CoreCap: un computer integrato nel tubo di sterzo

28

Core Components ha realizzato un innovativo computer integrato nel tubo di sterzo della forcella, con il display che sostituisce il top cap della serie sterzo.



.

Il computer dispone delle principali funzioni compreso il GPS e interagisce direttamente con le app come Strava, Komoot, GoPro e Google Maps.

Le funzioni visibili sul display sono personalizzabili tramite un’app dedicata da installare sul proprio smartphone. Ruotando la ghiera esterna del display si ha accesso a ulteriori funzioni rispetto a quelle visualizzate nella home.

Principali funzioni

  • Velocità
  • Velocità media
  • Velocità massima
  • Kilometri percorsi
  • Distanza totale
  • Orologio
  • Durata della sessione
  • Cronometro
  • Altitudine relativa
  • Altitudine attuale
  • Altitudine massima
  • Indicazioni di svolta del navigatore
  • Notifiche
  • Connessione a Strava
  • Connessione a Komoot
  • Frequenza cardiaca
  • Cadenza

Si monta con estrema semplicità eliminando il ragnetto e inserendo il corpo del CoreCap all’interno del tubo di sterzo che viene fissato tramite un tirante passante, dal lato inferiore della testa della forcella. Successivamente si utilizza direttamente il CoreCap con il suo tirante per registrare la serie sterzo.

Il sensore di velocità e odometro è un innovativo magnete che si monta al posto del tappo della valvola dei copertoni.

Il vantaggio è indubbiamente quello dell’ingombro davvero ridotto, senza supporti sul manubrio o sullo stem. Il peso complessivo è di 185 grammi.

La batteria ha un’autonomia dichiarata di 80 ore ed è ovviamente ricaricabile. Le connessioni si effettuano tramite Bluetooth LE.

Il CoreCap è disponibile in due colorazioni, argento e oro. Core Components ha avviato una campagna Kickstarter e i primi prodotti saranno disponibili in commercio da aprile 2023.

Core Components

 

Commenti

  1. lollo72:

    Dalle immagini sul loro sito parrebbe più un semplice magnete cilindrico che "circonda" la valvola . Un qualsiasi sensore separato richiederebbe un minimo di batteria per la trasmissione dati e metterlo all'estremità della valvola non sarebbe il massimo !
    era proprio quello che volevo dire io, ho sbagliato a chiamare sensore quello che in realtà sarebbe il rilevatore che nei normali ciclocomputer si mette sullo stelo della forcella e che rileva il passaggio del magnete...
    lollo72:

    Certo la curiosità del sistema di rilevamento rimane:nunsacci: , probabilmente sarà integrato nell'apparecchio all'interno del tubo sterzo , resta il fatto che tra magnete e rilevatore sembra esserci parecchia distanza ( considerato poi che il loro dispositivo è adatto per tubi sterzo da 15 a 30 cm - mai visti tubi sterzo lasciati a 30 cm:maremmac: - )
    anche io penso che l'unico posto possibile sia nel loro perno che si mette dal basso...
    non penso che dopo tutta sta storia per rendere pulito il "cockpit" sarà da montare il rilevatore sulla forcella come un classico ciclocomputer...
  2. A che serve un sensore sulla ruota? Se é un gps.
    A meno di avere fisime da bitumari sulla precisione di 0,01 km/h (ammesso di aver misurato giusta la ruota e di ussre sempre la stessa pressione)
    Io sono passato al garnin anni fa perché avevo la rs1 e non riuscivo a mettere un computerino normale proprio per non avere nulla su ruota e forcella
  3. frenk:

    Leggi tutto...
    Gigispeed3:

    il garmin lo accendo prima di partire e poi il display rimane spento fino all arrivo, tutte le notifiche le stacco, il telefono è in aereoplano.
    quando vado in bici non voglio che niente mi disturbi, se no faccio a meno.
    essere sempre collegati, sempre raggiungibili ormai è una forma di schiavitù indotta, consiglio di provare a chi ne è succube, per provare nuove sensazioni di libertà.
    Io faccio proprio il contrario....se esco da solo e ruzzolo giù da un dirupo almeno ho la speranza che qualcuno mi trovi....
    Ovviamente con una apposita funzione del garmin
Storia precedente

Si possono mischiare le trasmissioni Shimano e SRAM 1×12?

Storia successiva

[Test] Aenomoly Constructs Switchgrade

Gli ultimi articoli in News

Nuova DVO Diamond 36

DVO presenta la nuova Diamond 36, una forcella per ruote da 29 pollici con escursione 140-150…