MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Test] Ammortizzatore Bos Kirk

[Test] Ammortizzatore Bos Kirk

[Test] Ammortizzatore Bos Kirk

24/04/2014
Whatsapp
24/04/2014

Eccoci al quarto ammortizzatore da enduro in prova sulla Santacruz Bronson, dopo il Fox Float X, il Rock Shox Monarch Plus e il Cane Creek Double Barrel Air CS. Questa volta si tratta del Kirk della francese Bos. È un ammortizzatore ad aria con piggy back, regolazione della compressione alle alte velocità (pomello rosso) e alle basse velocità (pomello grigio), regolazione del ritorno e una leva per attivare quello che Bos chiama ” intelligent pedaling optimizer”, una sorta di piattaforma stabile per diminuire il bobbing. Il suo peso, nella configurazione da 200x57mm, è di 370 grammi, senza boccole.

IMG_2102

Il setup

Il sito di Bos dispone di due manuali, uno per un veloce set up, e uno più dettagliato che contiene anche le istruzioni per la manutenzione. Non si può sbagliare a fare il setup se si seguono i passi indicati da Bos. Di base, si immette l’aria nel Kirk a seconda del proprio peso, si bilanciano le camere d’aria con una procedura che prevede di premere l’ammo nei suoi primi 11mm di corsa per ben 15 volte, sedendosi lentamente sulla bici e rilasciandola altrettanto lentamente, e si parte dalla posizione di partenza per le regolazioni della compressione e del ritorno. Questa è di 15 click dal tutto chiuso per la compressione alle basse velocità, 12 click per quella alle alte, e 12 click per il ritorno. Bos consiglia un sag del 30-35%. Noi l’abbiamo lasciato fra i 25% e il 30% per evitare che la bici si affossasse troppo in salita.

Segnaliamo che Bos ha un tuning specifico per ogni cinematica e che, prima di riceverlo per il test, l’importatore italiano DSC l’aveva preparato per la Bronson.

IMG_2103

Le due regolazioni della compressione sono pensate per essere girate con le dita, operazione però piuttosto faticosa perché i pomelli sono piuttosto duri. È possibile comunque girarli con una brugola. Ricordiamo che per velocità della compressione si intende la velocità di affondamento/riestensione della sospensione, non di quella del biker. Qui trovate un articolo sull’argomento.

In salita

In questo frangente un ammo dovrebbe assicurare la maggior trazione possibile, quando ci si muove fuoristrada. Con il Kirk, grazie alla levetta posta sul piggy back, si può chiudere la compressione alle basse velocità per eliminare l’effetto di bobbing. Al di là di questo, non viene toccata l’idraulica, che lavora come al solito. L’eventuale bobbing viene diminuito, anche se l’effetto non è così marcato come sul Fox Float X. Se vi ricordate, anche il CK Double Barrel Air CS ha una leva che prevede la chiusura della compressione alle basse velocità, che viene però unita all’aumento del ritorno. Se paragoniamo i due sistemi, quello del CK ci è sembrato più efficiente su terreni tecnici perché, andando a toccare il ritorno, rendeva il posteriore meno nervoso quando il terreno diventa ostico in salita.

Ciò non toglie che la fenomenale sensibilità del Kirk si lascia apprezzare anche nella trazione su sentieri tecnici in salita, anche se si può avere l’impressione che si mangi un po’ di energia del rider.

IMG_2107

In discesa

Il Kirk è una macchina da guerra. Dopo un breve rodaggio il Bos mostra tutte le sue qualità: una sensibilità brutale unita ad una fluidità unica in questa fascia di prodotto. Se lo paragoniamo al Cane Creek DB Air CS, il Bos non solo è dotato di una sensibilità molto simile, ma risulta più “vivace” in quelle situazioni, come in uscita di curva o nei rilanci, dove tutta la potenza data dalla velocità o dalle gambe del biker vengono scaricate sul carro posteriore. In pratica il Kirk è molto “sostenuto”, per usare un termine che spesso trova spazio nelle nostre recensioni delle forcelle.

Queste sensazioni sono state confermate anche da Davide Sottocornola, con cui abbiamo fatto una comparativa fra tutti e quattro i suddetti ammortizzatori (online a breve). Abbiamo aperto entrambe le compressioni, tenendo un sag del 25%, e siamo riusciti ad usare tutta la corsa senza bottom out di rilievo. La ruota posteriore è letteralmente incollata al terreno. Entrare in una pietraia o in un tratto scassato diventa quasi un piacere, sempre se all’anteriore si ha una forcella dalle caratteristiche simili.

Non sembra un ammortizzatore ad aria. Non ha nulla da che invidiare dai cugini a molla, anzi, grazie al suo facile settaggio e fine tuning è sicuramente da prediligere per poterlo preparare alle esigenze specifiche del rider o del percorso.

