Frenato senza il disco e le pastiglie si sono chiuse? La soluzione

Frenato senza il disco e le pastiglie si sono chiuse? La soluzione


Quando trasportiamo la bicicletta in auto può capitare che la leva freno venga premuta accidentalmente e che ci ritroviamo con i pistoni fuoriusciti, ovvero con le pastiglie troppo vicine che non ci consentono di inserire il disco o far scorrere liberamente la ruota. Quest’oggi vedremo come risolvere questo semplice (ma piuttosto comune) incidente senza danneggiare freno o pastiglie.

Perchè i pistoni “si chiudono”

I pistoni dei freni sono progettati per mantenere sempre costante la distanza ferodo-disco anche quando le pastiglie si usurano, in modo che la corsa alla leva sia sempre uguale a pastiglie nuove ed a pastiglie usurate.

Quando il pistone “sente” che la distanza ferodo-disco è eccessiva, compensa fuoriuscendo leggermente e ripristina la corretta distanza in modo che la corsa alla leva sia quella giusta. Quando però capita di premere la leva freno senza che ci sia il disco tra le pastiglie, il pistone “sente” una distanza disco-ferodo eccessiva e quindi compensa fuoriuscendo, nel vano tentativo di ridurre il gap. Il risultato è che le pastiglie si avvicinano o “si chiudono” e quando dobbiamo rimontare la ruota, lo spazio per il disco è insufficiente.

Nei casi migliori riusciamo ad inserire il disco che però striscia quando la ruota gira, producendo attrito. Nel peggiore dei casi le pastiglie vanno praticamente a contatto tra loro impedendoci fisicamente di montare il disco. L’ipotesi invece che i pistoni fuoriescano completamente causando la perdita dell’olio è remota e si può verificare solo su alcuni freni ed in condizioni particolari (pastiglie usurate e un pistone freno grippato).

Come risolvere il problema

Per risolvere il problema è necessario rimandare in battuta i pistoni, in modo da ripristinare la corretta distanza tra le pastiglie. Tuttavia non è così banale se ci troviamo in un parcheggio, pronti a partire per un giro in bici e con pochi attrezzi a disposizione.

Lo strumento che ci servirebbe è questo: il divaricatore per pinze. Ovviamente, a meno di non avere la cassetta degli attrezzi in auto, non è uno strumento su cui possiamo far affidamento.

Sicuramente possiamo però fare affidamento ad un multitool, che da biker previdenti, portiamo sempre nello zaino.

Alcuni multitool hanno un’apposito attrezzo per allargare i pistoni. Questo multitool Birzman ha integrato nell’impugnatura dello smagliacatena una piccola paletta pensata proprio per divaricare le pastiglie. Un utilissimo accessorio!

Anche se il nostro tool non dispone di un attrezzo specifico, sicuramente avremo un cacciavite piatto. Il cacciavite piatto, in emergenza, può essere utilizzato per allargare le pastiglie. Dobbiamo solo fare molta attenzione a non scalfirle, cercando di agire delicatamente sul bordo.

L’operazione di allargamento dei pistoni può essere effettuata anche a bici capovolta. Il nostro obiettivo è infatti quello di rimandare i pistoni in battuta, facendo quindi fuoriuscire una certa quantità di olio dall’impianto alla vaschetta di espansione. Non è quindi possibile, anche se la bici è capovolta, che entri nell’impianto aria dalla vaschetta di espansione. Il tutto ovviamente a patto che l’impianto sia correttamente spurgato, soprattutto nella pinza.

Preparata tutta l’attrezzatura necessaria, possiamo metterci all’opera. Il nostro obiettivo è di allargare le pastiglie in modo che spingano i pistoni in battuta. Per fare ciò, seguiamo alcune semplici precauzioni:

  • Cerchiamo di far entrare i pistoni dritti, spingendo se possibile al centro della pastiglia o alternando la spinta su punti diametralmente opposti se le pastiglie sono troppo vicine tra loro e non riusciamo ad infilare lo strumento.
  • Con il cacciavite possiamo incidere malamente le pastiglie. Cerchiamo di usarlo sempre di piatto e lavoriamo sul bordo delle pastiglie, intervenendo in maniera alternata su punti diametralmente opposti per far entrare dritto il pistone.
  • Non spingiamo mai direttamente sul pistone, c’è il rischio di romperlo (sopratutto quelli ceramici). Lavoriamo sempre con le pastiglie montate, nel peggiore dei casi danneggeremo solo loro e la sostituzione non è eccessivamente onerosa.
  • Non è sempre necessario che i pistoni siano completamente in battuta, quindi è inutile insistere più di tanto: se le pastiglie sono leggermente usurate, anche se i pistoni non sono completamente rientrati va bene lo stesso.

