MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Deroga al divieto di transito per mezzi motorizzati sui sentieri

Deroga al divieto di transito per mezzi motorizzati sui sentieri

Deroga al divieto di transito per mezzi motorizzati sui sentieri

30/03/2014
Whatsapp
30/03/2014

Il Cai Lombardia segnala che in consiglio regionale, c’è la possibilità che l’8 Aprile (fra poco più di una settimana) sia votata una deroga al divieto alla circolazione di mezzi motorizzati per scopo ludico sui sentieri.

Con un appello su Avaaz si chiede che questa deroga non sia votata.

A questo indirizzo trovate la raccolta firme, di seguito riportiamo le motivazioni della richiesta:

Con il Progetto Di Legge 124, che sarà in discussione nella riunione del Consiglio Regionale Lombardo il prossimo 8 aprile, s’intendono modificare alcuni articoli della LR 31/2008 “Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale” concernenti la viabilità agro-silvo-pastorale.
Nella LR vigente l’art. 59 “viabilità agro-silvo-pastorale …” ai commi 3 e 4 vieta il transito dei mezzi motorizzati su tali strade, sulle mulattiere e sui sentieri nonché in tutti i boschi e nei pascoli ad eccezione di quelli di servizio, di quelli autorizzati dalla Regione sui terreni appartenenti al patrimonio forestale della stessa e di quelli autorizzati in base al regolamento comunale.
Con la proposta di modifica si vuole introdurre una DEROGA ai suddetti commi per consentire agli enti proprietari di AUTORIZZARE il transito temporaneo dei MEZZI MOTORIZZATI in base a un regolamento regionale da definire.
E’ evidente come l’effetto di tale attività risulterebbe DEVASTANTE per le condizioni del SENTIERO, della MULATTIERA, del BOSCO e del PASCOLO eventualmente interessati dal transito stesso: IN POCHE ORE si POSSONO CREARE DANNI che solo la natura potrebbe riparare impiegando anni e ai quali l’uomo non può porre rimedio. La circolazione di mezzi motorizzati sui sentieri avrebbe, ma di fatto già ha, un impatto estremamente negativo sul delicato ambiente naturale, sulla FAUNA e in termini di inquinamento dell’ARIA e ACUSTICO.
Si sottolinea inoltre l’incompatibilità fra escursionismo e motociclismo su terreno comune, che appare un paradosso rispetto agli innumerevoli progetti ed attività, anche in capo a Regione Lombardia, per la promozione e per lo sviluppo del TURISMO DOLCE, che richiedono investimenti modesti ma sono realizzabili solo sulla base di scelte precise e coerenti.
Tali progetti, che necessitano di ulteriore sostegno e promozione, stanno rivelandosi uno strumento che ha favorito INIZIATIVE IMPRENDITORIALI a valenza agricola e turistica per le GIOVANI GENERAZIONI, riportando nuova LINFA VITALE nelle zone montane e di media montagna che sino ad ora sono state considerate marginali.
I sentieri tematici atti a promuovere la riscoperta della storia e della cultura locale, l’agricoltura, la connessione tra il mondo dell’escursionismo, quello agroalimentare ed enogastronomico, l’educazione al rispetto dell’ambiente e delle risorse del territorio non sono compatibili con il tipo di frequentazione ed uso del territorio che sarebbe autorizzabile con il recepimento del testo proposto.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Scaveon
Scaveon

Proprio ieri sul Montelllo (TV) era pieno di motociclisti sia su asfalto che sui sentieri, di cui uno che uscendo da una curva in discesa ha rischiato di venirmi addosso e altri che facendo i saltelli su un dosso potevano quasi cascarmi in testa. In zona c’è una pista apposita per il motocross, perchè non la usano???

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

io non sono pro-motociclisti (anche se dalle mie parti incontro talvolta trialisti che sono ben disciplinati e non arrecano fastidio alcuno), non li giustifico se infrangono divieti o se si comportano in modo pericoloso come quelli che hai incontrato, e non sono certo contento quando trovo sentieri devastati dalle moto da enduro, però magari quelli che dici tu non usano la pista da motocross perchè non fanno motocross… come se ti dicessero che siccome c’è una pumptrack lì vicino non devi girare sui sentieri.

Fraco79
Fraco79

Perché il motocross e l’enduro sono due cose diverse.

freesby
freesby

Nn la usano x lo stesso motivo x cui tu nn vai sempre a girare in una pista da Bmx. Ho usato anni la moto da enduro, a me i campi da cross hanno sempre fatto schifo e li trovavo noiosi! come x tutte le cose ci vuole solo un pò di testa, noi ci fermavamo e spegnevamo il motore quando si incrociavano persone a piedi, andavamo a pulire i sentieri x tenerli aperti.. Abbiamo sempre cercato di avere un comportamento civile.. Calcola che il 60% dei sentieri dalle mie parti sarebbero chiusi da rovi e piante se nn passassero gli enduristi! Sono sempre stato a favore di una tessera annuale in modo da fornire ai comuni i soldi x ripristinare i sentieri, soldi che conoscendo lo stato italiano sarebbero andati xò nelle tasche di qualcuno! L’unico motivo x cui nn uso più la moto sono i costi, decisamente maggiori della bici già solo x l’aumento del prezzo della benzina..

