MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Test] La nuova Specialized Stumpjumper

[Test] La nuova Specialized Stumpjumper

[Test] La nuova Specialized Stumpjumper

17/04/2018
Whatsapp
17/04/2018

Sin dal 1981, la Stumpjumper rappresenta la principale Trail bike offerta da Specialized. Durante questo periodo il brand californiano ha costantemente sviluppato tecnologie all’avanguardia per implementare questo modello, come lo SWAT, il portaoggetti situato nel tubo obliquo. La scorsa versione della Stumpjumper però non fu molto all’avanguardia in termini di geometrie. Quando venne presentata, altri brand minori come Transition o Evil stavano portando avanti il concetto delle geometrie lunghe/basse/distese introducendo delle Trail bike aggressive con poca escursione e ruote da 29 pollici. Tempo un paio di anni e Specialized ha mollato il suo approccio “sicuro” e conservativo seguendo la direzione delle geometrie aggressive.

Per il 2019 la Stumpjumper copre una larga porzione della gamma, soppiantando la Camber con una versione Short Travel, quella che abbiamo testato. Dopotutto, la categoria Trail è piuttosto vaga e ampia di questi tempi, quindi perché non coprirla interamente con una sola bici? Specialized offre sia la versione 27.5″ che la versione 29″.

• Stumpjumper Short Travel

– 29″ – Escursione 130mm anteriore e 120mm posteriore
– 27.5″ – Escursione 130mm anteriore e 130mm posteriore

• Stumpjumper 

– 29″ – Escursione 150mm anteriore e 140mm posteriore
– 27.5″ – Escursione 150mm anteriore e 150mm posteriore

• Stumpjumper Evo

– 29″ – Escursione 150mm anteriore e 140mm posteriore
– 27.5″ – Escursione 150mm anteriore e 150mm posteriore

Tutti gli allestimenti qui, compresi di geometrie dei due modelli non testati. Qui trovate invece gli allestimenti che verranno venduti in Italia, a cui si riferiscono i prezzi sotto.

Prezzi

Specialized S-Works Stumpjumper 29: 8990€
Specialized Stumpjumper Expert 29: 5490€
Specialized S-Works Stumpjumper ST 29: 8990€
Specialized Stumpjumper ST Expert 29: 5490€
Specialized Stumpjumper ST Alluminio 29: 1990€
Specialized Donna Stumpjumper ST Comp Alluminio 29: 3990€
Specialized Donna Stumpjumper ST Alluminio 29: 1990€

Conoscendo il fatto che sono un patito delle bici da 29 con escursione corta, il nostro contatto in Specialized ha voluto specificamente che provassi la versione Short Travel 29, quindi mi ha fornito un modello S-Works circa una settimana fa per spremerlo in un test. Oltre 7.000 metri di dislivello tra Santa Cruz e Aptos non si possono considerare un test di durata ma mi hanno permesso di farmi una buona idea di cosa sia questa bici.

Geometrie

La mia opinione è che la principale novità sia rappresentata dalle nuove geometrie. La nuova Stumpjumper è più lunga di 24mm in taglia M e utilizza uno stem da 50mm invece di quello da 60mm del modello precedente. Il manubrio ora è di ben 790mm. Tutte le versioni sono dotate di un flip chip che permette di regolare di +/- 6mm l’altezza del movimento centrale e di +/- mezzo grado l’angolo di sterzo e del tubo sella. Rispettando la tradizione della Stumpjumper, Specialized ha conservato un carro piuttosto corto, di 437mm.

La tabella delle geometrie di Specialized qui riportata è parzialmente inesatta dato che mostra l’altezza del movimento centrale misurata con copertoni 27.5×2.6″, ma in ogni caso il dato resta piuttosto basso anche con ruote da 29″. Il valore dichiarato per l’angolo di sterzo è di 67.5° mentre in posizione LOW abbiamo misurato a 68°.

Dettagli

  • Formato ruota 29 pollici (compatibile 27.5 Plus)
  • Ospita copertoni fino a 3″
  • Peso circa 12,25kg
  • Taglie disponibili: S, M, L (in test) e XL
  • Mozzi Boost
  • Ammortizzatore metrico
  • Escursione 130mm anteriore e 120mm posteriore
  • Geometrie regolabili +/- 6mm altezza BB e +/- 0.5° angolo sterzo e angolo sella
  • Telaio e carro in carbonio FACT

Nonostante la maggior parte degli elogi sia indirizzata alle geometrie, va menzionato che Specialized non ha perso la sua attenzione per i dettagli, introducendo nuovi particolari interessanti. Ora ve li illustreremo ma prima… Alleluja! Non ci sono più standard proprietari sulla nuova Stumpjumper. Anche per quanto riguarda gli ammortizzatori, utilizzano il sistema metrico e misure standard per i perni di ancoraggio. Alla luce di questo, poco importa se Specialized ha scelto di adottare un tune specifico non solo per gli ammortizzatori, ma anche per le forcelle.

Gran parte del nuovo design ruota intorno al telaio asimmetrico che, in modo simile al Demo, ha un braccio di collegamento da un solo lato. Non si può distinguere se faccia differenza o meno durante la guida ma rende molto comoda l’operazione di rimuovere l’ammortizzatore o di modificare le geometrie.

Una manciata di peculiarità di Specialized. Finalmente un reggisella a lunga escursione con ben 160mm a disposizione. 34.9mm di diametro e testa con il classico sistema a due viti. Specialized ha anche rallentato l’estensione, quindi niente più pacche indesiderate. Il sistema di stivaggio SWAT guadagna il 20% di spazio in più grazie a un tubo obliquo più grande (quindi anche più rigido) e il sistema di chiusura diventa più pratico. Il multitool SWAT CC si inserisce nel tubo di sterzo.

Come detto in precedenza, Specialized ha messo a punto un tune specifico anche per le forcelle che equipaggiano le loro bici. La forcella FOX 34 Boost con 130mm di escursione è dotata delle 3 posizioni Open, Medium e Firm e della regolazione della compressione alle basse velocità per la modalità Open, oltre ovviamente al ritorno. L’ammortizzatore FOX Float DPS Factory da 190mm di interasse per 42,5mm di corsa ha anch’esso un tune specifico “Rx Trail Tune” con un manicotto EVOL ad alto volume e le 3 posizioni Open, Medium e Firm, di cui la posizione Open regolabile su un range di 3 click in compressione.

In pratica il chip per modificare le geometrie è un eccentrico che non necessita di ammortizzatori o altre parti dedicate. Ci vogliono solo due chiavi a brugola da 5mm e un paio di minuti per cambiare posizione. Nonostante abbia utilizzato la bici esclusivamente in posizione Low, la possibilità di sfruttare geometrie più alte e meno distese, più conservative, rende la Stumpjumper più interessante oltre alla sola vocazione di Trail bike aggressiva.

