MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | SRAM EX1: il gruppo per bici a pedalata assistita

SRAM EX1: il gruppo per bici a pedalata assistita

SRAM EX1: il gruppo per bici a pedalata assistita

17/05/2016
Whatsapp
17/05/2016

[ad3]

SRAM in questa primavera sta presentando un sacco di prodotti nuovi ed a inizio Maggio, al Bike Festival, ha presentato in anteprima e a porte chiuse la sua ultima novità.

Si chiama EX1 ed è il primo gruppo di SRAM specifico per bici a pedalata assistita (concedetemi di chiamarle bici elettriche da qui in avanti per brevità). SRAM spiega di essere partita da poche domande semplici: in cosa le bici elettriche sono diverse da quelle convenzionali? Hanno dei bisogni specifici? In breve, cosa serve ad una bici elettrica? Ecco alcune delle risposte.

Freni più solidi e potenti:

I Guide RE sono pensati per gestire un uso più intenso, a causa delle velocità medie maggiori che si tengono con le bici elettriche e dei maggiori pesi. La pompa è quella dei Guide R, mentre la pinza è a 4 pistoncini, derivata dai Code, quindi dal segmento gravity. Sono anche più robusti degli altri freni SRAM: le bici elettriche sono più pesanti, e in una caduta (anche della sola bici, appoggiata da qualche parte) sono più a rischio di rottura. Quindi pompa e leva sono più massicce e robuste. Anche la pinza è stata disegnata in modo che il banjo (la connessione tra tubo e pinza) sia in una posizione più protetta.

DSC07108

Il peso è di 415g (direct mount, tupo di 800mm, disco CL da 160mm).

Rapporti meno spaziati

SRAM ha pensato che sulle bici a pedalata assistita non sia necessario avere i rapporti ravvicinati che abbiamo sulle nostre mountainbike. Così, per il gruppo EX.1, ha disegnato un nuovo pacco pignoni, che è il cuore di questo sistema dedicato alle eBike. Invece di usare intervalli del 15% in media (come sull’Eagle), la cassetta XG-899 usa spaziature medie del 21% ed 8 pignoni soli. Perchè? Perchè su bici a pedalata assistita rapporti molto ravvicinati possono fare più male che bene. Pensiamo a quando partiamo al semaforo (o comunque da fermi in piano) con la bici elettrica: prendiamo velocità in un attimo e in un attimo cambiamo mille rapporti, facendo correre la catena giù per la cassetta di diversi pignoni al secondo. Insomma, dal momento che c’è il motore, con queste bici è più facile e utile gestire rapporti distanti.

DSC07107

La cassetta ha pignoni 11-13-15-18-24-32-40-48, tutti in acciaio. Notiamo che l’intervallo totale non è ampio come quello dell’Eagle ma comunque maggiore di quello dell’XX1. È compatibile con corpetti ruota libera standard, non XD.

Gestione dello stress della trasmissione

Abbiamo imparato tutti ad alleggerire la pedalata quando cambiamo, il solo rumore di una cambiata sotto sforzo fa venire i brividi. Con le bici elettriche è più difficile, il motore mette sotto parecchio stress la trasmissione.

Anche questo aspetto è stato tenuto in conto da SRAM, che ha sagomato i pignoni della nuova cassetta per favorire al massimo la cambiata, lavorando sia sulle maglie esterne che su quelle interne della catena. Anche la catena stessa, nel gruppo EX1, è più larga e robusta, grazie al fatto di dover lavorare su una linea catena generalmente più dritta e con soli 8 rapporti. Comandi e cambio sono disegnati per la cassetta 8v e, spiega SRAM, per lavorare bene sotto coppie alte e basse cadenze di pedalata.

DSC07106

DSC07105

Anche il resto della trasmissione è pensato per gestire a meglio le maggiori forze e coppie in gioco sulle bici elettriche, in particolare pedivelle e corone sono state disegnate specificamente per lavorare con motori Bosch e Brose (ma le pedivelle sono compatibili anche con movimenti centrali dei motori Yamaha).

DSC07101_1

Le coroncine fotografate qui sono quelle per Bosch, disponibili da 14, 16 o 18 denti e sono in acciaio. Quella per Brose è 34d in alluminio.