DancingLizard
DancingLizard

Rispetto chi come te si comporta bene, ma anche se si riuscisse ad autorizzare la circolazione solo ai motocrossisti intelligenti e giudiziosi come te, ed a lasciar fuori gli altri, e purtroppo non vedo come si possa fare, per il rumore e gli scarichi non si può fare nulla, e non si può minimizzare o girare la testa dall’altra parte, la gente non ha idea dei danni che si riesca a creare con del semplice “rumore” in un bosco. Semplicemente bisogna usare la testa e capire che non possiamo fare tutto quello che vogliamo dove vogliamo, bisogna guardare “tutta la cosa” per come è al completo, non possiamo versare un detersivo nel fiume perchè 7 dei suoi 8 componenti sono biodegradabili, bisogna accettarlo, e per chi non vuole farlo ci sono le leggi.

Carlettorusso
Carlettorusso

come al solito, in tutte le cose, è solo questione di educazione e buonsenso, cose che andrebbero insegnate/mostrate di più da genitori e insegnanti alle scuole.

Giovanni33
Giovanni33

C’è posto per tutti ! E se provassimo solo per un attimo a non essere egoisti e capire anche gli interessi e le passioni altrui ….. Allora forse l’italia sarebbe un paese ANCORA MIGLIORE!
Non è con i divieti che si costruisce il futuro ….

nitta87
nitta87

Si, c’è posto per tutti ma nel rispetto assoluto del patrimonio immenso che rappresenta la NATURA! Dare via libera ai motociclisti lungo sentieri montani, boschivi etc etc., a lungo andare, creerebbe un disastro ambientale non indifferente. Per non parlare del pericolo di incidenti motociclo/bici, motociclo pedone escursionista….Si creino piuttosto dei siti apposta ove gli appassionati di motocross, enduro, trial etc etc possono scorrazzare allegramente, in tutta sicurezza,( altrui), e nel rispetto della natura.

Dario
Dario

NO! non c’è posto per tutti sui sentieri pedonali e ciclabili. C’è posto SOLO per pedoni e biciclette e i paesi migliori di noi questi divieti ce li hanno e li fanno rispettare.
Vorrei vedere te se alla domenica mattina presto sentissi passare moto a manetta dietro casa e vedessi i sentieri, curati con fatica da te e i tuoi amici, vangati brutalmente! E’ ora che la finiscano! Hanno rotto veramente il ca**o!

Mitzkal
Mitzkal

I paesi “migliori” di noi hanno posti dedicati alla pratica dell’enduro, quello vero e del trial e lì non ci vai in bici o a piedi e se ci vai e ti capita qualcosa il torto è tuo. Basterebbe fare lo stesso anche qui da noi, non ci vuole molto.

cilum
cilum

ahahahahahahah

Adri26
Adri26

ma quanto cavolo hai ragione…

Adri26
Adri26

@nikitrial

GianlucaBor
GianlucaBor

Hai ragione, ma con o senza buonsenso le moto rovinano i sentieri specialmente se sono fangosi, diventano impraticabili.

Gianqui
Gianqui

E’ vero che l’educazione risolve gran parte dei problemi.
ma non si può negare che un mezzo motorizzata in salita su sentiero
magari pure bagnato o umido ha un impatto “devastante”

nitta87
nitta87

Personalmente non mi sono limitato a commentare il fatto, ma ho firmato anche la petizione.

spflipper
spflipper

io adoro le moto da cross (anche se non la guido) e sono convinto che sui sentieri si possa girare tutti quanti (moto, bici, escursionisti…) in modo civile e rispettoso bisogna solo cambiare la mentalita’ “all’ italiana” del chissefrega
detto questo personalmente penso che se dovessero approvarla bisognerebbe pagare qualcuno che tenga in ordine i sentieri perché secondo me, anche involontariamente per carita’, o in buona fede, le motocross rovinano il fondo ed e’ un peccato e conoscendo lo stato italiano una cosa cosi’ non la faranno mai
per cui a malinquore devo sperare che non la approvino

Mizio78
Mizio78

Ma porca di quella mula…!!! Questa proprio no, vi prego!
Già le mulattiere del Bisbino della mia infanzia sono aggredite dal cemento… al rifugio Prabello se ne salgono con gli enduro “tutto aperto”, non oso immaginare cosa possa succedere in altre zone di pregio (es. Brunate-Bellagio)…

Dove si va a manifestare pubblicamente contro questa iniziativa a dir poco devastante??

Paul

mascio
mascio

Comunque,attualmente,non ci sono controlli percui deroga o non deroga le moto scorrazzano allegramente nei boschi e sui sentieri.Ma avete mai visto una guardia forestale o un guardia parco.Io personalmente no!

DancingLizard
DancingLizard

Eh sembra che alle guardie forestali piaccia molto la calabria, lì ci sono interi paesini in cui una bella fetta degli allegri abitanti fanno parte del corpo, Viva l’ Italia!

adriano28
adriano28

Credo che tecnicamente nemmeno le bici possano percorrere i sentieri..

bertmonkey
bertmonkey

Da endurista legato al mondo bici, dico la mia =
NON è con i divieti che si risolvono le cose e NON facendo una guerra per “categorie” : è una guerra fra poveri !
L’ ideale sarebbe che i fruitori dei sentieri , sterrati, mulattiere ecc.ecc. fossero persone civili ed educate prima che motociclisti, ciclisti, escurisonisti, cow boys, ecc.
Così non è in questo caso (ma d’ altronde non mi sembra sia diverso in altre realtà quotidiane).
Una mezza soluzione – in attesa che lo Stato se ne occupi con una regolamentazione intelligente – potrebbe essere quella di un accordo a livello locale / comunale / di più comuni, per decidere quali percorsi.
Se poi qualche ciclista volesse prendere in considerazione – senza utopie e facili moralismi – che anche le bici “disturbano” e causano degrado a boschi e sentieri …… scoprirebbe che vietare alle moto oggi, significherebbe vedersi vietare alle bici domani.
Aug

Adri26
Adri26

@aug giuuuuuusto Aug grande capo!

