. se devo partire e piove, rimando l'uscita o la posticipo di qualche ora. se piove mentre son già in sella, continuo, magari eliminando i tratti più scivolosi. il fastidio maggiore per me è quando l'acqua entra nelle scarpe e inzuppa solette e calzini.

    la pioggia è un bel disagio, ma vi posso garantire, per esperienza, che pedalare sotto ad una abbondante grandinata senza potersi riparare è ben peggio.

    0
  33. Io aggiungo anche un altro ragionamento.
    Se si è in sella è inutile aspettare che cessi di piovere, il più delle volte ci si ripara ma le lancette scorrono e arrivato un certo punto si riparte.
    Ergo, si è aspettato inutilmente quindi meglio non fermarsi proprio…a meno che davvero sia impossibile proseguire ovviamente.

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  34. Io me ne frego. Una volta esco on la famiglia nel solito bosco ma su trade bianche. Io, la moglie e la piccola nel rimorchio. Comincia a diluviare davvero forte. La moglie già piangeva e la figlia stava li nel suo rimorchio dentro il quale non entrava acqua. Ci fermiamo sotto degli alberi, li scarico, prendo la bici della moglie e mi metto a fare impennate e cazzate varie sotto il diluvio e fulmini. MIa moglie che mi gridava di essere scemo e la figlia che gridava "guarda papà cosa fa" e io che mi divertivo come un matto. Mi si erano inzuppate anche le ossa :smile::smile:

    0
  35. Koroviev

    Io me ne frego. Una volta esco on la famiglia nel solito bosco ma su trade bianche. Io, la moglie e la piccola nel rimorchio. Comincia a diluviare davvero forte. La moglie già piangeva e la figlia stava li nel suo rimorchio dentro il quale non entrava acqua. Ci fermiamo sotto degli alberi, li scarico, prendo la bici della moglie e mi metto a fare impennate e cazzate varie sotto il diluvio e fulmini. MIa moglie che mi gridava di essere scemo e la figlia che gridava "guarda papà cosa fa" e io che mi divertivo come un matto. Mi si erano inzuppate anche le ossa [emoji2][emoji2]

    La prossima volta ferma la famiglia lontano dagli alberi[emoji23] non vorrai che si convertissero alla e-bike… (per non dire altro ed essere frainteso) È capì?[emoji6]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  36. Big Steak One

    Io aggiungo anche un altro ragionamento.
    Se si è in sella è inutile aspettare che cessi di piovere, il più delle volte ci si ripara ma le lancette scorrono e arrivato un certo punto si riparte.
    Ergo, si è aspettato inutilmente quindi meglio non fermarsi proprio…a meno che davvero sia impossibile proseguire ovviamente.

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    anche perchè, dopo pochi minuti cominci a raffreddarti stando fermo.

    Koroviev

    Io me ne frego. Una volta esco on la famiglia nel solito bosco ma su trade bianche. Io, la moglie e la piccola nel rimorchio. Comincia a diluviare davvero forte. La moglie già piangeva e la figlia stava li nel suo rimorchio dentro il quale non entrava acqua. Ci fermiamo sotto degli alberi, li scarico, prendo la bici della moglie e mi metto a fare impennate e cazzate varie sotto il diluvio e fulmini. MIa moglie che mi gridava di essere scemo e la figlia che gridava "guarda papà cosa fa" e io che mi divertivo come un matto. Mi si erano inzuppate anche le ossa :smile::smile:

    hai fatto la cosa peggiore che si possa immaginare, fermandoti sotto agli alberi con tuoni e fulmini.

    0
  37. andrea1966

    anche perchè, dopo pochi minuti cominci a raffreddarti stando fermo.

    Ecco infatti[emoji6]

    andrea1966

    hai fatto la cosa peggiore che si possa immaginare, fermandoti sotto agli alberi con tuoni e fulmini.

    Ehm…io ho detto "E-Bike" riferito alla "elettrificazione"[emoji44] un pò più delicato sono stato[emoji23]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  38. Big Steak One

    La prossima volta ferma la famiglia lontano dagli alberi[​IMG] non vorrai che si convertissero alla e-bike… (per non dire altro ed essere frainteso) È capì?[​IMG]

    andrea1966

    hai fatto la cosa peggiore che si possa immaginare, fermandoti sotto agli alberi con tuoni e fulmini.

    Lo so, ma ci stavano alberi dappertutto. POi mia moglie, intelligentona, va a mettersi proprio sotto il più grosso 😥

    0
  39. Big Steak One

    Ecco infatti[emoji6]
    Ehm…io ho detto "E-Bike" riferito alla "elettrificazione"[emoji44] un pò più delicato sono stato[emoji23]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    sono imprudenze fatte a cuor leggero che possono portare ad eventi tragici. diciamo che io al suo posto mi sarei comportato ben diversamente. non vuole essere un rimprovero, bensì una constatazione personale. ovvio che poi ognuno fa come meglio crede, ma forse bisognerebbe anche tener conto delle conseguenze di certi comportamenti a mio avviso davvero imprudenti.

    0
  40. andrea1966

    se devo partire e piove, rimando l'uscita o la posticipo di qualche ora. se piove mentre son già in sella, continuo, magari eliminando i tratti più scivolosi. il fastidio maggiore per me è quando l'acqua entra nelle scarpe e inzuppa solette e calzini.

    la pioggia è un bel disagio, ma vi posso garantire, per esperienza, che pedalare sotto ad una abbondante grandinata senza potersi riparare è ben peggio.

