[Test] Forcella Rock Shox Lyrik Ultimate

[Test] Forcella Rock Shox Lyrik Ultimate

04/04/2019
Whatsapp
04/04/2019

Oggi Rock Shox presenta la sua nuova Signature Series, vale a dire una linea di alta gamma delle forcelle Lyrik, Pike, Sid e Boxxer  e degli ammortizzatori Deluxe e SuperDeluxe che comprende la versione Ultimate (in test), Select+ e Select. Queste si differenziano per le diverse regolazioni disponibili, ma presentano tutte le novità che potete vedere nei seguenti video.

Fra gli ammortizzatori il prodotto completamente nuovo è il Deluxe Ultimate, mentre gli altri hanno tutti il nuovo olio Maxima Plush. Inoltre il Super Deluxe Coil ha ora anche una molla rossa.

Upgrade

La buona notizia: la nuova cartuccia Charger 2.1 può essere comprata come upgrade per i modelli RC2 e RCT3 secondo il listino che trovate qui sotto, e si può andare “indietro nel tempo” fino a:

  • RCT3: Pike (2014+), Lyrik (2016+),
  • RC2: Pike (2018+), Lyrik (2016+), BoXXer (2019+)

Lo stesso discorso upgrade vale per l’olio Maxima Plush e per i nuovi parapolvere SKF. Il Maxima Plush non è pensato come olio da inserire degli steli, ma si trova esclusivamente nella cartuccia.

MegNeg è invece l’upgrade che permette di ampliare la camera negativa degli ammortizzatori ad aria Deluxe e Super Deluxe, con l’intento di diminuire la soglia di stacco e di tenerlo più alto nella corsa. Il suo prezzo di listino è di 100 Euro, questa la tabella della variazione di volume della camera negativa:

Camera negativa standard: 100%
MegNeg con 0 Bottomless Ring: 211%
MegNeg con 1 Bottomless Ring: 199%
MegNeg con 2 Bottomless Rings: 188%
MegNeg con 3 Bottomless Rings: 176%
MegNeg con 4 Bottomless Rings: 164%

Sul campo

La presentazione delle nuove forcelle Rock Shox si è tenuta a Sintra, in Portogallo, vicino a Lisbona. Non avevo mai sentito parlare di questa zona ma ne sono rimasto piacevolmente sorpreso per i tanti trail, la vicinanza con l’oceano e la perfetta organizzazione delle guide di Weride.pt.

La particolarità dell’evento, oltre al numero ristretto di media (eravamo in 6, i più importanti per ogni Paese europeo), è data dal fatto che ho portato con me la Mondraker Foxy 29 che uso ormai da diversi mesi, montata con la vecchia Lyrik RC2. Questo perché non abbiamo fatto la classica “first ride” che, alla prova dei fatti, serve a poco o a niente, ma un vero e proprio A/B test come Rock Shox fa con i product manager delle aziende di bici quando presenta a loro un nuovo prodotto. In sintesi, abbiamo passato un’intera giornata sullo stesso trail, girando prima con la vecchia forcella, poi con la nuova, poi di nuovo con la vecchia ed infine con la nuova per concludere la giornata. Le risalite erano meccanizzate. Questo è il sentiero:

In questo modo è facilissimo notare le differenze fra i prodotti, anche perché è stata data molta attenzione a tenere tutte le variabili identiche: stesse pressioni, stessi token, stessa pressione pneumatici. Inoltre ho scelto sempre le stesse linee di discesa.

Considerando la Lyrik Ultimate una miglioria rispetto al modello 2019, e non uno stravolgimento, era fondamentale poterla confrontare con un  test A/B, altrimenti i dettagli sul suo comportamento non sarebbero stati percepiti. Infatti devo dire di averla già usata prima del viaggio in Portogallo, su una Scott Genius che SRAM mi ha mandato per la prova dell’Eagle AXS, ma proprio perché era montata su una bici che non conoscevo, non ero riuscito a coglierne le differenze così bene come a Sintra.

Differenze che posso riassumere nei seguenti punti:

  1. carico di stacco inferiore
  2. Più sostenuta a metà corsa.
  3. Leggermente meno stancante.

I punti 1 e 3 sono collegati. Come detto nel video di presentazione, SKF ha fornito dei nuovi parapolvere. A prima vista sembrano quasi identici ai vecchi, in pratica però la differenza si sente, soprattutto se abbinati ai nuovi cuscinetti di scorrimento sugli steli. Il minor carico di stacco permette alla Lyrik di assorbire meglio le piccole asperità, a parità di chassis, che infatti non è stato cambiato.

Il punto 2 era già stato migliorato nel modello 2019, non arrivando però al livello di una 36. Ora mi sento di dire che le due forcelle, da questo punto di vista, si equivalgono. Rock Shox ha lavorato sulla compressione alle basse velocità, e la cosa si sente proprio dal punto di vista di come sia sostenuta. Ho usato di solito 8-9 click dal tutto aperto.

La differenza sostanziale fra Lyrik e 36 sta nella progressività a fine corsa, dove la Lyrik tende ad arrivare più facilmente della 36, ma al tempo stesso è più facile usare tutta l’escursione. In ogni caso, usando 2 token, non ho mai avuto dei bottom out pur girando su un sentiero con gradoni e salti con atterraggi sul piatto.

Interessante è come è stata ricalibrata la compressione alle alte velocità (HSC), rendendola meno “dura” in partenza. Il numero di click del pomello è rimasto identico, quindi vuol dire che, anche chiudendola del tutto, non si arriverà al livello della Lyrik 2019. La HSC è uno dei fattori principali quando si parla di stanchezza alla fine di una discesa, perché va ad impattare sulle compressioni ed estensioni veloci della forcella, in primis quelle piccole, oltre ad essere un modo per evitare i fine corsa su grandi colpi come può essere un drop. In questo senso, Rock Shox strizza l’occhio al rider che cerca anche del comfort dalla forcella e non solo prestazione.

Ho poi continuato il test sui sentieri di casa, visto che Rock Shox mi ha lasciato la nuova Lyrik, e non posso che confermare le sensazioni provate a Sintra.

Prevedendo i commenti che chiederanno se vale la pena fare l’upgrade al Charger 2.1, mi sento di dire che conviene farlo se si ha una Lyrik pre-2019, visto che è possibile inserire la nuova cartuccia sulle Lyrik prodotte dal 2016 in poi. Sulle Lyrik 2019 con Charger 2.0 consiglio prima di provare a cambiare i parapolvere SKF (qui trovate come fare) per diminuire il carico di stacco e aumentare la fluidità complessiva della forcella. La Lyrik 2019 è già una signora forcella di suo, aspetterei a cambiare la cartuccia.