Il Kirk è progressivo nella parte finale della corsa, progressività che può essere aumentata o diminuita inserendo degli spacer all’interno della camera d’aria, in maniera del tutto simile al DB Air CS. Va però detto che fra i due ci sono 150 grammi di peso di differenza. In assoluto sono pochi, in relazione ai due ammo stiamo però parlando del 40% di peso in più a sfavore del DB, senza parlare della voluminosità di quest’ultimo.

Ci fermiamo qui con i paragoni, di cui parleremo approfonditamente durante la comparativa. In quell’ambito affronteremo anche il tema del surriscaldamento dei 4 ammo. Confrontandoli si riescono, infatti, ad avere dei dati più intelligibili.

IMG_1011

Conclusioni

Sensibilità, fluidità ed efficacia delle regolazioni sono i punti di forza del Bos Kirk, il tutto insieme ad un peso veramente contenuto. In salita la chiusura della compressione alla basse velocità dà una mano a diminuire il bobbing per quelle cinematiche che ne sono soggette, non è però una piattaforma stabile che potrebbe dare una mano su lunghe salite asfaltate. Un prodotto che ci sentiamo di consigliare a tutti gli amanti delle discese a manetta o tecniche. La vostra ruota posteriore rimarrà incollata al terreno come quella di una bici da DH.

Prezzo: 720 Euro
Distributore per l’Italia: DSC

Bos

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
ValerioIacobelli
ValerioIacobelli

Bello per carità…….ma tanto per citare di nuovo il Marchese del Grillo “Bella la bouasserie bello l’armadio belle le cassapanche …..bello bello bello tutto bravo grazie …….ma non te pago……”

ValerioIacobelli
ValerioIacobelli

Il mio commento era estremamente ironico , non era affatto diretto a chi ha realizzato il test

🙂 🙂

gaios73
gaios73

Sì, sarà un ottimo per carità… ma tanto ora arriverà la polemica coi sostenitori della versione “Picard”, figurati.

Worldbike Formia

Noto, piuttosto, che su quella Bronson avete in test anche qualcos’altro….. 😉

DOCTOR.AP
DOCTOR.AP

Esiste il comando remoto per la leva di chiusura delle basse?

Marco Toniolo
Marco Toniolo

no, ma non credo servirebbe a molto

DOCTOR.AP
DOCTOR.AP

Ciao Marco 😉 tutto bene? Credo invece che in ottica gara enduro sia fondamentale la possibilità di bloccare l’ammo e anche la forcella nei rilanci spesso in salita. Penso anche che per quelli bravi, non il mio caso, la possibilità di blocco remoto faccia la differenza tra poter vincere o perdere. Certo si può mettere sotto la mano e azionare la levetta ma è pericoloso e si perde tempo. Quello che non capisco è il perchè i fabbricanti di prodotti non ci arrivino a questi piccoli, ma fondamentali, ragionamenti.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Chiaro, ma sul Kirk non si tratta di chiudere l’ammortizzatore ma di smorzare il bobbing chiudendo la compressione. Niente di così marcato da chiuderlo in discesa. Cioé, non ti cambia il comportamento della bici in maniera così netta come un Dyad di Cannondale o un Nude di Scott.

Andre27
Andre27

Bos propone dei prodotti veramente interessanti!

scinto59

speriamo che anche x-fusion faccia una versione del vector simile…più leggera e camera maggiorata…ma prezzo diminuito 😉

wally73
wally73

BOS non l’ho mai usata causa prezzo e difficile reperibilità ma mi piace di brutto…
domanda OT…
come freni usi XTR con dischi 180/160 ???

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Freni: yes. Su un’altra bici ho gli XT, sempre 180-160

francescoMTB1
francescoMTB1

Sarebbe utile fargli terminare il test con la comparativa che cita anche ……………poi al via le eventuali discussioni.
Intanto ora rispetto ad ieri esiste un importatore che fa’ anche da centro assistenza in Italia .

IanH
IanH

Grazie per il bel test , attendo il confronto.
E pensare che una Rune tutta BOS e’ il sogno che mi tormenta la notte gia’ da un po’ !!!

Vorrei aggiungere , visto che l’ho conosciuto da poco: DSC e’ una sicurezza per competenza e professionalita’ anche su altre marche. E ‘ un piacere portare le proprie forche e ammo e capire subito che e’ persona estremamente corretta e appassionata !

200mm
200mm

Ma Bos consiglia un SAG del 30-35%?!

st.giuda
st.giuda

Per 200mm : cosiglia 30 – 35 % , poi ognuno se lo setta a suo piacimento , inoltre si possono sempre variare le piramidali interne con vari settaggi per i più esigenti .
Per le pressioni tarature etc si può scaricare il file sul sito Bos http://boutique.bosmtb.com/must/kirk.html
e i vari Chart List con tanto di pressioni consigliate per il peso/ rider .