Rimontiamo quindi la ruota, non dovremmo ora aver problemi ad inserire il disco tra le pastiglie.

Ribaltiamo quindi la bici, molto importante per il passaggio successivo. Diamo alcune pompate di assestamento, in modo che i pistoni fuoriescano quanto basta a ripristinare la corretta distanza disco-pastiglie.

ATTENZIONE: le prime pompate vanno di solito a vuoto. Nessuna paura, è normale: avendo mandato i pistoni in battuta, la distanza disco-pastiglia risulta eccessiva. I pistoni devono fuoriuscire leggermente fino a ripristinare la corretta distanza e questo richiede alcune pompate.

Durante questa fase dell’olio viene richiamato nell’impianto dal serbatoio di espansione. Per questo motivo è importante lavorare con la bici in piedi, in modo da ridurre il rischio che eventuali bolle d’aria precedentemente isolate nel serbatorio possano andarsi ad insinuare nel circuito. Se l’impianto è comunque ben spurgato, questo problema non sussiste.

Verificato che la frenata sia di nuovo efficiente, possiamo salire in bici e proseguire con il nostro giro!

Come prevenire il problema

In realtà il problema dei pistoni chiusi è facilmente risolvibile alla radice: basta inserire degli spessori tra le pastiglie durante il trasporto.

Spesso con i freni vengono forniti degli appositi spessori pensati per incastrarsi perfettamente tra le pastiglie a ruota smontata, sostituendo il disco. Con questi spessori la leva può essere premuta quante volte si vuole durante il trasporto che non succede nulla. Lo spessore svolge la funzione del disco, impedendo ai pistoni di fuoriuscire eccessivamente.

Lo spessore qui in foto è a forma di cuneo da un lato, pensato proprio per allargare le pastiglie se malauguratamente i pistoni dovessero chiudersi.

Se non li avete, chiedete al vostro meccanico di fiducia: in genere in officina si è pieni di questi utili spessori!

Leave a Reply

36 Commenti il "Frenato senza il disco e le pastiglie si sono chiuse? La soluzione"

   
più recente più vecchio più votato
Notificami di
p84
p84

Non sapevo che i pistoni fossero “sensienti” 😀

jimmy27
jimmy27

Otiimo articolo ma è per chi si fa la pipi sulle scarpe….

Pietro.68
Pietro.68

sicuro che sia meglio agire sul bordo della pastiglia piuttosto che sul centro della stessa?
Sul bordo è molto più facile scalfirla ed inoltre si rischia di far rientrare i pistoncini di traverso e quindi farli incastrare nella loro sede.

Marco Toniolo

Otiimo articolo ma è per chi si fa la pipi sulle scarpe….

…. e tu non ti pisci mai sulle scarpe, manco uno schizzo?

jimmy27
jimmy27

Si capita ma non ci scrivo un articolo…

Lucky86
Lucky86

articoli di un certo livello… si schiacciano le pastiglie, allargatele.
prossimo articolo, come usare un cacciagomme?

Gzaf
Gzaf

Non capisco Il problema: se per voi sono cose ovvie saltatele. Il bello del mag è che fornisce spunti e soluzioni sia elementari che avanzate, non siamo tutti dei pro della meccanica, è giusto che ci siano anche degli articoli per principianti.

meteor
meteor

Hai tutta la mia stima!

kappe
kappe

La risposta non e’ degna della posizione che ricopri all’interno di questa piattaforma e, direi anche, nemmeno del piu’ becero dei tuoi utenti. Scusa per la franchezza Marco. Detto cio’, ritengo invece che l’articolo abbia la sua dignita’. Prima di tutto perche’ dietro ad esso c’e’ comunque del lavoro ed anche discretamente fatto; e poi perche’, anche se tutti andiamo in bici da decenni ed abbiamo avuto n*n inpianti frenanti con ogni tipo e sorta di inconvenienti, ci sono molte persone che potrebbero trovare interessante ricordarsi di usare gli spessori per prevenire una accidentale uscita di un pistoncino. P.S. Mi schizzo sempre sulle scarpe… pero’ disinfetta anche.. :)))

tylerdurden71
tylerdurden71

Solo con Avid ho avuto grossi problemi a far rientrare i pistoni, con shimano, hope, formula sempre tutto bene!

p84
p84

Idem

Boro
Boro

Per me si fa prima smontare le pastiglie e spingere i pistoncini con un cacciagomme di plastica o cmq una leva piatta, va bene anche un chiave fissa di 8.
Poi prima di rimontare le pastiglie sarebbe bene resettare l’impianto con lo spessore apposito, almeno per Shimano.