Ho anche provato il Deluxe Ultimate, il nuovo ammortizzatore in linea di cui abbiamo parlato nel secondo video di questo articolo. Visti i tipi di sentieri e la tipologia di bici, ero piuttosto scettico, ma mi sono ricreduto in fretta perché l’ho trovato estremamente sensibile e ben resistente al surriscaldamento. Memore della sensazione di legnosità del Monarch, il suo predecessore, posso dire che c’è un mondo di differenza e che finalmente Rock Shox ha un ammortizzatore senza piggy back molto performante. Purtroppo non sono riuscito a fare un test A/B, perché quello riguardava la Lyrik, ma conto di approfondire l’argomento appena me lo mandano per le prove sui nostri sentieri.

Prezzi e specifiche

Per vedere le differenze fra i vari modelli Ultimate, Select+ (solo primo montaggio) e Select, andatre sul sito Rock Shox.

Pike

Escursione: 120mm, 130mm, 140mm, 150mm, 160mm
Steli: 35mm
Diametro ruote: 27.5”, 29”
Offset: 29” – 42mm, 51mm. 27.5” – 37mm, 46mm

Prezzi

Ultimate: 1030€
Select+: solo primi montaggi
Select: 775€

Lyrik

Escursione: 150mm, 160mm, 170mm, 180mm
Steli: 35mm
Diametri ruota: 27.5”, 29”
Offset: 29“- 42mm, 51mm. 27.5” – 37mm, 46mm

Prezzi

Ultimate: 1110€
Select+: solo primi montaggi
Select: 775€

SID


Escursione: 100mm, 120mm
Steli: 32mm
Diametri ruota: 27.5”, 29”
Offset: 27.5” – 42mm, 29” – 42mm, 51mm
Cannotto anche in carbonio

Prezzi

Ultimate Carbon: 1110-1200€
Ultimate: 865-945€
Select+: solo primi montaggi
Select: 665-745€

Boxxer

Escursione: 180mm, 190mm, 200mm
Steli: 35mm
Diametri ruota: 27.5”, 29”
Offset: 29” – 46mm, 56mm, 27.5”- 36mm, 46mm

Prezzi

Ultimate: 1890$
Select: 1455$

Rock Shox

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
K

Hanno annunciato la disponibilità della Pike 29 offset 42 per l'Italia?

Lucky86
Lucky86

stanno allineando i prezzi a fox… difficile stare dietro a tutte queste novità, tra l’altro rock shox a livello di forcelle ne ha presentate troppe molto ravvicinate.. debonair, charger2, poi queste ecc ecc..
era invece ora che dessero una rinnovata agli ammortizzatori!

fafnir
Lucky86

stanno allineando i prezzi a fox… difficile stare dietro a tutte queste novità, tra l'altro rock shox a livello di forcelle ne ha presentate troppe molto ravvicinate.. debonair, charger2, poi queste ecc ecc..
era invece ora che dessero una rinnovata agli ammortizzatori!

Un mio amico con la capra 2018 presa l'anno scorso è già indietro di due versioni con la lyric [emoji16]

A
andrea_89

Lo dico io per primo…
tutto bello ma fin che non fanno la lyrik boost super mega bling bling factory racing last final definitive 3,1415926535 – ossia tra un paio di mesi – per me non vale la spesa

Scherzi a parte, basta con tutto sto marketing di nomi e nomignoli che non fanno capire un cazz…

jeeper
jeeper

e io rispondo…..ma che cazz servono tutte ste cartucce charger, ultimate, signature, olio, molle, mollette, token e roba varia. cioè parliamoci chiaro. la mia pike rct3 presa a 250€ sul mercatino e la pike ultimate da 1000€ che mi cambia? ah mi cambia che ho 750€ in meno che ci potevo andare in ferie.
ma vaff…..

cianci
cianci

A niente

fafnir
andrea_89

Lo dico io per primo…
tutto bello ma fin che non fanno la lyrik boost super mega bling bling factory racing last final definitive 3,1415926535 – ossia tra un paio di mesi – per me non vale la spesa

Scherzi a parte, basta con tutto sto marketing di nomi e nomignoli che non fanno capire un cazz…

Se uno ti chiede che sospensioni hai sei finito, meglio portarsi un foglietto.
Comunque adesso c'è quello sopra il modello di lusso ultimate, non saprei che altri nomi tirare fuori in futuro.
Magari è veramente l'ultimo [emoji16]

A
andrea_89

Indovinare (e poi ricordarsi) il nome della lyrik non è esso stesso il piacere di possederla?
Poi hanno appena iniziato a colorare gli steli e le molle, qualche versione limited rainbow signature potrebbe starci. E l’anno prossimo si inizia a colorare anche la testa degli steli e pomelli vari…

Andrea#11

Ma i modelli 2019 sono diventati obsoleti in soli 3 mesi?!?
Chi compra ora una bici e si ritrova i modelli 2019 è già indietro incredibile…
Il marketing veramente ha poteri soprannaturali.

Sent from my iPhone using MTB-MAG.com

smaz
smaz

A me piaceva la pike, la prima uscita. La lyric 2016 la trovo un po’ legnosa, forse potrei aggiornala…. uff che barba…

Lucky86
Lucky86
fafnir

Un mio amico con la capra 2018 presa l'anno scorso è già indietro di due versioni con la lyric [emoji16]

infatti… e poi tutte le volte la solita manfrina: più sensibile a inizio corsa, più sostenuta a metà corsa, meno attrito di scacco… mizzega ma alla quinta volta che si ripete questa storia che è sempre avvertibile dai tester vuol dire che la differenza tra una 2017 e una 2019 dovrebbe essere come provare la bici del mercatone e una factory!

fafnir
Lucky86

infatti… e poi tutte le volte la solita manfrina: più sensibile a inizio corsa, più sostenuta a metà corsa, meno attrito di scacco… mizzega ma alla quinta volta che si ripete questa storia che è sempre avvertibile dai tester vuol dire che la differenza tra una 2017 e una 2019 dovrebbe essere come provare la bici del mercatone e una factory!