    Io idem, proprio questa primavera mi è successo che uscendo con un collega, al rientro abbiamo trovato tempesta, vento forte e grandine. Ci siamo riparati sotto una piccola tettoia di un cancello di una casa, ma non era sufficiente. Per fortuna ad un certo punto abbiamo sentito delle voci, ci siamo girati, e una coppia sposata sui 65 anni (i proprietari della casa) ci stavano dicendo di entrare e venire in casa a ripararsi. Abbiamo colto l'invito al volo e siamo entrati. Poi due chiacchiere, un bicchiere di rosso e un po di risate. Il maltempo poi è passato e noi abbiamo ripreso la strada di casa, ringraziando 1000 volte i gentil signori :).
    Sono un po quelle cose che ti fanno sempre piacere e scaldano il cuore.

    0
  41. Hieicker

    Io idem, proprio questa primavera mi è successo che uscendo con un collega, al rientro abbiamo trovato tempesta, vento forte e grandine. Ci siamo riparati sotto una piccola tettoia di un cancello di una casa, ma non era sufficiente. Per fortuna ad un certo punto abbiamo sentito delle voci, ci siamo girati, e una coppia sposata sui 65 anni (i proprietari della casa) ci stavano dicendo di entrare e venire in casa a ripararsi. Abbiamo colto l'invito al volo e siamo entrati. Poi due chiacchiere, un bicchiere di rosso e un po di risate. Il maltempo poi è passato e noi abbiamo ripreso la strada di casa, ringraziando 1000 volte i gentil signori :).
    Sono un po quelle cose che ti fanno sempre piacere e scaldano il cuore.

    nel mio caso invece non ho trovato alcun riparo e la grandine l' ho presa tutta. fastidioso il mitragliamento sul casco :mrgreen:. quando ho trovato riparo il maltempo era cessato :omertà:

    0
  42. andrea1966

    nel mio caso invece non ho trovato alcun riparo e la grandine l' ho presa tutta. fastidioso il mitragliamento sul casco :mrgreen:. quando ho trovato riparo il maltempo era cessato :omertà:

    comunque la pioggia in estate è tollerabile, ma in inverno cambia tutto. mi è capitato di prender pioggia con temperature molto basse e sono arrivato a casa con un principio di congelamento alle mani: non riuscivo neanche a slacciarmi il casco, dolori fortissimi alle dita e perdita di sensibilità causa freddo e guanti inzuppati d' acqua.

    0
  43. andrea1966

    nel mio caso invece non ho trovato alcun riparo e la grandine l' ho presa tutta. fastidioso il mitragliamento sul casco :mrgreen:. quando ho trovato riparo il maltempo era cessato :omertà:

    comunque la pioggia in estate è tollerabile, ma in inverno cambia tutto. mi è capitato di prender pioggia con temperature molto basse e sono arrivato a casa con un principio di congelamento alle mani: non riuscivo neanche a slacciarmi il casco, dolori fortissimi alle dita e perdita di sensibilità causa freddo e guanti inzuppati d' acqua.

    Fortunatamente non ho mai preso la pioggia in inverno, di solito mi fermo tra dicembre e febbraio. Anche se mi stuzzica l'idea di cominciare a pedalare anche nella stagione invernale :).

    Per quanto riguarda la pioggia estiva, per me a volte è un toccasana, perchè mi da una bella rinfrescata, soprattutto se sto soffrendo il caldo 🙂

    0
  44. andrea1966

    sono imprudenze fatte a cuor leggero che possono portare ad eventi tragici. diciamo che io al suo posto mi sarei comportato ben diversamente. non vuole essere un rimprovero, bensì una constatazione personale. ovvio che poi ognuno fa come meglio crede, ma forse bisognerebbe anche tener conto delle conseguenze di certi comportamenti a mio avviso davvero imprudenti.

    Ma lui lo sa, alle volte le circostanze annebbiano la lucidità…non la pioggia, la possibilità di fare penne sotto l'acqua con la biga della Moglie[emoji23]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  45. Big Steak One

    Ma lui lo sa, alle volte le circostanze annebbiano la lucidità…non la pioggia, la possibilità di fare penne sotto l'acqua con la biga della Moglie[emoji23]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    La moglie che grida che la sua mtb si rompe e, per la mia allegria, la piccola che mi incitava a fare casino e gridava e rideva insieme a me 🙂
    Per allontanarmi dagli alberi avrei dovuto pedalare per almeno 10 minuti, pioveva davvero forte e mia moglie non ce la faceva. Quasi piangeva perchÈ in 5 secondi era tutta inzuppata, aveva freddo e odia il freddo.
    Poi, però col senno di poi, non mi sarei fermato. Piutosto l'avrei frustata :8-):

    0
  46. Koroviev

    La moglie che grida che la sua mtb si rompe e, per la mia allegria, la piccola che mi incitava a fare casino e gridava e rideva insieme a me [emoji2]
    Per allontanarmi dagli alberi avrei dovuto pedalare per almeno 10 minuti, pioveva davvero forte e mia moglie non ce la faceva. Quasi piangeva perchÈ in 5 secondi era tutta inzuppata, aveva freddo e odia il freddo.
    Poi, però col senno di poi, non mi sarei fermato. Piutosto l'avrei frustata :8-):

    Mettendole le briglie e facendovi trascinare magari[emoji23]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  47. Hieicker

    Fortunatamente non ho mai preso la pioggia in inverno, di solito mi fermo tra dicembre e febbraio. Anche se mi stuzzica l'idea di cominciare a pedalare anche nella stagione invernale :). Ma il ghiaccio non ti entra dai buchi sul casco e urta la testa?

    Per quanto riguarda la pioggia estiva, per me a volte è un toccasana, perchè mi da una bella rinfrescata, soprattutto se sto soffrendo il caldo 🙂

    no, era grandine grossa a sufficienza da non passare per i fori del casco.

    non so se se ne sia parlato, ma la pioggia significa anche sporcare per bene la bici, lavarla-asciugarla-reingrassarla-lubrificarla a dovere. questo, almeno a me, richiede una buona mezz' ora.

    il divertimento su fango ( per chi lo considera un divertimento ) ha anche questo prezzo.

    0
  48. andrea1966

    no, era grandine grossa a sufficienza da non passare per i fori del casco.

    non so se se ne sia parlato, ma la pioggia significa anche sporcare per bene la bici, lavarla-asciugarla-reingrassarla-lubrificarla a dovere. questo, almeno a me, richiede una buona mezz' ora.

    il divertimento su fango ( per chi lo considera un divertimento ) ha anche questo prezzo.

    Eh io ci metto anche di più di mezz'ora, che poi a pulire i pignoni è una rottura per me. Ma non è la norma prendere acqua per il sottoscritto 🙂

    0
  49. Niko9

    … il cappuccio se non usato dà fastidio ? Sventola in discesa ? Si aggancia allo zaino ? Quando indossato, riesce a coprire bene il casco ? Nei movimenti di lateralità rimane in posizione ?

    Io ho la giacca, modello di qualche anno fa. A me il cappuccio non ha mai creato problemi. Non saprei dirti se copre il casco, perché adopero, in caso di pioggia, un copri casco impermeabile.

    0
  50. bertofa

    Io ho la giacca, modello di qualche anno fa. A me il cappuccio non ha mai creato problemi. Non saprei dirti se copre il casco, perché adopero, in caso di pioggia, un copri casco impermeabile.

    E allora il cappuccio a cosa ti serve

    0
  51. Io in questi 5 giorni di pioggia ho optato per l’ultima scelta, ovvero che riposare fa bene quanto allenarsi. Mi sono rimesso a fare il DJ e preparo le playlist per quando smetterà di piovere. Ho pure attaccato diverse bottiglie di birra, dicono che fa bene ai muscoli, …in effetti sento la pancia é bella tosta, sicuramente sono gli addominali che si stanno tonificando. Appena smetterà di piovere avró le mie lacrime da coccodrillo, ma mi rimetteró in sella riposato e dopato di musica… E dopo la Hero dell’anno scorso, quest’anno attaccheró la Dolomiti Superbike, giro lungoooooo!!! …sognare, questo é il mio programma antipioggia 🙂

    0
  52. Big Steak One

    (…) non ho postato una pagina ma una semplice foto(…)

    Doh, ieri niente, oggi la vedo(!)

    Bella lì ma no, non è quello che faccio io (e mi sa che non lo fa nessuno, qui dentro)

    Per la testa io sto con chi mette un kway (o equivalente) e mette il cappuccio sotto al casco.

    0
  53. Cimpy_Babbano

    Bella lì ma no, non è quello che faccio io (e mi sa che non lo fa nessuno, qui dentro)

    Che faccio? Che non usi semmai, oppure non ho capito[emoji6]

    Cimpy_Babbano

    Per la testa io sto con chi mette un kway (o equivalente) e mette il cappuccio sotto al casco.

    Infatti è la scelta migliore, l'acqua resta fuori e non entra dal collo fin giù la schiena

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  54. Che cagata di articolo, ed io che ci sono cascato e sono arrivato a leggere fino quasi a metà. Poi sul pezzo ginnastica supina solitamente gratis mi sono arreso.

    Speravo sinceramente in review su abbigliamento tecnico per pioggia, che esiste, o semplicemente qualche consiglio sulla manutenzione della bici. Ma niente… una buffonata tipo quelle dei servizi natalizi al TG

    Avrei dovuto capirlo subito con l’esordio. Piove….fatti la bici elettrica….

    Ok forse colpa mia, troppo appassionato, troppo ciclistico inside

    0
  55. e quando piove ti devi rassegnare! solo sport indoor purtroppo. lunghe sedute tra divano e poltrona per vedere le serie tv più amate, indolenzimento spinto delle mascelle applicate a masticare quello che più piace……. potrei continuare ma la storia è questa. se piove sport all’aperto sono impossibili. se non piove e non puoi andare in bici per i motivi già sottolineati nell’articolo ci sono altre cose da fare all’aperto. io ho un passato di kiter, sia acrobatico che power nella variante buggy. ti sporchi lo stesso ma almeno hai un’alternativa!
    cmq un po di pioggia non fa male dai e neanche il fango. non credo l’ora di rimontare sulla mia mtb per sporcarmi fino al midollo……. 🙂

    0
  56. Io non amo il caldo ed esco più volentieri con la pioggia che con i 30 gradi estivi. In questi giorni sono sempre uscito nonostante il diluvio e mi sono divertito un mondo.
    Il problema è che dopo ogni uscita serve oltre un'ora per pulire bici e abbigliamento. Le scarpe sono poi veramente complicate da pulire e da asciugare. Il prossimo acquisto sarà un paio di scarpe stagne tipo Northwave himalayaView attachment 263473

    Inviato dal mio G8141 utilizzando Tapatalk

    0
  57. GERRY65

    Scusate ma già leggendo il titolo mi è arrivata spontanea la risposta….restare a letto con la propria compagna !!!Eh eh eh !!!!!!!!!
    Un saluto a tutti !!!!!

    Sperando che non ''piova'' nemmeno a lei…sai che…:azz-se-m: :azz-se-m: :loll:

    0
  58. Se piove prima di partire,mi invento qualcos' altro,se minaccia o è nuvolo,Kway e magliettina ricambio…ma tutto dipende dalla stagione,in estate no fear,ma ora in questo periodo…uhmmm ,mica tanta voglia di prenderla,avessi anche il capo tecnico migliore al mondo…;-)

    0
  59. Carlo911fat

    Io non amo il caldo ed esco più volentieri con la pioggia che con i 30 gradi estivi. In questi giorni sono sempre uscito nonostante il diluvio e mi sono divertito un mondo.
    Il problema è che dopo ogni uscita serve oltre un'ora per pulire bici e abbigliamento. Le scarpe sono poi veramente complicate da pulire e da asciugare. Il prossimo acquisto sarà un paio di scarpe stagne tipo Northwave himalayaVedi l’allegato 263473

    Inviato dal mio G8141 utilizzando Tapatalk

    Sono BELLISSIME[emoji7] Azz però 225€… Per come sono fatte, comunque e a questo punto, resto fedele alle mie di derivazione moto
    https://www.fc-moto.de/it/Alpinestars-Faster-2015Vedi l’allegato 263474
    https://www.outletmoto.eu/stivali-moto-turismo-tcx-x-cube-evo-air-nero-P8660.htmVedi l’allegato 263475
    Poi se verrà un altro diluvio ho anche queste
    https://www.fc-moto.de/epages/fcm.s…bUcZ5gFzdQFaKTJ-komUgTCbv4chpsAkaAndtEALw_wcB
    Vedi l’allegato 263476

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  60. Tc70

    Se piove prima di partire,mi invento qualcos' altro,se minaccia o è nuvolo,Kway e magliettina ricambio…ma tutto dipende dalla stagione,in estate no fear,ma ora in questo periodo…uhmmm ,mica tanta voglia di prenderla,avessi anche il capo tecnico migliore al mondo…;-)

    Io ci lavoro in bici Tc…e se anche volessi prenderla di ferie poi ci va la mia donna e resto a "bocca" asciutta lo stesso[emoji23]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  61. Cimpy_Babbano

    Duecentocinquanta euro?? Ma quanto siete ricchi, voialtri?? O forse non tutti qui hanno altre bocche da sfamare, chissà.Comunque, noialtri miserelli bitumosi, abbiamo adottato con successo queste:

    https://www.decathlon.it/calzari-subacquea-ibili-5mm-id_8301959.html

    E non ci si bagnano più i piedi

    [emoji23] [emoji23] [emoji23]
    La linea Quechua e Salomon del Deca sembrano una valida scelta. Ci sono a collo alto e basso, le ho entrambe, quelle basse formidabili per lo sterrato ti lasciano i piedi puliti, per quando piove invece non tanto perchè se c'è molta acqua entra da sopra ma comunque i 3/4 di piede resta asciutto.
    Queste dico
    Vedi l’allegato 263478
    Della Quechua invece le ho simili a questa…non trovo le mie
    Vedi l’allegato 263479

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  62. Big Steak One

    Io ci lavoro in bici

    Non so se sono più affascinato o spaventato. Adesso lo chiedo, poi se è inopportuno, del caso non rispondermi –

    E che mestiere fai, in bici?

    ******Me lo dico da solo*****

    -Allora insisti??

    -Prego?

    -Dico, insisti ad allargarti? Adesso siamo alle domande importune!!

    -Ma veramente io chiedevo in buona fed…

    -MA LASCIA STARE LA FEDE, te che non c'hai nemmeno speranza o carità!!

    -Davvero, non volevo essere inopportu…

    -E COSA TI CREDEVI DI CHIEDERE, SE VENDEVA POZZI PETROLIFERI IN BICI??

    -No ma magari faceva la guida turisti…

    -ECCERTO! PIENO COSI' DI GUIDE IN MBT LA' DOVE STA LUI…

    -Ma io non credevo, cioè non volevo…

    -Ecco, ora l'hai capito: non volevi ma intanto…A letto senza carosello, march!

    -Tenente!! Il Carosello era degli anni 70…

    -Embé? Noialtri siamo per le solide tradizioni che non tramontano mai. Come i trenta giri di corsa con zaino affardellato che adesso ti fai al volo. March!

    0
  63. Cimpy_Babbano

    Non so se sono più affascinato o spaventato. Adesso lo chiedo, poi se è inopportuno, del caso non rispondermi –

    E che mestiere fai, in bici?

    ******Me lo dico da solo*****

    -Allora insisti??

    -Prego?

    -Dico, insisti ad allargarti? Adesso siamo alle domande importune!!

    -Ma veramente io chiedevo in buona fed…

    -MA LASCIA STARE LA FEDE, te che non c'hai nemmeno speranza o carità!!

    -Davvero, non volevo essere inopportu…

    -E COSA TI CREDEVI DI CHIEDERE, SE VENDEVA POZZI PETROLIFERI IN BICI??

