[Test] Specialized Stumpjumper e Stumpjumper ST a confronto

[Test] Specialized Stumpjumper e Stumpjumper ST a confronto

12/11/2018
Whatsapp
12/11/2018

La presentazione dell’ultimo aggiornamento della Specialized Stumpjumper ha destato interesse e per alcune buone ragioni. Guardando oltre il lato estetico del disegn “Sidearm”, offre delle geometrie più aggressive (inoltre regolabili), un rapporto di leva più basso e una manciata di nuovi dettagli in puro stile Specialized. In passato sono stato piuttosto critico nei confronti di Specialized per il loro approccio conservativo con la Stumpy, che vedevo come un modo per conservare la meritata posizione sul mercato di trail bike di riferimento. Tuttavia le traill bike sono cambiate, principalmente come risposta allo stile di riding più aggressivo al quale gli attuali mountain biker si aspettano di sottoporle.

La nascita della nuova Stumpjumper ha significato la scomparsa dell’intera gamma Camber. Dopotutto si trattava di una bici piuttosto timida in un mare di nuove bici a corta escursione molto aggressive proposte da marchi più piccoli che sono più veloci a reagire al mercato di quanto non facciano i colossi. In ogni caso mi ha fatto felice vedere che Specialized ha sostituito la Camber con la Stumpjumper ST. Infatti nella nuova gamma esiste sia una versione standard che una versione Short Travel (ST) della Stumpjumper, disponibile sia con ruote da 27.5″ che da 29″. Questo allarga e diversifica il range della Stumpy che resta fedele alla stessa linea, dato che le versioni standard e ST usano lo stesso telaio per ciascun diametro ruota. Esiste anche la versione EVO, ma si tratta di un prodotto completamente differente che analizzeremo in futuro. Questo articolo si concentra sul confronto tra l’agile Stumpjumper ST e la stabile Stumpjumper per una comparativa diretta dei modelli S-Works con ruote da 29″. Chiariamo: questo non vuole essere un confronto elitario su quale bici top di gamma sia meglio, piuttosto un confronto alla pari tra lo spirito delle due piattaforme. Specialized offre un’ampia gamma di allestimenti con differenti prezzi così che ognuno possa scegliere quello più adeguato.

Geometrie

A confronto con l’edizione precedente, troviamo un reach più lungo sull’intera gamma. L’aumento varia in base a modelli e taglie ma è in media di 10/20mm, mentre la lunghezza del carro resta la stessa per entrambi i nuovi modelli da 29″ con 437mm. L’angolo di sterzo è di 1° più disteso per una maggiore confidenza in velocità e sul ripido, mentre l’angolo sella diventa più verticale per una migliore posizione di guida in salita. Anche il manubrio diventa più largo passando da 750 a 780mm e i reggisella passano dai precedenti 125mm agli attuali 160mm di escursione, al passo con i tempi.

Dato che entrambi i modelli utilizzano lo stesso telaio, ci si aspetta di vedere quote molto simili ma ci sono delle differenze. Sia l’angolo sella che l’angolo sterzo sono 1° più verticali sul modello ST. Il modello standard (150mm front / 140mm rear) ha un reach di 10mm più corto del modello ST (130mm front / 120mm rear). Chiaramente i due modelli usano ammortizzatori con lunghezza e corsa completamente differenti tra loro ma hanno anche un attacco yoke differente.

Differenze chiave

Come anticipato, questo articolo non si concentra sui componenti delle due bici ma come riepilogo generale, i due allestimenti in test montano trasmissioni SRAM XX1 Eagle e freni Guide RSC, ruote Roval e sospensioni FOX. Da notare che la Stumpy ST monta copertoni da 2.3″ di larghezza mentre sulla Stumpy standard sono da 2.6″.

La Stumpjumper ST monta una FOX 34 e la Stumpjumper ha la più massiccia 36. Questi numeri, come saprete, identificano il diametro degli steli e sono correlate con maneggevolezza, rigidezza e precisione. Le Stumpjumper con allestimento RockShox montano una Pike. Tutti i modelli da 29″ utilizzano forcelle con offset di 51mm.

Così come per la sospensione anteriore, anche al posteriore il modello con più escursione prevede un ammortizzatore più lungo e performante con serbatoio separato. La ST monta un Float DPS da 190×42.5mm e la standard un Float DPX2 da 210x50mm. Tutti gli ammortizzatori della gamma hanno il tune specifico Specialized RX Trail. Con una progressività del 16,5% per la Stumpjumper e del 16,3% per la Stumpjumper ST, non le considererei molto progressive ma piuttosto lineari con una buona resistenza al fondocorsa grazie all’ammortizzatore ad aria.

Per gestire la differenza di 30mm di escursione sullo stesso telaio, ogni modello ha uno yoke differente che comprime l’ammortizzatore. La ST, nella foto di sinistra, ha uno yoke più lungo per ospitare l’ammortizzatore più corto. Inoltre non serve più un attacco dell’ammortizzatore dedicato. Il nuovo yoke permette di modificare l’escursione tramite una camma situata nell’attacco dell’ammortizzatore.

Sul campo

Il test è iniziato dalla Stumpjumper ST sulla quale ho trascorso un paio di mesi prima di passare all’altra bici. Di gran lunga la mountain bike più maneggevole che io abbia mai guidato. La più agile, precisa nella guida e con un incredibile reattività. Inoltre, entrambe le Stumpy hanno il brillante sistema SWAT per riporre oggetti all’interno del telaio, da quest’anno più capiente del 20%.