SRAM non dorme MAI, è come il grande occhio di Sauron. Solo che non cerca l'anello ma i nostri culi.

ginogino
ginogino

Ma il Superdeluxe Coil metrico nella nuova versione, sarà finalmente trovabile in varie misure in commercio ?

E
emml

quello che ha sempre fatto fox…se non sbaglio 🙁

monorotula
monorotula

Sei in lizza per il post dell’anno!

cianci
cianci

Ahahagahaga

tarhan
tarhan

Sono morto!!! :D:D:D:

Andrea#11
marco

ci sono anche i sottotitoli in italiano (clicca su cc):

Non ne ho bisogno dei sottotitoli in italiano, parlo inglese correttamente.
Forse i sottotitoli servirebbero per tradurre i poteri del marketing.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Andrea#11

Attenzione! Il super deluxe coil ha la novità della molla di colore rosso!
Saranno appassionati di moto ed avranno visto come va la Ducati sia in Gp che Sbk.

Sent from my iPhone using MTB-MAG.com

ginogino
ginogino
fafnir
Lucky86

infatti… e poi tutte le volte la solita manfrina: più sensibile a inizio corsa, più sostenuta a metà corsa, meno attrito di scacco… mizzega ma alla quinta volta che si ripete questa storia che è sempre avvertibile dai tester vuol dire che la differenza tra una 2017 e una 2019 dovrebbe essere come provare la bici del mercatone e una factory!

SRAM non dorme MAI, è come il grande occhio di Sauron. Solo che non cerca l'anello ma i nostri culi.

Ma il Superdeluxe Coil metrico nella nuova versione, sarà finalmente trovabile in varie misure in commercio ?

JoRo
JoRo

Sul sito sram hanno messo il peso del 210×50. Se vero, hanno pensato anche alle trail a poca escursione

Andrea#11
marco

Eh già, il marketing. Quello che fa scrivere commenti a chi non ha letto l'articolo. Ha veramente poteri incredibili.

Cosa devo leggere, dipendenti sram che parlano la lingua del “la metto nel di dietro alle persone”?!
Neanche alla NASA lo sviluppo della tecnologia va così veloce come solo il mondo mtb sa fare.
Il mio pensiero è stato espresso anche da altri quindi forse forse…

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

P
fafnir

SRAM non dorme MAI, è come il grande occhio di Sauron. Solo che non cerca l'anello ma i nostri culi.

come non darti ragione.:smile::smile::smile::smile::smile::smile:

Andrea#11
marco

no, dovresti leggere l'articolo che commenti. È qui sopra, ce la puoi fare.

Nell’articolo tu stesso dici che chi ha la versione 2019 della lyrik non vale la pena aggiornarla.
Alla fine basta sostituire i para polvere con gli skf.
Tutto questo si può fare appunto senza il bisogno di presentare un nuovo modello, facendo rimanere indietro (per il marketing) chi ha acquistato una bici o una forcella da poco tempo.
Tutto è retro compatibile; tradotto: dovete cacciare altro denaro.
Per volere mio sulla bici non ho nulla di sram e non vedranno mai un euro da me.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

vito e alloggio
vito e alloggio

ah, beh… fox invece….

andry-96

Boh per me facevano meglio a pensare a un cambio che non si distrugge come il gx o a dei freni decenti

Andrea#11
marco

leggi bene:
Prevedendo i commenti che chiederanno se vale la pena fare l’upgrade al Charger 2.1, mi sento di dire che conviene farlo se si ha una Lyrik pre-2019, visto che è possibile inserire la nuova cartuccia sulle Lyrik prodotte dal 2016 in poi. Sulle Lyrik 2019 con Charger 2.0 consiglio prima di provare a cambiare i parapolvere SKF (qui trovate come fare) per diminuire il carico di stacco e aumentare la fluidità complessiva della forcella. La Lyrik 2019 è già una signora forcella di suo, aspetterei a cambiare la cartuccia.

Che tu non voglia prodotti sram, sinceramente, non mi importa una mazza, visto che non me ne viene in tasca niente. La dice però lunga sulla tua faziosità e sul fatto che ci hai impiegato 3 commenti prima di leggere l'articolo sotto cui stavi scrivendo (!). Hai visto "sram" e allora giù di fiele, marketing e venduti vari.

Non ho mai detto “venduti”, forse mi hai frainteso.
Ho avuto esperienze negative con sram,come tantissimi d’altronde, altro che faziosità.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Andrea#11
Alex99

Comunque se si possiede una forcella rock shox degli anni scorsi può sempre aggiornarla con i componenti nuovi, senza per forza cambiare forcella, secondo me ottima cosa…
Poi nessuno obbliga a cambiare forcella, io giro con una pike rc 2014 modificata nell'idraulica e con pistone aria debonair e mi trovo bene, nessuno mi ha puntato il fucile per obbligarmi a cambiarla…

Concordo con te, però ti sembra normale che dopo 3 mesi di 2019 questi ti presentano la gamma 2020?!

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

K
klasse

potrebbero presentare il mozzo ovale del 2031.

Belovic
Belovic

color ebano…

E
emml

forse xchè la versione 2019 altro non è che una 2018 con sullo stelo stampigliato debonair….

azz come mi rode non avere quella scrittina 😉

l.j.silver
l.j.silver

la Lyrik che ho preso io 2 anni fa ( il modello subito precedente alla rossa per capirci…) è gia stravecchia a quanto pare……ormai esce roba talmente di continuo che non fai in tempo ad usare la forca che esce il modello nuovo…….

K
klasse

Se guardi quello allora non hai mai finito di cambiare cose o aspettare quelle nuove.
Quando parlano di percentuali a me viene da ridere, il 30% più scorrevole, il 55% più di quello o quell’altro. Poi alla fine cosa vorrà mai dire?
La tiri fuori dalla scatola e va bene, e dopo due mesi? e dopo 6 di uso serio? e dopo 100K mt D- in park? come va? va ancora bene o la devi cambiare per il modello Turbo minchia power del 2021?
Service service service bisogna fare le manutenzioni a ste figa di forcelle. manutenzioni ravvicinate e non posticipate. Ogni due mesi massimo cambiare oli e pulizia generale. Sporcarsi le mani e farsi le manutenzioni. usare oli seri anche per la parte sporca di lubrificazione degli steli.
Inizia tutto da li. olio pulito, niente polvere e scorrevolezza al top. il resto viene durante l’utilizzo e dopo qualche settimana.
Dopo un bel service, chiudo i registri di compressione e ritorno da quanto lavora meglio.

