[Test] Reimpermeabilizzare una giacca con i prodotti specifici Endura

[Test] Reimpermeabilizzare una giacca con i prodotti specifici Endura

Marco Toniolo, 09/11/2019
Whatsapp
Marco Toniolo, 09/11/2019

A marzo vi avevamo presentato gli impermeabilizzanti Endura privi di PFC con cui lavare e trattare le giacche e altri indumenti contro la pioggia. Visto il tempo e la stagione, è venuto il momento di provarli.

Perché reimpermeabilizzare una giacca

Nella foto qui sopra vedete una giacca Endura MTR Shell dopo oltre un anno di utilizzo e un lavaggio. Mi vedo già i commenti “Solo un lavaggio in un anno?

Non lavo quasi mai le giacche antipioggia perché non voglio che perdano l’impermeabilità e la traspirabilità. Due caratteristiche che sono una l’opposta dell’altro e che proprio per questo motivo richiedono dei prodotti specifici nel caso le si mettano in lavatrice. Inoltre difficilmente ci sudo dentro, quindi non puzzano. E anche se una giacca da MTB puzza, la cosa non mi tange più di tanto visto che sono in giro nella natura all’aria aperta.

È in assoluto la giacca che uso di più perché ha un volume molto ridotto che mi permette di inserla nelle tasche posteriori della maglia o dei bibshort con SWAT, senza dovermi portare uno zaino.

Tornando alla prima foto, prima di metterla in lavatrice per provare i prodotti Endura vi ho versato su un po’ d’acqua per farvi capire come abbia perso la sua impermeabilità. Di seguito potete vedere la differenza con una giacca nuova di zecca, mai indossata (una Fox Flexair Pro 3L Water).

Qui l’acqua scorre via, non penetra nel tessuto. La differenza è ancora più evidente se si affiancano le due giacche.

È quindi venuto il momento di lavare la MTR Shell, usando il prodotto specifico che dovrebbe restaurarne l’impermeabilità. Seguo le istruzioni e metto 2 tappi da 50dl nel cassettino del detersivo.

Dopodiché scelgo il programma outdoor della mia normalissima lavatrice Siemens. Visto che sulla giacca è indicata una temperatura di lavaggio di 40°, la imposto sul termostato.

Secondo le indicazioni dell’Apparel Cleaner, una volta tolta dalla lavatrice è sufficiente metterla nell’asciugatore o stirarla o asciugarla per qualche minuto con un getto d’aria calda per attivare il processo di impermeabilizzazione. Visto che non ho un asciugatore e che non mi fido di stirare una giacca sintetica, tiro fuori il fön e, scegliendo il gettito d’aria calda, l’asciugo in pochi minuti.

Una volta asciutta rifaccio la prova con il bicchiere d’acqua.

Il risultato non è molto soddisfacente. L’acqua non scorre sul tessuto come dovrebbe e lo impregna quasi subito.

Non resta dunque che mettere alla prova il secondo prodotto che Endura ci ha inviato, cioé l’Apparel Re-Proofer, uno spray da applicare sulla giacca pulita e asciutta. Seguo le istruzioni, che dicono di spruzzarne il contenuto a 15cm di distanza e di pulire con un panno la quantità in eccesso, dopodiché lascio asciugare la giacca normalmente.

Il liquido è inodore e non unge. Lo spruzzino distribuisce il contenuto bene, anche se quello in prova tendeva a gocciolare dal meccanismo sotto la leva. Ho usato circa 1/5 del contenuto totale per coprire tutta la giacca.

È quindi ora di rifare la prova del bicchiere d’acqua.

Questa volta l’acqua scorre sulla superficie della giacca molto meglio, anche se non siamo ai livelli della Fox Flexair. Le gocce scorrono via bene, dove ho versato l’acqua il tessuto tende ancora un po’ad impregnarsi.

Faccio scorrere l’acqua sulla giacca. Si vedono chiaramente le gocce che non penetrano.

Conclusioni

Prima regola: lavare una giacca in tessuto tecnico impermeabile/traspirante il meno possibile. È difficile ristabilire l’impermeabilità di fabbrica. Se la si usa a lungo, anche senza lavarla, l’impermeabilizzazione diminuirà col tempo a causa dell’uso e prima o poi sarà necessario reimpermeabilizzarla. Dei due prodotti specifici Endura quello che funziona e che mi sento di consigliare è lo spray senza PFC. La procedura è semplice e veloce, inoltre si può lavare la giacca in lavatrice insieme ad altra biancheria senza dover fare un lavaggio singolo apposito.

Prezzo: sia l’Apparel Re-Proofer che  l’Apparel Cleaner and Re-Proofer costano 11.99€ ciascuno.

Endurasport.com

Commenti

  1. marco:

    interessante. Quindi stai dicendo che, una volta che il trattamento di fabbrica se ne é andato, non c'è modo per evitare in maniera duratura che il tessuto si inzuppi e crei la condensa che, alla fin della fiera, bagna chi indossa la giacca?
    Esatto.
    Ad ogni modo il discorso va esteso a com'è fatta la giacca e non al singolo tessuto.
    Ad esempio giacche con efficaci prese d'aria e fodere che aiutano a gestire l'umidità si comportano meglio sotto la pioggia incessante, per contro sono più ingombranti.
    I classici gusci light (2 layer) sono molto compatti ma gestiscono peggio il fenomeno di cui sopra.

    Sarebbe da testare una giacca Shakedry (in teoria più efficace) e uno shell in Futurelight che dovrebbero essere lo stato dell'arte attuale.
    Purtroppo non ho ancora avuto l'occasione (ne lavorativame ne personalmente di farlo).
  2. pk71:

    Alla fine la domanda è di rigore: te che giacca usi?
    Io uso una giacca Mammut in Goretex Active xché molto compatta e con grandi cerniere sotto le braccia (ereditata dall'alpinismo). Se la metti sopra una t-shirt senti cmq le braccia "bagnate" mentre con maglie lunghe c'è più comfort.
    La lavo a mano e me ne frego del dwr che ha perso.
    Ovviamente se ci pedali sotto la pioggia ti ritrovi zuppo x il tuo sudore
  3. Zero Cool:

    Io non ho questo problema, esco sempre con lo zaino quindi è lui che si sporca , e finisce in lavatrice senza problemi..
    dubito che la tua giacca possa essere pulita dopo un giro con il fango, nonostante lo zaino!