Siamo curiosi di sentire cosa ne pensano gli ebikers (e non). 10 o 11 pignoni erano troppi? Le trasmissioni convenzionali durano poco sulle ebike? Faticano a gestire la potenza del motore? Fateci sapere cosa ne pensate!

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
teoDH

Ho usato in questi ultimi due anni parecchie e-bike, da citybike di vario genere a mtb di alta gamma, e sono convinto che un gruppo dedicato non solo sia auspicabile, ma quasi necessario.
Ho visto pignoni spezzati, catene tritate, di tutto e di più, specie con i motori su movimento centrale (gli anteriori e posteriori stressano molto meno la trasmissione)
Inoltre, concordo quando si dice che non servono 11 rapporti quando hai un motore, e non servono nemmeno i rapportini, perche con un 10v e un pignone da 36 già, al sottoscritto, sembra totalmente inutile, almeno con i motori bosch cx.
Ben venga dunque questa trasmissione per MTB, anche se penso fermamente che il mercato vero delle e-bike sia quello urban, e in quel caso, spero che qualcuno si decida a trasferire la trasmissione sul motore creando un cambio automatico a presa diretta, se riuscivano a farlo negli anni 70 con i motorini, penso non sia un problema farlo ora su una bici.

albystarvation
albystarvation

Mmmmm…. e se io provassi a montare pacco pignoni e cambio posteriore su una fatbike? Gamma ampia di rapporti, catena piu’ larga, maggiore spazio fisico fra i pignoni= maggior insensibilità a fango e neve….

checo79
checo79

non vedo perchè no

vinx
vinx

Ho una e-bike realizzata su una vecchia city-bike con cambio 3×7 alla quale ho aggiunto un motore centrale bafang. Sinceramente non sento l’esigenza di avere piu’ di 7 velocita’, solo il pignone da 11 farebbe comodo perche’ in pianura con la corona da 46 anteriore il 13 che ho adesso risulta un pelo corto.
Ovviamente il grosso limite sono i freni v-brake, ma per mettere gli idraulici dovrei necessariamente cambiare telaio e forcella.

Comunque ben venga questo gruppo. Semmai comprero’ un telaio moderno con l’attacco per i freni a disco, sicuramente ci faro’ un pensierino.

prati.folli@gmail.com

Brava sram!
Un altro colpo ben piazzato

Ot: questa trasmissione dovrebbero montarla di nascosto a schurter, sai che ridere…. ?

cheyax
cheyax

voi dite che la cassetta si potrebbe montare sulla mia bici non elettrica (che ha già cambio e comando da 8 velocità) per mettere il monocorona?

Michele Carlini
Michele Carlini

Mi sa che il tuo cambio 8v esplode, dubito sopporti pignoni così grandi. Sul 9v il limite era 34t, sul 8v credo 30t.
Bisogna vedere i prezzi, ma potrebbe essere interessante anche per molte non-e-bike…

barbasma
barbasma

Bene, il boom delle ebike ne spinge l’evoluzione e con quello che costano…

Entro 2/3 anni vedremo ebike mature… con mappature decenti.. batterie piu’ longeve…

moustache75
moustache75

ogni tanto una novità intelligente e ragionata dal mercato!

sunrider88
sunrider88

Novità?Pensare a un sistema diverso dopo mezzo secolo sarebbe una novità

moustache75
moustache75

…e quanto costerebbe?

checo79
checo79

Crankset – $50 / €55 / £45
Direct mount chainrings – $20 / €20 / £15
Rear derailleur – $142 / €165 / £125
Shifter – $48 / €55 / £40
Chain – $25 / €30 / £20
Cassette – $390 / €450 / £345

Riki174
Riki174

Cassetta a 450€? oooooooooooooooooohhhhhhhhh!!!!!!!!!!!!!!
Praticamente la eagle 12v è REGALATA!!!

valentino67
valentino67

Sram ha fiutato in business, le ebike sono ormai in continua crescita. Inarrestabili, in tutti i sensi 🙂