Grazie

Stefano

st.giuda
st.giuda
alexbit
alexbit

Anche a me sembra che BOS sforni prodotti decisamente buoni… per non dire sopra la media.
Sono contento!La concorrenza non può che far bene!
Brava BOS!

menollix
menollix

bello l’ammo Bos, funziona benissimo, è fichissimo… ma dove lo trovo??
Online o nei rivenditori è proprio dura da raccattare… almeno dalle mie parti!

Marco Toniolo
Marco Toniolo
st.giuda
st.giuda

Ciao ,
per i Bos siamo qui http://www.downhill-suspension-center.com/dsc_shop_5.html

Siamo distributori unici in Italia e Centro Ufficiale Bos .

Ciao E Grazie

Cell 388 990 3563

Stefano

boborossi1963
boborossi1963

Giusto per informazione dato che c’e D.S.C. per un utilizzo Am Enduro amatoriale con 1-2 gare l’anno e uscite anche belle lunghe con dislivelli inportanti e salite inpegnative sarebbe da preferire il Vip’r o il kirk?
La mia paura è solo che il kirk in salita rispetto al vipr si muova troppo anche con il blocco.
L’ammortizzatore che ho è un fox ctd, la versione base quindi no kashima e boost valve.

st.giuda
st.giuda

Ciao Stefano ,
ti consiglio il Kirk , non per il prezzo etc , ma per il maggiore volume d’olio al suo interno e le regolazioni della Bassa / Alta velocità in compressione che sia in salita ma maggiormente in discesa rende l’ammortizzatore + gestibile inoltre se fai salite molto lunghe dopo farai discese mooolto lunghe e qui il Kirk non ha eguali .

Ciao e Grazie

Stefano

Ilgattone
Ilgattone

“Abbiamo aperto entrambe le compressioni, tenendo un sag del 25%, e siamo riusciti ad usare tutta la corsa senza bottom out di rilievo.”

Ho capito bene, neanche un clic di per le compressioni lente e veloci ? Ho il Kirk da una settimana sulla Rallon e mi sono già sbizzarito parecchio regolando questo marchingenio. Avendo anche la Deville la mia prima impressione è che la roba della BOS sia ottima. Però faccio ancora fatica a trovare il compromesso giusto tra sensibilità e sostegno.

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Zero click era uno dei setup, precisamente quello che hanno usato Davide S8 e Cico di Cicobikes durante la comparativa. Personalmente ho provato anche altri setup, difficile dire quello che preferisca, varia dalle situazioni.

Se guardi il test della Deville vedrai che il mio setup preferito era con poco sag e tutto aperto http://www.mtb-mag.com/test-bos-deville-160-trc/

Ilgattone
Ilgattone

Grazie con il secondo setup della Deville mi trovo meglio. Sembra che bisogna regolare Kirk e Deville con meno SAG che sul manuale e utilizzare poco le compressioni.

carlo888
carlo888

Ciao so che l articolo è molto vecchio. Ma ti ricordi anche com era regolato il ritorno?
Ho provato la tua regolazione sag 20 per la deville ed è una bomba.
Vorrei regolare anche l ammo in quel modo.
Grazie

ale-b
ale-b

Spero di trovarmi bene come descritto nel test…se penso poi che ho preso anche la “sua” forca…

Tommxx
Tommxx

Ragazzi cortesemente mi potete postare la tabella del peso per caricare la sospensione!
Grazie !!

prolive
prolive

@marcotoniolo ma la comparativa degli ammo? Quando la pubblicate?

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

La comparativa più volte citata non è poi stata pubblicata vero? o me la sono persa?

Marco Toniolo
Marco Toniolo

non ci crederai ma la stiamo per fare questa settimana.

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

Ottimo! resto in attesa allora.

Andrea4781
Andrea4781

il salire e scendere dalla bici per 15 volte va fatto anche quando si gonfia/sgonfia l’ammo per regolare il sag?

leonardoba
leonardoba

@Marco. Ciao, ho cercato la comparativa citata qui col tasto ricerca scrivendo “comparativa ammortizzatori” ma non è venuta fuori….potresti mettere gentilmente il link qui? Grazie grazie!!

xawier2002
xawier2002

2 domande :
la prima:
con il set up veloce (15 click dal tutto chiuso per la compressione alle basse velocità, 12 click per quella alle alte, e 12 click per il ritorno) vi siete trovati bene ,o avete modificato qualcosa durante il test
la seconda:
La comparativa più volte citata dove la trovo?

Boncar
Boncar

Buona sera ….
La comparativa ?????