[Test] Nuova Canyon Spectral 29

603

Dopo anni di discussioni e domande, ecco finalmente la Canyon Spectral in versione 29 pollici! La all mountain del marchio tedesco ha 150mm di escursione posteriore, forcella da 160 o 150mm, un telaio completamente in carbonio ed una geometria che mette in ombra la stessa Strive. La 27.5″ rimane a catalogo.

Nel video ve la presento nei dettagli e la provo sui sentieri in cui sono solito girare. Più sotto trovate geometrie, foto e prezzi.

YouTube video

 

Geometria

È la prima volta che vedo delle geometrie così moderne in casa Canyon (DH esclusa). Angolo sterzo di 64°, reach di 485 in taglia L, quella del test, angolo sella di 76°. Tutto ciò fa presagire che non manchi molto per un redesign completo della Strive…

Dettagli

Telaio in carbonio, carro compreso. Pesa di meno del fratello da 27.5″, per un totale dichiarato di 2.598 grammi in taglia M. La bici completa, senza pedali, pesa 14.3 kg sulla nostra bilancia.

Il sistema di sospensione è un quadrilatero con giuntoposto sul fodero basso. Da notare quando questo fodero sia massiccio quando incontra il triangolo anteriore. L’antisquat è alto ad inizio sag, diminuendo rapidamente più si entra nel travel. Il carro è progressivo, ma si riesce a sfruttare bene tutta la corsa.

Il modello CF 8.0 è montato completamente con Shimano XT. Dalla trasmissione 1×12 10-51T…

ai freni a 4 pistoncini che abbiamo testato separatamente la scorsa settimana.

È possibile variare la geometria tramite il flip chip presente sull’attacco ammortizzatore.

Una vera e propria finezza l’attacco dell’ammortizzatore sul triangolo anteriore: nel caso si spanasse, è sostituibile.

Batticatena molto silenzioso.

Il passaggio cavi interno al telaio non è guidato. Visto che la guaina del cavo del reggisella telescopico è più stretta del buco, si muove nel telaio, facendo rumore. EDIT: i due buchi hanno diametro diverso (uno per il tubo freno, uno per cambio o reggisella telescopico). Chi ha montato la bici da Canyon, ha scelto il buco sbagliato fra i due disponibili, visto che sul lato destro uno rimane vuoto perché la Spectral non prevede la doppia.

A proposito di reggisella telescopico: il comando remoto è di Shimano, perfetto per un manubrio pulito in combinazione con i manettini della stessa Shimano…

… mentre il reggisella vero e proprio è marchiato Canyon ed ha un’escursione di 170mm sulla taglia L. Il suo funzionamento, fin’ora, è stato ineccepibile.

La protezione del tubo obliquo è massiccia e ben integrata.

Movimento centrale filettato.

Il guidacatena è fissato direttamente al telaio, risparmiando così peso. L’attacco ISCG05, comunque, c’è.

Cerchi in alluminio DT Swiss XM1700 con canale interno da 30mm, abbinati a delle Maxxis Minio DHF/DHR 2.4 con carcassa EXO. Qui avrei preferito la EXO+ per un po’ di robustezza in più.

Manubrio e attacco di Casa Canyon, il G5.

Tutto in alluminio.

Gamma

In test: Spectral 29 CF 8.0, taglia L.

Canyon.com

 

Commenti

  1. MauroETS:

    Certo, io sono 181cm e circa 85-86cm di cavallo (non ho mai capito bene come misurarlo).
    Sulla bike precedente avevo una distanza sella-movimento centrale di 75cm, ora sono sui 76cm in quanto le pedivelle sono più corte (175-->170mm).

    PS anche se il telaio é più grande di prima, la mobilità del corpo é garantita da un reggisella con 180mm di corsa (170mm sulla CF8).
    Ok... quindi tu sei un poco più grandino di me.....sono 177,5 e 84 ca di cavallo ,...Canion mi da M piena....ho fatto due parole con loro e mi consigliavano assolutamente M.....
    ...il dubbio mi veniva perchè....su altri modelli e marche allmountain invece inserendo i dati tutti consigliano L (ero un po al limite tra le 2 misure...) e avrei scelto L... diciamo che forse con Canyon le taglie sono un pò traslate ecco....
    quindi...alla fine andrò su M....speriamo bene!!!!.......
    Mille grazie!
  2. gabriele(76):

    Io ho provato la vecchia a Riva due anni fa. In salita mi ha stupito. In discesa un po' meno. Ma questa dovrebbe essere migliorata di molto anche in discesa. Oggi ho dato una lettura veloce alla recensione su pinkbike.
    Anche lavarla con quel leveraggio non pare semplice ma è un dettaglio, leggero i vari test.
Storia precedente

Raida per sopravvivere

Storia successiva

Fest Series Belgio: salti e musica da paura!

Gli ultimi articoli in Test