MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Le MTB sporcano, i camion no

Le MTB sporcano, i camion no

Le MTB sporcano, i camion no

31/12/2015
Whatsapp
31/12/2015

[ad3]

seegrube

Situazione assurda alla Seegrube, il comprensorio sciistico sopra Innsbruck. Vista la cronica mancanza di neve, i gestori hanno deciso di trasportare la neve da dove ce ne è, alle piste sopra la città, con decine e decine di trasporti su camion. Non sono gli unici a farlo attualmente nelle Alpi, alla faccia dell’inquinamento, ma la cosa che più fa inalberare i biker austriaci è il divieto di caricare le bici sulla funivia perché “la sporcano”, visto il fango che c’è d’inverno. La Nordkette, o Seegrube, è un bike park durante i mesi estivi, famoso per alcune piste molto difficili, costruite dai Vertrider, che lì sono locals. Al contrario di tanti altri park, ad Innsbruck si è deciso di non riaprirlo questo inverno.

Vi potete quindi immaginare i commenti al vetriolo sui social media. Soprattutto perché i geniali gestori hanno postato il tutto su Facebook vantandosi dello sforzo che stanno facendo per preparare almeno una parte delle piste:

Da Frau Holle weiterhin auf sich warten lässt, mussten wir heute mit einer ungewöhnlichen Bestellung ein bisschen…

Posted by Nordkette. Jewel of the Alps on Monday, December 28, 2015

seegrube1 seegrube2

[ad45]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
dlacego

La cosa più triste al mondo è quella di sciare sulla neve artificiale… una linguetta di pseudo-neve e tutto intorno niente.

Nailos64
Nailos64

Già ma portare la neve in giro coi camion è anche peggio. Ricordo quando l’anno scorso a Folgaria fecero una cosa del genere usando l’elicottero…

botacco
botacco

In Alto Adige non usano i camion per portar su la neve, ma la situazione sugli impianti e’ la stessa…
Niente bici in “inverno”.

Sono mesi che combatto per salire in funivia (Merano 2000, Plose, Kronplatz, Alpe di Siusi…) ma non c’e’ niente da fare. La risposta e’ che le bici
1) sporcano le cabine
2) “rovinano” le piste

Capisco le piste, basterebbe mettere una multa per chi va in pista con le bici, ma con la neve infangata di questo periodo, una bici che sale e’ sicuramente piu’ pulita degli sciatori che fanno la spola con gli scarponi sporchi!

Ad ogni modo, io continuero’ invano a chiedere se mi fanno salire. Magari trovo l’operatore giusto che chiude un occhio. Alla peggio salgo a pedali accorciando il giro di conseguenza ;-(

paolodepasqual@gmail.com

Se non sbaglio, notizia apparsa anche sul Corriere della Sera, a Cortina il Bike park delle Tofane è aperto e la funivia porta in quota sciatori e bikers.

Zooropa
Zooropa

Confermo, sarcasticamente faccio notare come questa decisione sia un baluardo di lungimiranza cadorina, notoriamente zona di vetusti reazionari in ambito turistico

barbasma
barbasma

In 45 anni non ho mai visto un inverno del genere, prati liberi perfino a livigno, ieri ho fatto una camminata in quota e al sole si stava in maniche corte… potrebbero riaprire lo stelvio per sciare la strada e’ pulita…

Concordo con Marco… dopo quest’inverno disastroso credo ci saranno seri ripensamenti

iaio
iaio

Il problema della nostra società, quello che alla fine la porterà ad un livello di degrado (ambientale et culturale) senza ritorno, è l’idea di poter avere tutto, uno stato di continua metamorfosi e trasformazione dei desideri il cui unico limite all’appagamento è il denaro. Quindi smettiamola di fare il broncio di fronte a queste situazioni mentre stiamo guidando il nostro suv verso il parcheggio di un impianto di risalita che ci porterà in un posto che avremmo dovuto raggiungere pedalando.

GianlucaC
GianlucaC

Beh discutiamone, NON è così per tutti, io vado con macchina a metano e l’impianto di risalita lo uso con la DH dove hai voglia a salire pedalando. Il ragionamento della società consumistica che rovina l’ambiente lo condivido, ma le generalizzazioni no ?

barbasma
barbasma

Gli impianti di risalita hanno costi fissi abnormi e innevare artificialmente su larga scala anche peggio senza contare che dopo un’estate cosi calda le risorse idriche sono gia’ ridotte…

Potranno innevare tutto ma alla fine i bilanci saranno sempre in rosso…

valeunipi
valeunipi

hanno inventato le mtb per pedalere sulle montagne, sopratutto quando nn c’è neve ,la bike è un ottima alternativa, per gli impianti di risalita: se non c’è neve ragion in più di utilizzare gli impianti grazie alle bike, altrimenti no sci no money

crab
crab

Dei camion carichi così, “impiccati” su delle salite sterrate inquinano in una maniera esagerata! Poi magari si alza il vento, ma le polveri sottili vanno comunque ad inquinare da un altra parte. Colgo l’occasione per augurare un 2016 a tutta mia.

