[First Look] Mondraker Foxy C XR 2016

[First Look] Mondraker Foxy C XR 2016

25/09/2015
Whatsapp
25/09/2015

Autore: Francesco Mazza

Ad Aprile 2014 siamo stati ospiti di Mondraker nel loro quartier generale di Alicante, in Spagna, per la presentazione ufficiale della Foxy Carbon, il primo modello in carbonio mai prodotto nell’intera gamma del brand iberico. Avevamo avuto modo di provarla in una lunga escursione sui monti alle spalle di Alicante e ci era piaciuta davvero molto a livello di performance, oltre che esteticamente, e tuttora riteniamo sia una delle bici più interessanti nel panorama All Mountain. Per accertarci che le nostre prime impressioni fossero veritiere, ci siamo fatti consegnare una Foxy C 2016 in allestimento XR per metterla alla prova in un test a lungo termine e poterne così saggiare le qualità in modo approfondito, sia in termini di prestazioni che di durata. Ve la presentiamo ora in tutti i suoi dettagli, prima di iniziare a metterla sotto torchio.

8L1A1408a

Telaio in carbonio Stealth e allestimento top di gamma portano la Foxy C XR a un peso di soli 12,1kg da noi rilevati per la taglia M che ci è stata affidata. Sospensione Zero Suspension, sistema Virtual Pivot a bracci corti con azionamento Full Floater, ormai tradizione Mondraker sin dal 2009.

8L1A1456

L’ammortizzatore Fox Float DPS Evol LV a tre posizioni con trattamento Kashima gestisce i 140mm di escursione della Foxy C XR. Lo stelo è ben protetto dalla sporcizia alzata dalla ruota posteriore grazie a un pratico e discreto parafango assicurato al telaio tramite due viti.

8L1A1458

La biella Monoblock Link Design è realizzata in lega di alluminio, tramite due sezioni forgiate e saldate insieme in un unico solido pezzo.

8L1A1519

Forcella Fox 34 Talas con cartuccia FIT4 Factory e controllo della compressione a 3 posizioni. Trattamento Kashima e perno da 15mm. L’escursione è di 160mm e rende questa All Mountain particolarmente aggressiva in discesa, senza inficiare le prestazioni in salita, anche grazie alla possibilità di essere abbassata a 130mm di escursione.

8L1A1424

Passaggio dei cavi interno al telaio denominato Hidden Housing Guide. Sul lato sinistro del tubo obliquo, sotto l’elegante incrocio con il top tube, si inseriscono il tubo del freno posteriore e il cavo del cambio. La porta di ingresso annette un fermacavi ed è marchiata con il simbolo Mondraker.

8L1A1459

Nella medesima posizione, sul lato destro, troviamo l’ingresso della tubazione del comando remoto del reggisella telescopico Rock Shox Reverb Stealth da 125mm di escursione. Come potete vedere siamo intervenuti ispessendo la tubazione con un paio di giri di nastro isolante per evitare che fuoriuscisse eccessivamente, dato che la lunghezza del tubo è abbondante e abbiamo preferito tenerlo all’interno del telaio piuttosto che tagliarlo, per poter eventualmente sfilare comodamente il reggisella.

8L1A1494

La tubazione del freno e quella del reggisella fuoriescono in fondo al tubo obliquo nel suo lato superiore, bloccate da un apposito fissaggio a vite. Da qui proseguono ciascuna su un lato: il tubo del freno scende verso il carro, mentre quello del reggisella segue il lato destro della cruna del telaio all’interno della quale ha sede l’ammortizzatore. Il passaggio previsto dalla casa, dotato di fissaggio tramite fascetta, è nel lato interno della cruna, tuttavia ci siamo accorti che in quella posizione lo spessore della tubazione interferisce con il movimento dell’ammortizzatore, quindi abbiamo fatto in modo che passasse sul lato inferiore della cruna, lasciando spazio all’ammortizzatore di muoversi liberamente.