DancingLizard
DancingLizard

No mi dispiace, moto e bici sono ben diverse, con una bici non inquini, con gli scarichi delle moto invece sì, l’usura di una mtb sui sentieri è risibile e non impatta sulla vegetazione tanto da causare dilavamenti, per non parlare del rumore poi, oggi mi son fatto un giro in cui ho incontrato un gruppo di 5-6 caprioli, l’unica cosa che hanno fatto è stato allontanarsi un po’ e guardarmi strano, se fosse passata una moto si sarebbero cagati sotto scappando fin oltre il fiume, magari i cuccioli ci avrebbero pure rimesso le penne guadandolo, rumore e stress non fanno parte del loro habitat e sono nocivi, spopolano le zone in cui dovrebbero prolificare e mantenere l’equilibrio delle nicchie ecologiche.

Jacopo.p.
Jacopo.p.

da ex endurista cono favorevole a queste aperture, regolamentate naturalmente!

ho smesso proprio a causa dei divieti imperanti!!! e anche mancanza di tempo…….

ciò

marcocelica
marcocelica
tanguyx
tanguyx

Dico anche la mia, da quasi ex endurista ormai convertito alla MTB.
Spesso (ma sempre più raramente) vedo i danni che fanno le moto da enduro sui sentieri ma riesco anche a vedere i danni che in alcune condizioni di transito frequente e pendenze elevate le mtb riescono a determinare sulle mulattiere.
Penso sia capitato a tutti o no?
Sento il rumore fastidioso delle moto o dei quad, ma certe volte mi urtano anche le persone o i gruppi di ignoranti inebriati dall’adrenalina di una discesa che urlano sulle montagne come se stessero in un mercato.
Ora è logico che il danno creato dalle moto è enormemente superiore e che il rumore stona con l’ambiente in cui si vuole trovare divertimento, ma forse una situazione di compromesso non troppo complessa si potrebbe trovare individuando aree in cui limitare la circolazione ai veicoli a motore.
Se poi vogliamo limitare il fastidio acustico delle moto questa è una soluzione facilmente percorribile: basta un valido silenziatore che toglie qualche cavallo (assolutamente inutile ai più) e il danno si può limitare.
Con questo convengo che ammettere la circolazione dei veicoli a motore su tutte le aree ora vietate sia sbagliato, ma negarlo in toto lo è lo stesso.

simo89
simo89

Se sono arrivati al punto di vietare i sentieri ai motociclisti probabilmente la maggior parte di essi non si comportava bene. Poi ci sono sentieri e sentieri, in un luogo di turismo dove le persone vanno a passeggiare e rilassarsi logicamente le moto non dovrebbero circolare. Un’altra distinzione va fatta tra enduristi e trialisti, tra i primi c’è gente che pensa di essere in gara mentre per i secondi ne incontro tanti e non ho mai avuto problemi.

85549
85549

oggi i divieti alle moto, domani alle bici…

obelin
obelin

Sono pienamente d”accordo…una volta siam finiti in terra sia io che motociclista invasato perche’ e’ uscito da una curva a bomba tra l’ altro in un inizio sentiero pieno di bambini e mamme al seguito. Poi si va sui sentieri per non sentire rumore e puzza e sti qua arrivano irrispettosi a far casino,inquinare e a far danni…ma andate in pista invasari

obelin
obelin

L’ Italia sarebbe un paese migliore se le regole fossero seguite..ognuno tira l ‘acqua al suo mulino logicamente…ma i motociclisti rispetto ne hanno veramente poco, con la moto sotto al culo si sentono degli dei

Makkio
Makkio

Io pratico tutti e due sia moto che bici. I divieti non servono,ci vuole il cervello e il rispetto,cosa che ogni giorno che passa viene a mancare sempre piu. Io abito nella zona del finalese,e per chi e pratico del posto e conosce sia i sentieri che la rete stradale sa i nostri problemi. 1)Ciclisti su strada che vanno in fila di 2 o piu,stai andando verso finale che fai?La strada e troppo stretta non riesci a superarli. Allora vietiamo le strade ai ciclisti perche rallentano la circolazione creando anche pericolo,o lo vietiamo alle macchine perche danno fastidio ai ciclisti? Oppure si usa la testa? 2)Sentieri dell’altopiano della 24h,gente in moto praticamente assente.E da 26 anni che ci vado eppure i sentieri sono cambiati molto e ancora di piu da quando ci si gira massicciamente,come in questi ultimi anni in bici.Si non fara rumore ma danni anche lei ne fa. Sicuramente molti sentieri sono stati aperti puliti e tenuti in ordine,ma perche? Esclisivamente per questi €€€€€….Prima non se li cagava praticamente nessuno molti dei sentieri aperti oggi,se non le sole cartine… Qui moto non ne girano,si magari qualche ragazzino che va a farci lo scemo…Ma come disciplina sportiva non lo pratica nessuno. 3)Ci sono interi faggeti centenari che vengono abbattuti dai boscaioli creando danni disumani (Se volete 2 foto la prossoma volta che vado ve le faccio)in posti che normalmente la gente non raggiunge,ma va bene tanto i piu non lo noteranno mai. Che facciamo vietiamo i boschi ai taglialena.… Read more »

David Roilo
David Roilo

Quindi sei d’accordo con la deroga ma non vuoi che i sentieri vengano rovinati.
Ma come suggerisci di fare?
Tutti i discorsi del tipo “bastano educazione e buon senso” sono campati in aria, per il semplicie motivo che non tutti hanno educazione e buon senso (altrimenti non esisterebbe proprio la legge, o sbaglio?).
E questo vale non solo in Italia. Anche supponendo che in Italia sia peggio non ci si può fare niente, quindi servono proposte concrete.