fabio-no-drop
fabio-no-drop

Scusate, e quando piove D’ESTATE, le cabine non si sporcano in ugual modo? Gli escursionisti non si lamentano?

abala
abala

purtroppo prevedo un enorme incremento delle ebike elettriche per sciatori insoddisfatti,

Mario.lop
Mario.lop

Cazzo centrano adesso le ebike con gli sciatori insoddisfatti???

frankie56
frankie56

Io invece vorrei sottolineare come in alcuni posti, sono a selva di Cadore, gli operatori turistici non facciano niente per provare a sfruttare questa situazione. Niente neve dunque niente sci se non su poche piste artificiali , in compenso è impossibile noleggiare una mtb nell’arco di 30 km per girare sui sentieri che sono ancora migliori che d estate.La risposta standard è “torni in estate”….. Mah….

Zooropa
Zooropa

Da assiduo frequentatore della zona, confermo lo stato spettacolare dei fondi: zero fango ma terreno reso perfettamente morbido dall’umidità della notte. Flow da paura

Ispettore Zenigata
Ispettore Zenigata

beh questo dimostra che il “non buonsenso” non conosce confini

freeride_lover
freeride_lover

Tristissimo. Però…
… da quello che capisco tramite il traduttore fb (*), nella stessa pagina fb c’è un post di 3h fà che dice:

“Cari ciclisti,
Vi informiamo inoltre che il trasporto bici nella hungerburgbahn per tutti i biker da domani, 1. Gennaio 2016 di nuovo libero. A causa della grande richiesta, abbiamo deciso di prendere tale decisione.
Noi faremo anche in avanti per quanto riguarda una soluzione sborrate in piazza stazione löwenhaus [….]”

*** .. anche se non penso sia proprio azzeccata la traduzione delle ultimissime parole riguardo “una soluzione sborrate in piazza” !! 😀

Gabriele Zaffagnini

Se ho capito bene vogliono implementare anche un punto dove poter lavare la bici (abspritzplatz), in modo da non infangare niente. Però “abspritzen” vuol dire anche… beh, ci siamo capiti. 😉

l.j.silver
l.j.silver

son sempre stato piu’ che convinto che lo sci abbia contribuito a rovinare la montagna, trasformandola in un parco giochi a caro prezzo……
ora che neve ce n’è sempre menno stanno completando l’opera con la neve artificiale che si mangia migliaia di tonnellate di preziosa acqua…

Cesare79
Cesare79

Parole Sante!!

barbasma
barbasma

Senza turismo in montagna si morirebbe di fame oltre a non presidiare un territorio delicato dal punto di vista geologico… prima di parlare di montagna provate a viverci… grazie

rider12
rider12

Beh,sulla prima sono d’accordo, sulla seconda forse la montagna la preservavano meglio quelli come mio padre che da ragazzi portavano le vacche in transumanza sulle malghe della Valcamonica e non i camion ,forse sarebbe meglio meno sviluppo con relativi sprechi ,pedalare di più e usare meno impianti

PierVI
PierVI

Diciamo che tutti i discorsi sulle mtb che rovinano i sentieri si sciolgono come neve al sole di fronte a tutti i lavori fatti negli anni per usufruire della montagna.

Tc70
Tc70

Basterebbe non andarci nemmeno in Estate…e saranno loro a venirti a prendere a casa col camion…personalmente,se fanno ”ragionate” del genere non mi vedon più,ma nemmeno a fare la passeggiatina estiva…via,raus…aufidersen…i miei soldi li do ad altri…tanto grande il pianeta,che da qualche parte si sta sempre merglio…buon 2016 a tutti…

matteo_m.
matteo_m.

A Limone Piemonte sono molto più avanti degli Austriaci: quest’anno i maestri hanno fatto la fiaccolata in mtb

markxxx79
markxxx79

…sulle piste con l’artificiale , ci si ritrova tipo Fantozzi a caccia , 200 sciatori in 100 mq….

VEDIG
VEDIG

A Santa Caterina Valfurva si può salire tranquillamente con la cabina e farsi un giro in quota!

pollonico
pollonico

Adattarsi o morire ?
Gli Austriaci con la loro mentalità ” si fa qualsiasi cosa per lo sci ” ( maggiore fonte di reddito nella zona Innsbruck ) sono i primi sulle Alpi a spostare la neve con i camion . E non saranno i soli…
Intanto così , con la visione per niente lungimirante che impera nel mondo , loro si adattano ma nel frattempo stanno uccidendo tutti noi .
Tutto questo è sbagliato

pollonico
pollonico

Questo è il secondo anno di fila che non scio .
Non mi diverte sciare su una lastra di ghiaccio nella ressa della domenica . Tutto qui
Semplicemente ci metto una pietra sopra
Se è per denaro che bisogna mantenere le risalite meccanizzate attive in inverno , la mtb è il giusto compromesso per adattarsi al nuovo clima