8L1A1496

Il cavo del cambio fuoriesce invece nella parte inferiore del tubo obliquo, in prossimità del movimento centrale. Qui troviamo un’utilissima placca di protezione in schiuma antiurto con estetica carbon look e logo Mondraker.

8L1A1516

Trasmissione interamente SRAM a 11 velocità. Guarnitura X01 con corona Direct Mount X-Sync da 30 denti e pedivelle da 170mm protette nella loro parte terminale con guscio in gomma antiurto applicato dalla stessa SRAM. Cambio e comando sono anch’essi X01 mentre per la cassetta la scelta ricade sul più economico modello rivettato della serie X1. Il chainstay è protetto da un rivestimento in gomma resistente e sulla zona a ridosso della corona è applicata una protezione in alluminio.

8L1A1483

Come su tutti i modelli Mondraker degli ultimi anni, anche sulla Foxy C è applicato il sistema Forward Geometry, con top tube particolarmente lungo compensato da un attacco manubrio di lunghezza ridotta. Un sistema che ormai ha fatto scuola e che è stato concettualmente ripreso dalla maggior parte degli altri brand. Lo stem è uno Stoic FG30 prodotto da OnOff, marchio costola di Mondraker.

8L1A1479

Anche il manubrio è prodotto da OnOff. Si tratta di uno Stoic Carbon da 780mm di larghezza e 12mm di rise, con grafiche in tinta con la livrea del telaio. Qui troviamo le manopole a singolo lock-on, sempre prodotte da OnOff.

8L1A1447

Il sistema frenante è affidato a SRAM con i suoi Guide RSC. Purtroppo, non appena arrivata la bici, abbiamo dovuto spurgare entrambi gli impianti per portarli alle loro massime prestazioni. I collarini MatchMaker ospitano anche il comando cambio e il comando remoto del Reverb, apprezzabilmente posizionato nella parte inferiore del manubrio.

8L1A1469

L’impianto Guide si avvale di dischi Centerline d 180mm di diametro sia all’anteriore che al posteriore.

8L1A1463

La pinza posteriore è assicurata al telaio tramite un adattatore Post Mount dedicato.

8L1A1465

La Foxy C XR è gommata Maxxis, con un High Roller II EXO da 2.30 all’anteriore e un Ardent EXO da 2.40 al posteriore. La bici è arrivata montata con le camere d’aria, ma nella confezione erano presenti le valvole UST e i cerchi erano già trasformati tramite l’apposito nastro sigillante, per cui abbiamo immediatamente eliminato le camere aggiungendo del lattice per sfruttare la possibilità del montaggio Tubeless.

8L1A1488

Ruote DT Swiss XM 1501 Spline One con dettagli arancioni sia sul mozzo che sui cerchi, sui quali purtroppo abbiamo già notato evidenti segni di screpolatura delle grafiche dopo solo un paio di uscite di prova. Peccato perchè le ruote, che già abbiamo avuto occasione di utilizzare su altre bici, sono davvero ottime.

8L1A1504

La sella, che sfoggia cuciture e grafiche in tinta con il telaio, è una SDG Circuit MTN con carrello in lega ti titanio.

8L1A1503

Per non deturpare le eleganti linee della Foxy C, abbiamo montato i supporti per la borraccia Cageless di Fabric, minimali ed estremamente discreti.

8L1A1461

E ora possiamo dedicarci a spremere a fondo la Foxy C XR. Se avete domande e curiosità, o se volete che venga analizzato qualche aspetto in particolare, scrivetelo nei commenti e avrete la vostra risposta nel prossimo articolo con i risultati del test a lungo termine.

Mondraker

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
@lberto
@lberto

Curatissima in ogni dettaglio. Gran bike!

breinok
breinok

Le Mondraker sono le bici più belle del momento, a mio parere. Con la forward geometry appaiono belle cattive, non avendo un manubrio appeso in avanti.

Tomislav
Tomislav

Esteticamente stupenda! L’accordo delle linee del triangolo principale al carro è arte pura.
Finita in maniera maniacale!
Mi piace pure il fatto che abbia l’attacco per il portaborraccia.
Due cose mi lasciano un pelino scettico:
160 anteriore e 140 posteriore, motivo?
Manubrio da 780mm… Sulle pietraie sarà libidine pura, ok… Ma cavolo, gli alberi nei sentieri ci sono solo nelle mie zone?

Marco Toniolo

con il talas puoi abbassare la forcella, e avendo “solo” 140mm dietro ti arrampichi alla grande senza sederti per via del sag

Dandelion
Dandelion

Ma ogni volta che si recensisce una bici di questo tipo, salta fuori il discorso del portaborraccia. Ma mi spiegate che trucco usate per arrivare in fondo a una discesa lunga e scassata senza perdere la borraccia ? io non ci riesco proprio!

maurinix
maurinix

Basta un portaborracce di buona qualitá; magari di quelli con uscita latetale.

Alessandromtb80

Usiamo dei buoni portaborraccia…Mai persa una da quando faccio enduro mentre anni fa, con il xc ne ho perse un paio.Ne deduco che l’evoluzione c’è anche per questo elemento tecnico.

mountaindoctor
mountaindoctor

Specialized con apertura laterale. Usando bici taglia S, spesso è stato l’unico modo di poter usare la borraccia. Usane uno da MTB, e non avrai nessun problema.

Kinxif
Kinxif

già sulle 26 la coppia 160 ant e 140 post secondo me era l’accoppiata per l’AM aggressivetto. 160 dietro lo usi solo se scendi a tuono mentre una forca generosa è sempre comoda e in salita non la paghi.
Sulle 27,5 ancor meglio visto l’aiuto in rotolamento dato dal maggior diametro

engelmax
engelmax

E’ veramente stupenda…che linee! Va bene….foxy scelgo te!!!

lagranara
lagranara

grazie Carbonio, che ci permetti linee così perfette e sensuali: design da libidine pura….

gasate
gasate

Bellissima e credo anche divertentissima

Balzy
Balzy

Bellissima, lo schema di colori mi ricorda vagamente la YT Capra, altra bici esteticamente stupenda.

daoxiannai5
daoxiannai5

wao! gran gran gran bici

gabrireghe
gabrireghe

chiaramente vorrei sapere come si comporta nel tortuoso… sia lento che veloce. e nei tratti più trialistici

Berets
Berets

Curatissima la bici e molto bello l’articolo, bravi.

rimirkus1975
rimirkus1975

Un’altra , stupenda, mtb con ruote da 27,5- 650B ; ultimamente per enduro ed ora anche all-mountain sembra che la tendenza sia quella appunto del diametro ruota 27,5 ; + pace per le 26 che abbiamo capito che alle case non interessano più , ma come mai poche novità e sviluppi sulle 29er per utilizzo appunto enduro e all-mountain ? Scelta delle case produttrici o degli utenti !!?

Teoizhere
Teoizhere

Secondo me i motivi principali sono 2, grosse difficoltà progettuali per realizzare una 29er a lunga escusione decente (che io sappia solo Specy e BMC ci sono riusciti) e scarsa richiesta da parte del mercato, in AM ed Enduro le 27,5 bene o male sono più maneggevoli e divertenti rispetto alle 29, che per quanto garantiscano sicurezza, trazione, ed effetto “schiaccia sassi” sono sempre meno maneggevoli.

Inoltre le ruote che rivestono il ruolo principale in una 29er, se non sono di altissima qualità (con conseguenti costi elevati) possono decisamente peggiorare le prestazioni di un telaio con una geometria efficente.