Rezza
Rezza

” si fa prima” ..
cacciavite piatto in mezzo alle pastiglie e via

jeffersonhicks4
jeffersonhicks4

Geniale! Cosi rischi di rompere i cilindretti dei pistoncini e la fai a piedi

teoDH

Concordo, le rare volte che mi è capitato, piantavo il cacciavite nelle pastiglie solo se erano praticamente alla fine, altrimenti per attento che stai, le rovini. Invece smontando le pastiglie riesci ad usare le brugole, sali di spessore man mano fino ad arrivare alla 10, e a quel punto rimetti in sede le pastiglie. In questo modo non rovini i pistoni e non scalfisci le pastiglie.

Rezza
Rezza

Se si graffiano le pastiglie non vedo una tragedia , son fatte per consumarsi e dopo tot frenate i graffi spariscono , i pistoncini di cristallo di boemia mica li tocchi se tocchi le pastiglie

monster74
monster74

Articolo fatto bene
Ma se devo dire la verità, sono 20 anni che vado in bici, ho sempre sentito parlare di questo, ma a me non è mai successo. E (involontariamente) mi capita di tirare la leva senza la ruota. Ma le pastiglie non sono mai arrivate a toccarsi da dover ricorrere a cacciaviti x riallargarli

Zucchi
Zucchi

A me era successo una volta, ho risolto con un cacciagomma che sono di plastica e che ho sempre con me. Va da Dio e non danneggia ne pistoni ne pastiglie.

Pietro.68

Articolo fatto bene
Ma se devo dire la verità, sono 20 anni che vado in bici, ho sempre sentito parlare di questo, ma a me non è mai successo. E (involontariamente) mi capita di tirare la leva senza la ruota. Ma le pastiglie non sono mai arrivate a toccarsi da dover ricorrere a cacciaviti x riallargarli

si in effetti una sola pompata difficile che renda impossibile inserire il disco. Anzi spesso si fa una pompata senza disco per riportare le pastiglie alla giusta distanza.

Tc70

Ho sempre usato un cacciavite piatto da 5mm e allargato con calma…un minimo minimo di meccanica,bisogna pur averla,se si fa uno sport in cui la meccanica è centrale,esempio, cambiare una camera,c'è gente che in bici va e non sa farlo,ma chiede consiglio e o guarda un tutorial,che per carità ben vengano,ma un pò del nostro ce lo mettiamo ?…

lollo72
lollo72

Sarebbe interessante approfondire come i freni “sentono” e autoregolano la fuoriuscita dei pistoni (magari c’è già qualcosa sul Tech ).
Proverò a fare l’attrezzo divaricatore partendo da un vecchio scalpello da falegname, chissà come verrà ;-/

Pietro.68

Sarebbe interessante approfondire come i freni "sentono" e autoregolano la fuoriuscita dei pistoni (magari c'è già qualcosa sul Tech ).
Proverò a fare l'attrezzo divaricatore partendo da un vecchio scalpello da falegname, chissà come verrà ;-/

viene bene se lo fai bene. ma a che ti serve? un cacciavite a lama piatta largo fa già lo stesso lavoro. così come un qualsiasi cacciagomme.

lollo72
lollo72

A me serve principalmente quando cambio le pastiglie usurate per cacciare dentro i pistoncini fino a battuta; avendo pinze a 4 pistoncini serve un attrezzo abbastanza largo , ben più di un cacciavite piatto, per spingere uniformemente su tutti i pistoni e farli rientrare allineati. Poi sono sempre dell’opinione che un attrezzo specifico ben congeniato sia meglio di un rimedio approssimato .

barbicla59
barbicla59

…dischi…tanti problemi

teoDH

il problema non sono i dischi, ma chi li usa e non è capace!