    -No ma magari faceva la guida turisti…

    -ECCERTO! PIENO COSI' DI GUIDE IN MBT LA' DOVE STA LUI…

    -Ma io non credevo, cioè non volevo…

    -Ecco, ora l'hai capito: non volevi ma intanto…A letto senza carosello, march!

    -Tenente!! Il Carosello era degli anni 70…

    -Embé? Noialtri siamo per le solide tradizioni che non tramontano mai. Come i trenta giri di corsa con zaino affardellato che adesso ti fai al volo. March!

    [emoji23] [emoji23] [emoji23] sei mitico, facciamo così…qui restiamo in tema perchè pare che "noialtri" abbiamo un'abbilità innata di imbrattare i 3d seri[emoji23] [emoji23] [emoji23]
    Segui le mie indicazioni…TSO, chi cerca trova[emoji6]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  64. BSO in bici ci va e torna dal lavoro, per quello lavora in bici.

    Comunque, tutte la varie scarpe non specifiche da MTB citate tengono sicuramente il piede asciutto ma van bene per far cicloturismo, con i flat serve una suola piatta poco sagomata nella zona di appoggio sui pedali, con un materiale che permetta ai pin di penetrare per far presa e una suola sufficientemente rigida da non di perdere troppo le energie della pedalata.
    Se non volete spendere un patrimonio attorno ai 100 euro ma spesso su private sport shop anche a abbastanza meno si trovano le 5-10 freerider EPS sia con tomaia alta che bassa, impermeabili sufficientemente calde ma non troppo da far sudare e poi ghiacciare, ma con tutte le caratteristiche per avere massima presa e resa sui pedali.

    P.S.
    Pedalare con le scarpe o gli scarponcini da moto sia a rigidità della tomaia che per il sudati dentro credo sia forse la peggior tortura e resa immaginabile.

    0
  65. valium64

    BSO in bici ci va e torna dal lavoro, per quello lavora in bici.

    Comunque, tutte la varie scarpe non specifiche da MTB citate tengono sicuramente il piede asciutto ma van bene per far cicloturismo, con i flat serve una suola piatta poco sagomata nella zona di appoggio sui pedali, con un materiale che permetta ai pin di penetrare per far presa e una suola sufficientemente rigida da non di perdere troppo le energie della pedalata.
    Se non volete spendere un patrimonio attorno ai 100 euro ma spesso su private sport shop anche a abbastanza meno si trovano le 5-10 freerider EPS sia con tomaia alta che bassa, impermeabili sufficientemente calde ma non troppo da far sudare e poi ghiacciare, ma con tutte le caratteristiche per avere massima presa e resa sui pedali.

    P.S.
    Pedalare con le scarpe o gli scarponcini da moto sia a rigidità della tomaia che per il sudati dentro credo sia forse la peggior tortura e resa immaginabile.

    Vedi l’allegato 263480Queste Valium?

    Hai gia provato a usare quelle da moto per dire così?
    Ricorda…anzi no è una cavolata. Stavo dicendo: Ricorda che ho l'e-bike…
    Ma [email protected] per come la porto sudo davvero come un cammello. Non riesco ad andare piano per godermi la classica passeggiata. Sempre di corsa perchè l'imprevisto è dietro l'angolo e DEVO pedalare SEMPRE veloce in caso di uno stop forzato.
    E per chi potrebbe dire: Scendi prima di casa.
    Belli…io monto la mattina alle 8:45, scendo di casa alle 6:30 per percorrere 18km che faccio max in 33minuti, poi sto più di un'ora ad aspettare, però quella volta che bucai non arrivai tardi…e ho detto tutto[emoji106]

    Aspetterò il freddo siderale e il diluvio universale per testare gli stivaletti da moto, forse il ghiaccio non mi farà sudare molto i piedi…

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  66. Big Steak One

    Vedi l’allegato 263480Queste Valium?

    Hai gia provato a usare quelle da moto per dire così?
    Ricorda…anzi no è una cavolata. Stavo dicendo: Ricorda che ho l'e-bike…
    Ma [email protected] per come la porto sudo davvero come un cammello. Non riesco ad andare piano per godermi la classica passeggiata. Sempre di corsa perchè l'imprevisto è dietro l'angolo e DEVO pedalare SEMPRE veloce in caso di uno stop forzato.
    E per chi potrebbe dire: Scendi prima di casa.
    Belli…io monto la mattina alle 8:45, scendo di casa alle 6:30 per percorrere 18km che faccio max in 33minuti, poi sto più di un'ora ad aspettare, però quella volta che bucai non arrivai tardi…e ho detto tutto[emoji106]

    Aspetterò il freddo siderale e il diluvio universale per testare gli stivaletti da moto, forse il ghiaccio non mi farà sudare molto i piedi…

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    Si, esattamente quelle, tomaia impermeabile e imbottitura standard 5-10.
    Non ho provato a pedalare con scarpe o stivali da moto, ma dopo più di 10 anni in sella a moto ne ho calzate varie e hanno proprio sia una suola che una rigidità strutturale diversa ne tanto meno sono fatte per permettere al piede il movimento di caviglia necessario sia in pedalata che nella guida in discesa, idem per quelle da trekking, te lo dico perché io avevo iniziato proprio con le seconde a pedalare, ma non riuscivo a avere ne la sensibilità ne la presa giusta, tutti mi dicevano di prenderne un paio specifico, magari 5-10, prese il primo paio dopo pochi istanti che le avevo ai piedi e pedalavo ho capito perché, iniziata la prima discesa ancora di più se mi fosse rimasto qualche dubbio, ora ne ho 5 paia prese in due anni per le varie situazioni e sinceramente non voglio sentir parlare di altro.