P.S
Io stesso sono passato da una 29er ad una 27,5 proprio perchè ho abbracciato molto di più il discorso dell AM “impegnato”.

scnia
scnia

Le geometrie mondraker all-mountain son fantastiche: in discesa dei carri-armati, in salita anche li buone, nel tecnico l’angolo di sterzo si fa sentire un pò di piu però ci si fà l’abitudine. Poi con i foreward e le sue linee sthealt danno un non sò che di aggressività.

marco_cab
marco_cab

come si dice a modena.. la talas lè bouna da frezzèr

00_uno_00
00_uno_00

Dove diavolo avete trovato la Fabric Cageless che non è in vendita da nessuna parte? La voglio pure iooooooo

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Clicca sul nome della borraccia nell’articolo e lo scoprirai… 😉

David Fregoli

la puoi ordinare su evanscycles.com o su r2-bike.com

belvis
belvis

Da listino sulla xr non dovrebbero esserci le crankbrothers iodine?

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Sulla 2015. La 2016 è quella che vedi in questo articolo.

SuperDuilio
SuperDuilio

Ho l’impressione che la corona Direct Mount X-Sync viste tutte quelle scanalature di cui è dotata sia molto difficile da pulire e si sporchi più facilmente delle altre.

maurinix
maurinix

Avuta sulla scorsa bici…. Mai avuto di questi problemi!

SuperDuilio
SuperDuilio

Buono a sapersi, grazie 😉

SuperDuilio
SuperDuilio

Ah e a fine test vorrei analizzaste bene l’indirizzo di casa mia per riporre la bike tranquillamente. Anche sporca…..no problem!

Vincenzo2001
Vincenzo2001

Noto che la bici ha un discreto fuori sella.
è perché il tester è alto per la taglia a disposizione o perché la bici è bassa di suo?

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Bici particolarmente bassa. Sono alto 175cm, quindi decisamente non una pertica… 🙂

dde
dde

quindi taglia M consigliata anche per 1,70?

superpit
superpit

Sapresti dirmi se la M va bene anche per uno come me, 178cm con 78cm di fine sella/movimento centrale?

SuperDuilio
SuperDuilio

@Francesco Mazza: sulla lunga durata vorrei sapere la vostra sui cuscinetti del carro.
Es. gioco laterale e quant’altro. Grazie

sunsetdream
sunsetdream

Foto vista mare…siete a provarla forse in Liguria? Saluti

Sender 9.0
Sender 9.0

Come su detto nel hinterland di Alicante ( con su famosa playa di San Juan ) non molto lontano di Benidorm detto anche Beniyork con delle belle piste per MTB entrambe le due località

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Ad Alicante avevamo provato il modello 2015 nell’Aprile del 2014. Le foto nell’articolo di quel modello, nel link all’inizio di questo articolo, erano state scattate a Tabarca, bellissima isoletta di fronte alle coste di Alicante, mentre il giro di prova lo avevamo fatto sui monti nell’entroterra di Alicante. Per le foto di questo articolo del modello 2016 invece ha visto bene @pilade66: sono state scattate a Finale Ligure.

ciuba
ciuba

Sarei molto interessato a sapere come si comporta la sospensione in frenata (se la sospensione si irrigidisce sensibilmente in frenata), anche in confronto con altri schemi di sospensione (tanto per fare un es su due bici che conosco, mi è sembrato che l’effetto di indurimento sia molto più accentuato su una cannondale trigger rispetto che su una specialized sj).

Commento sulla bici … WOW!!!

BrunoGe
BrunoGe

Perchè la biella si chiama Monoblock Link Design se è composta da due parti saldate assieme?

markxxx79
markxxx79

…spettacolare !!! …mondraker come geometrie innovative e design , è un passo avanti a molti costruttori !

izanola76
izanola76

E bravi sti spagnoli!!!!!! Non solo fútbol

Dr. Jekyll
Dr. Jekyll

Il mio commento non porterà nessun beneficio alla discussione, ma… boiacan che bella.

Cipox
Cipox

Il cavo sotto il movimento centrale lo ritengo superato e pericoloso…per il resto bellissima.
Il prezzo di qsta bike si conosce..?

200mm
200mm

Gran bella bici!

andrea@bikersincresta.com

Vorrei sapere se il parafango posto a protezione dell’ammortizzatore posteriore svolge egregiamente il suo lavoro, oppure in caso di parecchio fango è inutile? Gran bella bici comunque.
Grazie.