Tornando alle caratteristiche di guida, le performance della ST sono attribuibili anche alla lavorazione del carbonio e non esclusivamente alle geometrie e alle sospensioni. Parlando di sospensioni, pur essendo calibrate molto bene, ho un paio di punti da discutere. Innanzitutto, considerando le prestazioni della versione ST, personalmente avrei preferito un montaggio con ammortizzatore dotato di serbatoio separato e forcella 36. Con un piccolo aggravio di peso si avrebbe un miglior allestimento per abusare della bici nelle discese lunghe e impegnative. Potrebbe essere una coincidenza ma ho constatato un filo di gioco nelle boccole della 34 dopo solo un paio di mesi. La bici chiede di più e le parole non possono descrivere quanto sia intuitiva.

Passando in sella alla Stumpjumper standard, ho trovato una bici che, grazie alla maggiore escursione, risulta più stabile sui terreni impegnativi, sacrificando però un po’ di vivacità. Non fraintendetemi, è comunque incredibilmente maneggevole e ho apprezzato la sospensione più domabile. Ho un’avversione generale per le 29″ a lunga escursione poiché normalmente non avverto la classica sensazione di “esserci dentro”, ma seduto piuttosto in alto, invece seppure 140mm non siano propriamente una lunga escursione, con la Stumpjumper mi sono trovato bene. Ho utilizzato entrambe le bici con entrambe le misure di copertoni ed entrambe le bici mi sono piaciute di più con la misura opposta a quella prevista di serie. Probabilmente perché la ST con i 2.6″ è più confortevole e al contrario la Stumpjumper standard con i 2.3″ diventa più agile.

In salita, la posizione in sella è piuttosto simile su entrambe le bici. L’angolo sella non è incredibilmente verticale ma mi posiziona abbastanza in avanti e risulta piuttosto moderno, rendendo facile lo spostamento di peso per i passaggi più ripidi. Parlando della sospensione, il sistema FSR è piuttosto buono, nonostante ci siano bici con sospensioni più neutrali in pedalata. In ogni caso il blocco completo è una valida opzione per i lunghi tagliafuoco su entrambe le bici mentre la posizione trail è giusta per i terreni più tecnici. Pesando leggermente meno (12,15 contro 12,7kg) e avendo copertoni più stretti, la ST rende un po’ meglio in salita ma sul lungo entrambe le bici salgono molto bene, lasciando poco di cui lamentarsi.

Conclusioni

Il punto è semplicemente che se avete il lusso di possedere più di una mountain bike, la Stumpjumper ST è la “seconda bici” perfetta per i rider appassionati di gravity. Complementa una enduro a lunga escursione come bici perfetta per i lunghi giri dove è preferibile una bici più leggera su quei trail che non necessitano di molta escursione. Ma grazie alle geometrie regolabili non è solo una bici aggressiva dato che in posizione high è veramente bilanciata che tende a essere piuttosto conservativa. La si può considerare una Camber con maggiore versatilità.

Se invece avete spazio nel vostro garage oppure budget per una sola bici, la Stumpjumper standard è pressoché la bici tuttofare. Una performante bici a media escursione con ruote da 29″. Ha comunque dei limiti ma vi darà soddisfazioni sul 90% dei trail che incontrerete.

Ciò che va meritatamente elogiato di entrambi i modelli è che Specialized li ha veramente migliorati rendendoli entrambi aggressivi e performanti in ogni aspetto. Ottimi per quanto riguarda le geometrie, le sospensioni e gli allestimenti. Detto questo, hanno giocato bene le loro carte senza perdere di vista ciò che la Stumpjumper deve rappresentare: versatilità. Inoltre grazie al flip-chip si può scegliere una configurazione di geometrie più conservativa, per chi lo desidera. Se dovessi spendere i miei soldi, opterei per la Expert ST che al suo prezzo offre un eccellente allestimento, sulla carta davvero difficile da battere.

www.specialized.com

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
M
marco-rr101

Stamattina mi sono svegliato pensando a quando avreste fatto un test sulla nuova stumpjumper… direi che siete stati più che esaustivi!

P
pablos

Ma perchè su una trail la fox da 36??

Claudiop77
Claudiop77

Appunto una 36 non è per tutti come detto da @Marco una forca per gente che gira tutti i giorni o quasi e è una forca per chi va forte in discesa che non è la destinazione d’uso di una Trail Bike

P
pablos

Ciao, non capisco se la tua risposta è un estensione del mio pensiero o un suggerimento, in ogni caso ti rispondo.Con tutto il rispetto che posso avere per Marco Toniolo (Sig.) m’ interessa relativamente quello che pensa lui, in questo caso però condivido la sua opinione, espressa in altre discussioni, una forca così massiccia mi sembra eccessiva per la destinazione d’ uso.

MilSpec
MilSpec

Bell’articolo, molto chiaro nell’evidenziare pro e contro di ciascuna scelta, e gran belle bici! Grazie

O
oettam20

Ho avuto modo di provare la Stumpjumper MY19 (140/150) per una giornata e non posso che confermare le ottime sensazioni. Però provando a fare una salita con l’ammortizatore aperto e con il registro di rilascio abbastanza sfrenato, sono rimasto stupito di quanto “bobbi” il carro e quanto diventi inefficace in salita rispetto ad altre bici della stessa categoria.
Come se gran parte dell’ottima pedalabilità fosse affidata all’ammortizzatore più che alle caratteristiche del carro.
Avete anche voi qualche riscontro in merito?

Marco Toniolo

Da sempre è così con l’FSR, confermo

FabioBt
FabioBt

Uso una stumpy da 2 anni in effetti è cosi ma non vedo il perché dovresti andare in salita con ammo aperto e registro sfrenato,setta bene ed è perfetta.

wally73
wally73

ho avuto la vecchia Camber e adesso ho la vecchia stumpy. la prima anche la vecchia con qualche upgrade è stata forse una delle migliori bici mai avute. montate una pike e un set di ruote leggere e la bici vola praticamente ovunque. la seconda settata un po’ da enduro va veramente alla grande. in pedalata perde dalla camber più che altro per ruote e gomme e il peso un po’ maggiore nell’allestimento. però in discesa la geometria non estrema rispetto ad un’enduro 29 la rende più semplice da guidare soprattutto per chi non va forte…
credo che con una stumpy e un doppio set di ruote/gomme si possa coprire bene anche la camber.
verissimo che per chi ha già un’endurona e voglia una bici per lunghi giri ma non ami le XC bici come la camber sono il top…

pirpa
pablos

Ma perchè su una trail la fox da 36??

La ST ha FOX 34

P
pablos

“Parlando di sospensioni, pur essendo calibrate molto bene, ho un paio di punti da discutere. Innanzitutto, considerando le prestazioni della versione ST, personalmente avrei preferito un montaggio con ammortizzatore dotato di serbatoio separato e forcella 36. Con un piccolo aggravio di peso si avrebbe un miglior allestimento per abusare della bici nelle discese lunghe e impegnative”.

Se non ho capito male il tester vorrebbe la ST con 36.

Io dico che le trail devono fare le trail, altrimenti le categorie a cosa servono?

M
montagnoso

infatti, che senso ha una 36 su 130mm di escursione ?? senza contare che ne risentirebbe non poco l’agilità della bici visto che, a parità di escursione, dalla 34 alla 36 si appesantisce l’anteriore di circa 300g

P
pablos

Ha senso per uno che guida forte, che è allenato, etc., ma proprio no per l’ utenza alla quale è rivolta.

R
rikiuan

Infatti, inoltre nel suo ultimo video Macaskill monta una 34. Tanto schifo non farà…

superturi
superturi

“Dato che entrambi i modelli utilizzano lo stesso telaio”
Quindi cambiando yoke e ammortizzatore si la SJ si converte a Stumpjumper ST. Ho capito bene?

M
marco-rr101

Se così fosse, hai decisamente fatto il commento più interessante…. è necessario fare ricerche e domande per approfondire la questione

superturi
superturi

Vediamo cosa ne pensano gli autori del test

wally73
wally73

dovrai cambiare yoke e ammo…
Stumpy FOX FLOAT DPX2 – 210x50mm
st FOX FLOAT DPS – 190×42.5mm

p84
p84

Per riprendere l’inizio dell’articolo, a parere personale sarebbe stato meglio un approccio conservativo piuttosto che copiare spudoratamente le soluzioni geometriche dell’Orbea Rallon

L
lazyrecon

tra il resto orbea è stata comprata da specialized

p84
p84

E Specialized è stata comprata da Merida

Spacepadrino
Spacepadrino

Zitto, zitto…..

Gio63
Gio63

Sono almeno 5 anno che è a maggioranza Merida, che era il loro costruttore di telai principe…

fafnir
p84

Per riprendere l'inizio dell'articolo,a parere personale sarebbe stato meglio un approccio conservativo piuttosto che copiare spudoratamente le soluzioni geometriche dell'Orbea Rallon

Le "soluzioni geometriche" negli ultimi anni sono ridotte ad allungare semplicemente il reach e rendere più verticale angolo sella, in alcuni casi aprire angolo sterzo.
Lo fanno TUTTI, spiegami cosa c'entra orbea rallon che oltretutto è pure di diversa categoria, ma soprattutto, secondo te specialized ha bisogno di copiare? Ed in particolare specialized ha bisogno di copiare da Orbea? Con tutto il rispetto.

p84
p84

Premetto che non sono un’estimatore Orbea, non ne possiedo nemmeno una.
Non mi sto riferendo alle quote geometriche ma a soluzioni ben più macroscopiche.
Forse sei rimasto alla vecchia Rallon. Vai a vedere l’ultimo modello uscito prima di questa Stump. Il telaio con ancoraggio asimmetrico dell’ammortizzatore, peculiarità unica a vedersi e tirata fuori da Orbea. Specialized è un marchio come tanti altri, tra l’altro acquisito da Merida. Basta togliersi i paraocchi del marketing per vederci meglio e notare come pure il carro “zero pivot” (a flessione dei foderi) in dotazione alla nuova Epic full sia una derivazione del brevetto Cannondale che esiste da anni, già sulla Scalpel 26 pollici

Pito
superturi

"Dato che entrambi i modelli utilizzano lo stesso telaio"
Quindi cambiando yoke e ammortizzatore si la SJ si converte a Stumpjumper ST. Ho capito bene?

Da quel che ho letto sui forum americani è esattamente così

jimmy27
jimmy27

Anche a me piacerebbe di piu la ST ma con una FOX 36 da 140mm 😉

FeO
p84

Premetto che non sono un'estimatore Orbea, non ne possiedo nemmeno una.
Non mi sto riferendo alle quote geometriche ma a soluzioni ben più macroscopiche.
Forse sei rimasto alla vecchia Rallon. Vai a vedere l'ultimo modello uscito prima di questa Stump. Il telaio con ancoraggio asimmetrico dell'ammortizzatore, peculiarità unica a vedersi e tirata fuori da Orbea. Specialized è un marchio come tanti altri, tra l'altro acquisito da Merida. Basta togliersi i paraocchi del marketing per vederci meglio e notare come pure il carro zero Pivot in dotazione alla nuova Epic full sia una derivazione del brevetto Cannondale che esiste da anni, già sulla Scalpel 26 pollici

Per essere precisi è stata Specy per prima a proporre un telaio assimmetrico con le Demo. Poi che la Stumpy assomigli alla Rallon è innegabile.

Sent from my COL-L29 using MTB-Forum mobile app

numerotre
numerotre

articolo come sempre molto interessante per capire la reale differenza tra queste due bici.