Altri aggiornamenti nella immagine qui sopra. Nella prima foto potete vedere il guidacatena aperto che lascia libera la catena. In questa nuova versione è possibile farlo solo con le mani, senza bisogno di attrezzi. Nella foto in basso, si fa fatica a vederlo ma si può notare una protezione in gomma che separa il tubo sella dal carro. Nell’altra foto vi mostriamo lo spazio per il copertone che Specialized dichiara arrivare a 3 pollici. Il Butcher da 2.6″ che vedete misura per la precisione 61mm e ha ancora un sacco di spazio ma possiamo presupporre che questo risulterebbe nettamente ridotto con un copertone da 29×3″.

I freni SRAM Guide RSC gestiscono bene la velocità. Ho avuto in prova diverse bici montate con questi freni e non ho mai avuto un problema, al contrario di tanti altri. Nonostante sia una bici con poca escursione, Specialized l’ha allestita con dischi da 200mm all’anteriore e 180mm al posteriore. Volendo risparmiare peso si può optare per una combinazione di 180/160mm ma in fondo per una bici da 29 destinata a un uso aggressivo, Specialized ha fatto una buona scelta. Il manubrio è dichiarato da 780mm ma arriva a 790mm. Si può eventualmente accorciare dato che ha i riferimenti per essere tagliato. Lo stem di Syntace è lungo 50mm.

Le ruote Roval Traverse Fattie SL sono precise ma non troppo rigide, molto leggere con i loro 1.570 grammi e aiutano molto nei rilanci. Il profilo hookless da 30mm di larghezza interna si interfaccia perfettamente con i copertoni di medie e grandi sezioni, favorendo trazione e grip e prevenendo la torsione del copertone quando sollecitato. La ruota libera é una DT Swiss Star Ratchet a 54 punti di ingaggio. La bici in test è arrivata con copertoni Butcher da 29×2.6″ invece dei Butcher e Purgatory entrambi 29×2.3″ previsti di serie.

Per la versione top di gamma, Specialized ha scelto una trasmissione Eagle XX1. Apprezzabile la scelta di adottare pedivelle da 170mm che, abbinate al movimento centrale basso, riducono il rischio di colpire i pedali a terra. La scelta per la corona è ricaduta su una 30 denti ma i rider più allenati vorranno optare per una 32 denti. Guardando bene, noterete una forma interessante sulla protezione del carro: si tratta di 4 sezioni rialzate che contrastano gli urti della catena meglio di una superficie liscia. Sono questi i piccoli dettagli che appassionano i fan del marchio Specialized.

In azione

Con un’altezza di 182cm, la taglia Large mi calza a pennello. Il modello precedente mi lasciava a metà tra la taglia L e la XL. Per la regolazione della bici ho incontrato ZERO difficoltà. Soddisfatto dell’altezza e larghezza del manubrio così come della lunghezza dello stem, ho regolato il sag al 22% all’anteriore e al 30% al posteriore e sono uscito. Va detto che ho trovato anomalo che non abbia dovuto modificare nulla per trovare la posizione di guida più confortevole.

Come ogni buon giro, si inizia con una salita. Una delle prime cose che ho notato è stata la sella che si è rivelata molto confortevole sui lunghi tragitti. La forma e il profilo erano adatti a me. Avendo le gambe lunghe ho apprezzato particolarmente il telescopico da 160mm di escursione. A livello di posizione di guida, la Stumpy offre una distribuzione del peso perfetta, grazie in parte all’angolo sella piuttosto verticale che permette di tenere facilmente il peso sull’avantreno. Per quanto riguarda il cinematismo, la bici risulta piuttosto neutrale sotto l’influsso della pedalata. Ho spesso utilizzato la posizione Medium dell’ammortizzatore nel tecnico mentre ho optato per il blocco completo sulle salite scorrevoli. Le ruote sono leggere e sprintose ma i copertoni che ho utilizzato per il test, più larghi di quelli di serie e con carcassa più pesante, aggiungevano un po’ di resistenza al rotolamento. Presumibilmente i copertoni di serie sono più scorrevoli ma va anche considerato che su di una Trail bike aggressiva, la resistenza a tagli e forature è essenziale.

In quesi single track che alternano tratti flow a tratti tecnici, il carattere della Stumpjumper esce completamente fuori. È sinceramente la bici più precisa che abbia mai usato e la cosa impressionante è che lo è a qualsiasi velocità. Alcune bici eccellono a velocità basse ma diventano nervose a velocità alta o viceversa… ma non è il caso della Stumpjumper che è molto ben bilanciata. La FOX 34 è sufficientemente rigida e ben regolabile. Ho subìto solo pochi fondocorsa ma presumo che di serie ci sia solo uno spacer al suo interno. Ne avrei aggiunto volentieri un altro per aumentare la resistenza al fondocorsa. In ogni caso, si tratta di una costosa bici top di gamma, quindi non sorprende il fatto che la componentistica abbia superato brillantemente ogni prova.

Data la sensazione di agilità e reattività sui terreni di media difficoltà, temevo che non sarebbe stata altrettanto valida nel ripido. Mi sbagliavo. Dopo un po’ di giri per prendere confidenza sui soliti trail, ho deciso di provarla su un percorso molto ripido che normalmente affronto con le bici a lunga escursione. Mi ha sorpreso immediatamente come la bici scodasse in pieno controllo, con precisione chirurgica.

Una cosa che ho sempre criticato in passato a Specialized era il rapporto di leva troppo elevato. Questo è stato migliorato sul nuovo modello di Stumpjumper e si sente alla guida. Questa bici è più predisposta ad assorbire gli urti in rapida successione, anche urti di media entità, senza scomporsi o sbattacchiare. A proposito di sbattacchiare… questa è una delle bici più silenziose che abbia mai provato. È difficile capire esattamente perché ma probabilmente è merito della particolare forma della protezione del carro. Inoltre il nuovo sistema di guida per il passaggio interno dei cavi riduce ulteriormente i rumori. C’è spazio per una borraccia da 800ml ma se per caso voleste passare a un ammortizzatore con serbatoio separato, dovreste rinunciare a un po’ di capienza della borraccia. La versione 2.0 dello SWAT con il suo 20% di spazio in più elimina la necessità di uno zaino e il tubo obliquo più largo non è solo responsabile del maggiore spazio di stiva ma anche della migliorata rigidezza e maneggevolezza della Stumpjumper.

Conclusioni

Si tratta di una bici molto costosa e dotata di componentistica impeccabile. Dipende da voi interpretare quanto ho scritto in merito alle doti di maneggevolezza della bici e trovare l’allestimento adatto al vostro budget. Speriamo di poter provare prossimamente anche una versione entry level della Stumpjumper EVO in alluminio, così da poter confrontare la bici all’interno della sua stessa gamma.

