Aenomoly Constructs Switchgrade

[Test] Aenomoly Constructs Switchgrade

38

Recentemente ho scoperto Aenomoly Constructs da un amico di Transition Bikes. Alcuni mesi fa mi sono unito a lui per un giro quando ho restituito la Spire che avevo in prova e ho notato un’ingegnoso dispositivo nascosto sotto la sua sella, chiamato Switchgrade. Ho contattato Aenomoly per riceverne uno da mettere alla prova.

Aenomoly Constructs Switchgrade

Cosa è lo Switchgrade? In breve, è un regolatore dell’inclinazione della sella su 3 posizioni che viene attivato da un’unica leva sotto il naso della sella. Potrebbe sembrare un dispositivo relativamente semplice ma è tutt’altro.

Dettagli Aenomoly Constructs Switchgrade

  • Compatibile con questi reggisella tramite 4 modelli
  • Aumenta di 1° l’angolo sella avanzando di 10mm la sella
  • Aumenta di 20mm l’altezza
  • Alluminio 7075 T6 e 6061 T6
  • 3 posizioni: -10º, 0º e +12º
  • 170 grammi (dichiarati e verificati)
  • Compatibile solo con binari da 7mm
  • Made in Canada
  • €198

Aenomoly Constructs Switchgrade

Quindi questo è essenzialmente il dispositivo. Si rimuovono i morsetti e le viti del reggisella e si inserisce al loro posto. Ci sono due sedi per i bussolotti delle viti sia nella parte anteriore che in quella posteriore della testa, per un totale di quattro. La posizione da scegliere dipende dal reggisella che stai utilizzando.

Confrontando le parti rimosse dal telescopico OneUp con le parti installate, c’è una differenza di peso di 125 grammi. Questa cifra varia a seconda del reggisella in uso.

Le tre impostazioni nella foto scattata su un terreno pianeggiante senza muovere la bici e con la fotocamera sul cavalletto: -10º, 0º e +12º.

Aenomoly Constructs Switchgrade sul campo

Sono abbastanza vecchio da ricordare il nobile tentativo di Specialized di automatizzare la regolazione dell’inclinazione della sella senza staccare la mano dal manubrio. Tuttavia, con i reggisella telescopici con escursione sempre più lunga, design come il Wu Dropper, con i suoi 115mm di escursione massima, sono sempre meno attuali. Per molti biker, togliere una mano per cambiare rapidamente l’inclinazione della sella alcune volte durante il riding non è un grosso problema e mi includo in questa categoria.

Aenomoly Constructs Switchgrade

In genere imposto l’inclinazione della sella piatta sulla maggior parte delle bici perché detesto come ci si sente con la sella puntata verso il basso durante le discese. Piuttosto inclino leggermente la punta all’insù. Tuttavia sulle salite molto ripide l’inclinazione in avanti è un grande aiuto in quanto ti aiuta a prevenire lo scivolamento sulla sella e migliora il modo in cui puoi distribuire il peso sulle ruote. Più la salita è ripida, più lo Switchgrade ha aiutato.

Sui terreni misti ho semplicemente lasciato la sella in posizione neutra, comportandomi come se lo Switchgrade non ci fosse. Non vale la pena togliere continuamente la mano dal manubrio per brevi salite e discese, quindi direi che questo dispositivo è più adatto ai biker che normalmente fanno una lunga salita per poi godersi una lunga discesa tecnica. Inoltre risulterà interessante per i rider che provengono dalla DH. Considerando il peso non è rivolto al XC ma ai segmenti dal trail all’enduro.

Per quanto riguarda la modalità discesa, questa è stata per me la parte migliore. Mi è piaciuto molto poter abbassare la parte posteriore della sella e togliermela di mezzo nelle discese ripide. Lo Switchgrade fa in modo che né il rider né l’abbigliamento possano impigliarsi nella sella durante la guida. Sui percorsi flow e con salti, avere la punta rivolta verso l’alto rende più facile spingere la sella con le ginocchia e le cosce. Di fatto la sella ha la stessa inclinazione che ha la sella della mia bici da DH con un reggisella fisso.

Aenomoly Constructs Switchgrade: conclusioni

Lo Switchgrade è certamente un prodotto un po’ di nicchia, ma ci sono molti biker che lo apprezzerebbero e ne trarrebbero vantaggio. Dal punto di vista tecnico e di design, è geniale e incredibilmente ben fatto. La leva è facile da afferrare, in un punto che non disturba. Ogni impostazione ha un blocco solido e la distanza tra le tre impostazioni è perfetta. Inoltre, il funzionamento è impeccabile. Sebbene sia piuttosto costoso, è compatibile con la maggior parte dei reggisella in commercio e in caso di sostituzione del reggisella ci sono buone probabilità che sia ugualmente compatibile. Mi è piaciuto molto questo prodotto e sarà interessante vedere cos’altro uscirà dal cilindro di Aenomoly.

www.aenomalyconstructs.com

 

Commenti

  1. Barons:

    Sella più alta 2 cm ???? E se si abbassa il reggisella e lo si riporta alla misura di prima senza questo prodotto?
    beh è ovvio che una volta montato devi riportare l'altezza sella a quella di prima..
    hai comunque 2cm di abbassamento che non puoi usare.. quindi se prima arrivavi magari a filo telaio con un 170mm dopo sei costretto a mettere un 150mm..

    allora uno potrebbe dirmi.. "eh ma il mio telescopico non arriva a filo telaio.. ho comunque 2-3-4 cm ancora di margine" beh in quel caso più che prendere questo affare è molto meglio sostituire il telescopico con uno con più escursione.. adesso sono arrivati a 200-220mm
  2. ho iniziato a leggere questo articolo con entusiasmo…. finalmente quello che fa per me - ho pensato - anche se per motivi opposti a quelli di Ian (io tengo la sella con la punta all'ingiù se no mi fa male la "discoteca")…. poi la delusione: la sella rimane 2 cm più alta??? Ma che siamo matti? Ho tentato in tutti i modi di mettere sulla mia Mondraker Crafty un reggisella da 170 al posto di quello da 150, senza successo…. io cerco di abbassare la sella per le discese molto ripide, di alzarla non se ne parla!!
Storia precedente

CoreCap: un computer integrato nel tubo di sterzo

Storia successiva

Quanto inclinare la bici in curva?

Gli ultimi articoli in Test