Andrea#11
marco

vabé, finiamola qui.

Intendevo il marketing di sram.
Non ho niente contro di te o il tuo articolo.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

K
klasse

Niente forcelle a molla.
la vecchia lyrik RC2DH a molla era fantastica.

frantic
frantic

La mia

S
sini

Disponibilità nei negozi da quando?

B

Ho una yari, posso montare la nuova cartuccia volendo?

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Minitrek
fafnir

SRAM non dorme MAI, è come il grande occhio di Sauron. Solo che non cerca l'anello ma i nostri culi.

Basta smetterla di mettersi a 90, non è tanto difficile e visto che nessuno punta la pistola alla tempia…

fafnir

Ho visto i video e sono un po' perplesso. Ero convinto che i vecchi ammortizzatori avessero la lamella di non ritorno su tutti e due i pistoni, cioè è una cosa che davo per scontata.
Ci sono rimasto male…beh meglio tardi che mai.

Per la forcella sono altrettanto perplesso, uno di cui mi fido aveva testato che la 2019 rc2 in posizione HSC del tutto aperta era frenata appena, quindi se adesso si ottiene ancora meno precarico sulle lamelle secondo me hanno esagerato, anche troppo poco freno rende una forcella scomoda.

Sarei curiosissimo di provare la nuova lyric.
Invece come al solito la vedrò sulla bici degli altri e basta [emoji1]

D-Lock
l.j.silver

la Lyrik che ho preso io 2 anni fa ( il modello subito precedente alla rossa per capirci…) è gia stravecchia a quanto pare……ormai esce roba talmente di continuo che non fai in tempo ad usare la forca che esce il modello nuovo…….

O invece di prendere sempre Fox o Rockshox si prende altro.
Sui primi montaggi probabilmente è impossibile avere altro, ma se si deve prendere after market o assemblare ci sono molte altre opzioni, e alcuni come Formula ad esempio fanno della compatibilità nel tempo delle loro forcelle un punto di forza che forse le rende obsolete meno rapidamente.

fafnir
Minitrek

Basta smetterla di mettersi a 90, non è tanto difficile e visto che nessuno punta la pistola alla tempia…

Non c'è rischio per me, le galline dalle uova d'oro fanno altri lavori!

fafnir
Minitrek

Basta smetterla di mettersi a 90, non è tanto difficile e visto che nessuno punta la pistola alla tempia…

Non c'è rischio per me, le galline dalle uova d'oro fanno altri lavori!

D-Lock
marco

vorrei far notare che anche formula lavora perennemente sui prodotti, e che dice esplicitamente che si possono montare le novità sulle vecchie forcelle:

Che poi è la stessa cosa che ha detto Rock Shox oggi.
È normale continuare a migliorare i prodotti nei dettagli, ma non bisogna sentirsi offesi se non si ha l'ultimo modello (non mi riferisco a te). Il bello è che si può provare a fare gli upgrade uno alla volta, come ho suggerito nell'articolo, per notare le differenze. Questo non è marketing ma normale lavoro ingenieristico.
Marketing è quando qualcuno pitüra lo stesso telaio di un altro colore e ve lo vende come qualcosa di nuovo, e perché è bianco e rosso tutti ci cascano.

Questa parte mi è chiarissima (lavoro nel software, facciamo una versione nuova ogni sei mesi…), notavo solo che Formula mi pare (poi magari sbaglio) abbia uno spettro di retrocompatibilità maggiore e faccia miglioramenti più apprezzabili. O forse è marketing anche spacciarsi per quelli attenti a essere più compatibili…

endurik
marco

Marketing è quando qualcuno pitüra lo stesso telaio di un altro colore

… o una molla :loll:

endurik
marco

Da abbinare assolutamente ai freni anodizzati rossi,

anticipazione dei nuovi guide millenium?

slisser
marco

vorrei far notare che anche formula lavora perennemente sui prodotti, e che dice esplicitamente che si possono montare le novità sulle vecchie forcelle:

Che poi è la stessa cosa che ha detto Rock Shox oggi.
È normale continuare a migliorare i prodotti nei dettagli, ma non bisogna sentirsi offesi se non si ha l'ultimo modello (non mi riferisco a te). Il bello è che si può provare a fare gli upgrade uno alla volta, come ho suggerito nell'articolo, per notare le differenze. Questo non è marketing ma normale lavoro ingenieristico.
Marketing è quando qualcuno pitüra lo stesso telaio di un altro colore e ve lo vende come qualcosa di nuovo, e perché è bianco e rosso tutti ci cascano.

Sul miglioramento dell'oggetto ci sarebbe da discutere, se volessero davvero migliorare la forca la farebbero dual air, invece non si degnano neppure di fare un dispositivo simil IRT , insultano i clienti propinando i token:prost:

D-Lock

marco mah, mi sembra che tutti facciano delle migliorie retrocompatibili, anche Fox. Se pensi alle innovazioni degli ultimi anni, si tratta quasi sempre di qualcosa a livello di idraulica, raramente allo chassis (mi viene in mente la 32 e la 34 step cast che sono cambiate). O DVO che ha tentato prima in tutti i modi di convincerci che la Sapphire era rigidissima quindi bastavano gli steli da 32, per poi fare guarda caso la 34 (il motivo principale per cui l'ho scartata dopo averla adocchiata a lungo, metti poi fanno la 35…). marco Se poi vedi che la Lyrik è retrocompatibile fino al 2016, si capisce che il terribile "marketing" è più che altro una leggenda metropolitana. Il marketing promuove al meglio quello che i product manager disegnano, quindi al massimo la colpa sarebbe loro… marco Personalmente trovo le migliorie "piccole" molto interessanti da provare e confrontare, non vedo perché lamentarsene. Sono stati fatti passi da giganti nelle sospensioni dal 2014 ad oggi, cioé più o meno da quando è uscita la Pike che ha dato una grande scossa all'ambiente. Inoltre il Deluxe è, secondo me, un grande passo avanti per Rock Shox e, se hai visto il video, è stato possibile farlo grazie al maggior spazio dato dalle misure metriche, anche loro definite "marketing" quando furono annunciate. Non ho le competenze tecniche per capire se una miglioria è marginale o significativa, mi piace l'idea che un produttore abbia una "piattaforma" che non cambi (nel limite del possibile) e… Read more »

BIKEBROS

Cavolo, ho fatto bene allora ad aggiornare la mia pike solo con il debonair. ..almeno ora nn mi sento fregato nell aggiornare la parte idraulica ….

