[Test] Canyon Strive 29

[Test] Canyon Strive 29

Marco Toniolo, 06/03/2020
Whatsapp
Marco Toniolo, 06/03/2020

 

Il telaio della Canyon Strive 29 ci era stato mandato ad aprile 2019. Dopo oltre 10 mesi di prova è ora di tirare le somme. La taglia è una L per me che sono alto 179cm e ho un cavallo (sella-movimento centrale) di 75cm.

Riporto i dati geometrici completi, visto che nel video non parlo di tutte le misure.

Geometria

Paragone con Yeti SB150

Allestimenti e prezzi: sito Canyon

 

Commenti

  1. marco:

    questa è una taglia 18: reach molto corto, angolo sterzo di 66°.
    Non prenderei la Stereo come esempio di geo moderne, ad essere sincero. Tanto che il telaio è sempre lo stesso da due anni a questa parte, senza nessuna modifica geometrica da quando lo testammo: https://www.mtb-mag.com/test-cube-stereo-150-c68-tm-29/

    cmq viene un po' da ridere che un telaio testato a luglio 2018 e che veniva definito con "geometrie moderne" (magari non estremizzate come Transition e Mondraker) e invece ora è quasi un telaio con Geo conservative

    diciamo che se in taglia M avesse avuto almeno 450 di reach e un angolo sterzo di 65... sarebbe stata più aggressiva
  2. marco:

    questa è una taglia 18: reach molto corto, angolo sterzo di 66°.
    Non prenderei la Stereo come esempio di geo moderne, ad essere sincero. Tanto che il telaio è sempre lo stesso da due anni a questa parte, senza nessuna modifica geometrica da quando lo testammo: https://www.mtb-mag.com/test-cube-stereo-150-c68-tm-29/


    effettivamente pure la Cube non è proprio moderna, ma anche la Canyon in taglia M ha un Reach di soli 440mm, come pure la Specilaized Enduro 2018 che però ha angolo sella 76,5 e sterzo 65,5. Non è meglio una così con angoli più moderni che la Strive con tutti gli sbattimenti del caso?
  3. Marklenders:

    Canyon prima di mettere sul mercato una bici con queste geometrie "conservative" sarà passata per tutta una serie di valutazioni che hanno portato a questo risultato,un telaio pensato per ruote da 29 che funziona,invece di sfornare la classica enduro moderna con angolo sterzo e sella molto aggressivi ha puntato sulla polivalenza e da possessore posso dire che è un piacere guidarla,ci metto poi la sostanza personalmente,la mia cf 7 pagata in super sconto 3200€ non ha praticamente upgrade da fare,se non qualche ciliegina,vedi manubrio in carbonio, a questo prezzo un montaggio del genere nessuno lo propone,lo so perché prima di acquistarla ho cercato molto bene,poi esteticamente de gustibus,a me piace un sacco.
    sono d'accordo con te. sono le stesse motivazioni che mi hanno spinto a gennaio 19 a prendere la Spectral.
    però anche io rimasi perplesso dagli angoli quando fu presentata la Strive... proprio perchè hai lo shapeshifter che ti sposta di 1,5 gradi tutto... puoi osare di più. in discesa che te ne fai di 73,5 di angolo sella?

    cmq sia, si sa che Canyon è abbastanza conservativa, vedi anche la Neuron, ottimo mezzo ma su cui forse si poteva azzardare un po' di più

    anche la mia Spectral non è esente da critiche. avrei fatto un angolo sella di 75,5 invece di 74,5.... ho compensato un po' portando la sella più avanti...
    tra l'altro non sono nemmeno convinto che questi dati che Canyon da sulla carta sia corretti. per il modello 2018 che aveva lo stesso telaio, dichiarano le stesse geometrie, ma con una forca da 150...
    allo stesso tempo, come hai già detto tu, nessuno offriva il montaggio della CF8 a quel prezzo. con tante soluzioni interessanti come il passaggio cavi esterno ma nascosto, le coperture per i cuscinetti, la serie sterzo che blocca la rotazione del manubrio...