• it
  • en
  • es

[First ride] Nuova Yeti SB140

[First ride] Nuova Yeti SB140

29/07/2019
Whatsapp
29/07/2019

Dopo la SB165, è giunta l’ora di mostrarvi la nuova SB140, una bici con ruote da 27.5″ e 140mm di escursione posteriore, abbbinati ad una forcella da 160mm. Anche questa fa parte del concetto “rip bikes”, con cui Yeti definisce un tipologia di mezzi pensati per divertirsi prima di tutto, sfruttando la giocosità delle ruote più piccole rispetto alle 29 presentate la scorsa stagione.

Nel video seguente la SB140 viene spiegata in dettaglio (sottotitoli in italiano).

Difficile da categorizzare, questa SB140. È una piccola enduro o una trail bike dalle geometrie aggressive? Andiamo a vedere le quote in dettaglio.

Geometria

Quella che Yeti chiama “progressive geometry” si contraddistingue per un angolo sterzo molto aperto, vista l’escursione della bici, con una focella dall’offset cortissimo, e da un angolo sella verticale. Il reach non può che essere di quelli lunghi.

Sul campo

Se con la SB165 ero scettico sulle sue qualità in salita, con la SB140 lo scetticismo riguarda un po’ tutta la bici. Perché non preferire una 29, quale la SB130? Con le ruotone si arrampica meglio e si è più stabili sul veloce. Ho potuto farci due giri a Bovec, in Slovenia, uno con 600 metri di salita pedalata e quasi 1.000 metri di discesa, l’altro con 200m di salita e la stessa discesa di prima. Si trattava di una strada militare con cui abbiamo raggiunto un singletrack tipicamente alpino: fondo sassoso, curve strette, tratti ripidi. Un po’ di tutto quello che si trova in un giro all mountain, anche se mancava la salita tecnica.

Ho pedalato tutta la salita con l’ammortizzatore completamente aperto, potendo apprezzare la neutralità dello Switch Infinity e l’ottima posizione in sella grazie all’angolo molto verticale. La taglia in prova era una L, la “solita” che uso con Yeti. Malgrado il reach lungo mi sono trovato molto a mio agio.

Se per la salita tecnica non posso dirvi molto, in discesa ho apprezzato molto l’agilità della SB140, cosa che conferma ancora una volta come le 27.5″ abbiano un senso di esistere per chi predilige una guida giocosa e ama pompare la bici sugli ostacoli che gli si presentano davanti. Ora, personalmente non ho problemi a far girare una 29 pollici moderna nello stretto, ma è indubbio che con una 27.5″ come la SB140 ci si riesca anche meglio.

Dove ho notato una mancanza di confidenza è sul roccioso tecnico/ripido. Ho un po’ avuto la sensazione che la ruota anteriore venisse letteralmente inghiottita dai gradoni in calcare di Bovec. Devo anche dire che durante il primo giro mi sono perso con Tyron di Fox e siamo finiti in un tratto ipertecnico dove una enduro come la SB165 sarebbe di sicuro stata più a suoi agio.

La cinematica è la stessa della SB165 e che trovo una delle più azzeccate sul mercato per come la sospensione stia alta nel travel e riesca ad assorbire bene le piccole asperità. Dove cambia è nella curva di progressione, visto che la SB140 è esplicitamente pensata per ammortizzatori ad aria.

Anche se la SB140 si trova nella categoria “trail bike” non bisogna dimenticare che la sua geometria aggressiva richiede comunque una posizione di guida ben impostata sull’anteriore, altrimenti è facile perdere la direzionalità. Un po’ tutte queste rip bikes sono state pensate per il rider aggressivo che ama percorrere le discese a tutta.

Allestimenti e prezzi

Telaio T: 3999 Euro
T1: 7599 Euro
T2 8299 Euro
T3 8999 Euro
C1 6299 Euro
C2 6799 Euro

Dettagli Yeti SB140

La Yeti SB140 sulle montagne di Bovec, Slovenia.

Lo Switch Infinity.

Ammortizzatore ad aria su tutte le SB140.

Trasmissione 1x only. End of story.

Attacco pinza freno posteriore.

Niente guida catena per questa trail bike.

Passaggio cavi interno guidato.

Forcella da 160mm di escursione.

Portaborraccia.

Attacco manubrio corto. Forward Geometry docet.