Niko9

Con lyrik e pike mi trovo benissimo, quando e se dovrò cambiarle le ricomprerò rock shox anche perchè oltre al funzionamento mi piacciono esteticamente, la pike nuova è bellissima :pirletto:
A me sram piace e si vede sulle mie bici

l.j.silver
l.j.silver
D-Lock

O invece di prendere sempre Fox o Rockshox si prende altro.
Sui primi montaggi probabilmente è impossibile avere altro, ma se si deve prendere after market o assemblare ci sono molte altre opzioni, e alcuni come Formula ad esempio fanno della compatibilità nel tempo delle loro forcelle un punto di forza che forse le rende obsolete meno rapidamente.

eh col senno' di poi lo direi anch'io…..
dovessi cambiare forca adesso andrei di DT o aspetterei la nuova Manitou…..

G
gabri713

la nuova dt è mooolto interessante….

R
marco

mah, mi sembra che tutti facciano delle migliorie retrocompatibili, anche Fox. Se pensi alle innovazioni degli ultimi anni, si tratta quasi sempre di qualcosa a livello di idraulica, raramente allo chassis (mi viene in mente la 32 e la 34 step cast che sono cambiate). Se poi vedi che la Lyrik è retrocompatibile fino al 2016, si capisce che il terribile "marketing" è più che altro una leggenda metropolitana.
Personalmente trovo le migliorie "piccole" molto interessanti da provare e confrontare, non vedo perché lamentarsene. Sono stati fatti passi da giganti nelle sospensioni dal 2014 ad oggi, cioé più o meno da quando è uscita la Pike che ha dato una grande scossa all'ambiente.
Inoltre il Deluxe è, secondo me, un grande passo avanti per Rock Shox e, se hai visto il video, è stato possibile farlo grazie al maggior spazio dato dalle misure metriche, anche loro definite "marketing" quando furono annunciate.

Pare da altre fonti che nella rc2 la camera d'aria sia stata migliorata notevolmente rispetto al modello precedente. Mentre l' idraulica non troppo. Ti trovi d' accordo.
Non ho provato ancora ma dovro' provare visto che ho la RC vecchia dual position e non so comporta bene. Un amico che l' ha provata come upgrade dice che ha migliorato molto.
Sei d' accordo?
Le boccole o cuscinetti sono nella cartuccia idraulica?

G
gabri713

come diceva qualcuno sopra, va anche bene fare degli upgrade ai propri ammortizzatori e forcelle ma poi la cosa più importante è la manutenzione costante; non a caso rockshox consiglia il cambio olio dei foderi (operazione davvero semplice) ogni 50 ore di utilizzo. Che poi si possa aumentare l’intervallo di manutenzione è sicuro (perchè dipende da tanti fattori) però ti assicuro che conosco qualcuno che ha cambiato forcella e ha quasi rischiato di rovinare gli steli perchè non aveva voglia di fare la revisione base.

R

ah e i parapolveri skf verdi sono in commercio da sempre, non so se siano gli stessi ma dubito ci siano differenze, io li monto. Scorrono di piu perche' sono piu laschi principalmente, infatti lo sporco passa piu facilmente (non cambia niente comunque entra).

salukkio

Anche queste si mangiano la corsa a riposo?

Sent from my SM-G950F using MTB-Forum mobile app

Mauro Franzi
rickyvic

Pare da altre fonti che nella rc2 la camera d'aria sia stata migliorata notevolmente rispetto al modello precedente. Mentre l' idraulica non troppo. Ti trovi d' accordo.
Non ho provato ancora ma dovro' provare visto che ho la RC vecchia dual position e non so comporta bene. Un amico che l' ha provata come upgrade dice che ha migliorato molto.
Sei d' accordo?
Le boccole o cuscinetti sono nella cartuccia idraulica?

Il grosso salto di qualità per quanto riguarda la parte elastica è stato fatto lo scorso anno (qui l'articolo con il test: https://www.mtb-mag.com/test-rock-shox-lyrik-rc2-e-superdeluxe-air-rt-con-twistloc/ ).
Oltre all'aspetto prestazionale, la cosa interessante è che le nuove camere sono retrocompatibili, costano relativamente poco e l'installazione è semplice.
La parte idraulica è anch'essa retrocompatibile, ma molto più costosa. Il vantaggio principale rispetto alle vecchie cartucce è che è stata aggiunta la regolazione esterna delle HSC, ma a meno di esigenze particolari (rider molto leggeri, controllo su salti veramente grossi etc.) a mio giudizio non vale la pena spendere 350 Euro.

Haran Banjo
Haran Banjo

Uellàlàlàlà, che supersballo
nella confezione di Lyrik Ultimate Megatrasformer Superaction
trovi la cartolina del concorso
“Shpalman il tuo compagno di banco”
e vinci la cazzuola laser di Shpalman!

(scherzo)

slisser
muldox

Il grosso salto di qualità per quanto riguarda la parte elastica è stato fatto lo scorso anno (qui l'articolo con il test: https://www.mtb-mag.com/test-rock-shox-lyrik-rc2-e-superdeluxe-air-rt-con-twistloc/ ).
Oltre all'aspetto prestazionale, la cosa interessante è che le nuove camere sono retrocompatibili, costano relativamente poco e l'installazione è semplice.
La parte idraulica è anch'essa retrocompatibile, ma molto più costosa. Il vantaggio principale rispetto alle vecchie cartucce è che è stata aggiunta la regolazione esterna delle HSC, ma a meno di esigenze particolari (rider molto leggeri, controllo su salti veramente grossi etc.) a mio giudizio non vale la pena spendere 350 Euro.

Secondo me manca sempre una regolazione decente delle molle, sistemata la molla lavora meglio anche l'idraulica. Dovendo buttare altri soldi nella forca prenderei mrp control o piuttosto darei un'occhiata a luftkappe

Mauro Franzi
slisser

Secondo me manca sempre una regolazione decente delle molle, sistemata la molla lavora meglio anche l'idraulica. Dovendo buttare altri soldi nella forca prenderei mrp control o piuttosto darei un'occhiata a luftkappe

Non ho capito cosa intendi con regolazione delle molle. La nuova cartuccia DebonAir agisce proprio sulla parte elastica, ed in più hai i classici token per aggiustare la progressività.

slisser
muldox

Non ho capito cosa intendi con regolazione delle molle. La nuova cartuccia DebonAir agisce proprio sulla parte elastica, ed in più hai i classici token per aggiustare la progressività.