Pietro.68

…dischi…tanti problemi

molto meglio i vbrake, specie in discesa e col bagnato…

jimmy27
jimmy27

…. Tanto il 90% se piove non esce.
L’avevo già detto che per me i v-brake potrebbero ancora dire la loro e per molti biker della domenica sarebbero meglio dei dischi.

Gzaf
Gzaf

Eh i cantilever invece di problemi non ne danno, mai provato a regolarli? 😀

menollix
menollix

Le pastiglie si son chiuse!
soluzione : allarghiamole!

Geniale direi 😀 😀

emml
emml

tutti professori e professionisti…WOW
eppure vedo in continuazione gente che prima di iniziare il giro con amici bestemmia per questo problema xchè magari lui o l’amico o la fidanzata x dare una mano…ha fatto patatrac…

ebbene sono in pochi che sanno come operare manualmente ed ovviare al problemino….

beati voi…si vede che frequento delle schiappe….

Tc70

tutti professori e professionisti…WOW
eppure vedo in continuazione gente che prima di iniziare il giro con amici bestemmia per questo problema xchè magari lui o l'amico o la fidanzata x dare una mano…ha fatto patatrac…
ebbene sono in pochi che sanno come operare manualmente ed ovviare al problemino….
beati voi…si vede che frequento delle schiappe….

Ricorda che quelli che tu citi esser professori,son stati allievi,in un era in cui Internet non esisteva nemmeno…sono ancora qui tutti vivi…;-)

Boro

Ma si due martellate ed é a posto…

p07
p07

comunque anche se per qualcuno l’articolo è banale io ho provato sulla mia pelle che se usi un cacciavite su pistoni in ceramica rischi di romperlo . Nel mio caso l’ho scheggiato e non ho pensato che, vecchio come sono ,avevo sempre allargato pistoncini in metallo.Quindi banale x qualcuno utile per molti magari non in toto ma utile

devo.d
devo.d

Io, purtroppo, comincio ad avere una certa età e non rinuncerei più a freni a disco, pedali a sgancio, reggisella telescopico. Articoli come questo hanno la loro utilità, come si dice, non siamo nati tutti “imparati”.

Boro

comunque anche se per qualcuno l'articolo è banale io ho provato sulla mia pelle che se usi un cacciavite su pistoni in ceramica rischi di romperlo . Nel mio caso l'ho scheggiato e non ho pensato che, vecchio come sono ,avevo sempre allargato pistoncini in metallo.Quindi banale x qualcuno utile per molti magari non in toto ma utile

Il modo piu' probabile di rompere un pistoncino in ceramica, non scheggiarlo romperlo proprio, e' quello di spingerlo dentro storto. E senza smontare le pastiglie e' difficile infilare un attrezzo piatto che permetta di esercitare una pressione uniforme in modo che rientri in asse.
Per questo armeggiare con cacciaviti sulle pastiglie per allargarle non e' consigliabile e non solo, anche perche' e' molto difficile far rientrare uniformemente i pistoncini, che in seguito lavoreranno disassati con probabili difficolta' di centratura pinza.

menollix
emml

tutti professori e professionisti…WOW
eppure vedo in continuazione gente che prima di iniziare il giro con amici bestemmia per questo problema xchè magari lui o l'amico o la fidanzata x dare una mano…ha fatto patatrac…

ebbene sono in pochi che sanno come operare manualmente ed ovviare al problemino….

beati voi…si vede che frequento delle schiappe….

Non mi ritengo professore e non do della schiappa ad alcuno qua dentro. Dico solo che il concetto espresso in questa guida appare lapalissiano. Se le pasticche si chiudono… aprile!
Avrei trovato interessante piuttosto la procedura x rimettere in sede un pistoncino fuoriuscito.

szalmo
szalmo

le monete sono ottimi spessori per prevenire la chiusura delle pastiglie, 0.50, 1 o 2 euro, a seconda dello spessore che ti serve 🙂 unica cosa per toglierle poi servono le pinze.

Duccio Gerli
Duccio Gerli

Grazie

Dan75
Dan75

Articolo sempre utile.
Chi critica la “semplicità” dell’articolo dimentica che ogni meccanico che c’é in noi ha cominciato dalle appunto cose semplici come queste.

mekmeno
mekmeno

Geniale usare le monete!!!😁Io ho sempre usato gli spessori forniti di serie,ma a volte li dimentico,alla prossima svista proverò le monete!