freesby
freesby

Io vorrei chiedere a tutti quelli che sostengono che le moto riducono in modi indecenti il bosco dopo il loro passaggio di notare parti del bosco dove sono passati i taglia legna!!! Avete mai notato che aprono nuove strade x passare con i camion? Vicino ad una casa che ho in montagna nn riconosco neanche più il bosco x come lo hanno ridotto!! Eppure???? Il loro distruggere va bene xke porta soldi! Ma gli enduristi con assicurazione, benzina, ricambi, moto ecc. Nn fanno girare i soldi?? Poi da ex endurista sono d’accordo che il rumore crea fastidio, e come hanno già detto altri proporrei zone dedicate.. Con un minimo di senso possiamo andare tutti d’accordo, basta volerlo! E poi sfido il 70% dei ciclisti a dirmi che ogni volta che incrociano uno a piedi, magari giù x una bella mulattiera o strada bianca dove ci piace andare a cannone se rallenta poi così tanto, si ferma e fa passare i pedoni così come facevamo noi in moto! Certo la bici è silenziosa ed io stesso quando vengo sorpassato da una moto sono quasi infastidito dal rumore che fanno (rumore che quando guidi la moto quasi nn noti) ma basterebbe qualche silenziatore in più! Poi vorrei porvi una domanda che spesso mi faccio.. Se in una discesa mi scontro contro un escursionista a piedi e gli faccio male x sbaglio.. Voi come lo pagate?? Gli enduristi pagano l’assicurazione x questo.. Sotto questo aspetto forse siamo più criminali noi..

Giovanni33
Giovanni33

Svegliarsi una mattina e decidere di pulire un sentiero non ne conferisce la proprietà !
Da ex trialista posso dire di conoscere più trialisti che puliscono i sentieri che biker , ma non li ho mai sentiti creare petizioni per vietare il transito alle bici !
Ho la fortuna di avere le montagne dietro casa , e con qualunque mezzo le abbia percorse , i nonni e poi i genitori mi hanno insegnato che la prima cosa è il rispetto !
Rispetto per la montagna e per gli altri ! EDUCAZIONE !
Si potrebbe andare avanti per ore a parlare ma non si riuscirebbero a spiegare su un forum l’educazione e la tolleranza !
Firmare una petizione che vieti la circolazione delle moto ? Magari fosse qualcosa di costruttivo come “petizione per REGOLAMENTARE la circolazione ….. ” !!

Prossimo passo sarà una petizione contro le bici ! ( perchè nei sentieri son peggio delle moto ! Non si senton nemmeno arrivare ! )

Ripeto : con le dovute regole c’è posto per tutti in montagna ! Altrimenti la domenica ci troveremo tutti blindati nei bike park ….

David Roilo
David Roilo

Suggerimenti su come regolamentare?

Boss Equipment
Boss Equipment

A parte l’escursionista a piedi, tutti facciamo danni al sentiero bici, cavalli e moto enduro o trial che siano.
Certo che se fossi appassionato di cavalli o di moto eviterei di andare in sentiero dopo che ha piovuto ben conscio del danno che creo.
E come ciclista magari eviterei di bloccare il posteriore ad ogni tornante è solo questione di buon senso e di educazione…..

simo89
simo89

Siamo tutti sulla stessa barca….per quattro co…ni che girano come matti ci andiamo di mezzo tutti. Andrebbero puniti quelli senza alcun divieto.

Kakkola
Kakkola

Mai andata su di una moto da enduro, ma ho incontrato diversi enduristi mentre andavo in bici per sentieri. Nessun fastidio, solo gente simpatica che saluta, mi sono fatta da parte e li ho fatti passare. Rumore poco, tra l’altro, fanno più rumore le famigliole con cani e bambini. Insomma, non vedo proprio alcuna ragione per cominciare la caccia alle streghe! Noto cmq che la maggior parte dei commenti contrari alle moto sono sinistramente simili a quelli letti altrove contro le bici sui sentieri…

Makkio
Makkio

E la colpa non e di nessuno se non di chi comanda….
Non interessa a nessuno cosa pensiamo altrimenti chi di dovere si informerebbe anche tramite i forum per capire realmente di cosa si ha bisogno.Si parla di tante cazzate ma anche di cose molto serie.
Come non si e quasi o forse mai letto un post su un forum dove intevengono gli interessati delle varie discipline per cercare di regolamentarsi,discutere e capire le reali problematiche.E magari esporli ad un tecnico/politico (essendo in italia uno che no sa da che parte si prende una zappa). Ma anche questo non e facile e visto che le opinioni sono molte e diverse sarebbe come un cane che si morde la coda.
Quindi ci saranno sempre piu divieti e sempre piu gente che non li rispettera…
Che magari sia l’inizio della fine del mondo????
Tutto comincio cosi????
Ahhh era solo un sogno…. continuero a fare quello che mi piace rispettando chi condivide con me il bosco e un giorno a mio figlio gli raccontero com’era bello andare in bici e in moto nei boschi visto che di questo passo non ci potra andare piu nessuno….

