Nuova Ancillotti FRY 756

Nuova Ancillotti FRY 756

17/05/2012
Whatsapp
17/05/2012

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=137565&s=576[/img]

[Comunicato stampa] Dalla serie di un altro topic apparso qui sul forum: ” 26/27’5/29 IL DILEMMA” noi questo dilemma stiamo cercando di risolverlo nella maniera che ci è abituale, direi caratteristica e per la quale siamo molto ben messi data la nostra velocità di realizzazione di prototipi.  La nostra struttura, piu’ fatta come un reparto corse che produce un numero ridotto di repliche , che non una mega struttura carpentieristica dedicata ai grandi numeri ed alla produzione di serie, è ottimale per lo scopo,ogni prova infatti necessita di un telaio con geometrie particolari, concepito e realizzato ad hoc.

Il nostro metodo è  far succedere, ai comunque necessari presupposti teorici, la prova pratica e il “campo” a emettere la sentenza, a far risaltare pregi, difetti e limiti  delle varie soluzioni teoriche prospettate.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=137563&s=576[/img]

Come avete potuto vedere qui sul forum con la presentazione della Scarab 96, il lavoro è continuato e continua  ancora, realizzando un telaio apposito, è stata  la volta dell’FRY ad essere messa alla prova con le due soluzioni la 29 e la 27,5 all’anteriore. Questa che presentiamo ha la ruota anteriore da 27,5 e posteriore da 26 = 756.

Se qualcuno si domanda perché solo all’anteriore, la risposta è che, dalle prime prove la soluzione della ruota anteriore piu’ grande rispetto a quella posteriore (del resto già affermata nel campo del fuoristrada motociclistico) sembra dare ottimi risultati grazie al fatto della maggiore accellerazione possibile della 26, insomma piu’ scatto e maneggevolezza dell’insieme, rispetto ad ambedue le ruote di maggior diametro.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=137567&s=576[/img]

Per quanto riguarda  il perché del   testare le varie soluzioni, contemporaneamante  sull FRY e sullo Scarab, è determinata anche dall’importanza che ha per il test  la differenza di rigidità strutturale,quella della FRY è già orientata su valori simili a quelli del DHY. Importante è stato anche l’avanzamento della posizione di guida, per questo  una posizione sella piu’ avanzata.

Questo già lo possiamo dire  al confronto con la soluzione 29/29 ,dobbiamo ancora testare quella 27,5/ 27,5 ma intanto le prime prove della  FRY appellata  “756” sono già piu’ che incoraggianti!

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=137564&s=576[/img]

In discesa (come potete vedere dai videoclip) si comporta come una vera DH ed in salita, grazie al peso contenuto ed al nuovo bloccaggio dell’ammo, va su’ incredibilmente bene, ci sembra una bici ideale per chi con un unico mezzo  vuole godersi la discesa ed anche pedalare agevolemente nelle risalite.

Insomma, non lo nego, ci stiamo appassionando a risolvere il “dilemma” e ci stiamo pure divertendo,per chi volesse provarla puo venire a Sestola questo fine settimana.

Alberto e Tomaso Ancillotti

Foto e video di

Lorenzo Evangelisti – www.lorenzoevangelisti.com
Lorenzo Chellini – www.lorenzochellini.com

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=137566&s=576[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=137568&s=576[/img]

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO