[Test] Nuova Specialized Stumpjumper EVO

[Test] Nuova Specialized Stumpjumper EVO

Ian Collins, 06/10/2020
Whatsapp
Ian Collins, 06/10/2020

L’ultima volta che ho provato uno Stumpjumper EVO, aveva la forma di qualcosa di un po’ più grezzo e meno raffinato della bici di cui stiamo per discutere. Per iniziare, la bici era in alluminio, non aveva spazio per lo SWAT ma, cosa più importante, la sospensione era un po’ ruvida. Tuttavia, con una geometria all’avanguardia, sarebbe meglio essere descritta come una “bici da scanno”. Nel momento in cui l’ho guidata, avevo alcune cose da obiettare, ma gli ho dato la punti per il suo carattere aggressivo. Avanti veloce di un paio d’anni e la geometria un tempo audace di Stumpy EVO è ora la nuova norma…

Ed eccoci qui oggi, a dare un’occhiata al suo successore: lucido, raffinato e ricco di funzionalità intelligenti. Grazie a una serie di opzioni per regolarla rapidamente, la sua geometria ha il potenziale per essere altrettanto aggressiva, ma se dovessi scegliere diversamente, può non esserlo. Immergiamoci nella migliore bici da trail che Specialized abbia mai realizzato…

Dettagli

  • Ruote da 29″ con biella disponibile per mullet
  • Escursione 160mm front / 150mm rear
  • Mozzi Boost
  • Ammortizzatore metrico
  • Sospensione Horst FSR
  • Passaggio cabi interno e guidato
  • Geometrie regolabili
  • SWAT downtube storage
  • Taglie: S1, S2, S3, S4 (in test), S5, S6

Con quella che è facilmente una delle migliori innovazioni MTB degli ultimi anni, Specialized è riuscita a progettare un sistema di sterzo che può andare da una coppa superiore neutra di 0º a +/- 1º con una o due chiavi a brugola e uno lavoro di 5 minuti sul sentiero. Ciò offre ai ciclisti un grande controllo sul comportamento della bici senza la necessità di possedere strumenti speciali o tempi di inattività importanti per dilettarsi con diversi angoli di sterzo. Una breve nota: complimenti a Specialized per lasciare il tubo dello sterzo abbastanza lungo da ospitare sei distanziali da 5mm. Ciò lascia molte opzioni per l’altezza del manubrio ed ero felice di non dover sostituire il manubrio con qualcosa di più alto.

In senso orario da sinistra: una formidabile Fox 36 Factory Elite con corsa di 160mm e offset corto di 44mm. La forcella presenta compressione ad alte e basse velocità, smorzamento in estensione e una serie di altre caratteristiche come le valvole di spurgo. Dietro le Stumpy EVO sono dotate di un Fox Float DPX2 con un “RX-Tune” dedicato – ne parleremo più avanti. Per il 2021, l’ammortizzatore posteriore è molto migliorato con una valvola di base aggiornata. Infine, Specialized ha rinforzato e riorganizzato lo yoke che guida l’ammortizzatore: l’occhiello inferiore dell’ammortizzatore ora si trova ad una leggera angolazione, quindi è molto più facile rimuovere l’ammortizzatore posteriore.

A livello di specifiche, il cockpit non ha nulla di cui lamentarsi. Sebbene lo stem e il manubrio largo 800mm siano entrambi in alluminio, Specialized ha ottenuto gli angoli e le dimensioni giusti, il che è tutto ciò che serve per renderci felici. Completano le manopole Deity che ho trovato anche abbastanza comode.

Specialized ha optato per il reggisella telescopico X-Fusion Manic, con un funzionamento scorrevole e morbido e una bella finitura. Nella misura da 34.9mm, è anche più rigido di molti altri. È abbinato al comando 1X di Specialized, ottimo per quanto riguarda ergonomia e azionamento. Infine, l’EVO presenta una nuova sella di Specialized: la Bridge. È un po’ più larga sul retro e personalmente l’ho trovata super confortevole.

Qui vediamo molti affinamenti… Dall’alto a sinistra, in senso orario. Specialized utilizza un sistema di passaggio cavi interno e guidato che è facile da usare. È stato aggiunto un piccolo lembo per mantenere i detriti fuori dall’area del perno principale. Terzo, il collegamento che guida lo shock è stato rinforzato rispetto all’ultima versione di Stumpy. Questo aiuta ad alleviare il carico laterale dall’urto e irrigidisce sostanzialmente le cose. Quarto, la regolazione high/low non è più una nello yoke dell’ammortizzatore ma la bici ora utilizza un flip chip nel perno del giunto Horst. Infine, Stumpy EVO utilizza il nuovo forcellino di SRAM.

SWAT ottiene un aggiornamento. Molti avranno già familiarità con lo storage del downtube SWAT di Specialized. Per il nuovo modello Stumpy EVO, hanno aumentato lo spazio di archiviazione del 15% e spostato un po’ più in basso, il che aiuta anche a spiegare lo standover super generoso. Ora hanno una borsa per accessori e una sacca da 22 once per conservare i liquidi. La forma è curva per adattarsi alla parte inferiore del tubo obliquo: puro genio e un vero toccasana quando vuoi affrontare un grande giorno e lasciare lo zaino a casa.

I ben collaudati freni SRAM Code si presentano sotto forma di un modello RS, dotato di regolazione della leva e “swing link” per una migliore potenza e modulazione. Mordono i rotori anteriori e posteriori da 200mm, che forniscono una potenza di arresto più che sufficiente.

Per molti anni, siamo rimasti piuttosto colpiti dalle ruote in alluminio entry level di Roval e l’opzione Traverse AL su questa bici non fa eccezione. Il cerchio con larghezza interna di 30mm fornisce una buona impronta del pneumatico e mozzi ben fatti mantengono le cose in movimento. Il rapporto di robustezza/prezzo/peso su queste ruote è fantastico.

Un’altra bella notizia è che finalmente la mescola degli pneumatici Specialized è stata rielaborata e molto migliorata. Ho lodato a lungo il disegno del battistrada e la carcassa del Butcher, ma mi sono lamentato del suo rimbalzo veloce e della mescola del pneumatico. Questo non è più un problema in quanto il Butcher è dotato di una mescola “T9” con la giusta quantità di “smorzamento”. Sul retro, l’Eliminator presenta una mescola “T7″ leggermente più solida che era perfetta per uno pneumatico posteriore. Infine, per quanto riguarda la larghezza, le gomme sono elencate come 2.3″, ma si avvicinano alla gamma 2.4″ – 2.5”, che preferisco.

Geometrie

La grande quantità di opzioni per quanto riguarda le modifiche delle geometrie è probabilmente la parte più grande della storia dello Stumpjumper EVO. Ci sono 3 possibili impostazioni per l’angolo di sterzo e l’impostazione high/low fornisce opzioni di circa 0.5º. C’è anche la possibilità di utilizzare una ruota posteriore da 27.5″. Tutto ciò ti dà un totale di 12 diverse opzioni. Di seguito sono riportati i due grafici principali della geometria…

Neutral headset / High BB:

Neutral headset / Low BB:

Sul campo

Ho optato per la bici di taglia S4 in quanto è più o meno equivalente a una taglia standard Large e si adatta perfettamente alla mia altezza. La Stumpy EVO viene fornita con la coppa della serie sterzo 0º in posizione alta, che è l’impostazione che sarà probabilmente più persuasiva e popolare per la maggior parte dei biker. Sono stato fortunato ad avere la possibilità di provare questa bici letteralmente in tutte le opzioni di geometria e di trascorrere un po’ di tempo con il link mullet installato per ospitare una ruota posteriore da 27.5″. Ho anche avuto modo di fare alcuni giri con un RockShox Deluxe Select+ Coil. Ciò significa che c’è molto di cui parlare…

Nel reparto geometria, non potrei essere più felice con questa bici. Dal reach agli angoli di sterzo e del tubo sella, l’impostazione di base quasi impeccabile è rivolta alla maggior parte dei percorsi aggressivi. Ma… se stai percorrendo piste più piatte e più tranquille in cui hai davvero bisogno di pompare molto e spremere velocità ovunque tu possa, mettila in dieci minuti di lavoro in posizione high e +1º allo sterzo. Hai intenzione di fare qualche giro in seggiovia? Mettila in low con sterzo a -1º e diventa un mostro del bike park – letteralmente un animale completamente diverso. Per quanto riguarda il layup, il project manager Steve Saletnik ha sottolineato il loro obiettivo di “mettere a punto la bici dalla parte anteriore a quella posteriore” e questo si sente sul sentiero. La Stumpy EVO ha una certa calma e il telaio stesso sembra spianare tutto. La rigidità sotto sforzo è eccellente, probabilmente una combinazione di strutture ben congegnate e parti del leveraggio migliorate che legano saldamente tutto insieme.