Gianluca Cattaneo
Gianluca Cattaneo

Scusa ma già leggendo la prima frase si nota un atteggiamento deresponsabilizzante e secondo me infantile… Poi sono d’accordo che chi comanda ha le sue (grandi) colpe, ma se tutti quelli che praticano l’enduro rispettassero le regole (e c’è molta gente che lo fa), per esempio evitando di mettere terminali da millemila decibel che inquinano come una fonderia dell’800, già probabilmente il problema non sussisterebbe, poichè il divieto non esisterebbe.
Poi il buonsenso, cosa che manca a diverse persone: enduristi, ciclisti e pedoni che siano. Purtroppo quando manca all’endurista, per ovvie ragioni di impatto del veicolo, le conseguenze sono più grosse e si notano di più. Esempio ed esperienza personale: manutenzione ad un sentiero, da parte di noi enduristi della mtb, che è noto che venga usato anche dagli altri cugini enduristi (anche se in maniera molto minore). Fai un salto, anzi lo sistemi, perchè c’era già, e sistemi anche la chicken line di fianco. Dopo qualche settimana trovi il salto completamente divelto, praticamente un panttoncino con un buco a U di 50 cm causato dagli enduristi che percorrono il sentiero in salita che se ne sono sbattuti di passare per la chichen line, ma hanno preferito scalare questo salto distruggendolo del tutto. Non girerebbero a chiunque?

dulciethv132805
dulciethv132805

ANCHE L’ESCURSIONISMO provoca un danno alla fauna e talvolta se non si cammina sul sentiero per “accorciare”anche solo di pochi metri si causa un danno non indifferente alla flora. Essere escursionisti responsabili significa avere un impatto almeno sostenibile sul territorio., e già questo non è scontato. Spesso anche le bici creano danni non sostenibili ma assimilabili oggettivamente ai pedoni, di certo non come le moto. Il rumore delle moto è semplicemente inaccettabile per l habitat della montagna e fin tanto che l enduro si pratica in certe zone può andare ma estenderlo a tutti i sentieri significa rendere di colpo vani gli sforzi di conservazione di tanti che ogni giorno lavorano per la vita della montagna.. Il danno delle ruote sui sentieri personalmente li valuto poco perché non è certo quello il problema (almeno per l ecosistema).. Magari è più un problema del Cai

Makkio
Makkio

Guarda la facio sarcastica ma ci sarebbe da piangere.
Con i soldi e le conoscenze fai tutto quello che vuoi divieti non divieti ecc… Non molti sono ragionati a tavolino. Dai fastidio a Rossi che unge sponsorizzando investendo comune o altro. Non preoccuparti che per Rossi il divieto o il permesso che vuole spunta.
Poi ogni persona ha la sua testa e la pensa come vuole,io rispetto tutte le idee….
E con questo come detto continuero a fare quello che

minion
minion

E allora? In quel giorno gli enduristi potranno girare….. E chi se ne frega.
Chissa se nei siti di podisti danno notizie del tipo…”il giorno pinco pallo in tal posto si terra un evento mtb con risalite motorizzate etc. Etc.”…. Guardate che i sentieri sono di tutti. Ci sono un casino di pirla anche in mtb che vanno giù a 50 all’ora fregandosene di tutti e di tutto. Questo sito non dovrebbe neanche dare tali notizie….con il solo scopo di alimentare una discussione che non porta a nulla.

dulciethv132805
dulciethv132805

Il problema è che il passaggio di alcune moto anche solo pochi giorni creerà un danno VISIBILE di anni all ecosistema, anche ad occhi di uno che non è un botanico ma un amante della montagna. Purtroppo è un fatto scientifico che senza almeno una media conoscenza della montagna si sottovalutata o ignora.. I permessi alle moto vanno dati in zone già mediamente entropizzate con una bassa rilevanza faunistica, e sono tantissime.. È una follia derogare il divieto ovunque. Io metterei i divieti anche alle mtb in certe zone, non certo per il fastidio recato ad altri umani.

dulciethv132805
dulciethv132805

Il problema è che il passaggio di alcune moto anche solo pochi giorni creerà un danno VISIBILE di anni all ecosistema, anche ad occhi di uno che non è un botanico ma un amante della montagna. Purtroppo è un fatto scientifico che senza almeno una media conoscenza della montagna si sottovalutata o ignora.. I permessi alle moto vanno dati in zone già mediamente antropizzate con una bassa rilevanza faunistica, e sono tantissime.. È una follia derogare il divieto ovunque. Io metterei i divieti anche alle mtb in certe zone, non certo per il fastidio recato ad altri umani.

KATARRUSO
KATARRUSO

Appunto!!!
Sto incontrando sempre più spesso i pirla della domenica in sentierini del cavolo giù a manetta.
Mentre io sono in salita nel verso opposto a salire…
Mica si spostano di lato, stanno al centro.
Uno in discesa può anche rallentare un attimo.
Ma se rallento io in salita non riparto più….

E con grande dispiacere hanno molto spesso la grande S sul nodo sterzo…
Un po’ come incontrare i pirla in autostrada con BMW o Audi…

….. Nel senso che entrambi ragionano con” nella strada ci sono io faccio cosa voglio io è tutto mio….”

Capite?

Si usa cervello .
Sia in macchina che in moto che in bici.
Oppure attraversando sulle strisce.