Detto questo, il punto è che non ho mai provato una bici che fosse così bilanciata ed eccellente in così tante situazioni di riding. La poca escursione non è affatto un limite ma se girate principalmente su percorsi molto tosti, potete optare per la versione standard della Stumpy, con più escursione, ma non fate l’errore di sottovalutare la versione Short Travel perché è in grado di salvarvi anche quando fate il passo più lungo della gamba. Una precisazione interessante è che si può settare la bici a proprio piacimento modificando le geometrie oppure cambiando il supporto dell’ammortizzatore e l’air shaft della forcella per aumentare o diminuire l’escursione. In definitiva, la nuova gamma Stumpjumper copre molto bene tutto il range della categoria Trail.

Specialized

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
francescoMTB1
francescoMTB1

Davvero niente male , …. da provare per apprezzarla , Specy ha fatto davvero un bel lavoro progettuale.

markxxx79
markxxx79

…l’hanno capita finalmente di allungare le loro bike in specialized , meglio tardi che mai !

fafnir

Bellissime ma la evo non la capisco, è ancora più aggressiva della enduro, non capisco perché hanno voluto farla…

crifla
crifla

Super bike! Non mi piace affatto il design asimmetrico… ma me lo farei tranquillamente andare bene.
Aspetto anche il test dell’allestimento più “umano”. Due parole in più sul comportamento in salita? =)Gomme a parte mi sembra ok ma non ottima anche in versione sworks…
Ottimo test come al solito! Grazie!

Riki174
Riki174

Ma scusate, ma la precedente era così retrograda a geometrie?
…forse è per quello che era risultata la migliore al test comparativo? https://www.mtb-mag.com/test-comparativa-di-7-bici-trail-da-29/
Comunque interessante (anche se non bella come la carbon precedente) ma avrei gradito più informazioni a 360 (sempre tipo comparativa) dato che è una trailbike e che andrebbe pedalata tanto.
Alleluja per l’addio agli standard proprietari e per il ritorno del filettato anche qui 🙂

Marco Toniolo
Riki174

Ma scusate, ma la precedente era così retrograda a geometrie?
…forse è per quello che era risultata la migliore al test comparativo? https://www.mtb-mag.com/test-comparativa-di-7-bici-trail-da-29/
Comunque interessante (anche se non bella come la carbon precedente) ma avrei gradito più informazioni a 360 (sempre tipo comparativa) dato che è una trailbike e che andrebbe pedalata tanto.
Alleluja per l'addio agli standard proprietari e per il ritorno del filettato anche qui 🙂

Quel test è di due anni fa, e la bici era uscita nel 2015. È cambiato molto in termini di geometrie in questo arco di tempo. Indubbiamente le taglie erano molto "piccole" (stesso problema della enduro 2017, poi modificata già nel 2018), e la geometria meno aggressiva di quello a cui ci siamo abituati adesso.
Se noti, comunque, il motivo per qui aveva vinto era il suo carattere da allround, che le è rimasto anche con questo nuovo modello.

Riki174
Riki174

Chiarissimo. Infatti in funzione delle mie esigenze mi auguro proprio che a migliorare ulteriormente sia stato il carattere allround…qualcosa come “si pedala meglio della precedente e scende altrettanto pur con meno corsa”…o altre magie del genere 🙂

Deve essere così se vuole che ripudi la vecchia 2016 🙂 🙂 🙂

vanbenno
vanbenno

Telaio dalla Rallon… ora tutti diranno bellissimo, innovativo… La forza di un marchio! A me cmq piaceva la rallon e piace anche questa.

massimottoracing
massimottoracing

Verissimo, che tra l’altro Orbea ha speso un bel pò nel progettare quel telaio asimmetrico che ha un equilibrio eccellente, provata di persona e confermo che è mostruosa e forse prossimo acquisto, ma specialized ha il nome alle spalle e tutto ciò che fa è sempre bello x tutti restando che questa è un capolavoro.

rickyvic
rickyvic

Se vedi la demo era gia’ asimmetrica con la stessa idea. Certo è la copia della rallon esteticamente e pure di disegno…..

paolo25

sono curioso di leggere anche una recensione sulla versione evo, io avevo avuto la vecchia ed era strepitosa!

scnia
scnia

Non mi convince il design, somiglia alla demo. magari dal vivo sarà meglio ma non condivido la filosofia dell’estremizzare il tutto, il forte della stumpy è la versatilità. Comunque Raga è la rallon aver preso l’idea del telaio asimmetrico da loro, questa se le comparate, somiglia alla demo come stile.

Pietro.68
Pietro.68

ma quindi o prendi il modello da 2000 euro o quello da 5500?
In mezzo niente?
Il reggisella è da 34.9???
si sa la corsa dell’ammo?

wally73
wally73

ovviamente in america e nei paesi che vogliono ci sono i modelli comp carbon e anche il freme kit…
in italia comanda specy italia. e sulla gestione e scelte ormai non mi esprimo più…

giouncino
giouncino

chissà se sarà possibile acquistare quella protezione x lo sbatacchiamento catene per montarla su bike di altri marchi???

wally73
wally73

no. perchè è avvitato in fondo al carro e ad incastro davanti…

giouncino
giouncino

uff! Peccato

giouncino
giouncino
wally73
giouncino

chissà se sarà possibile acquistare quella protezione x lo sbatacchiamento catene per montarla su bike di altri marchi???

no. perchè è avvitato in fondo al carro e ad incastro davanti…

uff! Peccato

superchicken
superchicken

Ecco, lo sapevo. La short travel si pone a meta’ strada tra la Scott Spark Tuned 700 e la Scott Genius. Era proprio quello che cercavo, ma ormai e’ troppo tardi 🙁
Domanda: nell’articolo si dice che di serie monta ruote con canale 30mm e pneumatici da 2.3. E’ una combinazione corretta? Credevo che con un canale del genere la gomma risultasse troppo squadrata.

umberto62
umberto62

BRUTTA COPIA DELLA RALLON R5…….

andrea3province

Colorazione un pò anonima…ed è davvero uguale alla Orbea Rallon..Cmq, buon divertimento e buone pedalate a chi la prenderà!!

simonexc
simonexc

ok, bella. ma trovo illegale la politica di molti brand che tirano fuori modelli nuovi a stagione nemmeno avviata (per via del meteo schifoso) con i negozi che sono ancora pieni dei modelli 2018……. come le vendono ora le bici “vecchie” anche se ancora di quest’anno? vogliono affossare il mercato, con questa politica del PRENDI TUTTO e SUBITO, ma ne pagheranno loro stessi le spese (se non lo stanno già facendo) …. una volta le novità erano a settembre………. non c’è rispetto per i negozianti. Mia opinione… liberi di giudicarla male….

fafnir
superchicken

Ecco, lo sapevo. La short travel si pone a meta' strada tra la Scott Spark Tuned 700 e la Scott Genius. Era proprio quello che cercavo, ma ormai e' troppo tardi 🙁
Domanda: nell'articolo si dice che di serie monta ruote con canale 30mm e pneumatici da 2.3. E' una combinazione corretta? Credevo che con un canale del genere la gomma risultasse troppo squadrata.