Appunto i token sono una schifezza, inguardabile. Non ricordo neppure piu' quanti anni fa, avevo una rock shox reba dual air , adesso sti venditori di fumo, vorrebbero farmi crede che la camera negativa che comunica con la positiva e i token per ridurre il volume della molla positiva sono una soluzione migliore, grazie ma non sono convinto.

Mauro Franzi
slisser

Appunto i token sono una schifezza, inguardabile. Non ricordo neppure piu' quanti anni fa, avevo una rock shox reba dual air , adesso sti venditori di fumo, vorrebbero farmi crede che la camera negativa che comunica con la positiva e i token per ridurre il volume della molla positiva sono una soluzione migliore, grazie ma non sono convinto.

Inguardabile una cosa che sta all'interno della forcella? Ma scherzi o sei serio?
Io del Dual Air ricordo che ogni due per tre bisognava mettersi lì a riequilibrare la pressione fra le due camere, per poi in fin dei conti trovare il migliore compromesso con le due pressioni equivalenti (quello che avviene con il bilanciamento automatico) pena trovarsi della corsa "mangiata" o scarsa sensibilità iniziale. Non sarà un caso se quasi tutti hanno praticamente abbandonato quel sistema.
I token che tanto odi con il discorso Dual Air c'entrano poco, visto che il rapporto fra la pressione delle due camere influenza la prima parte di corsa, mentre i token agiscono principalmente nella seconda parte.
Prima di buttare merda addosso a qiualcuno sarebbe il caso quantomeno di sapere di cosa si sta parlando.

slisser
marco

forse prima di dare dei venditori di fumo alla gente conviene sapere come funziona una forcella moderna. Se la tua ultima forcella è delle guerre puniche, puoi avere anche la luftwaffekappe o la supercazzolalamellosa che non cambia niente.

Un'idea di come si costruisce un' ammortizzatore ce l'ho da prima che le bici incominciassero a usarli,

Se siete convinti che essere vincolati alla stessa pressione in camera positiva e camera negativa, sia la soluzione ottimale per regolare la risposta della molla nella sospensione, secondo la regola che il cliente ha sempre ragione, rock shox fa bene a semplificare il prodotto e regalare i token.

Io preferirei poter pompare le due camere alle pressioni che voglio IO , farei a meno di luftkappe sicuramente , Mrp control invece potrebbe tornare utile anche nel sistema dual air.

Rimango comunque dell'opinione che in un ammortizzatore se la molla e' regolata bene anche l'idraulica lavora meglio

slisser
muldox

Inguardabile una cosa che sta all'interno della forcella? Ma scherzi o sei serio?
Io del Dual Air ricordo che ogni due per tre bisognava mettersi lì a riequilibrare la pressione fra le due camere, per poi in fin dei conti trovare il migliore compromesso con le due pressioni equivalenti (quello che avviene con il bilanciamento automatico) pena trovarsi della corsa "mangiata" o scarsa sensibilità iniziale. Non sarà un caso se quasi tutti hanno praticamente abbandonato quel sistema.
I token che tanto odi con il discorso Dual Air c'entrano poco, visto che il rapporto fra la pressione delle due camere influenza la prima parte di corsa, mentre i token agiscono principalmente nella seconda parte.
Prima di buttare merda addosso a qiualcuno sarebbe il caso quantomeno di sapere di cosa si sta parlando.

So di cosa sto' parlando, i token costano niente pero' e' anche vero che fanno lavorare male l'idraulica , ma naturalmente tu sai gia tutto

Mauro Franzi
slisser

So di cosa sto' parlando, i token costano niente pero' e' anche vero che fanno lavorare male l'idraulica , ma naturalmente tu sai gia tutto

Edit: il sistema dual air proprio quello fa', modifica i rapporti di volume tra camera positiva e camera negativa, mangiando se occorre 10 mm di corsa,

I token fanno il lavoro per cui sono stati introdotti, vale a dire variare il volume della camera principale determinando una curva più o meno progressiva soprattutto nella seconda parte del travel. Che poi possano esistere sistemi più "evoluti" stile l'IRT di Manitou o che compensare ad una curva elastica sbagliata con l'idraulica porti inconvenienti è altro discorso.
Tutto ciò in ogni caso c'entra molto poco con la tua amata Dual Air, visto che il rapporto fra la pressione (non il volume!) delle due camere influisce sostanzialmente solo nella primissima parte della corsa, vale a dire dove i token non fanno praticamente nulla.

fafnir

I token sono assolutamente necessari per adeguare il volume di aria in base all'escursione, in modo da avere una curva paragonabile fra una pike a 120 mm e una a 160 mm.

Non è pensabile portare a 120 mm una camera d'aria nata senza token a 160 mm, senza fare nulla.
Sarebbe troppo lineare.
Quindi i token sono utili entro i valori consigliati dai produttori direi +-1.
Le aberrazioni ci sono, la gente le fa continuamente essendoci parecchi ingegneri da tastiera in giro.
In quei casi i token sono un autentica rovina, ma come sempre la colpa è di come viene usato uno strumento non lo strumento in sé.

slisser
muldox

I token fanno il lavoro per cui sono stati introdotti, vale a dire variare il volume della camera principale determinando una curva più o meno progressiva soprattutto nella seconda parte del travel. Che poi possano esistere sistemi più "evoluti" stile l'IRT di Manitou o che compensare ad una curva elastica sbagliata con l'idraulica porti inconvenienti è altro discorso.
Tutto ciò in ogni caso c'entra molto poco con la tua amata Dual Air, visto che il rapporto fra la pressione (non il volume!) delle due camere influisce sostanzialmente solo nella primissima parte della corsa, vale a dire dove i token non fanno praticamente nulla.

La pressione a monte e a valle del pistone sara' sempre identica pompando la camera negativa aumenta il volume della negativa, pompi la camera positiva la camera negativa si comprime , le due camere vanno in equilibrio alla medesima pressione con un legerissimp scarto in favore della negativa per la differenza di sezione utile del pistone.

slisser
fafnir

I token sono assolutamente necessari per adeguare il volume di aria in base all'escursione, in modo da avere una curva paragonabile fra una pike a 120 mm e una a 160 mm.