Mi permetto solo un appunto…la expert costa 5500 euro, e non credo abbia un allestimento difficile da battere e nemmeno da definire come eccellente. A quel prezzo temo si trovi di meglio in giro. E’ vero, hai i cerchi in carbonio, ma con mozzi specialized che notoriamente non sono un granche’, tutta la trasmissione GX, freni base e impianto sospensioni buono ma non cosi straordinario.

tanto per fare un paragone con la sua diretta concorrente: https://www.cannondale.com/it-IT/Europe/Bike/ProductDetail?Id=69b0b9b1-45aa-4676-8606-98c7409a8977&parentid=undefined

M
Marco_LT_1985

Da possessore della bici in oggetto posso dirti che anche io la pensavo così sul rapporto qualità prezzo. Però poi la provi e ti rendi conto che hai una bici estremamente equilibrata, facile e intuitiva.
Lo SRAM GX è ritenuta la miglior trasmissione per rapporto qualità/prezzo. Le sospensioni lavorano bene e hanno un bel sostegno (manca forse un blocco un po’ deciso sulla nuova pike se ti piace pedalare fuori sella), i freni seppur base entrano difficilmente in crisi. In sostanza hai una trail bike molto aggressiva che ti permette di fare tutto con estrema facilità. La Stumpjmper è da valutare nel suo insieme e non solo nella somma della componentistica secondo me.

M
Marco_LT_1985

@numerotre Da possessore della bici in oggetto posso dirti che anche io la pensavo così sul rapporto qualità prezzo. Però poi la provi e ti rendi conto che hai una bici estremamente equilibrata, facile e intuitiva.
Lo SRAM GX è ritenuta la miglior trasmissione per rapporto qualità/prezzo. Le sospensioni lavorano bene e hanno un bel sostegno (manca forse un blocco un po’ deciso sulla nuova pike se ti piace pedalare fuori sella), i freni seppur base entrano difficilmente in crisi. In sostanza hai una trail bike molto aggressiva che ti permette di fare tutto con estrema facilità. La Stumpjumper è da valutare nel suo insieme e non solo nella somma della componentistica secondo me.

trimbax
trimbax

Ma i mozzi Specialized non sono dei DT Swiss con sopra l’adesivo? Sulla vecchia Stumpy avevo i cerchi in carbonio che ho traghettato su Enduro anche se sottodimensionati. Dopo 4 anni il mozzo davanti era ancora perfetto, quello dietro solo cambio cuscinetti e grasso. Ancora centrate quasi perfettamente… Secondo me le Roval sono delle gran ruote!

fafnir

Il braccio laterale del telaio è una mera scelta stilistica, tra l'altro adottata prima da specialized sulla demo e non da Orbea.
È una "stronzata" , una cosa di poco conto che per noi utilizzatori si riduce quasi esclusivamente ad una cosa estetica.

Il carro "zero pivot" brevetto di cannondale è il primo sistema di sospensione posteriore mai pensato dall'uomo, nonché il più semplice/banale/economico, presente infatti su qualunque bici full anche da supermercato. Ovviamente con le dovute differenze di costruzione, ma il principio è quello, un unico punto di rotazione con carro rigido.
Quindi parlare di brevetto per una cosa del genere mi fa ridere ancora di più di specialized che copia Orbea.

p84

Premetto che non sono un'estimatore Orbea, non ne possiedo nemmeno una.
Non mi sto riferendo alle quote geometriche ma a soluzioni ben più macroscopiche.
Forse sei rimasto alla vecchia Rallon. Vai a vedere l'ultimo modello uscito prima di questa Stump. Il telaio con ancoraggio asimmetrico dell'ammortizzatore, peculiarità unica a vedersi e tirata fuori da Orbea. Specialized è un marchio come tanti altri, tra l'altro acquisito da Merida. Basta togliersi i paraocchi del marketing per vederci meglio e notare come pure il carro zero Pivot in dotazione alla nuova Epic full sia una derivazione del brevetto Cannondale che esiste da anni, già sulla Scalpel 26 pollici

p84
p84

Ok è arrivata prima Specy con la Demo.
Il sistema zero pivot si basa sulla flessione controllata del carbonio-alluminio dei foderi alti. Occorrono migliaia di cicli di simulazione di flessione del materiale per metterlo a punto. Mi posti cortesemente una foto di una qualsiasi full da supermercato dove troviamo i foderi flettenti ? Grazie

Gio63
Gio63

Fafnir perdona ma prima di scrivere documentati. E’ esattamente come dice P84. E’ brevettato e inventato da Cannondale nei primi anni 90. Che poi lo abbiano copiato in moti da Specy a KTM è un’altra cosa. Vorrei vedere le bici da supermercato che lo hanno, qualche nome giusto per capire.

Luciano_Falciani
Luciano_Falciani

Insomma se uno compra la ST pensando che sia nettamente più pedalabile sbaglia?

alegattis
alegattis

Ho appena venduto la mia Stumpy 2017 e testato lo scorso fine settimana la nuova in versione S-Works che ovviamante per come è montatata abbaglia!
Premetto che l’ho usata due ore su fondo bagnato e scivoloso e quindi non l’ho capita proprio bene, confermo comunque che ci si sente immadiatamente a proprio agio, arrampica molto bene ed ha un’ottima trazione in salita ripida scivolosa. Rispetto alla precedente sul ripido in salita la ruota davanti sta più attaccata a terra. Il discesa non c’erano le condizioni per capirla.
MA ORA VENIAMO AL PUNTO: sono indeciso tra la Expert Carbon e la YETI SB 130 (che non si riesce a provare x ora) .. IN CERCA DI CONSIGLI !!!

tylerdurden71
tylerdurden71

Ti consiglio, sul bagnato di sostituire subito le gomme. Le Specy sull’asciutto vanno anche bene, ma su radici e sassi umidi sono da panico. Anche io ero avevo puntato la Yeti, non ho riscontri diretti purtroppo ma solo test di altri, da quello che ho capito perdona meno, più nervosa, richiede una guida attiva e aggressiva per dare il meglio.

M
mito68

guardo con interesse queste nuove trail bike da 29″. Ho infatti da 5 anni una scalpel 29 (pura XC) del peso di 10kg circa, che fino ad un paio di anni fa usavo dappertutto. da un paio d’anni ho anche una ebike AM (una moterra) che uso prevalentemente per i miei giri in montagna/colli e con la quale mi diverto un casino, mentre la scalpel la uso prevalentemente in pianura (dove abito). mi è venuta però una mezza idea di sostituire la scalpel con una trail tipo la stumpjumper da 29 perchè ora, se vado a fare un giro in montagna con la mia non mi diverto più. quindi queste nuove trail sarebbero perfette, ma come vanno se usate su percorsi sterrati ma in pianura? non è che sembra di portare in giro un cancello?? perchè tutti questi servizi sono fatti su bellissimi sentieri di montagna ma mai nessuno che parli di pianura, eppure di utenti potenziali, in tutta la pianura padana, penso che ce ne siano…

wally73
wally73

se la usi in pianura tieni la scalpel. non solo per il peso ma anche per geometrie ma soprattutto per ruote e gomme… una bici trail gommata trail non andrà mai come una xc in pianura. a meno che non abbia forse ruote e gomme uguali. li dopo la questione è la differenza di peso…

jimmy27
jimmy27

mi spiace ma concordo con gli altri che per la pianura ( off road )il tipo di bici piu adatto è una bella XC

FabioBt
FabioBt

Scusate ma non capisco cosa significhi mtb in pianura?Con la mtb si fanno salite e discese e pianura che fai benissimo anche con una trail,se poi si sta con il cronometro in mano per una gara in pianura che non so cosa possa essere usate una ciclocross che e’ meglio.

R
rockarolla

[…] perchè tutti questi servizi sono fatti su bellissimi sentieri di montagna ma mai nessuno che parli di pianura, eppure di utenti potenziali, in tutta la pianura padana, penso che ce ne siano…

Credo, correggetemi se sbaglio, che i test su questo sito vengano fatti in montagna perché sono test di MOUNTAIN bikes…
Per carità, ognuno è libero di pedalare quello che vuole dove vuole, ma sicuramente nella progettazione di una mountain bike, per di più biammortizzata, non vengono tenuti granché (leggasi affatto) in considerazione gli sterratoni di pianura. E meno male! Per tali situazioni esistono diverse altre tipologie di mezzi, tutte sostanzialmente diversi da una mtb, intrinsecamente più adatte, quindi azzoppare una mtb nel suo terreno d’elezione per renderla meno fuori luogo nelle situazioni in cui è naturalmente fuori luogo non sarebbe una grande idea!

M
mito68

forse non mi sono spiegato, non dico che i test debbano essere fatti in pianura, ma almeno un accenno a come possono andare le varie bici in pianura questo si, potrebbe essere fatto. così a completamento del test. ripeto abito in pianura e quando posso me ne vado in montagna a farmi un giro perchè ovviamente è molto più bello che in pianura, ma non sempre posso e diversi km me li faccio proprio in pianura, e così come me molte altre persone. qua non vedo tutti in bdc, per cui un accenno non mi dispiacerebbe..

T
Tommy Rodgers

Che differenza potrebbero avere delle bici in pianura? Pedali e vai avanti.

M
mito68

certo, pedali e vai avanti anche con la graziella..

Lucky86
Lucky86

a me sembra ci sia una carenza di montaggi intermedi.
vero che la carbon parte dai 4k, e non è neanche montata male, ma le alluminio sono montate sotto i 3k ma i componenti sono abbastanza entry level e basso livello… una buona in alluminio magari tra i 3-3.5k non c’è e si passa alla carbon.
dal mio punto di vista non è condivisibile e nonostante mi piacciano molto probabilmente non avrei la bici da scegliere

Patrunne

Se volete più feed da "utente medio"c'è il 3d che ho aperto sulla mia Stumpjumper Comp.
Comunque in breve va che è una meraviglia, la ST ne ha d'avanzo non lo presa solo perché non c'era al momento dell' acquisto un montaggio che mi soddisfacesse.
Non è davvero una versione per fare sterratoni o pianura, magari è più adatta a chi ha la fortuna di girare su percorsi puliti senza scassati eccessivi.

Sent from my Mi MIX 2 using MTB-Forum mobile app

Y
yeti70

Io la sto valutando seriamente (la comp) ma non riesco capire quanto possa valere la pena investire sul telaio in carbonio a parità di allestimento: ci sono più di 1000 euro di differenza che forse sono un po’ troppi. Se guardo alla nuova Cannondale Habit mi sembra che la distribuzione degli allestimenti e dei prezzi sia più logica e lineare della Stumpjumper. Veramente difficile scegliere (e al momento difficile anche provarle!!)

C
Claudio66

Sarebbe stato più utile la prova / confronto su un allestimento ” medio”, il comp carbon. La prova delle sworks fa comodo certamente a Specy, che non a caso immagino scelga quale allestimento dare per le prove.

S

Secondo voi che differenze ci sono tra tal LT e ST? (avra un 20% di pedalabilità in più?) ho letto che la ST di taglia L Expert 29" pesa 13,2kg..

Patrunne
yeti70

Io la sto valutando seriamente (la comp) ma non riesco capire quanto possa valere la pena investire sul telaio in carbonio a parità di allestimento: ci sono più di 1000 euro di differenza che forse sono un po' troppi. Se guardo alla nuova Cannondale Habit mi sembra che la distribuzione degli allestimenti e dei prezzi sia più logica e lineare della Stumpjumper. Veramente difficile scegliere (e al momento difficile anche provarle!!)