Infatti è squadrata, eppure insistono.

corsonero
corsonero

Sulla bici niente da dire ma gli allestimenti comp da 3 e 4000 che fine hanno fatto? Quindi o prendo un alluminio montato male che dovrei stravolgere di upgrade già al momento dell’aquisto o devo spendere 5000 e passa euro? È davvero passata la crisi negli USA allora!!
Mi tengo stretto la mia camber comp, ci girerò con ancora più soddisfazione e, se le cose non cambieranno, per il prossimo acquisto punterò ad altro purtroppo…

santacruzbk
santacruzbk

Visto che è asimmetrica, una foto del lato SX del telaio per capire come si innesta l’ammo e l’estetica generale non si potrebbe avere?

sembola
simonexc

ok, bella. ma trovo illegale la politica di molti brand che tirano fuori modelli nuovi a stagione nemmeno avviata… (per via del meteo schifoso) con i negozi che sono ancora pieni dei modelli 2018……. come le vendono ora le bici "vecchie" anche se ancora di quest'anno? vogliono affossare il mercato, con questa politica del PRENDI TUTTO e SUBITO, ma ne pagheranno loro stessi le spese (se non lo stanno già facendo) …. una volta le novità erano a settembre………. non c'è rispetto per i negozianti. Mia opinione… liberi di giudicarla male….

Ormai è da anni che la "stagione" commercialmente inizia a settembre.

simonexc
simonexc

eh si, ma perchè mostrare un modello nuovo ad aprile e renderlo già visibile con montaggi e modelli sul sito internazionale? a me sembra poco furbo in generale

aleghe
aleghe

Per far vendere a sconto le 2018?!? 😎

cianci
cianci

Si sa per cado se il disegno verrà usato anche per l’enduro?

sembola
santacruzbk

Visto che è asimmetrica, una foto del lato SX del telaio per capire come si innesta l'ammo e l'estetica generale non si potrebbe avere?

comment image

markxxx79
markxxx79

[QUOTE="Riki174, post: 8367226, member: 102937"
Alleluja per l'addio agli standard proprietari e per il ritorno del filettato anche qui :)[/QUOTE]

Credo sia la cosa migliore , sti mov centrali press fit non li ho mai sopportati !
Idem per gli attacchi ammo

sembola
simonexc

eh si, ma perchè mostrare un modello nuovo ad aprile e renderlo già visibile con montaggi e modelli sul sito internazionale? a me sembra poco furbo in generale

Perchè tra quattro mesi quei modelli li potrai materialmente acquistare, e nel frattempo vanno valutati dagli operatori.

Il punto è che per noi la "stagione 2018" è cominciata da poco, complice anche il meteo non clemente, ma da un punto di vista industriale/commerciale/distributivo è iniziata a settembre 2017.

anjin

Ma il reggisella con la sella che si inclina che fine ha fatto?

anjin

Ma il reggisella con la sella che si inclina che fine ha fatto?
Scusate il doppio: come si cancella?!

monster74

Da possessore di Stampy fin dal 2010 non posso che confermare l'eccellenza del progetto
Una volta specy era anche il top come rapporto qualità/prezzo, ultimamente no! Nel senso che i telai sono uno spettacolo, ma l'allestimento finale ha un prezzo un po esagerato soprattutto se confrontato con altri brand (soprattutto online). Ma è altrettanto vero che ha un servizio post vendita eccezionale.
Ho rotto un telaio in carbonio (ammetto x mia colpa) mi è stato sostituito in una settimana senza un minimo di spese!

Pierun
Pierun

modello st le geometrie sono ok.
Ma il modello 150/140 in taglia L il reach scende a 445. rimane sempre un Po cortina per gli standard attuali.
in pratica hanno tenuto triangolo anteriore uguale. installato la forka a 150. probabilmente un attacco differente del mono per salire a 140…

Luciano_Falciani
Luciano_Falciani

Ma da pedalare com’ è? Sbaglio o in futuro senza Camber si passerà dalla Epic alla SJ Fsr parlando di full…

pavlinko80

bella sicuramente, ma che prezzi da 2k si passa a piu di5k, nulla di intermedio!!!

Vinciguerra
Vinciguerra

Tutto molto bello ma un test della gloriosa Epic (full), che tra l’altro ha subito un rinnovamento importante nel 2018, non è previsto? Perché non ne avete mai parlato 🙁

emml
emml

Personalmente preferisco il modello precedente sul piano estetico… rilievo con piacere che comunque Specialized forse eliminando il modello camber che aveva meno appeal, ha dato spazio al concetto di trail Bike non disdegnando neppure il formato 27 e mezzo nella sua versione short Travel
Ho una bicicletta simile una intense Spider 27 e mezzo e Ritengo che sia il mezzo con cui fare tutto a 360 gradi ed infatti con questa ho sostituito felicemente la mia front 29 e la mia full da 160 da 27 e mezzo…
Quindi brava specy!!!

Marco Toniolo
Vinciguerra

Tutto molto bello ma un test della gloriosa Epic (full), che tra l’altro ha subito un rinnovamento importante nel 2018, non è previsto? Perché non ne avete mai parlato 🙁

stiamo ancora aspettando la bici da specialized italia.

Vinciguerra
Vinciguerra

Ah come me che la sto aspettando da dicembre….pensavo aveste qualche canale preferenziale ma niente…non mi sembra che Specialized stia facendo una bella figura con le consegne di questa Epic. Ancora un po’ e inizia la stagione 2019 che non abbiamo ancora i mezzi 2018 😂

Marco Toniolo
corsonero

Sulla bici niente da dire ma gli allestimenti comp da 3 e 4000 che fine hanno fatto? Quindi o prendo un alluminio montato male che dovrei stravolgere di upgrade già al momento dell’aquisto o devo spendere 5000 e passa euro? È davvero passata la crisi negli USA allora!!
Mi tengo stretto la mia camber comp, ci girerò con ancora più soddisfazione e, se le cose non cambieranno, per il prossimo acquisto punterò ad altro purtroppo…

wally73

ovviamente in america e nei paesi che vogliono ci sono i modelli comp carbon e anche il freme kit…
in italia comanda specy italia. e sulla gestione e scelte ormai non mi esprimo più…

pavlinko80

bella sicuramente, molto simile al telaio rallon, ma che prezzi da 2k si passa a piu di 5k niente vie di mezzo !!!