    P.S.
    Io ho sia MTB che eMTB, ma poco cambia, per pedalare e aver presa sui flat che sia una o l'altra tipologia di bici cambia poco, serva una scarpa da MTB.

    0
  67. valium64

    Si, esattamente quelle, tomaia impermeabile e imbottitura standard 5-10.
    Non ho provato a pedalare con scarpe o stivali da moto, ma dopo più di 10 anni in sella a moto ne ho calzate varie e hanno proprio sia una suola che una rigidità strutturale diversa ne tanto meno sono fatte per permettere al piede il movimento di caviglia necessario sia in pedalata che nella guida in discesa, idem per quelle da trekking, te lo dico perché io avevo iniziato proprio con le seconde a pedalare, ma non riuscivo a avere ne la sensibilità ne la presa giusta, tutti mi dicevano di prenderne un paio specifico, magari 5-10, prese il primo paio dopo pochi istanti che le avevo ai piedi e pedalavo ho capito perché, iniziata la prima discesa ancora di più se mi fosse rimasto qualche dubbio, ora ne ho 5 paia prese in due anni per le varie situazioni e sinceramente non voglio sentir parlare di altro.

    P.S.
    Io ho sia MTB che eMTB, ma poco cambia, per pedalare e aver presa sui flat che sia una o l'altra tipologia di bici cambia poco, serva una scarpa da MTB.

    Grazie Valium, valuterò[emoji6]
    Per ora nell'inferno di bitume uno vale l'altro…più o meno e per me.
    Quando finalmente farò le uscite serie (solo una fino adesso) provvederò ad equipaggiarmi seriamente[emoji8]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  68. Uscire in MTB con la pioggia di questi giorni equivale ad infilare i piedi con le scarpe in un secchio d'acqua.
    Poi con i flat sono impensabili protezioni sovra scarpe, nella migliore delle ipotesi si distruggono subito, nella peggiore si perde la presa dai pin e ci si fa male.
    Servono scarpe impermeabili con colletto e protezione lacci in neoprene. Poi concordo che quelle ho visto in giro sul web costano una follia, ma altre soluzioni per MTB non le vedo praticabili.

    Inviato dal mio G8141 utilizzando Tapatalk

    0
  69. andrea1966

    io in un negozio ho visto dei copriscarpe in materiale simile al neoprene, che riparano sia dalla pioggia che dal freddo ed hanno pure il coprisuola tassellato nel caso si debba camminare. però non ricordo la marca.

    Le soprascarpe vanno bene finché non devi camminarci, in quel caso durano quanto un gatto sull'Aurelia… Scarpe invernali e passa la paura

    Sent from my ALE-L21 using MTB-Forum mobile app

    0
  70. andrea1966

    io in un negozio ho visto dei copriscarpe in materiale simile al neoprene, che riparano sia dalla pioggia che dal freddo ed hanno pure il coprisuola tassellato nel caso si debba camminare. però non ricordo la marca.

    Mi hai fatto venire in mente che ricordo di aver visto anche io delle copriscarpe come hai descritto, ma non ricordo il produttore.

    Per chi usa le scarpe flat comunque Endura produce i copriscarpe MT500 plus:

    [​IMG]

    Ma non ho idea di quanto durino

    0
  71. sembola

    Le soprascarpe vanno bene finché non devi camminarci, in quel caso durano quanto un gatto sull'Aurelia… Scarpe invernali e passa la paura

    Sent from my ALE-L21 using MTB-Forum mobile app

    vero, però quelli da bdc son leggere, mentre quelle che ho visto io in negozio avevano una specie di suola molto resistente, al tatto si sentiva, ed erano usabili anche con spd.

    se mi capita di tornare in quel negozio faccio una foto.

    0
  72. andrea1966

    vero, però quelli da bdc son leggere, mentre quelle che ho visto io in negozio avevano una specie di suola molto resistente, al tatto si sentiva, ed erano usabili anche con spd.

    se mi capita di tornare in quel negozio faccio una foto.

    Le soprascarpe con i flat non sono utilizzabili e quelle per gli spd vuol dire che hanno la suola con il foro e quindi come metti il piede a terra l'acqua entra

    Inviato dal mio G8141 utilizzando Tapatalk

    0
  73. Hot

    Ma hai visto i post precedenti? Es. il n° 131

    È chi lo dice che l'acqua entra dalle tacchette spd?
    Esistono anche scarpe stagne

    concordo: son fissate alla suola e immagino abbiano tenuta stagna. comunque per me quando piove il problema non è l' acqua che entra da sotto alla scarpa. io analizzo il problema che si verifica durante la pedalata, ovvero pioggia che cade dall'alto e schizzi della ruota anteriore. in quest' ottica vedo utili i copriscarpa di cui ho parlato.