Se avete 4 Yeti in casa, il nome serve per non fare confusione.

Il link é l’unica parte che cambia nel sistema Switch Infinity fra i vari modelli di Yeti. Il resto è identico.

Gomma posteriore da 2.6″.

Reggisella telescopico da 125mm per la taglia XS e S, 150mm per la M e 175mm per la L e XL.

Warm up per le braccia.

I due proprietari di Yeti nella nostra intervista:

Yeti Cycles
Distributore per l’Italia: DSB Bonandrini.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Lucentino
Lucentino
29ers are dead ! 😉
B
baffo82
Bel mezzo..dopo aver convinto i biker della superiorità delle 29 in tutto..ora rispolverano le 27.5 con la scusa della giocosità maggiore del mezzo..seguiranno anche le altre case con modelli simili. Il marketing fa miracoli
E
emml
Sicuramente il marketing ci condiziona puntando un anno di più le 29, l’anno dopo le 27 e mezzo viceversa oppure alle ibride col 29 davanti il 27 e mezzo dietro…. Io lo chiamo rimescolare le carte in gioco o meglio effetto minestra riscaldata che a dirla tutta non mi dispiace….
Personalmente ho una 27 e mezzo(140-130mn) che trovo estremamente divertente e giocosa come la si definisce sopra: con le varie 29 provate, non riesco ad avere quel genere di feeling….Sicuramente con la 29 al giorno d’oggi si riesce a girare un un fazzoletto la curva stretta ma è altrettanto vero e prendo ad esempio la mia zona in Liguria che da 2 anni in corrispondenza delle curve strette col tempo si sono formate delle sponde che vanno ad anticipare la curva ovvio che a quel punto anche con una 29 riesco a girare!
Comunque tornando in casa yeti mi sembra che le idee abbiano un po’ confuse tutte angoli da enduro a prescindere dall’escursione è dalle dimensioni delle ruote ba contenti Loro sicuramente grandi mezzi ma che personalmente non mi fanno staccare l’assegno….
B
BAROLO71
mahh io trovo che il moltiplicarsi di modelli troppo simili tra loro crei solo confusione per tutti, sia per chi deve acquistare e per chi deve vendere!
Alla fine l’ sbg di Transition stà facendo scuola!
fafnir
fafnir
Forse l’offset classico della forcella ti avrebbe aiutato un po’ sul ripido, comunque incomprensibile la mancanza del guidacatena
B
baffo82
Perché? Con l’offset ridotto non dovrebbe aumentare il trail e quindi la stabilità dell’ anteriore?
federico.g
federico.g
Secondo me ha geometrie troppo vicine a l’ enduro per essere un cosiddetta trailbike che di trailbike non ha niente a parte l ‘ escursione posteriore ,potevano farla un po’ più tranquilla così è troppo simile al modello enduro,in modo da identificarle di più, ma questa è una mia personale considerazione…..
E
emml

Peccato…con le ultime recenti modifiche del carro posteriore/attacco ammo……proprio non riesco a farmela piacere.
La trovo snaturata e sgraziata😭
La generazione precedente aveva un suo perché estetico imho ovvio

V
vitamin
Vabbè, stavolta mi immolo io..ammazza che prezzi! 6300 euro con freni Guide R e niente bash/guidacatena? Non sono un po’ braccini ‘sti tizi di Yeti?
jeeper
jeeper
ormai non ci si fa più nemmeno caso
B
baffo82
Perché? Con l’offset ridotto non dovrebbe aumentare il trail e quindi la stabilità dell’ anteriore?
fafnir
fafnir
Perché? Con l’offset ridotto non dovrebbe aumentare il trail e quindi la stabilità dell’ anteriore?