Gli allestimenti che si vendono in Italia sono qui: https://www.mtb-mag.com/wp-content/uploads/2018/04/stumpjumper.zip

wally73
wally73

infatti manca la Comp Carbon che forse è il miglior compromesso tra costi e tra chi poi vuole un po’ pimpare la bici…

pirpa
pirpa

Deprecabile come ogni anno che in Italia non esista la possibilità di comprare il solo telaio sworks…pessimi.

Marco Toniolo
santacruzbk

Visto che è asimmetrica, una foto del lato SX del telaio per capire come si innesta l'ammo e l'estetica generale non si potrebbe avere?

aggiunta
[​IMG]

wally73
wally73

devo ancora decidere se esteticamente mi piace o la mia la reputo ancora molto più bella. ci sono punti in cui la nuova mi piace molto. altri dove non mi piace. che la stumpy nuova avesse il telaio asimmetrico stile demo si sapeva già da almeno 1 anno. non so quindi se la orbea è arrivata davvero prima… ma ad esempio il lato aperto proprio non mi piace. qui come sulla orbea o sul demo…
mi piacciono le geometrie e le quote anche se avrei osato un pochino in più come reach sulla M.

La cosa che apprezzo maggiormente è la decisione di abbandonare gli standard proprietari come l’attacco ammo e completare la gamma col BB filettato. il top in MTB. apprezzo ad esempio nella expert l’aver tenuto un mozzo anteriore 28 fori. così come il telaio per tutte le versione full carbon fact11…

i prezzi mi sembrano +/- invariati o molto simili. quindi sotto a chi vuole prendere una 2018 in superofferta o una 2019…

wally73
wally73
pirpa

Deprecabile come ogni anno che in Italia non esista la possibilità di comprare il solo telaio sworks…pessimi.

pensa dover gestire a magazzino 5/6 modelli con 4 taglie ognuno. meglio semplificare a 3/4…

pirpa
pirpa
wally73

pensa dover gestire a magazzino 5/6 modelli con 4 taglie ognuno. meglio semplificare a 3/4…

Per carità… Ma mi sembra che siamo gli unici a non averlo a listino….

Sent from my LG-H990 using MTB-Forum mobile app

wally73
wally73

ero ironico… è una roba assurda…

Andrea321
marco

aggiunta
[​IMG]

strano che nessuno si sia lamentato della finitura del carbonio…

wally73
wally73

l’80% delle carbon con verniciatura trasparente è così…

ChristianR
ChristianR

Vallo a spiegare a chi vuole restituire la Radon, magari capisce che non è un difetto di produzione…

BAROLO71
BAROLO71

Guardando l’orbea rallon stavo pensando che non sarebbe stato male averne una versione un po’ meno spinta ed ecco qua che ci hanno subito pensato…ah ma non è orbea !

Pietro.68
Pietro.68

riprovo:
sapete la corsa dell’ammo?
il reggisella è davvero da 34,9?

wally73
wally73

210×50
sì 34,9

Pietro.68
Pietro.68

grazie

GIUIO10
GIUIO10

Quindi per il mercato nazionale, solo 29″, a parte la 27.5″ Woman in allu…
Bisogna attendere le Evo.

Leobza
Leobza

63.5 angolo sterzo della Evo, possibile?🤔

bakunin
bakunin

io leggo 66,5 che è comunque roba da enduro o quasi

Leobza
Leobza

Angolo sterzo Evo 63.5, possibile?🤔

impeto72
impeto72

Ma veramente le versioni Stumpjumper Evo hanno 63.5°di angolo?!

narkos78
narkos78

Ciao Ian avrei tre domande:
1 – Io ho la 2014 da 140mm, e la cosiddetta pedalabilità è abbastanza mortificante sullo scorrevole, cosa mi dici di questa? E’ un po’ piu’ reattiva?
2 – C’è spazio per installare un ammo a molla?
3 – Vedo che finalmente si sono decisi a fare un reggisella di tipo “inline” , ma vorrei sapere se è rimasto il blocco meccanico.
Grazie ciao!

Mandarin

Bella bici e belle geometrie. Inspiegabile l'assenza della Comp Carbon nei listini italiani.

Dandelion
Dandelion

Non è così inspiegabile il salto dei 3000 euro. Ormai tutti conoscono l'”effetto clessidra” che caratterizza il mercato italiano, conseguenza della ridistribuzione della ricchezza che questi ultimi anni hanno determinato. In poche parole siamo un paese di poveracci e di ricchi. In mezzo più niente. Bene fanno a fare queste scelte commerciali. Dal loro punto di vista.

wally73
wally73

non importare la comp carbon è una follia… considerando che con specy negozi che fanno il 15/20% di sconto ci sono. lasci il mercato degli indecisi o di chi non è un affezionato alla marca alla vendita online…

Davide Donadello
Davide Donadello

Io ho sentito che fa 57…

Davide Donadello
Davide Donadello

X me han sbagliato sull’angolo di sterzo… Nell’articolo é riportato 67.5

Mandarin
Dandelion

Non è così inspiegabile il salto dei 3000 euro. Ormai tutti conoscono l'"effetto clessidra" che caratterizza il mercato italiano, conseguenza della ridistribuzione della ricchezza che questi ultimi anni hanno determinato. In poche parole siamo un paese di poveracci e di ricchi. In mezzo più niente. Bene fanno a fare queste scelte commerciali. Dal loro punto di vista.

A parte le statistiche macroeconomiche, in gamma per i comuni mortali hanno o la Carbon Expert, o la versione in alluminio montata con RS Recon e ammortizzatore X Fusion (?!). La seconda non è una scelta di acquisto sensata, quindi rimane solo la prima.

Pierun
Pierun

comunque sembra abbiano lavorato molto sul fattore estetico. bel design e innovativo. ma come detto prima a parte i prezzi sembrano bici per le masse. geometrie sempre molto basiche mai troppo orientate sull’ estremo.
insomma devono accontentare molta gente e non si spingono mai oltre.

barc74
Pierun

comunque sembra abbiano lavorato molto sul fattore estetico. bel design e innovativo. ma come detto prima a parte i prezzi sembrano bici per le masse. geometrie sempre molto basiche mai troppo orientate sull' estremo.
insomma devono accontentare molta gente e non si spingono mai oltre.

Innovativo non direi proprio, è uguale alla Rallon che è stata presentata quasi un anno fa.

sembola
Pierun

…sembrano bici per le masse. geometrie sempre molto basiche mai troppo orientate sull' estremo.
insomma devono accontentare molta gente e non si spingono mai oltre.

In effetti i 63.5° di sterzo della Evo sono un po' troppo basici, hanno avuto paura di "spingersi oltre".