Per quanto riguarda la sospensione, Specialized si è mossa nella giusta direzione in molti modi. L’ultima Stumpy EVO aveva un leverage rate medio piuttosto alto e l’ho trovata un po’ troppo lineare. Per tracciare alcuni numeri generali, questo nuovo Stumpy EVO ha un rate di ~ 2,73:1 con una progressione del 21,6%. Gran parte del merito va a Chance Ferro, che è responsabile della ricerca e sviluppo delle sospensioni. Ho guidato con Chance tempo fa a Santa Cruz ed è molto bravo nel suo lavoro e in sella a una bici. Ad ogni modo, ho trovato che dalla cinematica alla regolazione degli ammortizzatori per ottenere la giusta curva, Chance e il suo team hanno davvero lavorato bene su ogni fattore. Un altro aspetto molto migliorato è che l’ammortizzatore presenta un volume spacer di medie dimensioni. Mentre questo era perfetto per un biker di peso medio come me, un biker leggero andrà d’accordo bene con un distanziatore più piccolo e un biker più pesante sarà soddisfatto di uno più grande.

Un altro attributo molto migliorato è l’efficienza in salita. Mentre l’Enduro ha visto una revisione completa del suo layout, lo Stumpy rimane fedele alla stessa struttura generale: una costruzione asimmetrica “Sidearm” nel triangolo anteriore e un carro con giunto Horst. Spostando con attenzione il perno principale, Specialized ha trasformato questa Stumpjumper in una scalatrice migliore della precedente. Questo non è parlare di marketing: è quello che ho sentito sul sentiero. La bici ora è molto più stabile e raramente ho sentito il bisogno di bloccarla. Per quanto riguarda la posizione del corpo, la Stumpy EVO fa un buon lavoro nel metterti sulla parte anteriore della bici, il che aiuta il risparmio energetico e l’efficienza. Questo è vero per tutte le opzioni tranne le più estreme – per esempio nell’impostazione low e -1º, la salita viene un po’ penalizzata.

Ora, se stai leggendo della Stumpjumper EVO, probabilmente il tuo interesse principale non è la salita, quindi passiamo a cosa succede quando la bici viene puntata dall’altra parte, giù per la collina.

È interessante notare che, mentre molti produttori si sono spostati verso ammortizzatori con enormi camere d’aria negative per una sensazione più leggera dalla parte superiore, Specialized ha optato per un barilotto dell’aria più piccolo. Nel parcheggio questo fa sentire la bici un po’ rigida dalla parte superiore, ma può essere fuorviante in quanto non si avverte minimamente sui trail, anzi, qui la Stumpy EVO ha davvero raggiunto il comportamento ideale in termini di sensibilità iniziale, supporto a metà corsa e resistenza al fondocorsa. Ho usato tutta l’escursione spesso e facilmente, ma non ho sono mai sentito brutali bottom out. Con questo in mente, sperimenterei volentieri un volume spacer più grande se frequentassi più spesso salti più grandi. Per quanto riguarda la maneggevolezza generale, la Stumpy EVO è devastantemente valida – ha una trazione incredibile in curva, è relativamente facile da manovrare ed è molto confortevole in aria. Tieni presente che le impostazioni che scegli determineranno la reattività della bici a vari livelli.

Per quanto riguarda i componenti, Specialized non è esattamente noto come un marchio per il rapporto qualità/prezzo, ma questa volta è esattamente quello che hanno messo insieme qui. Le specifiche scelte con cura non hanno alcun difetto di sorta. Con il mio lavoro sono viziato dato che potrei sempre usare tutto il top di gamma ma ero perfettamente contento di frustare questa bici così com’è, con componenti di media gamma e per lo più in alluminio, a parte il telaio stesso. La trasmissione, le sospensioni, i freni, il reggisella telescopico e tutto il resto sono impressionanti, soprattutto considerando il prezzo.

Una piccola nota su ruote e pneumatici: sono riuscito a rimediare un’ammaccatura di medie dimensioni al cerchio posteriore, e in qualche modo lo ho fatto senza accorgermene o forare, il che è impressionante su entrambi i fronti. La ruota gira ancora abbastanza bene e ho fatto ancora una manciata di giri senza problemi. Immagino che sia uno dei vantaggi dei cerchi in alluminio: puoi semplicemente continuare a spremerli. Per quanto riguarda gli pneumatici, tanto di cappello a Specialized per aver finalmente capito tutto, dal disegno del battistrada alla carcassa fino alla mescola. Il nuovo Butcher in particolare è uno pneumatico davvero eccellente e, dato il terreno sconnesso che ho guidato ultimamente, sono rimasto piacevolmente sorpreso di non essere riuscito a forare né la gomma anteriore né quella posteriore. Ciò è particolarmente sorprendente, in senso positivo, dato il peso relativamente basso della carcassa “Grid Trail”.