    0
  74. Hot

    Ma hai visto i post precedenti? Es. il n° 131

    È chi lo dice che l'acqua entra dalle tacchette spd?
    Esistono anche scarpe stagne

    Hai ragione ho omesso "Secondo me"
    Premesso che non le ho provate, ritengo che avere una ulteriore suola, tenuta in posizione da una tomaia in neoprene, non garantisca una presa sufficiente sui pedali flat nei passaggi impegnativi. In queste situazioni preferisco avere tenuta e rinunciare alla impermeabilità.
    Poi in caso di SPD con scarpe da MTB normalmente le tacchette sono a filo e alla prima camminata sotto il diluvio di questi giorni, sempre secondo me, entra acqua.
    A mio avviso sono adatte in caso di pioggia normale e passeggiate tranquille.

    Inviato dal mio G8141 utilizzando Tapatalk

    0
  75. Carlo911fat

    Hai ragione ho omesso "Secondo me"
    Premesso che non le ho provate, ritengo che avere una ulteriore suola, tenuta in posizione da una tomaia in neoprene, non garantisca una presa sufficiente sui pedali flat nei passaggi impegnativi. In queste situazioni preferisco avere tenuta e rinunciare alla impermeabilità.
    Poi in caso di SPD con scarpe da MTB normalmente le tacchette sono a filo e alla prima camminata sotto il diluvio di questi giorni, sempre secondo me, entra acqua.
    A mio avviso sono adatte in caso di pioggia normale e passeggiate tranquille.

    Inviato dal mio G8141 utilizzando Tapatalk

    Ora ne sono sicuro…
    Non soltanto non leggi i post precedenti… ma nemmeno guardi le figure.
    Mi scuserai se a questo punto non sto a perdere tempo a leggere ciò che scrivi, o a risponderti.
    Saluti

    0
  76. Hot

    Ora ne sono sicuro…
    Non soltanto non leggi i post precedenti… ma nemmeno guardi le figure.
    Mi scuserai se a questo punto non sto a perdere tempo a leggere ciò che scrivi, o a risponderti.
    Saluti

    A questo punto credo per te sia sufficiente una passeggiata nel bosco con un po' di brina…
    Saluti

    Sent from my G8141 using MTB-Forum mobile app

    0
  77. Stamattina piccolo giro di prova sotto l'acqua appunto per provare la tenuta, affidabilità e idrorepellenza di un paio di stivaletti da moto della oxstar dimenticati da Dio.
    Concordo che non sono adatti per uscite in sterrato, montagna e affini ma per circolare in strade asfaltate di città sono perfette[emoji106]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  78. andrea1966

    vero, però quelli da bdc son leggere, mentre quelle che ho visto io in negozio avevano una specie di suola molto resistente, al tatto si sentiva, ed erano usabili anche con spd.

    se mi capita di tornare in quel negozio faccio una foto.

    Quelle da strada nemmeno le prendo in considerazione, io parlo di quelle con la suola in gomma spessa… finchè pedali vanno benissimo, se ti capita di doverci camminare le sfasci molto velocemente, e considerando che non le regalano…

    andrea1966

    a me è capitato di camminare su acqua con scarpe spd e posso garantire che di acqua non ne è entrata dalla zona delle tacchette.

    Dipende da come son fatte le scarpe, se la zona della tacchetta è sigillata l'acqua non filtra. Se la tomaia non è specifica "invernale" però da lì passa e come….

    0
  79. andrea1966

    ho un paio di bontrager e da sotto l'acqua non entra.

    Probabilmente lo scasso per le tacchette è sigillato.
    Comunque nella mia esperienza l'umidità penetra principalmente dalla tomaia, nei modelli non invernali ci sono ampie zone di "ventilazione" che non oppongono alcuna resistenza all'acqua.

    0
  80. Cimpy_Babbano

    Però serve che l'acqua non entri nemmeno da sopra. Sono l'unico costretto ad entrare nelle pozze per mancanza di spazio libero ai lati?

    Esattamente quanto scrivevo poco fa. Per cui o soprascarpe (con le avvertenza che ho già detto) o scarpe invernali.

    0
  81. sembola

    Probabilmente lo scasso per le tacchette è sigillato.
    Comunque nella mia esperienza l'umidità penetra principalmente dalla tomaia, nei modelli non invernali ci sono ampie zone di "ventilazione" che non oppongono alcuna resistenza all'acqua.

    infatti è per questo che ho scritto, alcuni post più indietro, che per me il problema è l' acqua quando cade in verticale ( o schizzata dalla ruota anateriore ): proprio perchè entra dalle zone superiori di ventilazione.

    0
  82. andrea1966

    infatti è per questo che ho scritto, alcuni post più indietro, che per me il problema è l' acqua quando cade in verticale ( o schizzata dalla ruota anateriore ): proprio perchè entra dalle zone superiori di ventilazione.

    E quando piove sul serio passa anche dai calzini…:spetteguless:

    0
  83. sembola

    E quando piove sul serio passa anche dai calzini…:spetteguless:

    …. e inzuppa anche la soletta interna, il piede scivola dentro alla scarpa … insomma, un disagio che rovina la pedalata. se è estate la cosa è sopportabile, ma se c' è clima freddo :maremmac: :omertà:

    0
  84. andrea1966

    …. e inzuppa anche la soletta interna, il piede scivola dentro alla scarpa … insomma, un disagio che rovina la pedalata. se è estate la cosa è sopportabile, ma se c' è clima freddo :maremmac: :omertà:

    Se posso quando piove io sto a casa :medita:
    Se "devo" pedalare, per dire durante un viaggio o quando andrò in Belgio il prossimo anno, porto sovrascarpe (o le scarpe invernali) e sovrapantaloni impermeabili, si suda un po' di più ma si limita il freddo.