Pierun
Pierun
sembola

In effetti i 63.5° di sterzo della Evo sono un po' troppo basici, hanno avuto paura di "spingersi oltre".

hanno fatto gli sboroni con un modello che sarà il meno venduto per la stump. ma mi sarebbe piaciuto un reach più abbondante sulla versione 150/140. l angolo e ok. allungare e aprire implica comunque limitate la clientela perché rendi le bike più estreme da guidare. peccato perché la reputo interessante

Pierun
Pierun
barc74

Innovativo non direi proprio, è uguale alla Rallon che è stata presentata quasi un anno fa.

beh dai almeno hanno invertito la parte asimmetrica del telaio

bonny92

Sbaglio o non ho letto la cosa più importante?
hanno abbandonato il pf30 per il bsa!!!!
Per questo che nel test la bici era silenziosa

Sent from my LG-D802 using MTB-Forum mobile app

simonexc
simonexc

lo hanno già fatto sulle epic dello scorso anno 😉

wally73
wally73

enduro 2017 – epic 2018

kai
kai

Bella, mi piace, la prenderei… ma per chi come me predilige l’alluminio l’unico modello maschile è veramente una ciofeca come allestimento… fare una expert in alluminio no?

sembola
Pierun

allungare e aprire implica comunque limitate la clientela perché rendi le bike più estreme da guidare…

Appunto. Così si accontentano "gli sboroni" che su una bici da trail vogliono una geometria da DH e tutto il resto dei "normali" possibili acquirenti.
A meno che la nuova tendenza delle aziende sia di voler vendere di meno, ma non mi risulta 😉

bakunin
bakunin

Con il dpx2, x2, ma anche con il monarch rct3, ma forse con tutti gli ammo a doppia camera, il comando che chiude la compressione è nascosto dietro il braccio del telaio… mentre il lato vuoto mostra il ritorno, che nn ha bisogno di essere raggiungibile. Con l’ohlins a molla nessun problema perchè è davanti/sotto.. risulta?

Naicol
Naicol

Bella ed innovativa.

Secondo il mio parere però (e parlo da cliente Specy da oltre 10 anni) il problema sta nel fatto che va tutto bene sino a che parliamo di allestimento S-Works.

Dove a mio avviso Specy paga molto nei confronti dei concorrenti sono gli allestimenti minori.
Sono possessore della Stumpjumper Comp Carbon 2018. immediatamente l’ho montata con ruote in carbonio. Risultato? ferma la bilancia sopra i 14 kg… che francamente mi pare un peso eccessivo per una trail bike.

Per questo tipo di bici, che nascono per godere la MTB nel suo spirito all mountain secondo il mio avviso ha poco senso testare ll’allestimento top di gamma.

Non essendo bici da competizione (XC, Enduro o DH…. manca solo si inventino un circuito Trail e siamo a posto!) è difficilissimo che qualcuno spenda circa 9.000 eur, che invece spenderebbe per un mezzo da gara.

Vale più la pena testare allestimenti minori e intermedi per avere risultati confortanti. Nel mio ultimo caso, ad esempio, mi sento di bocciare la mia Stumpy 2018.

wally73
wally73

io ho la expert 2018 pimpata da me con cose che avevo. sia più leggere che più pesanti dell’originale. sono a circa 13,4 coi pedali. però purtroppo i telai della generazione swat sono più pesanti credo…
questa credo di base pesi 500 gr in meno col solo telaio…

Dn73
Naicol

Bella ed innovativa.

Secondo il mio parere però (e parlo da cliente Specy da oltre 10 anni) il problema sta nel fatto che va tutto bene sino a che parliamo di allestimento S-Works.

Dove a mio avviso Specy paga molto nei confronti dei concorrenti sono gli allestimenti minori.
Sono possessore della Stumpjumper Comp Carbon 2018. immediatamente l'ho montata con ruote in carbonio. Risultato? ferma la bilancia sopra i 14 kg… che francamente mi pare un peso eccessivo per una trail bike.

Per questo tipo di bici, che nascono per godere la MTB nel suo spirito all mountain secondo il mio avviso ha poco senso testare ll'allestimento top di gamma.

Non essendo bici da competizione (XC, Enduro o DH…. manca solo si inventino un circuito Trail e siamo a posto!) è difficilissimo che qualcuno spenda circa 9.000 eur, che invece spenderebbe per un mezzo da gara.

Vale più la pena testare allestimenti minori e intermedi per avere risultati confortanti. Nel mio ultimo caso, ad esempio, mi sento di bocciare la mia Stumpy 2018.

Concordo in pieno sui modelli sottoposti a test . Però penso che il problema nasca alla base. .e cioè che le testate giornalistiche non scelgano cosa provare ma provino ciò che viene dato in test.
Ora, sul perché alcune testino anche allestimenti medi o marchi non "nobili" ( vedi Bikeradar con le Btwin o Enduro Magazine ) e moltissimi altri no è una domanda a cui non so rispondere . Probabilmente dipende dalla dimensione aziendale raggiunta dalla testata stessa. Credo …

porksfree

Quando si presentano i nuovi modelli leggo spesso cose del tipo: mi sarebbe piaciuto un reach più lungo, un angolo sterzo più aperto o più chiuso, un altezza da terra di 3 mm minore… etc etc. Mi piacerebbe vedere questi abili piloti in un test alla cieca come si dovrebbe fare anche con i degustatori di vini.
Immaginatevi una bici resa trasparente dalla vernice di Harry Potter (così non si vede neanche l'effetto carbonio sotto la vernice trasparente) poi dopo un bel giro di 5 km in salita e 5 in discesa, gli facciamo scrivere le quote della geometria della bici provata, vorrei vedere cosa esce fuori. :mrgreen:

Marco Toniolo
Dn73

Concordo in pieno sui modelli sottoposti a test . Però penso che il problema nasca alla base. .e cioè che le testate giornalistiche non scelgano cosa provare ma provino ciò che viene dato in test.
Ora, sul perché alcune testino anche allestimenti medi o marchi non "nobili" ( vedi Bikeradar con le Btwin o Enduro Magazine ) e moltissimi altri no è una domanda a cui non so rispondere . Probabilmente dipende dalla dimensione aziendale raggiunta dalla testata stessa. Credo …

Te la dico con sincerità: facendolo "di mestiere" ogni redattore ha voglia di pedalare su bici performanti e leggere. Non una S-Works magari (solo i colleghi americani hanno la fortuna di beccarsi il top, avendo la sede Speci a pochi km), ma una expert carbon sì, per rimanere in casa S. Lo stesso vale per gli altri marchi: non scegliamo il top di gamma, ma spesso il secondo dall'alto.