Concordo con te ,1000€ per il solo telaio a parità di componenti mi sembravano e mi sembrano un po' troppi.
Hai la figata dello Swat e qualche etto in meno, ma la livrea nera con scritte rosse la mortifica molto

Sent from my Mi MIX 2 using MTB-Forum mobile app

FOF
FOF

Pensavo che: se le enduro ormai scendono come le DH e salgono come le trail, le trail scendono come le enduro e salgono come le xc, le xc scendono come le trail e salgono come le e-bike, a questo punto la mia bici con il cestino ed il portapacchi forse e’ la nuova frontiera del xc con la possibilità di fare bike packing! Dai raga diamo una scossa al rapporto deficit/PIL!!!!

alegattis
alegattis
yeti70

Io la sto valutando seriamente (la comp) ma non riesco capire quanto possa valere la pena investire sul telaio in carbonio a parità di allestimento: ci sono più di 1000 euro di differenza che forse sono un po' troppi. Se guardo alla nuova Cannondale Habit mi sembra che la distribuzione degli allestimenti e dei prezzi sia più logica e lineare della Stumpjumper. Veramente difficile scegliere (e al momento difficile anche provarle!!)

La Habit che guardi è montata esattamente malino come la Stumpjumper Comp, quindi è solo questione di gusto.
Il carbonio non è solo più leggero, cambia e non poco la reattività del mezzo.
La Expert Carbon secondo me è il miglior compromesso, appena salta fuori un black-Friday furbo cambi i freni ed è perfetta.

Y
yeti70
alegattis

La Habit che guardi è montata esattamente malino come la Stumpjumper Comp, quindi è solo questione di gusto.
Il carbonio non è solo più leggero, cambia e non poco la reattività del mezzo.
La Expert Carbon secondo me è il miglior compromesso, appena salta fuori un black-Friday furbo cambi i freni ed è perfetta.

La expert per me è fuori budget. Se devo stare sul carbonio guardò o la comp o la Habit Carbon 3. Questa intendevo:

https://www.cannondale.com/it-IT/Europe/Bike/ProductDetail?Id=9eaef92b-2c5e-4ff5-a746-8477db888936

mi sembra montata meglio… e costa circa 3800 €
Comunque in effetti mi convinco sempre più per il carbonio. Aspetto che la Habit arrivi nei negozi per vederla poi chiudo gli occhi, tiro la moneta … e scelgo tra questa e la Comp Carbon (dipenderà anche dagli sconti)

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

F
Fbf

Ma la colorazione verde c’è anche per l’Italia???

Patrunne
yeti70

La expert per me è fuori budget. Se devo stare sul carbonio guardò o la comp o la Habit Carbon 3. Questa intendevo:

https://www.cannondale.com/it-IT/Europe/Bike/ProductDetail?Id=9eaef92b-2c5e-4ff5-a746-8477db888936

mi sembra montata meglio… e costa circa 3800 €
Comunque in effetti mi convinco sempre più per il carbonio. Aspetto che la Habit arrivi nei negozi per vederla poi chiudo gli occhi, tiro la moneta … e scelgo tra questa e la Comp Carbon (dipenderà anche dagli sconti)

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Tra questa e Stumpjumper ballano circa 300€ in favore di Habit.
Montaggio mi paiono simili, ma Cannondale non ha Swat

Sent from my Mi MIX 2 using MTB-Forum mobile app

harlock@71

Ogni test della Stumjumper da alcuni anni a questa parte, mi sembrano un po tutti uguali. Ottima trail, la migliore in agilità, arrampica come una xc e scende quasi come una enduro ecc,ecc. Ho la Stumpjumper 2017 e dopo 2 anni di utilizzo vi assicuro che non sale come una xc, scende bene ma non si avvicina all'Enduro.

alegattis
alegattis
Fbf

Ma la colorazione verde c'è anche per l'Italia???

No, America.. sabato scorso l’ho provata al Test Day in versione S-Works nera.
Ovviamente è da libidine quel verde !!

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

alegattis
alegattis

Ogni test della Stumjumper da alcuni anni a questa parte, mi sembrano un po tutti uguali. Ottima trail, la migliore in agilità, arrampica come una xc e scende quasi come una enduro ecc,ecc. Ho la Stumpjumper 2017 e dopo 2 anni di utilizzo vi assicuro che non sale come una xc, scende bene ma non si avvicina all'Enduro.

Ho anch’io una Epic e fino a pochi giorni fa anche una Stumpjumper 2017.
Mi ritrovo appieno nelle tue considerazioni.
Mi eccita la YETI SB130 ma non riesco a provarla ed essendo nuovissima non trovo feedback.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

fafnir
p84

Ok è arrivata prima Specy con la Demo.
Il sistema zero pivot si basa sulla flessione controllata del carbonio-alluminio dei foderi alti. Occorrono migliaia di cicli di simulazione di flessione del materiale per metterlo a punto. Mi posti cortesemente una foto di una qualsiasi full da supermercato dove troviamo i foderi flettenti ? Grazie

Qualunque bici per fortuna di chi la guida, se non ci fossero flessioni saremmo tutti in ospedale dopo una discesa.
Qualunque materiale flette, se loro hanno sfruttato questa cosa per fare del marketing buon per loro, se loro hanno studiato questa flessione meglio della concorrenza meglio per il cliente.
Rimane comunque lo schema di sospensione più banale.

Se dici ad un completo ignorante in materia "fammi una sospensione per una bici" 99/100 ti esce quella.

Inutile farsi le storie con flessioni studiate come fossero escursione in più, e anche se fosse, kona, Scott e specialized (prendendo giusto i primi 3 che mi sono venuti in mente in 3 secondi) dichiarano la stessa cosa… quindi, brevetto de che?