Ammortizzatore a molla e Mullet

Un dettaglio davvero interessante è che il collegamento mostrato sopra può essere sostituito in modo da poter eseguire un set up “mullet” da 29″ anteriore / 27.5″ posteriore e correggere quasi completamente la geometria nel processo. È disponibile come shock aftermarket sul sito Web Specialized. Per sperimentare, ho trascorso un’intera giornata al bike park e ho provato anche un giro con il setup mullet. Ecco un breve riassunto: è bello che non ti gratti il culo sulla gomma quando cerchi di scrubbare i salti o di superare tratti molto ripidi. Se giri su zone molto ripide, il mullet è la strada da percorrere – è un vero spasso. Anche lo spostamento all’indietro è piacevole nelle curve strette, ma perdi un tocco di trazione e superamento ostacoli. È più facile da whippare e leggermente più agile, ma anche leggermente più nervosa. Tutto sommato, l’allestimento mullet è più divertente ma meno performante.

Ho anche trascorso un po’ di tempo sull’ammortizzatore RockShox Deluxe Select + a molla e ho sentito che era ben messo a punto per la bici, tuttavia con una progressione del 21% ancora leggermente lineare, la bici non ha molta progressione alla fine, e di fatto trovo più facile toccare il fondo rispetto a un ammortizzatore ad aria, che è di suo più progressivo. In tutta onestà, questa Stumpjumper è una delle pochissime bici che preferisco con ammortizzatore ad aria invece che a molla. Ho avuto solo la possibilità di guidare una molla #450 ma forse una #475 o #500 sarebbe stata più adatto a me. O forse anche una molla progressiva? Ad ogni modo, sarebbe bello avere l’opzione coil in versione mullet e una RockShox Zeb per una bici da park.

Conclusioni

Alla fine, adoro questa bici. Di recente sono stato travolto dalla nuova Transition Sentinel e sembra strano essere così innamorato di un’altra bici della stessa categoria così rapidamente. Nell’impostazione di base, la geometria è molto vicina alla Sentinel e mentre penso che la sospensione della Sentinel sia un po’ più raffinata, la Stumpy EVO la spazza via in termini di regolazioni e dettagli. In particolare con lo SWAT, che è davvero un punto di svolta, e ancora di più con la recente aggiunta della sua ingegnosa sacca. Essere in grado di avere due bottiglie piene d’acqua in bicicletta, con un baricentro basso, non è una cosa da sottovalutare.

Non a tutti piace armeggiare incessantemente con assetti diversi, ma io per primo lo faccio, e questa è la bici dalle numerose opzioni per eccellenza. Inizia con un’ottima base e ti consente di scegliere tra una vasta gamma di impostazioni di geometria molto sfruttabili. La grande quantità di impostazioni personalizzabili non è seconda a nessuno, così come la facilità con cui puoi apportare tali modifiche. Infine, la scelta dei componenti e quindi il valore è 10/10 per questa fascia di prezzo e il telaio stesso è puro genio. Tutto sommato, lo Stumpjumper EVO è quanto di più vicino siamo arrivati ​​alla perfetta “bici unica”…

Almeno per ora…

Prezzi

S-Works Stumpjumper Evo: 10.490€
Stumpjumper Evo Expert: 5.499€
Stumpjumper Evo Comp: 4.499€

www.specialized.com

 

Commenti

  1. l.j.silver:

    personalmente le bici in cui c'è troppo da smanettare con le geo non mi convincono, se sono azzeccate tutti sti inutili sbattimenti non servono, io per primo mi stancherei subito,ogni volta gridano al miracolo con sti accorgimenti, che facciano piuttosto una bici equilibrata adatta alla sua destinazione d0'uso, che con angoli di 63 non è certo trail, per quello c'è la versione normale...
    son strategie di marketing che non mi convincono.
    Che importanza ha che sia catalogata Trail ho enduro la bici è quella ci sono tutte le misure la testa per pensare ci è stata data, per il fatto delle geometrie variabili è un valore aggiunto se non ti va di smanettare la lasci impostata in un unico modo mica sei obbligato a cambiare
  2. Jolly Roger:

    Straquoto:
    prima tutti matti per le serie sterzo, poi i costruttori le fanno comprese alla bici e non va bene
    prima tutti a cercare cartucce modificate, tuning delle forcelle, livelli e tipologie di olio e/o scorrevoli sugli steli e cazzate varie poi se parli di spostare DUE click di compressione non va bene

    Mah..
    dai , tutti proprio no, gli smanettoni semmai, quelli ci sono sempre...
    personalmente sono della scuola "fit and forget" e da sempre pure io
  3. Non mi piace per niente la scelta cromatica.. Come al solito rapporto qualità prezzo scarso.. Al primo giro cerchio bozzato pesante.. Ho fatto bene ad orientarmi su altre Marche..