Il motivo? Se vuoi capire una bici e ti ritrovi con componentistica scadente, tutto il test viene compromesso. Una volta letto il test di una "seconda dall'alto", diventa piuttosto facile estrapolare le caratteristiche del basso di gamma, in base al peso, componenti, ecc.

È anche il motivo per cui quasi tutte le aziende vogliono mandarci i loro prodotti migliori.

wally73
wally73

una delle problematiche della bici date o non date da testare credo sia la volontà o la voglia dell’importatore/distributore di darla o meno…
in america i test sono sempre stati sinceri. perlo almeno per le moto. quando correvo in cross i test veritieri delle moto da cross erano quelli di MotocrossAction. a loro se la moto faceva schifo o aveva problemi lo scrivevano. nei nostri giornali lo imparavi l’anno dopo leggendo i problemi risolti col modello nuovo…
in italia mediamente chi critica non viene preso benissimo…

masao

Si riesce a fare un po' di chiarezza sulle geometrie della evo? Non le ho trovate sul sito specialized

Dn73
marco

Te la dico con sincerità: facendolo "di mestiere" ogni redattore ha voglia di pedalare su bici performanti e leggere. Non una S-Works magari (solo i colleghi americani hanno la fortuna di beccarsi il top, avendo la sede Speci a pochi km), ma una expert carbon sì, per rimanere in casa S. Lo stesso vale per gli altri marchi: non scegliamo il top di gamma, ma spesso il secondo dall'alto.

Il motivo? Se vuoi capire una bici e ti ritrovi con componentistica scadente, tutto il test viene compromesso. Una volta letto il test di una "seconda dall'alto", diventa piuttosto facile estrapolare le caratteristiche del basso di gamma, in base al peso, componenti, ecc.

È anche il motivo per cui quasi tutte le aziende vogliono mandarci i loro prodotti migliori.

Per altro rimanendo in casa S avrebbe anche poco senso provare le versioni base, in quanto già di per se han poco senso di esistere. Ci sono solo per ovvi e ben comprensibili motivi commerciali.

sembola
masao

Si riesce a fare un po' di chiarezza sulle geometrie della evo? Non le ho trovate sul sito specialized

[​IMG]

[​IMG]

fonte: Pinkbike

Marco Toniolo
masao

Si riesce a fare un po' di chiarezza sulle geometrie della evo? Non le ho trovate sul sito specialized

sono tutte nell'articolo, scarica i file degli allestimenti

Pito

Guardavo le specifiche della Expert, ma la nuova Pike da 29 non si fermava a 140 di escursione?

Andrea#11

Le mie prime due mtb serie sono state due Specy e mi ritenevo un fedele di questa marca ma poi le politiche aziendali e il fatto che non vale più la pena comprare una Specy come poteva essere 10/15 anni fa mi hanno fatto aprire gli occhi.
È una bici come un’altra, poi gli allestimenti per chi non ha 15000€ da spendere, sono scadenti

Sent from my iPhone using MTB-MAG.com

Fenix17
Andrea#11

È una bici come un’altra, poi gli allestimenti per chi non ha 15000€ da spendere, sono scadenti

Infatti dopo aver letto l'articolo sono ancora più contento di aver preso la Trance 1

Billo
Billo

Io faccio i complimenti invece a chi ha eseguito e redatto l’articolo, che è veramente esaustivo e ricco di dettagli. Per quanto riguarda geometrie e/o vantaggi dovuti a queste, non ci capisco nulla e quindi non proseguo ulteriormente.

masao
marco

sono tutte nell'articolo, scarica i file degli allestimenti

grazie ho visto. Non riesco a capire la taglia, s2 e s3, sarebbero L e xl? Se è così a parte l'angolo di sterzo bello aperto, non sono così aggressive come reach ad esempio

brunopiru

Mi piace, ma il Reach di una stumpy non può essere mica tanto più lungo, se no che attacco manubrio si monta?
Poi il carro non compattissimo aiuta comunque a darle stabilità,
Secondo me è una geometria azzeccata

Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

SuperDuilio
SuperDuilio

Non vedo l’ora che arrivi la nuova Enduro con lo stesso attacco del mono….sarà ancora più spettacolare!!!

Dn73
SuperDuilio

Non vedo l'ora che arrivi la nuova Enduro con lo stesso attacco del mono….sarà ancora più spettacolare!!!

Così sarebbe la terza versione in tre anni. ..
Come mandare in acido i clienti Specy 🙂

fafnir

Non capisco perché si continua con sto paragone con la orbea.
Praticamente tutte le bici hanno parti identiche, freni, forcelle etc, in questo caso solo per un tubo simile pare che abbiano copiato chissà cosa.
Una bici è composta da 3 tubi in croce, è ovvio che qualcuno farà telai simili a qualcun'altro è sempre stato così e così sarà.
Mica hanno rubato un brevetto innovativo…cribbio, è un tubo insulso piegato in modo simile.
La sospensione è diversa e pure le geometrie, che avrà di simile non lo so proprio.

Marco Toniolo
fafnir

Non capisco perché si continua con sto paragone con la orbea.
Praticamente tutte le bici hanno parti identiche, freni, forcelle etc, in questo caso solo per un tubo simile pare che abbiano copiato chissà cosa.
Una bici è composta da 3 tubi in croce, è ovvio che qualcuno farà telai simili a qualcun'altro è sempre stato così e così sarà.
Mica hanno rubato un brevetto innovativo…cribbio, è un tubo insulso piegato in modo simile.
La sospensione è diversa e pure le geometrie, che avrà di simile non lo so proprio.
Potrebbe avere stesso identico montaggio e stesse geometrie, si continuerebbe a parlare del tubo [emoji16]

Ad essere onesti è Orbea ad aver copiato l'asimmetria della Specialized Demo. Se guardate la gamma di Orbea vedete anche che non è l'unica bici che strizza l'occhio al design Specialized.

Dn73
marco

Ad essere onesti è Orbea ad aver copiato l'asimmetria della Specialized Demo. Se guardate la gamma di Orbea vedete anche che non è l'unica bici che strizza l'occhio al design Specialized.

Come diceva @fafnir ormai capire chi copia chi è alquanto difficile.
Vedi anche Spectral 2018 Vs Jeffsy

Marco Toniolo
Dn73

Come diceva @fafnir ormai capire chi copia chi è alquanto difficile.
Vedi anche Spectral 2018 Vs Jeffsy

Nel caso del telaio asimmetrico non mi pare difficile. I primi sono stati quelli di Speci con la demo.

wally73
wally73

era da 1 anno che si sapeva che la nuova stumpy sarebbe stata asimmetrica…

Dn73

@marco
@wally73
Quello che intendevo dire è che a parità di soluzione tecnica le bici tendono ovviamente ad assomogliarsi un po' tutte. Tranne i casi in cui la casa produttrice non continui con sistemi tecnici propri.
Vedi Mondraker..l'abbandono di tali sistemi uniforma l'estetica. .
Vedi GT
A me importa sega onestamente, ma oggi senza grafiche molte bici è difficile darle un marchio . Anni fa credo fosse diverso .

