Il giro più bello del mondo

54

Qualche giorno fa Ste97 ha caricato una traccia su Training.Camp intitolata “Cortina di ferro – Il giro più bello del mondo“. Nella descrizione dicie che “Mtb Action USA, più o meno vent’anni fa, classificò questo come il trail più bello al mondo, tracciato e percorso la prima volta da un paio di amici friulani come me, da questa originale sono nate le varie “5 rifugi”, “5+2 rifugi”, ecc. La traccia originale non sono mai riuscito a trovarla, nemmeno scrivendo a Mtb Action, ma grazie alle informazioni raccolte l’ho ricostruito mettendoci qualcosa di mio ed il risultato è un giro memorabile da 97km x 4609 di dislivello che in fatto di panorami penso abbia pochi eguali“.



.

In effetti il giro dei 5 rifugi nel gruppo del Fanes e Sennes, fra Cortina e S. Vigilio di Marebbe, è uno degli itinerari più conosciuti delle Alpi anche se nella sua versione più famosa si svolge praticamente tutto su sterrati. 20 anni fa forse si sarebbe potuto vendere come il giro più bello del mondo, se non altro a livello di panorami, ma per fortuna Ste97 l’ha condito con tanti tratti meno conosciuti che comprendono sentieri, scarpinate per raggiungere i valichi e delle belle discese.

È il giro più bello del mondo? Difficile a dirsi, ma a valutare dagli oltre 200 download della traccia negli ultimi due giorni, diciamo che suscita molto interesse.

Avete un itinerario speciale da condividere? Postatelo qui!

Commenti

  1. Fatto qualche anno fa nella versione "sterratoni" con la mia ex (rubata) front rigida. Partito da San Vigilio all'aba mi sono goduto la frescura della vallata che portava al rifugio Pederù; la prima ascesa è stata bucolica...il sole che iniziava a fare capolino tra le vette, il silenzio, la mestosità di quell'ambiente. Il lago alpino dopo Fanes, l'astronauta (:-)) in cima al pianoro accanto, la discesa a Cortina, la birretta al Sennes e dulcis in fundo...
    - Amo, sono arrivato ora al Pederù, tra una mezzora scarsa arrivo alla macchina e torno a Rasun per pranzo, ok?
    - ma no tranquillo, Anna sta facendo un riposino qua al parco, quando si sveglia mangiamo qua, tu fermati pure.
    ...e fu così che scatto il cervo in salmì con polenta, cavolo cappuccio, due weiss e grappetta alla ruta finale mentre ancora rimiravo le pareti davanti a me.
    Sicuramente uno dei giorni più belli della mia vita...:cry:
  2. la val salata resta "indimenticabile" se fatta tutta in sella!
    certo che il giro di @ste97 è epico, quasi 5mila di dislivello è tanta roba, per me troppa!!!

    però a più riprese, son tutti posti che ho percorso anch'io, e che dire, DoloMitici!!!

    @ste97, un salto al Biella potevi farlo eh, così magari sforavi i 5mila!!! :paur:
Storia precedente

I vincitori del Syncros Itinerari Challenge

Storia successiva

Nuove Roval Traverse e Specialized Power Expert Mirror

Gli ultimi articoli in Viaggi e uscite in mountain bike

Bikepacking nel Caucaso

Il report di viaggio bikepacking di Henna e Sabine nel Caucaso della Georgia settentrionale, da Stepantsminda…