Il problema non è questo i quello.
E che in sto paese le cose si fanno a ca%%o di cane.
E gli utenti son sempre peggio….
Gente che dopo 2 giorni che ha preso la patente dimentica tutto… È andiamo avanti alla carlona.
Restando zimbelli d’Europa ecc

Cheese
Cheese

Pulire o non pulire sentieri è una cosa che si fa a livello personale se si vuol fare. Il problema è che le moto la dove c’è una piccola parte di fango ci fanno venire subito un fosso di 1 mt.e non ci credo che andate la con della terra a pareggiare il tutto.il vostro divertimento è alzarela terra..diventano scoline x acqua e rovinate tutti i sentieri punto e a capo.. allora perché vietare a categorie di transitare nei centri abitati , i poveri camion come fanno dopo.Avete ragione non serve mettere regole alle categorie basterebbe essere Peace and love. Magari lo facessero in emilia romagna..

boborossi1963
boborossi1963

Io vado con l’enduro sia a pedali che a motore, abito vicino a Torino e in Piemonte si sono inventati la legge che dice che il fuoristrada a motore è vietato, peccato che strade bianche, sentieri, mulattiere siano riconosciute come strade mentre fuoristrada vuol dire andare dove non è presente nessuna traccia perciò in prati o dritti per i boschi quindi nei sentieri si sarebbe in regola (sta legge non dovrebbe nemmeno esistere in quanto va contro una legge statale che per importanza è maggiore) ma i GEV che non capiscono una mazza la multa te la fanno lo stesso con motivazioni assurde, poi fai ricorso e te la levano quasi sempre (tanto per far capire quanto sono in regola loro), a già dimenticavo per fare le multre dovrebbero esserci i cartelli di divieto che oviamente non ci sono. A parte questo per me i sentieri dovrebbero essere di tutti pedoni bici e moto (sono disposto anche a pare una licenza), quando poi sento i discorsi che le moto fanno danni incalcolabili però mi girano i cogl…. alla grande, posso fare decine di esempi dove i danni sono stati fatti da altri tipo: taglialegna che fanno strade nuove dal nulla, camion che passano a prendere le piante facendo solchi profondi mezzo metro che oviamente non vengono coperti, un pirla che sarà 3 mesi che fa avanti e indietro con il suo fuoristrada per andare a raccattare i legnetti, i pastori che hanno fatto passare una mandria di mucche in un… Read more »

Adri26
Adri26

grande… in Francia ci sono alcuni sentieri già vietati ai ciclisti, ovviamente tutto questo per gli escursionisti; il che è frutto di una politica che assolutizza un solo punto di vista… cmq tra noi biker c’è chi si lamenta dell inquinamento acustico delle motociclette ma nello stesso tempo giustifica i bike park che in alcune zone del mondo devastano letteralmente le montagne….questo perchè finchè si parla dei propri interessi è sempre tutto giustificato…

85549
85549

qui tutti paladini di picco e pala, io mai visto nessuno sistemare i sentieri. Per il resto anche solo una sgommata di una mtb nel posto sbagliato può fare molti danni. Attaccarsi alle sole moto può essere un`arma a doppio taglio. Io mtbiker in questo caso farei orecchie da mercante.

boborossi1963
boborossi1963

ancora una cosa, dalle mie parti girano in moto dagli albori dell’enduro, sicuramente hanno iniziato prima and andare con le moto che non con le bici, leggendo i commenti di tanti di voi che ipotizzano catastrofi e orde di motociclisti tipo il rientro dal mare a ferragosto a quest’ora non ci dovrebbero essere più nemmeno le colline e invece sono ancora li e i sentieri sono praticamente tutti percorribili sia da bici che moto! Evidentemente le paure sono un pò esagerate, ripeto i danni grossi li fanno trattori e camion.

kji
kji

alcuni parlano di torino , bene , nella collina morenica ci passano cani e porci , sentieri stupendi che quando piove si tramutano in acquitrini e fossi spaventosi (specie a causa del disboscamento selvaggio e del passaggio dei trattori) , ma anche le moto non mancano di certo! e rovinano parecchio i sentieri e cmq sicuramente moooolto più delle bici! a parte che non vedo quale sia il divertimento ad andarci con una moto…ma il problema è che poi nessuno rimette in ordine il sentiero! solo per spostare o tagliare un albero caduto che ingombra il passaggio ci vanno mesi…figuriamoci rimettere a posto il sentiero! il resto son solo chiacchere perchè tutti son bravi a sfruttare , usare e consumare ma nessuno si impegna veramente a conservare e preservare l’ambiente!

Luke80
Luke80

Peccato che non sia ancora aperta la caccia a quelli con le moto fuoristrada. Saprei da chi farmi prestare un fucile con connocchiale e silenziatore in modo da non disturbare la fauna selvatica. E li centri da un versante all’altro della valle.

minion
minion

….e poi si parla di tolleranza.

Mitzkal
Mitzkal

Spero tu stia scherzando.

Luke80
Luke80

Si, certo. Però le moto dovrebbero circolare solo in aree delimitate e destinate solo a loro, con forse un’eccezione per i trial, ma per usare bene un trial ci vuole manico e intelligenza, infatti se ne vedono molto pochi in giro…

teoDH
teoDH

Io mi chiedo perché invece non si decidano ad aprire la caccia a stronzi, intolleranti, classisti e ignoranti. Sicuramente sarebbe meglio eliminare quelli che un sacco di poveri animali…

minion
minion

Perchè le moto da trial non arano i sentieri…. Ma fammi il piacere. Lo faranno meno delle enduro ma arano pure loro e di solito vanno anche fuori dai sentieri….

Napolito
Napolito

La linea di confine è, a mio avviso, fra chi produce inquinamento acustico e dell’aria. Una moto elettrica sarebbe sicuramente accettabile. In tal senso andrebbero posti dei divieti. La regola del buon senso andrebbe invece applicata al comportamento di escursionisti, mountain bike e moto elettriche.

