Nuovo Casco Lazer Jackal KinetiCore

6

Lazer presenta il nuovo casco Jackal con tecnologia KinetiCore, pensata per proteggere la testa dagli impatti diretti e rotazionali. Sparisce quindi il MIPS del modello precedente.

Lazer Jackal KinetiCore

Il KinetiCore è una struttura interno al casco pensata per deformarsi e rompersi in caso di impatto. Nella foto qui sotto la potete vedere in dettaglio. In pratica la classica calotta interna al casco è scavata per andare a formare diversi rilievi. Saranno proprio loro che cederanno, evitando di trasmettere la forza d’urto della caduta alla testa.

Lazer Jackal KiteniCore

Secondo Lazer il vantaggio rispetto ad un sistema come il MIPS sta nel fatto che il Kineticore si attiva anche in caso di impatto verticale, e non solo rotazionale, oltre al richiedere meno materiale nel casco stesso, visto che non viene aggiunto come sistema esterno, ma fa parte della struttura.

Lazer Jackal KiteniCore

Si potrebbe pensare che la struttura del KinetiCore dia fastidio quando si indossi il casco, ma non è il caso. Le imbottiture evitano che vi siano punti di contatto fastidiosi.

Se vi state chiedendo quanto sia sicuro questo sistema, Lazer ha sottolineato, durante la presentazione al Bike Connection Winter, di aver ricevuto cinque stelle nei test di protezione da impatto rotazionale da parte di Virginia Tech, uno degli istituti leader in questo genere di valutazioni.

I dettagli sono ben pensati, come la visiera regolabile e che lascia spazio ad una eventuale mascherina. I lacci sottomento sono regolabili in distanza dalle orecchie.

La ventilazione sembra essere molto buona, con aperture generose.

La rotellina per i microaggiustamenti è grande e facile da usare. Tutto il sistema di ritenzione è regolabile anche in altezza.

Lazer si affida alla chiusura magnetica Fidlock, la migliore in circolazione per chi scrive.

Il Jackal è compatibile con il supporto per action cam e soprattutto con una luce led (venduta separatamente) da fissare al retro del casco tramite il foro presente davanti alla rotellina di regolazione.

Fissare la luce è un attimo: basta girarla di 90°, inserirla nel foro, rigirare di 90° ed il gioco è fatto.

La luce è molto pratica perché si può portare nello zaino o anche in tasca durante il giorno e fissare al casco solo quando serve. Viste le sue ridotte dimensioni ed il peso irrisorio (21 grammi), non ci sono più scuse di girare durante il crepuscolo con il rischio di farsi stirare da una macchina.

Il peso verificato da noi in taglia M è di 341 grammi, mentre il prezzo è di 189.95€. State sintonizzati per la prova a lungo termine.

Lazer

 

Commenti

  1. Bellino, ma un pò costoso: il Kineticore, per quanto efficace, comporta evidentemente una riduzione dei costi, per cui ci si aspetterebbe un prezzo inferiore alla versione MIPS, non superiore. La rotella posteriore è accessibile con la luce montata?
  2. Apprezzo molto i sistemi di visibilità integrabili , quando si circola su strada sarebbe opportuno utilizzarli, a volte anche in diurna ; fortunatamente specie su bdc ci sono sempre più persone che li utilizzano (anteriore e posteriore ) .
    Interessante questo casco di Lazer , se ti prude lo scalpo basta premere un pò con la mano sul casco muovendolo leggermente per ottenere un effetto autograttante ( fattore da verificare in fase di prova ;-) ) .
  3. lollo72:

    Apprezzo molto i sistemi di visibilità integrabili , quando si circola su strada sarebbe opportuno utilizzarli, a volte anche in diurna ; fortunatamente specie su bdc ci sono sempre più persone che li utilizzano (anteriore e posteriore ) .
    Interessante questo casco di Lazer , se ti prude lo scalpo basta premere un pò con la mano sul casco muovendolo leggermente per ottenere un effetto autograttante ( fattore da verificare in fase di prova ;-) ) .
    Alzi la mano chi non si è mai grattato muovendo un po' il casco! Cosa che rende certi sistemi di dubbia utilità...
Storia precedente

Scott Racing Team Bike Check 2022

Storia successiva

Colledani vince a Nalles

Gli ultimi articoli in News