Non è pensabile portare a 120 mm una camera d'aria nata senza token a 160 mm, senza fare nulla.
Sarebbe troppo lineare.
Quindi i token sono utili entro i valori consigliati da Rockshox (che solitamente vanno da 0-1 token a 160 mm fino ad anche 4 token sulla 120 mm).
Le aberrazioni ci sono, la gente le fa continuamente essendoci parecchi ingegneri da tastiera in giro.
In quei casi i token sono un autentica rovina, ma come sempre la colpa è di come viene usato uno strumento non lo strumento in sé.

oh qui sono d'accordo:prost: aggiustare la camera positiva in funzione della corsa utile mi va bene
Pero' io contesto il fatto che non ho a disposizione nessun sistema per regolare finemente la risposta della molla in relazione a quello che mi occorre.
Manitou ha fatto irt rock shox dorme.

slisser
slisser

So di cosa sto' parlando, i token costano niente pero' e' anche vero che fanno lavorare male l'idraulica , ma naturalmente tu sai gia tutto

Edit: il sistema dual air proprio quello fa', modifica i rapporti di volume tra camera positiva e camera negativa, mangiando se occorre 10 mm di corsa,

@marco se non ti piace quello che ho scritto, dimmi almeno consa non quadra,

fafnir
slisser

oh qui sono d'accordo:prost: aggiustare la camera positiva in funzione della corsa utile mi va bene
Pero' io contesto il fatto che non ho a disposizione nessun sistema per regolare finemente la risposta della molla in relazione a quello che mi occorre.
Manitou ha fatto irt rock shox dorme.

Rockshox fa soldi a palate e domina il mercato, Manitou è andata in disgrazia e fatica a risollevarsi.
Quindi Rockshox fa bene così secondo me.

Quasi tutti non vogliono complicazioni o regolazioni che non sanno usare, o gonfiare due camere.
Rockshox vende a tutti ebike comprese, gente che sale e vuole girare senza sbattimento.

Solo alcuni fra i forumendoli sono interessati a queste cose, prima comprenderai il quadro generale prima accetterai tutte le cose che ti sembrano inspiegabili.

Manitou ha persone molto preparate e ingegnose, ma non credo che Rockshox abbia solo citrulli. Loro non devono conquistare il mercato con innovazioni che lasciano a bocca aperta, il mercato lo hanno già. Sono gli altri che devono cercare qualcosa in più per raccogliere qualche briciola.

fafnir
marco

esatto, regolare due camere è una complicazione del tutto inutile, visto che si bilanciano benissimo da sole (fox, rs, ecc ecc ecc). Ed è anche una rottura di balle per chi la bici la vuole usare e non vuole passare le giornate in garage a farsi venire il gomito del tennista con la pompetta

Si può anche usare una molla negativa regolabile come DVO o xfusion, una volta scelto il setting non si tocca piu.
Però sono 1-2 etti in più a forcella, non è poco.
Alla fine così è meglio per tutti.

B

Chiedo di nuovo, posso cambiare sulla mia yari è mettere questa nuova cartuccia?

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

fafnir
brunopiru

Chiedo di nuovo, posso cambiare sulla mia yari è mettere questa nuova cartuccia?

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

A culometro direi di sì. Se potevi mettere la rct3 sulla yari e questo lo so per certo, e puoi sostituire la rct3 della lyric con la rc2 o questa ultimate, significa che puoi farlo anche sulla yari.

Non voglio responsabilità [emoji16]

Mauro Franzi
fafnir

Si può anche usare una molla negativa regolabile come DVO o xfusion, una volta scelto il setting non si tocca piu.
Però sono 1-2 etti in più a forcella, non è poco.
Alla fine così è meglio per tutti.

L'IRT di Manitou però non c'entra niente con il vecchio DualAir di RS, trattandosi sostanzialmente di due camere positive che lavorano "in serie". Se non vi sono perdite non richiedono neppure aggiustamenti troppo frequenti, diciamo non più di quelli che di norma si effettuano sulla camera positiva delle varie RS, Fox e compagnia bella.

fafnir
muldox

L'IRT di Manitou però non c'entra niente con il vecchio DualAir di RS, trattandosi sostanzialmente di due camere positive che lavorano "in serie". Se non vi sono perdite non richiedono neppure aggiustamenti troppo frequenti, diciamo non più di quelli che di norma si effettuano sulla camera positiva delle varie RS, Fox e compagnia bella.

Ho ben presente la differenza, nel calderone era stato messo tutto, token e camere negative quindi il mio discorso era generico.
IRT sostituisce il sistema token.

Mauro Franzi
fafnir

…Le Manitou hanno sempre una camera negativa tra l'altro classica, autoequilibrante come la solo air.

Appunto…;-)

Mauro Franzi
brunopiru

Chiedo di nuovo, posso cambiare sulla mia yari è mettere questa nuova cartuccia?

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Prova con questo: https://trailhead.rockshox.com/en/search/

salukkio
marco

esatto, regolare due camere è una complicazione del tutto inutile, visto che si bilanciano benissimo da sole (fox, rs, ecc ecc ecc). Ed è anche una rottura di balle per chi la bici la vuole usare e non vuole passare le giornate in garage a farsi venire il gomito del tennista con la pompetta

Qua è pieno di gente con il gomito del tennista. Uno più o uno in meno fa poca differenza.

Sent from my SM-G950F using MTB-Forum mobile app

jimmy27
jimmy27

In passato ho avuto 2 forcelle con la doppia camere, prima una pike e poi una bomber con modifica ad aria. Andavano benone ma non mi davano niente di piu delle attuali forke con il bilanciamento automatico. concordo che è una sbatti in piu della quale non sento la mancanza.
Invece mi chiedo come mai non venga implementato un sistema come quello di MRP al posto dei token, lo trovo molto ingegnoso e penso sia anche piu preciso dei token ma visto il costo non l’ho ancora provato ma mi piacerebbe trovarlo su forcelle che costano piu di 1000 euro al posto dei pezzi di plastica a far spessore.

slisser
marco

ti hanno già risposto. Ma se vuoi ribadisco:

I token fanno il lavoro per cui sono stati introdotti, vale a dire variare il volume della camera principale determinando una curva più o meno progressiva soprattutto nella seconda parte del travel.

E attenzione, scagliati anche contro Fox e DT, visto che usano lo stesso identico sistema. Ma sembra che tu la sappia più lunga. Forse dovresti proporti come ingegnere.