Mitzkal
Mitzkal

Credete che l’inquinamento dell’aria e quello acustico rimangano solo nelle città?
Città dove si gira con al 90% motori Diesel in nome di un presunto risparmio economico, ma che inquinano più del benzina e 10 volte più di un 2T o 4T da enduro?
L’aria non è che ristagni lì sopra alle strade trafficate… a questo punto aboliamo la circolazione dei motori endotermici, per poi scoprire che l’elettrico in realtà inquina di più. Evviva!
Ma poi mica si parla di MOTOCROSS dove si gira a manetta in un anello… si parla di ENDURO, dove uno passa e va’ e nella stragrande maggioranza dei casi neanche a tutta.
Creano 1000 volte più inquinamento acustico le motoseghe.
Cosa usiamo a mantenere in ordine i nostri amati sentieri? Ah, le motoseghe!
Aboliamo le motoseghe e come leggevo sopra, aboliamo i taglialegna perchè fanno devastazioni, poi facciamo i mobili di acciaio o di plastica con il petrolio ed anzichè usare le stufe a legna o pellet a scaldarci, che fortunatamente stanno riprendendo piede, torniamo a farci un bel serbatoio sotto casa e convertiamoci tutti al riscaldamento ad idrocarburi, inquinano di più, ma forse sono più rispettosi della natura a quanto pare. E nei boschi poi chi ci va’? Nessuno, perchè diventano selve impenetrabili.

Sinceramente non mi piace proprio per niente com’è messo l’articolo, con questa presa di posizione soggettiva sul votare la petizione. Soprattutto se consideriamo che nello stesso magazine/forum si ritengono terroristi gli escursionisti del Trentino che han fatto vietare le MTB.
2 pesi, 2 misure.

Gianluca Cattaneo
Gianluca Cattaneo

Ma scusa una cosa, le motoseghe almeno forniscono un ritorno alla comunità, dando legna per mobili, fuoco o quello che vuoi che sia fatto di legno. Le moto da enduro cosa danno oltre ad un egoistico piacere a chi le guida se non canali profondi mezzo metro? Poi sono il primo a dire che l’utilizzo delle motoseghe magari andrebbe regolato e che non è giusto vietare indiscrimitamente l’utilizzo delle moto da enduro nei boschi, magari adibendo zone che soffrirebbero meno l’impatto delle moto, perö per favore non confrontiamo cose che non sono confrontabili!

Poi questo è un forum sulle MTB mi sembra logico che ognuno tiri acqua al suo mulino, non ci vedo niente di strano…

Mitzkal
Mitzkal

Beh, intanto la moto è prima di tutto un mezzo di trasporto e molti la usano come tale.
Mi vengono in mente posti come S.Ilario a Genova (senza cercare posti remoti), che se non hai una moto da Enduro a casa ci vai a piedi e basta. Viene utilizzata anche per portare scorte, medicinali ed a volte soccorso in molte località difficilmente raggiungibili altrimenti.
Certo che motoseghe e boscaioli forniscono un servizio alla comunità, ma spiegalo a chi nei post sopra si lamenta pure di quello.
In ogni caso, se tutti tirano acqua al proprio mulino, molti ne rimangono senza e prima o poi a forza di tira di qua e tira di la, rimangono tutti a secco.

User99
User99

L’articolo in realtà riporta un comunicato dei promotori dell’iniziativa, di prese di posizione soggettive non ne vedo.. 😉

Doctorharp80
Doctorharp80

ma siete stronzi??? vado in montagna per stare LONTANO dalla merda di civiltà che siamo e ci ritrovo ancora degli stronzi con i motori a scoppio?

sambofoto
sambofoto

Ho appena firmato.

giorgiomartini
giorgiomartini

I danni che un pedone, un ciclista, un motociclista o un cavallo possono arrecare ad un ambiente dipendono da numerosi fattori:

-dalla quantità di passaggi (la quantità “nociva” è diversa a seconda del tipo di mezzo)
-dalla fragilità dell’ambiente (suolo, fauna, flora) che poi cambia con le stagioni, le condizioni meteo…
-dal comportamento più o meno educato dei frequentatori

E’ evidente che è necessaria un’opera di educazione e di regolamentazione (necessariamente differenziata da zona a zona).
Soluzioni semplicistiche non sono soddisfacenti per nessuno degli attori!

trekfuel
trekfuel

Già ora dalle mie parti in zona Galbusera bianca/nera (Rovagnate -LC-) esistono dei divieti di circolazione alle biciclette, non vedo che danno possano arrecare (molte sono strade bianche, altri sono sentieri normalissimi) se non quello di magari “infastidire” i turisti della domenica che arrivano da fuori per pranzare negli agriturismi presenti. A dir la verità sono i turisti della domenica ad infastidire i bikers, visto il loro comportamento irrispettoso e rumoroso.
Cmq secondo me il divieto di circolazione di moto enduro/trial non andrebbe tolto, semmai andrebbe permesso loro di circolare in aree apposite, hanno ragione anche loro a voler praticare il loro sport.
Il “circoliamo tutti insieme con buon senso” è una gran bella cosa ma, assodato che il “buon senso” non esiste (o cmq quello che è “buon senso” per me può non esserlo per Pinco Pallino), secondo me è il caso di riconoscere che di differenze tra mtb e moto ce ne sono tante ed entrambe le discipline non possono essere messe sullo stesso livello.
Poi, per carità, a Montevecchia mi è capitato di rischiare un investimento da parte di bikers che, considerando il sentiero come una prova di downhill, hanno svoltato da una curva cieca a grande velocità senza dare segnali della loro presenza (forse dovevo segnalare la mia presenza pure io, faccio mea culpa) venendomi incontro e sfiorandomi appena, senza nemmeno chiedere scusa o fermarsi.
Io lascerei tutto così com’è, però è necessario che i forestali facciano qualche controllo in più, non ne ho mai incontrato uno.

dulciethv132805
dulciethv132805

Si parla di uso ludico non come mezzo di trasporto e il fatto che nella nostra civiltà si progettino gli oggetti in modo sbagliato, cioè tutto ciò che non è progettato per essere riciclato in buona parte è un oggetto che non dovrebbe esistere e quindi è un errore di design http://www.treccani.it/enciclopedia/design-sostenibile_(XXI-Secolo)/ la questione non è essere o meno a favore delle categorie, anche la motosega può fare danni come essere un grande strumento per la conservazione… Ma se la logica è “tanto si inquina ovunque.. Non si va lontano… Passare su un sentiro vicino a prati magari per esempio potrebbe significare l estinzione di alcuni tipi di Fiore come orchidee.. Le polveri sottili rimangono a 3 metri dal suolo.. È un esempio stupido ma alla fine è di questo che si parla. Gli equilibri in montagna sono diversi dalla città. Poi bisogna valutare tutto, se l impatto è minimo e i vantaggi ci sono ok.. Bho

teoDH
teoDH

Pessima notizia… odio i divieti, odio il fatto che possano limitare la mia libertà, oggi tocca ai motociclisti, domani chissà, magari ai biker… Sono piuttosto per l’individuazione di sentieri, dei loro punti critici, e sulla collaborazione delle associazioni che ne usufruiscono per mantenerli e ripristinarli. Io sogno una collaborazione con i motociclisti, non una guerra tra fratelli… Le teste di caz… lo sappiamo, esistono sempre, a priori da quale mezzo cavalchino, ho incontrato biker stupidi e motociclisti stupidi, ma non per questo chi invece gira sui sentieri con rispetto per gli altri deve rimetterci. Lasciare ai nostri politici, che ben sappiamo essere un branco di idioti che non hanno il minimo contato con il popolo e il territorio, decisioni simili, mi spaventa, molto meglio, come è successo in zona da me, che si incontrino i motoclub e le asd ciclistiche, definiscano delle regole per una sana convivenza, e le facciano reciprocamente rispettare tra i loro soci, sarà facile così identificare chi non le rispetta e prendere provvedimenti. Io da biker collaboro con amici in moto, quando sistemiamo alcuni sentieri di uso comune siamo a lavorare insieme, talvolta dopo una pioggia loro escono e devastano tutto, alchè ci avvisano e talvolta andiamo a riempire i canali insieme, ma molto più spesso se li vanno a sistemare loro appena asciuga… In un sentiero che usiamo solo noi biker, abbiamo segnalato con cartelli e creato degli ostacoli naturali, facili da passare in bici ma non altrettanto con le moto da enduro, e mai… Read more »

michbg31
michbg31

Credo che, sebbene non sia di facile attuazione, creare dei percorsi difficili da percorrere con le moto sia la soluzione più pacifica da adottare. Sicuramente ci sarà il fenomeno che un giorno ci passerà in moto, ma fino ad allora il percorso durerà abbastanza (almeno dalle mie parti) .il porre divieti, porterà a lungo termine, a torcersi contro noi biker, non appena la corsa podistica o trail running prenderanno piede nei nostri sentieri e noi saremo i “crossisti”(passatemi il termine) della situazione.

Luciano_Falciani
Luciano_Falciani

Il problema è di educazione e rispetto reciproco, quindi non si risolve coi divieti. Gli utenti della montagna possono essere una risorsa per salvaguardare il territorio, quindi non vanno allontanati e ghettizzati. Uniamo le forze per mantenere i sentieri aperti, perchè da solo il CAI non basta.

Giovanni33
Giovanni33

Vorrei chiedervi una cosa : quanti di voi vivono la montagna al di fuori della MTB ?
Il fatto di farvi ore di macchina partendo da casa dovrebbe giustificare la vostra necessità di trovare un sentiero vergine ed immacolato , tutto per voi ? Forse esiste ! Si chiama bikepark !
Io sono Valtellinese ! Se non ci siete mai stati venite a farci un giro …. ! Sono nato intorno alle moto , credo di aver percorso tutti i sentieri , che ora abitualmente faccio in bici , con il trial ! Grazie ad accordi con il comune e la creazione di un consorzio speciale , il gruppo di trialisti ha ( non contribuito ) ma completamente ristrutturato diverse baite montane , rifugi e sentieri ora di nuovo accessibili !
Avrei molte altre cose da aggiungere ….. Ma terminerei dicendo… Che al primo biker che si lamenta qui nella zona , lo do io un calcio nel culo !

Robyx32
Robyx32

Sono felice di notare che alla provocazione accesa da chi ha postato l’articolo contro gli enduristi ne sono scaturite principalmente risposte intelligenti e moderate a favore della libertà di poter praticare lo sport preferito (anche se ,sacrilegio, con un motore!); mentre chi l’ha pubblicato sarà rimasto deluso.
Ricordo per chi non lo sapesse che molti appasionati di mtb sono anche appassionati di moto da enduro (come il sottoscritto) e che i primi appassionati di mtb a girare in Italia 30 anni fa sono stati gli stessi enduristi che adesso invece vengono tanto osteggiati dai mountainbikers e che non sanno piu’ dove circolare visto che ci sono divieti per i mezzi motorizzati ovunque.
ciao

PACIO62
PACIO62

Ma quindi una persona dove dovrebbe andare a farsi un giro senza sentire rumore e puzza di motore??? Certo che in regione Lombardia non hanno proprio una mazza a cui pensare… con tutti i problemi che ci sono guarda te cosa sono andati a pescare!!

 

POTRESTI ESSERTI PERSO