Ti sfugge che stiamo parlando di 4 tubi arrangiati in modo diverso da anni, oramai tutti sanno fare tutto e da un pezzo. Si tratta solamente di scegliere una strada (in base alla bici che si vuole ottenere) e di venderla bene al cliente.
Segreti non ce ne sono, magie non le fa nessuno.

p84
p84

Freeclimbing estremo su cristallo di boemia.
Gli schemi sospensivi più semplici sono quelli che ruotano su boccole (che sarebbero quelli delle bici da supermercato).
Poi ho parlato del fatto che mentre tutti progettavano infulcri vari, Cannondale li toglieva e creava un sistema sospensivo che avrebbe fatto scuola nell’xc, al punto che altri big, Specialized compresa, l’hanno poi attuato sulle loro bici. Perchè più leggero, più rigido e più solido, per mancanza di parti imbullonate. Il brevetto, come molti altri, è facilmente bypassabile modificando certe quote, non sempre occorre aspettarne la scadenza.
Non è nemmeno vero quello che scrivi sull’escursione, perchè lo ‘zero pivot’ funziona per dare maggior progressione all’azione dell’ammortizzatore, e si attua una volta che questi è andato in completa compressione, consentendo ancora alcuni millimetri di escursione al carro

brunopiru

Ogni test della Stumjumper da alcuni anni a questa parte, mi sembrano un po tutti uguali. Ottima trail, la migliore in agilità, arrampica come una xc e scende quasi come una enduro ecc,ecc. Ho la Stumpjumper 2017 e dopo 2 anni di utilizzo vi assicuro che non sale come una xc, scende bene ma non si avvicina all'Enduro.

Oooh finalmente qualcuno che dice le cose come stanno!

Una Bici da trail sale e scende come una….trail!

Pochi cazzi, io ho una ripley è a parità di gamba se un mio amico prende la xc mi fuma in salita, se prende l’enduro salgo più forte io( la mia trail ha gomme toste e forca da discesa)

In discesa se scendiamo tranquilli sto dietro e anche davanti a tutti, quando la situazione si fa race e si inizia a mollare sul serio i freni e si fa finta che la bici” non è la tua” ecco che la mia bici inizia a scomporsi sul tecnico e quelli con le enduro spariscono all’orizzonte( non più di tanto ma se ne vanno)

Ecco, in Italia la parola trailbike non piace, ma a me piace molto[emoji16]

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

FeO

Scusate, dove c'è scritto nel test che sale come una xc e scende come una enduro? Me lo sono perso…

Sent from my COL-L29 using MTB-Forum mobile app

fafnir
p84

Freeclimbing estremo su cristallo di boemia.
Gli schemi sospensivi più semplici sono quelli che ruotano su boccole.
Poi ho parlato del fatto che mentre tutti progettavano infulcri vari, Cannondale li toglieva e creava un sistema sospensivo che avrebbe fatto scuola nell'xc, al punto che altri big, Specialized compresa, l'hanno poi attuato sulle loro bici. Perchè più leggero, più rigido e più solido, per mancanza di parti imbullonate. Il brevetto, come molti altri, è facilmente bypassabile modificando certe quote, non sempre occorre aspettarne la scadenza.
Non è nemmeno vero quello che scrivi sull'escursione, perchè lo 'zero pivot' funziona per dare maggior progressione all'azione dell'ammortizzatore, e si attua una volta che questi è andato in completa compressione, consentendo ancora alcuni millimetri di escursione al carro

.[​IMG]

p84
p84

Già, peccato che il carro è chiuso e non aperto anteriormente. Per flettere dev’essere aperto, perchè i foderi superiori si avvicinano a quelli inferiori, col cavolo che flette un accrocco del genere !! ^^

Gio63
Gio63

@ Fafnir: voilà la foto spiega chiaramente che non hai la minima idea di cosa è lo zero pivot.

Patrunne

Ogni test della Stumjumper da alcuni anni a questa parte, mi sembrano un po tutti uguali. Ottima trail, la migliore in agilità, arrampica come una xc e scende quasi come una enduro ecc,ecc. Ho la Stumpjumper 2017 e dopo 2 anni di utilizzo vi assicuro che non sale come una xc, scende bene ma non si avvicina all'Enduro.

La 2017 con la 2019 ha di simile solo il nome…
La nuova scende molto meglio e si avvicina come sensazione al vecchio modello di Enduro.
Non sale davvero come una XC ma scende molto più forte delle precedenti Stumpjumper.

Sent from my Mi MIX 2 using MTB-Forum mobile app

M
Marco_LT_1985

Sono d’accordo, la nuova stump secondo me scende anche meglio dell’Enduro modello 2016.

Mauro Franzi

@fafnir @p84 Non è che state semplicemente parlando di due cose diverse? A me sembra che uno parli degli schemi che sfruttano la flessione dei foderi, l'altro dei monocross "puri" (stile Orange, per capirci).

fafnir
muldox

@fafnir @p84 Non è che state semplicemente parlando di due cose diverse? A me sembra che uno parli degli schemi che sfruttano la flessione dei foderi, l'altro dei monocross "puri" (stile Orange, per capirci).

Sono la stessa cosa, con gli ultimi che sfruttano a loro vantaggio la flessione dei foderi alti, ma i pezzi che girano sono quelli.
Il fatto di sfruttare la flessione, come già detto qualche post fa, lo fanno in diversi marchi sulle bici da XC.
Sono semplicemente dei monocross studiati meglio o se vogliamo studiati in modo differente, questo comunque non cambia il fatto che siano monocross cioè il sistema più semplice esistente e da qui deriva l'assurdita del brevetto.
Come fai a fare un brevetto? Tutti flettono chi più chi meno, bisogna indicare di quanti mm flette? Non credo sia possibile anche perché questo valore sarà sempre diverso e probabilmente non misurabile.
Infatti in tanti hanno fatto la stessa cosa senza problemi, mica gli hanno detto "non puoi farlo cannondale ha il brevetto".

fafnir
p84

Già, peccato che il carro è chiuso e non aperto anteriormente. Per flettere dev'essere aperto, perchè i foderi superiori si avvicinano a quelli inferiori, col cavolo che flette un accrocco del genere !! ^^

Semmai flette meno, qualunque materiale flette.

Gio63
Gio63

Ma cosa stai dicendo?! Nello zero pivot la flessione degli alti fa parte integrante del sistema sospensivo. Quella fetecchia che hai postato è uno zero pivot come marte assomiglia alla terra.
Documentati.