Niko9

Quella veramente interessante e innovativa dal mio punto di vista è la EVO !
Stumpjumper una garanzia come sempre.. mi aspettavo che avesse reach più lunghi, ci vanno sempre molto cauti e come dimostra l’errore enduro 2017 non è sempre la scelta giusta.. invece azzardare così con la evo lo trovo rivoluzionario come murmur, scott genius etc .. personalmente 191 cm non posso più prendere bici così corte, ora sono a 505 di reach e chi torna più indietro !!!

Niko9
masao

grazie ho visto. Non riesco a capire la taglia, s2 e s3, sarebbero L e xl? Se è così a parte l'angolo di sterzo bello aperto, non sono così aggressive come reach ad esempio

Penso proprio siano m e l

superchicken
superchicken
Niko9

Quella veramente interessante e innovativa dal mio punto di vista è la EVO !
Stumpjumper una garanzia come sempre.. mi aspettavo che avesse reach più lunghi, ci vanno sempre molto cauti e come dimostra l’errore enduro 2017 non è sempre la scelta giusta.. invece azzardare così con la evo lo trovo rivoluzionario come murmur, scott genius etc .. personalmente 191 cm non posso più prendere bici così corte, ora sono a 505 di reach e chi torna più indietro !!!

Pensa che anche la mia ha 505 di reach e sono 188cm. A differenza di te pero' non sono cosi' convinto di aver scelto bene. 🙁

Niko9
superchicken

Pensa che anche la mia ha 505 di reach e sono 188cm. A differenza di te pero' non sono cosi' convinto di aver scelto bene. 🙁

Metti uno stem da 30 come ho fatto io

FeO
superchicken

Pensa che anche la mia ha 505 di reach e sono 188cm. A differenza di te pero' non sono cosi' convinto di aver scelto bene. 🙁

Io ho una mezza intenzione di cambiare la mia stumpy del 2016 con quella nuova…sono indeciso se quella "normale" o la evo[emoji28]

Sent from my LG-H850 using MTB-Forum mobile app

Niko9
FeO

Io ho una mezza intenzione di cambiare la mia stumpy del 2016 con quella nuova…sono indeciso se quella "normale" o la evo[emoji28]

Sent from my LG-H850 using MTB-Forum mobile app

La evo è da sbavo :sbavon:

superchicken
superchicken
Niko9

Metti uno stem da 30 come ho fatto io

Mah, così si allegerirebbe ancora di più l'avantreno che è quello che non mi piace . Probabilmente avrei dovuto prendere una taglia in meno ma non c'era ne da provare ne da ordinare.

C'dale scalp
Niko9

Quella veramente interessante e innovativa dal mio punto di vista è la EVO !
Stumpjumper una garanzia come sempre.. mi aspettavo che avesse reach più lunghi, ci vanno sempre molto cauti e come dimostra l’errore enduro 2017 non è sempre la scelta giusta.. invece azzardare così con la evo lo trovo rivoluzionario come murmur, scott genius etc .. personalmente 191 cm non posso più prendere bici così corte, ora sono a 505 di reach e chi torna più indietro !!!

Errore o strategia di vendita?

Sent from my SM-G930F using MTB-Forum mobile app

Niko9
C’dale scalp

Errore o strategia di vendita?

Sent from my SM-G930F using MTB-Forum mobile app

Può anche essere che i loro tester siano a cavallo di taglia e il prototipo era della taglia superiore quindi a loro è sembrata pure grande :mrgreen::smile:

C'dale scalp
Niko9

Può anche essere che i loro tester siano a cavallo di taglia e il prototipo era della taglia superiore quindi a loro è sembrata pure grande :mrgreen:[emoji2]

Perciò non è un errore!
Ogni ciclista ha misure biometriche diverse, non è che la moda del basso e lungo é una regola perfetta, soprattutto se ci devi pefalare in salita.
Diverso è se fai le salite meccanizzate. [emoji6]

Sent from my SM-G930F using MTB-Forum mobile app

Niko9
C’dale scalp

Perciò non è un errore!
Ogni ciclista ha misure biometriche diverse, non è che la moda del basso e lungo é una regola perfetta, soprattutto se ci devi pefalare in salita.
Diverso è se fai le salite meccanizzate. [emoji6]

Sent from my SM-G930F using MTB-Forum mobile app

La bici bassa lunga e aperta sale meglio e alleggerisce meno sul ripido, questa è la mia esperienza.. poi può in generale non essere così ma a me è successo così.. enduro 29 2017 impennava da matti pur essendo corta e piantone sella molto verticale, camber 2016 impennava tanto corta e chiusa.. hightower lt lunga aperta incollata stem 30 un piacere sul ripido non devo più andare tutto avanti in punta di sella, tallboy lunga ma più un pochino più chiusa alleggerisce pochissimo non da andare avanti in punta di sella ma si percepisce qualcosa.. entrambe piantone sella più arretrato, sulla carta dovrebbe essere il contrario ma invece…. più peso distante (lontano) c’è davanti meno impenna più distante è la ruota davanti meno impenna

C'dale scalp
Niko9

La bici bassa lunga e aperta sale meglio e alleggerisce meno sul ripido, questa è la mia esperienza.. poi può in generale non essere così ma a me è successo così.. enduro 29 2017 impennava da matti pur essendo corta e piantone sella molto verticale, camber 2016 impennava tanto corta e chiusa.. hightower lt lunga aperta incollata stem 30 un piacere sul ripido non devo più andare tutto avanti in punta di sella, tallboy lunga ma un pochino più chiusa ,alleggerisce pochissimo , non da andare avanti in punta di sella ma si percepisce qualcosa.. entrambe piantone sella più arretrato, sulla carta dovrebbero essere il contrario in salita, questo viene sempre detto, bici chiusa e piantone verticale.. ma invece a me è successo il contrario… lunga e aperta meglio in salita e discesa.. curvare ? Pure meglio , stem 30 direttissima.. più peso distante (lontano) c’è davanti meno impenna più distante è la ruota davanti meno impenna

Io ho una enduro 29 2017 e in salita non ho questo problema, anzi la trovo incollata davanti, forse usavi troppo sag al posteriore.

Sent from my SM-G930F using MTB-Forum mobile app

salukkio

La prima Specy che mi piace

Sent from my SM-G935F using MTB-Forum mobile app

Pito

@marco proverete anche la LT?

Marco Toniolo
Pito

@marco proverete anche la LT?

se non sbaglio la sta provando Ian

Pito
marco

se non sbaglio la sta provando Ian

Grazie!