Il futuro è dello sport all’aria aperta

152

Guardare in avanti è l’unico modo per non cadere in depressione da quarantena. Per noi mountain biker ancora di più, visto che in diversi Paesi, fra cui l’Italia, è vietato praticare sport all’aperto. Sbeffeggiati, additati a nemico pubblico numero uno, sgridati da concittadini frustrati, ora chiusi in casa insieme a runner e chiunque altro volesse ossigenare il cervello nel rispetto delle norme antivirus.

Gli untori che praticano sport hanno però davanti a sé una rivincita enorme: anche chi ci dà contro si troverà a fare i conti con un modo di vivere che non sarà più lo stesso di prima, perlomeno fin quando non verrà trovato un vaccino. Palestre, spogliatoi, eventi al chiuso con tanta gente, sono tutti destinati ad essere ignorati a lungo per paura del contagio.

Il modo più sicuro per muoversi sarà quello di stare all’aria aperta, lontano dagli altri. Proprio come fa chi va in MTB. Magari noi dovremo stare attenti alle uscite di gruppo, ciò non toglie che non è un problema rispettare la distanza sociale mentre si pedala. E voi, sceriffi da balcone ed isterici al volante, vi dovrete adattare o rassegnarvi ai vostri travasi di bile mentre ingrassate e rinstupidite davanti al televisore.

Foto di copertina di Filippo Macalli

Commenti

  1. Comunque la descrizione di Marco che esce ora ricorda la mia di dieci giorni fa quando uscivo ancora tutti i giorni nei boschi dietro casa, dove di solito non incontro nessuno in settimana e tre biker nel weekend.

    Pieno di anziani coi cani!!!
    Ma prima, dove andavano? E soprattutto, perché poi il bosco è diventato improvvisamente attrattivo?

    PS non ce l'ho con gli anziani, sono di mezza età pure io.
    Ce l'ho con un certo modo di diventare anziano, che spero francamente di evitare in futuro...
  2. Sarò cinico, ma in questa Europa unita, in molti nel momento del bisogno, ci han voltato le spalle, e di cosa succede loro, m'importa si e no, se non fosse per i nostri connazionali, costretti a restarci o perchè ci vivono...anzi mi piacerebbe dessero loro un giudizio, per questi 'voltaspalle'...
  3. Tc70:

    Sarò cinico, ma in questa Europa unita, in molti nel momento del bisogno, ci han voltato le spalle, e di cosa succede loro, m'importa si e no, se non fosse per i nostri connazionali, costretti a restarci o perchè ci vivono...anzi mi piacerebbe dessero loro un giudizio, per questi 'voltaspalle'...
    Cerchiamo di non essere così, ed essere migliori degli altri, qui ancora non si è capito che i soldi contano fino ad un certo punto, poi si muore, evidentemente l'europa pensa ed il personaggio che la rappresenta in questo momento pensa di essere immortale, e dunque pensa solamente ai soldi, ma la verità è che qualcuno, sta soffiando sul fuoco e 99 su 100 è la germania, dunque sono loro che stanno facendo del bel casino, perchè gli altri hanno poi tutti capito
Storia precedente

Pedala su Zwift con Nino Schurter a scopo benefico

Storia successiva

Ninja rider

Gli ultimi articoli in Report e interviste

Segnala lo sconto!

Finita la bolla Covid, in cui la domanda superava l’offerta, il mercato bici sembra essersi avviato…