Loremar
Loremar

La striscia bianca in mezzo ai prati ha un suo fascino surreale, sono stato in Val Pusteria al ponte dell’Immacolata e posso dire di non aver mai sciato tanto bene in vita mia: piste perfette (12 gradi di temperatura e la neve teneva benissimo…mah…forse gli additivi???), aria calda (sciavo con i guanti da mtb da mezza stagione), nessuna coda agli impianti (erano tutti a casa perchè “non c’era neve” 🙂 :-)). Diciamo che dal punto di vista strettamente consumistico il trasporto della neve sulle piste ha un suo porco perchè…è la stessa cosa che il trasporto bici in funivia (ma perchè uno dovrebbe prendere la funivia se puo’ salire pedalando?). Non tiriamo in ballo l’ecologia, sappiamo bene che quando si parla di passatempi tutti se ne fregano, che sia bici o sci o canoa o quello che è nessuno si tira indietro quando deve fare centinaia di chilometri col suo puzzoso germanico-Suv a gasolio per arrivare sui luoghi dove puo’ dare libero sfogo alle proprie passioni. Andare per montagne (ma anche viverci) è una delle cose + antiecologiche che ci sono, se si fa il conto delle risorse che bisogna consumare: elettricità, riscaldamento, acqua, cibo da fare arrivare da lontano (a St. Moritz si coltivano forse le banane?). Ma nessuno si schiera contro chi vive lavora o va in vacanza in montagna. Come dice Marco, non fare salire la gente in bici sulle funivie è solo una questione meramente economica, quando verranno meno gli sciatori, saliranno i ciclisti, basta che… Read more »

Mauro Franzi
Mauro Franzi

Mah, sarei curioso di vedere quanti andrebbero veramente a Livigno a girare in bikepark in pieno inverno, per quanto asciutto e “caldo” più della norma possa essere. Ed ammesso che sia tanto piacevole girare in quota in condizioni invernali, vorrei vedere quanti pianificherebbero una settimana di soggiorno con il rischio che il tempo cambi buttando giù una bella nevicata. Ok, Livigno è un caso abbastanza estremo, ma gli impianti di risalita sulle Alpi solitamente non si trovano in posti particolarmente tiepidi.
Forse sono troppo tradizionalista, ma in fin dei conti credo che in gennaio si stia meglio a Finale.

l.j.silver
l.j.silver

concordo ed aggiungo, non drammatizzate una stagione anomala dal punto di vista meteo, non è detto che gli anni a seguire saranno simili, anzi una delle caratteristiche dei cambiamenti climatici è la imprevedibilita’…..
ricordate l’estate 2003?
furono in molti a dire allore che da quel momento le estati sarebbero state tutte cosi’,anzi peggio,ci sarebbe stata anche l’invasione biblica delle cavallette…..e altri disastri simili, ricordo che alcuni arrivarono a dire che scaldandosi le acque del mediterraneo avremmo potuto aspettarci la formazione di uragani ecc.ecc….
il clima per sua natura è dinamicochissa’ veramente cosa ci riservera’ in futuro?

alfabike
alfabike

…e già quello che ha praticamente raso al suolo la riviera del brenta
era un soave venticello……..

pollonico
pollonico

Livigno è un esempio un po freddino
Ci sono dei bike park a quote meno elevate che potrebbero godere di un’apertura anticipata ed una chiusura posticipata di un mese . Forse sono troppo umidi
Ma credo che debbano fare anche i conti con la durata dei contratti per i dipendenti

heee ma quando faranno gli impianti di risalita a Finale …

wheelove
wheelove

Un’ altro sfregio alla Terra portare la neve dove non c’ era. Ennesima testimonianza del fatto che su questo pianeta facciamo i dittatori quando ormai siamo solo degli intrusi. Non frega niente a nessuno. Parole.

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

Non mi stupisce che spostino la neve con i camion. Per quanto io possa trovarlo ridicolo e – dal punto di vista ambientale – deprecabile, non mi stupisce affatto.
Sarà perchè vivo in romagna e qui da decenni spostano la sabbia con lo stesso metodo (oltre ad altri), ed è altrettanto ridicolo (mi ricorda i giochi dei bambini in spiaggia, cambia solo la scala) ma nessuno alza mai una voce contraria.

Cuauhtli
Cuauhtli

È identico a prendere aerei per andare a provare bici oltreoceano……cioè….noi tutti colpevoli nessuno escluso,a meno che non si viva in una caverna ecc ecc ecc

gotto
gotto

A me pare siano frustrati, combattono contro natura, auguri., di chè!

Gio77dux
Gio77dux

Dopo aver sentito, negli anni passati, qualcuno sui media dire che anche le biciclette inquinano “perchè con le ruote alzano le polveri sottili” non mi stupisco più di nulla.