Pitaro
Pitaro

Anche se non ho mai provato una e-bike mi sembra doveroso che ci siano componenti dedicati.
non penso che ci voglia un genio per capire che una trasmissione pensata per la propulsione umana vada un po’ in crisi di affidabilità se ci aggiungi un motore…
Poi sempre visto che c’è il motore e che chi gira in e-bike per forza di cose non fa gare, ritengo opportuno proporre dei componenti più solidi, anche a scapito di qualche grammo in più

vito e alloggio
vito e alloggio

Non è assolutamente vero. La categoria e-bike è una realtà già esistente, perlomeno in Francia, ma penso che anche nelle gare in Italia ci sia la categoria…

checo79
checo79

il sistema in se è pensato per ebike bosch(che sono la maggioranza) che hanno davanti una coroncina moltiplicata per 2.5 quindi col 14 hai davanti una 35t al minimo.
altre ebike non hanno questo problema perche montano o possono montare corone da 30 e anche meno.

ma vabbè potrebbe anche andare bene per tutte se robusto etc ma il costo non mi pare molto appropriato..

tcianca
tcianca

Ottima notizia! Ho fatto un bike test di un giorno con la ebike specialized levo montata con trasmissione gx e freni guide e il grande difetto riscontrato sono stati proprio i freni e la trasmissione sottodimensionati. Il negoziante mi ha detto che in pochi km hanno rotto la catena, una puleggia del cambio il pacco pignoni sembrava già mezzo usurato e le pasticche dei freni erano arrivate…
Insomma era ora che mettessero in commercio un gruppo dedicato!

checo79
checo79

quelli son problemai che hanno le levo o chi è incapace a guidare una ebike.

Mario.lop
Mario.lop

Se è vero che inseguire l’11 /12 v sulle bici elettriche ha poco senso, per i motivi citati nell’articolo, è anche vero che andarsi a castrare con un gruppo da 8v che costa più di un 10v, ha ancora meno senso.
Per l’uso che ne faccio io, ovvero giri lunghi con molto dislivello, dove è fondamentale risparmiare batteria, avere una rapportatura che mi permetta di salire a regime di “coppia” sia elettrica che muscolare è fondamentale.
All’atto pratico diventano molto importanti gli ultimi rapporti più corti e i primi 2-3 più lunghi, il resto potrebbe avere anche spaziature maggiori.
Per il discorso freni quando si montano dei bei dischi da 200mm si è più che a posto… in fondo una bici elettrica pesa mediamente 10kg in più dell’equivalente muscolare… una differenza di peso che è tranquillamente tollerabile tra una persona alta 1,70 o 1,80m.
P.s.: con la catena originale shimano slx ho fatto 2000km… i pignoni sono a 3000km… non sento la necessità di materiali più robusti.

rimirkus1975
rimirkus1975

Quando si parla dei freni dite che la pompa è Sram Guide R mentre la pinza è degli Avid Code in quanto a 4 pistoni e del segmanto gravity, ma se non sbaglio anche le pinze dei Guide sono a 4 pistoni e comunque per discipline gravity (in più anche con nuovo circuito S4) forse è perchè i Code sembrano più massicci , ma non mi pare che siano più “potenti” dei Guide .

ochser73
ochser73

Io penso che il commento di Comaz15 abbia centrato il problema. Anch’io uso l’e-bike più o meno come Comaz15 e condivido il suo pensiero, penso anche che chi passa all’elettrico debba imparare ad usarla in maniera differente da una bike tradizionale in quanto bisogna gestire altre potenze . Non scordiamoci le molteplici soddisfazioni che con questi “mezzi” si raggiungono ed anche se si usura leggermente di più il gruppo : pazienza il divertimento è assicurato

The_Farmer
The_Farmer

450 euro la cassetta 8v in acciaio?
Vè che sono forti alla SRAM…..?!

davide giro
davide giro

Io ne penso tutto il bene possibile. Le e-bike con motore centrale hanno bisogno di una trasmissione più robusta e anche freni più potenti per compensare il maggior pero. Quindi ben vengano parti progettate per questi veicoli!

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

Mi piacerebbe conoscere il peso della cassetta, mi sembra interessante anche per una bici non elettrica

Simo Muzzio
Simo Muzzio

spero che per la cassetta ci pensi sunrace , il mio 11/42 10v 53euro….

 

POTRESTI ESSERTI PERSO