Fox e Dt non mi interessano, in quanto cliente ROCK SHOX LYRIK mi permetto di criticare la scelta commerciale di non rendere disponibile un sistema dignitoso per adattare la risposta della molla ad aria alla stazza delle persone in carne .

Stiamo parlando del top di gamma del marchio e non del modello entry, (visto che me lo chiedi) basterebbe un bussolotto d'alluminio con avvitato un getto da carburatore e avresti fatto un dispositivo simil MRP da avvitare sul tappo dello stelo al posto dei token
Avrebbero dimostrato almeno un po' di buona volonta'

Invece mi prendono in giro annunciando un' upgrade ogni volta che cambiano il fornitore degli Oring

Mauro Franzi
slisser

…basterebbe un bussolotto d'alluminio con avvitato un getto da carburatore e avresti fatto un dispositivo simil MRP da avvitare sul tappo dello stelo al posto dei token…

Occhio che il dispositivo MRP è speed sensitive, non è solamente una questione di registro esterno al posto dei riduttori interni.

slisser

@muldox
Ho chiaro il concetto, la regolazione esterna non è indispensabile, avvito l'ugello del calibro giusto per la mia stazza richiudo la forca la regolazione (dinamica) rimane quella. Sistemi ne puoi inventare altri , ne basta uno, Chi non vuole sbattimenti non sarebbe obbligato a comprare l'accrocchio, chi invece e' interessato avrebbe quello che occorre

Mauro Franzi
slisser

@muldox
Ho chiaro il concetto, la regolazione esterna non è indispensabile, avvito l'ugello del calibro giusto per la mia stazza richiudo la forca la regolazione (dinamica) rimane quella. Sistemi ne puoi inventare altri , ne basta uno, Chi non vuole sbattimenti non sarebbe obbligato a comprare l'accrocchio, chi invece e' interessato avrebbe quello che occorre

Abbi pazienza, ma non ti capisco. Quale sarebbe il vantaggio rispetto agli attuali token?
La cartuccia MRP alza la curva in funzione della velocità di compressione, mentre l'ugello di cui parli tu fa esattamente lo stesso lavoro dei token.

slisser

@moldox l'oggetto farebbe la stessa funzione dell freno MRP , naturalmente non puoi copiarlo paro paro, come non puoi copiare IRQ di Manitou, pero un lider di mercato dovrebbe preoccuparsi di offrire un dispositivo almeno equivalente, parere mio personalissimo

Mauro Franzi
slisser

@moldox l'oggetto farebbe la stessa funzione dell freno MRP…

Cioè alzerebbe anche questo la curva in funzione della velocità di compressione? E come fa?

slisser
muldox

Cioè alzerebbe anche questo la curva in funzione della velocità di compressione? E come fa?

Sfrutti lo stesso principio fisico di MRP control, ottieni lo stesso risultato. Il punto e' un'altro: sei lider di mercato, fai un reattore ad antimateria da infilare nella forca top di gamma, per regolare la molla in maniera soddisfacente e risparmiaci qualche annuncio in pompa magna degli upgrade alla cartuccia idraulica

B
fafnir

A culometro direi di sì. Se potevi mettere la rct3 sulla yari e questo lo so per certo, e puoi sostituire la rct3 della lyric con la rc2 o questa ultimate, significa che puoi farlo anche sulla yari.

Non voglio responsabilità [emoji16]

Grazie!

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

B
muldox

Prova con questo: https://trailhead.rockshox.com/en/search/

Ottimo grazie anche a te!

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

slisser
marco

bisognerebbe essere dei bei pirla ad inserire un accrocchio che manco riesci a spiegare, in una forcella che dovrebbe andare bene per tutti senza tante seghe mentali. Fanno bene a proseguire sulla loro strada, anche perché la Lyrik migliora continuamente di anno in anno, senza complicarsi.

Ci sono alcune ipotesi basate sull'impiego dell' antideuterio………. immaginavo fosse sottinteso che è una battuta

stefano86
stefano86

Azz stanno tirando su i prezzi. Sinceramente per quello che costano ormai dovessi scegliere andrei su altre marche (anche aggiungendo qualcosa) dato che le ultime rockshox sia forcelle che ammo mi hanno dato non poche rogne

30x26
fafnir

ma non credo che Rockshox abbia solo citrulli. Loro non devono conquistare il mercato con innovazioni che lasciano a bocca aperta,

tutt'altro, ha dei geni.
tradotto dai sottotitoli qui abbiamo: aggiustato anello che non tiene, upgrade a tenute gia' esistenti sul mercato da alcuni anni, correzione di taratura idraulica scentrata di parecchio.
non tutti sono capaci a spacciare come upgrade la correzione di pressapochismi. geniacci 🙂

AdelasiaDreaming
AdelasiaDreaming

Interessante il fatto della cartuccia compatibile con versioni precedenti , ma non costa poco

slisser

@fafnir
Il guaio non e' gonfiare le due camere, direi piuttosto che agli occhi di molti rinunciare a 15 mm di corsa per ottenere la regolazione ottimale della forca, è un compromesso inaccettabile. Alla fine i Marshmallow piacciono di piu':-)

fafnir
slisser

@fafnir
Il guaio non e' gonfiare le due camere, direi piuttosto che agli occhi di molti rinunciare a 15 mm di corsa per ottenere la regolazione ottimale della forca, è un compromesso inaccettabile. Alla fine i Marshmallow piacciono di piu':-)

I gommini funzionano bene ma solo su camere d'aria positive separate dalle negative. Le briciole dei neopos o similari che si formano con l'usura sono un vero incubo per le forcelle tipo solo air.
Personalmente se fossi un meccanico una forcella ostruita in revisione la restituirei al mittente.

slisser
fafnir

I gommini funzionano bene ma solo su camere d'aria positive separate dalle negative. Le briciole dei neopos o similari che si formano con l'usura sono un vero incubo per le forcelle tipo solo air.
Personalmente se fossi un meccanico una forcella ostruita in revisione la restituirei al mittente.

Dovendo ricorre alla soluzione fai da te preferisco prendere luftkappe, almeno adotto un sistema concettualmente corretto

JoRo
JoRo

@marco scusa la domanda magari stupida, sai quando saranno disponibili gli upgrade forcella/Ammo e gli Ammo (soprattutto quello a molla mi interessava)?
Grazie

Pito

La cartuccia della Select e della Ultimate sono uguali? Differenziano solo per la regolazione delle HSC?