Mauro Franzi
fafnir

Sono la stessa cosa, con gli ultimi che sfruttano a loro vantaggio la flessione dei foderi alti, ma i pezzi che girano sono quelli.
Il fatto di sfruttare la flessione, come già detto qualche post fa, lo fanno in diversi marchi sulle bici da XC.
Sono semplicemente dei monocross studiati meglio o se vogliamo studiati in modo differente, questo comunque non cambia il fatto che siano monocross cioè il sistema più semplice esistente e da qui deriva l'assurdita del brevetto.
Come fai a fare un brevetto? Tutti flettono chi più chi meno, bisogna indicare di quanti mm flette? Non credo sia possibile anche perché questo valore sarà sempre diverso e probabilmente non misurabile.
Infatti in tanti hanno fatto la stessa cosa senza problemi, mica gli hanno detto "non puoi farlo cannondale ha il brevetto".

Sono monocross perchè non hanno infulcri sul fodero inferiore, ma concettualmente non sono equiparabili a dei monocross puri stile Orange o la bici nella foto da te postata. In queste ultime la compressione della sospensione non determina alcuna flessione dei foderi (non cambiano angolo fra di loro, tanto è vero che su alcune Orange non sono neppure presenti due foderi separati ma c'è un "monobraccio"). La flessione controllata dei foderi è concettualmente più simile ad un monocross assistito, in quanto ti permette una libertà progettuale che con un monocross "puro" non hai.

p84
p84

Esattamente, è quello che sto cercando di scrivere da alcuni post a questa parte. Inoltre va specificato che la flessione parte ad ammortizzatore completamente compresso, non prima

Francesco Mazza

In un sistema single pivot diretto come quello della foto della bici da supermercato il carro non fa niente altro che spingere l’ammortizzatore senza necessità di flettersi (lo fa eventualmente, non richiesto, per la scarsa qualità dei materiali). In un sistema single pivot indiretto il carro grazie a una biella spinge l’ammortizzatore tramite un leveraggio al quale è unito con uno snodo. Nel sistema Zero Pivot e sistemi single pivot indiretti simili che sfruttano la flessione del carro, il carro spinge l’ammortizzatore sempre tramite un leveraggio solidale al carro quindi NON unito tramite uno snodo, di conseguenza per potersi muovere deve necessariamente FLETTERE in modo controllato e appositamente gestito. Si tratta di sistemi appartenenti alla stessa macrofamiglia, quella del single pivot, ma decisamente differenti tra loro sotto diversi aspetti. Metto una foto, così magari si conclude l’off topic prima che prenda dimensioni ancora più imbarazzanti.

comment image

fafnir
p84

Esattamente, è quello che sto cercando di scrivere da alcuni post a questa parte. Inoltre va specificato che la flessione parte ad ammortizzatore completamente compresso, non prima

Abbiamo visioni differenti tutto qui. Tu ci vedi qualcosa di speciale al punto di richiedere un brevetto per paura di farselo "rubare". Io ci vedo una cosa banalissima che sfrutta un effetto secondario in aggiunta al classico ammortizzatore, un effetto secondario incontrollato ed incontrollabile se non grossolanamente (non è possibile quantificare e replicare perfettamente lo stesso movimento su ogni singolo telaio considerato pure che offrono sia la versione in carbonio che in alluminio).
Ed in effetti lo hanno usato in tanti senza problemi.

Chiudo qui con l'OT.

Gio63
Gio63

Non sono visioni differenti. E’ geometria delle sospensioni, punto. Sono entrambe sospensioni ma non c’entrano un tubo una con l’altra.
I brevetti ci sono, è facile dopo che uno li ha messi a punto dire “che stupidata ci arrivavo anche io” perché non ci sono arrivati glia altri allora prima? Ad ogni modo a livelli di Cannondale e Specy c’è uno scambio incrociato di brevetti o semplicemente li acquistano.
Concordo con Francesco Mazza, sta diventando imbarazzante la cosa.

S

Insomma quali sarbbero le differenze sostanziali tra i 2 modelli?

F
Fbf

No, America

Peccato!!!!

fafnir
trimbax

Ma i mozzi Specialized non sono dei DT Swiss con sopra l'adesivo? Sulla vecchia Stumpy avevo i cerchi in carbonio che ho traghettato su Enduro anche se sottodimensionati. Dopo 4 anni il mozzo davanti era ancora perfetto, quello dietro solo cambio cuscinetti e grasso. Ancora centrate quasi perfettamente… Secondo me le Roval sono delle gran ruote!

Solo su gamma media/alta sono DT ed è sempre precisato anche sul sito.

Patrunne
Marco_LT_1985

Sono d'accordo, la nuova stump secondo me scende anche meglio dell'Enduro modello 2016.

La mia Comp 2019 patisce un poco rispetto all' Enduro 2015 di un amico, solo in virtù della Fox 34 ….. Anche lui concorda che una Pike o 36 sposterebbe di l' ago in favore della nuova Stumpjumper.

Sent from my Mi MIX 2 using MTB-Forum mobile app

M
Marco_LT_1985

Certo hai ragione cambia e non poco. Io ho la Expert con la Pike e per ora non rimpiango l’enduro, anzi.

fafnir
Gio63

Non sono visioni differenti. E' geometria delle sospensioni, punto. Sono entrambe sospensioni ma non c'entrano un tubo una con l'altra.
I brevetti ci sono, è facile dopo che uno li ha messi a punto dire "che stupidata ci arrivavo anche io" perché non ci sono arrivati glia altri allora prima? Ad ogni modo a livelli di Cannondale e Specy c'è uno scambio incrociato di brevetti o semplicemente li acquistano.

Sei OT, forse fra tutti i messaggi che hai quotato ti è scappato quello più importante cioè quello dove ho detto chiuso OT.