Ha parlato di ripido, in quale pianeta spostare la ruota anteriore piu indietro/sotto il telaio aiuterebbe sul ripido? Te lo dico io, nessuno 🙂

B
baffo82
Ha parlato di ripido, in quale pianeta spostare la ruota anteriore piu indietro/sotto il telaio aiuterebbe sul ripido? Te lo dico io, nessuno 🙂

Capito cosa intendi. Pensavo in generale i vantaggi dell’ offset ridotto nella guida

shrubber83
shrubber83
hanno copiato la mia Spectral 😛 non tanto come desing, ma come destinazione d’uso…
B
baffo82
Ha parlato di ripido, in quale pianeta spostare la ruota anteriore piu indietro/sotto il telaio aiuterebbe sul ripido? Te lo dico io, nessuno 🙂

Ma quindi per compensare sul ripido l’offset ridotto delle forcelle nuove, dove bisognerebbe intervenire? Aumentare ancora l’angolo di sterzo

impeto72
impeto72
Personalmente queste sono le tipologie di bici che mi piacciono molto! Venendo dall’enduro, mi ero reso conto che si faceva troppa pena a salire sul tecnico, non tanto sullo scorrevole; in discesa, se non scendevi alla morte, la bici sembra "non funzionare". Con queste trail aggressive ho trovato la mia collocazione ideale.
fafnir
fafnir
Ma quindi per compensare sul ripido l’offset ridotto delle forcelle nuove, dove bisognerebbe intervenire? Aumentare ancora l’angolo di sterzo

Non è una questione di intervenire, salvo rari casi ogni intervento sulle geometrie ha dei pro e dei contro, si tratta solo di scegliere quali sono le tue esigenze e di non farsi imbambolare da nessuno, che i miracoli non esistono.
Resta anche da valutare se quella differenza di offset è percepibile.

Pito
Pito
@marco come ti sei trovato con le 2.6?
wally73
wally73
SB130 senza neanche pensarci…
più si scende di escursione e geometrie più le 29 sono vincenti…
per il resto le ultime YETI sono di una bellezza imbarazzante…
Etien
Etien
Che bella bestia… per me è (e resta) un sogno erotico, anche se possedendo già una 27,5 forse vorrei prima provare la SB130…
Andrea#11
Andrea#11
Questa e la sb165 sono da sbavo!
Come mai non producono, il solo telaio oppure 1 o 2 allestimenti in alluminio per i poveri come me?
La Santa Cruz in questo vince.

Sent from my iPhone using MTB-MAG.com

Pito
Pito
Non male, ma sulla mia bici personale non monterei mai le Rekon Exo, perché durerebbero al massimo un paio di uscite

Grazie!

freeco
freeco
Bellissima, sopratutto la grigia e la turchese.
Ma non riesco a immaginare come si possa trovare giocosa e agile con quelle geometrie tirate. Sicuramente sarà stabile e capace. Sono un grande sostenitore di queste “rip bikes” che privilegiano il fattore divertimento e secondo me, in questo frangente, le 27,5 sono ancora difficili da battere.
Reynold
Reynold
io aspetto l’SB147.. secondo me sarà ancora più equilibrata!
Reynold
Reynold
io aspetto l’SB147.. secondo me sarà ancora più equilibrata!
F
Fbf
Per la mia filosofia di mtb la 29 è il formato per eccellenza; ma la SB130 necessita pure lei di una guida molto caricata all’anteriore?
jeeper
jeeper
ormai non ci si fa più nemmeno caso
marpa
marpa
A me questo telaio. come quello dell sb165 piace parecchio e se si pedala bene per la categoria sono favorevole a geometrie aggressive, di fatto potrebbe essere la bici quasi “unica” con cui ci si diverte in discesa e si sale bene .
.. sarà perché sono “tirchio” o “oculato” ma sopra i 4K euro per me sono prezzi esagerati per una MTB , indipendentemente dal marchio. Comunque penso che farà felici i possessori .
cianci
cianci
Sembra come quando è uscita la skate banana per lo snowboard. Era stata (ai tempi) una rivoluzione in meglio. Queste bici , finalmente accorciano l’escursione e sono belle aperte e con geometrie belle hc. Mi piace parecchio.
K
klasse
Io aspetto sett prossima, dove presenteranno una ibrida 29/27,5…
Adesso di yeti ce n’è per tutti i gusti, visto che loro si concentrano su pochi prodotti esclusivi, dal cc a tutte le varianti per andare nei boschi più o meno incazzati, al posto che cambiare copertoni e adattarsi all’ambiente, facciamo che cambiare bici direttamente, tanto di adattarci noi non ne siamo capaci.
stefano86
stefano86
sti nuovi telai yeti non mi piacciono, hanno quella gobba sopra lo switch infinity dove si sttacca la biella che trovo appesantisca la linea, preferivo decisamente i vecchi
mac74
mac74
bel mezzo da 27,5 prezzi da paura