    0
  85. sembola

    Se posso quando piove io sto a casa :medita:
    Se "devo" pedalare, per dire durante un viaggio o quando andrò in Belgio il prossimo anno, porto sovrascarpe (o le scarpe invernali) e sovrapantaloni impermeabili, si suda un po' di più ma si limita il freddo.

    mi sa che coi sovrapantaloni impermeabili farai la sauna :zapalott:

    anche io se vedo che piove al momento di partire, o rimando a più tardi o non parto proprio. però capita che arrivi la pioggia mentre si è in giro, e allora inevitabilmente ci si rassegna e ci si bagna.

    0
  86. andrea1966

    mi sa che coi sovrapantaloni impermeabili farai la sauna :zapalott:

    Dipende dalla situazione. Se parliamo di un acquazzone, per di più d'estate, la prendi e non succede nulla, tanto nel giro di un quarto d'ora sei di nuovo asciutto o quasi. Quando la temperatura non è estiva, come capita anche d'estate in caso di maltempo e pioggia continua, e devi pedalare comunque mantenersi un po' più asciutti è determinante per non soffrire il freddo e magari poi stare male. In questi casi meglio essere un po' sudati che infreddoliti 😉

    0
  87. sembola

    Dipende dalla situazione. Se parliamo di un acquazzone, per di più d'estate, la prendi e non succede nulla, tanto nel giro di un quarto d'ora sei di nuovo asciutto o quasi. Quando la temperatura non è estiva, come capita anche d'estate in caso di maltempo e pioggia continua, e devi pedalare comunque mantenersi un po' più asciutti è determinante per non soffrire il freddo e magari poi stare male. In questi casi meglio essere un po' sudati che infreddoliti 😉

    concordo ma ti chiedo: i sovrapantaloni non impacciano durante la pedalata? io non li ho mai provati.

    0
  88. andrea1966

    concordo ma ti chiedo: i sovrapantaloni non impacciano durante la pedalata? io non li ho mai provati.

    Se tu sei una L e li prendi 3XL allora si.
    Basta prenderli solo una misura in più e restano aderenti.
    Quando ti capiterà di prenderli, misurali mettendoti accovacciato, se tirano giusto un pò sono ok.

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  89. Koroviev

    Non usi le gambe per pedalare? :nunsacci:

    Non vado fuori dal bitume, e pedalo per andare/tornare dal lavoro, 17 km alla volta in circa un'ora ogni vota.

    Mica come voialtri scioperati Bionicle, che vi fate 30/40/50/millemila km in pochi secondi silvani solo per divertirvi….

    0
  90. Due domeniche fa, dopo 15 gg di NON uscite per vari motivi mi si sono presentate le prime due ore buone per salire in bici…ovviamente pioveva (e faceva anche un discreto freddo)…per la prima volta, da 4 anni che vado in mtb, sono uscito mentre pioveva…

    non che non avessi mai presso l'acqua in bici…ma uscire quando già pioveva non mi era mai successo.

    penso rimarrà un caso isolato…ma avendo, ultimamente, poche occasioni per uscire, non escludo che possa riaccadere…

    0
  91. picca

    Due domeniche fa, dopo 15 gg di NON uscite per vari motivi mi si sono presentate le prime due ore buone per salire in bici…ovviamente pioveva (e faceva anche un discreto freddo)…per la prima volta, da 4 anni che vado in mtb, sono uscito mentre pioveva…

    non che non avessi mai presso l'acqua in bici…ma uscire quando già pioveva non mi era mai successo.

    penso rimarrà un caso isolato…ma avendo, ultimamente, poche occasioni per uscire, non escludo che possa riaccadere…

    A me personalmente viene un po' di malinconia quando fuori piove e sò che devo uscire per forza, però vi giuro che una volta in sella mi passa tutto e la prendo come una sfida. Una sfida a non cadere, una sfida ad arrivare sano e salvo, una sfida a non farmi mettere sotto…e quando arrivo a destinazione esclamo: ma come…sono già arrivato?
    Complice un ottimo abbigliamento (per me) e una alta dose di buona volontà[emoji5]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0
  92. Big Steak One

    A me personalmente viene un po' di malinconia quando fuori piove e sò che devo uscire per forza, però vi giuro che una volta in sella mi passa tutto e la prendo come una sfida. Una sfida a non cadere, una sfida ad arrivare sano e salvo, una sfida a non farmi mettere sotto…e quando arrivo a destinazione esclamo: ma come…sono già arrivato?
    Complice un ottimo abbigliamento (per me) e una alta dose di buona volontà[emoji5]

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    Il tuo caso è un po' diverso, non credi? 😉

    0
  93. Cimpy_Babbano

    Stessa situazione: voglio, mi piace e mi sono messo nella condizione di doverlo fare.

    E ogni volta poi mi dispiace che il giro sia così breve

    Ciao Cimpy, l'importante è essere ben coperti e non scoraggiarsi.
    L'unica cosa che davvero mi da fastidio non è l'acqua che cade dal cielo…ma i muri d'acqua delle auto che mi lanciano addosso dalla corsia opposta a causa dei fiumi che si formano per un tratto di strada appena fuori casa mia.
    E comunque sempre, quando piove tanto mi sembra di calciare l'acqua come quando sono al mare, hai presente?
    Pedalo nell'acqua letteralmente.

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app

    0