MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Test] Specialized Stumpjumper FSR Expert Carbon 650b

[Test] Specialized Stumpjumper FSR Expert Carbon 650b

[Test] Specialized Stumpjumper FSR Expert Carbon 650b

30/11/2015
Whatsapp
30/11/2015

[ad3]

Dopo il test della Specialized Stumpjumper FSR Comp 6Fattie, ora tocca alla sorella con gommatura tradizionale e ruote da 650b, presentata pochi mesi fa dal brand californiano. Ha 150mm di escursione anteriore e posteriore, e rientra nella categoria Trail Bikes.

IMG_5451

Analisi statica

La Stumpjumper Expert Carbon fa parte dell’alta gamma di Specialized: solo la S-Works è un gradino più in alto in quanto a componentistica. Il telaio in carbonio Fact 9m, con carro in alluminio M5. La sua grande particolarità sta nel vano portaoggetti SWAT, raggiungibile una volta aperto il coperchio su cui è avvitato il portaborraccia.

IMG_5471

Una particolarità che può essere solo costruita con il carbonio: impossibile, infatti, raggiungere una rigidità minimamente sufficiente con l’alluminio. Interessante anche la costruzione interna al telaio: ai due lati dell’apertura dello SWAT si possono vedere chiaramente i passaggi cavi interni. Facile dunque far scorrere il tubo del freno posteriore (per esempio), una volta inserito nell’apertura presente sotto il movimento centrale.

IMG_4381

L’uscita è predisposta presso la scatola sterzo.

IMG_5457

Il telaio rimane così molto pulito, anche se un cambio del freno posteriore ne richiederà lo spurgo.

Lo schema di sospensione è l’FSR, con lo snodo Horst posto appena sotto il perno passante posteriore. Bella la soluzione del perno 142×12 svitabile con una brugola del 5: se la mancanza di un quick release potrebbe far storcere il naso a qualcuno, questi resti rassicurato che il perno non tende a svitarsi da solo, come spesso accade con i QR, e soprattutto non sporge minimamente, non dando così fastidio alle caviglie quando si spinge la bici.

IMG_5467

L’ammortizzatore è un Fox Float Factory CTD con custom tuning e valvola per l’autosag, una prerogativa di casa Specialized, pensata per aiutare a trovare il giusto sag anche a chi non mastica molto di regolazioni. Proprio sopra l’ammortizzatore trova posto un’altro componente SWAT: il multitool.

IMG_5474

Una semplice pressione è sufficiente per metterlo saldamente in sede, senza che venga perso a causa degli urti. Lo smagliacatena e due falsemaglie si trovano invece nella serie sterzo.

IMG_5463

La forcella è una Rock Shox Pike RC Solo Air da 150mm di escursione. Oltre alla regolazione del ritorno, offre anche quella della compressione con 6 posizioni del pomello destro, che permettono anche di chiuderla quasi completamente.

IMG_5473

Massicci i cerchi, con 29mm di canale interno: dei Roval Traverse in alluminio, con 24 raggi all’anteriore e 28 al posteriore. La gommatura è di casa Specialized: un Butcher davanti e un Purgatory dietro, entrambi da 2.3, entrambe latticizzate. Da notare la generosa spaziatura del carro posteriore.

IMG_5462

La trasmissione è una SRAM X1 1×11, con pedivelle in carbonio S-2200 e corona da 30 denti.

IMG_5475

Il deragliatore anteriore può venire montato solo previo acquisto del Taco Blade, mentre di serie è il guidacatena, fissato all’attacco ISCG05.

I freni sono i comprovati Shimano XT, modello 2014, con dischi da 180mm all’anteriore e 160mm al posteriore. La scelta è ottima per la performance di frenata, il manubrio resta un po’ caotico per l’ingombro dell’attacco Shimano.

IMG_5460

Il reggisella telescopico è uno Specialized Command Post IRcc da 125mm di travel, passaggio cavo interno e comando remoto a manubrio.

IMG_5465

Geometria

Screen Shot 2015-11-28 at 15.35.50

La bici in test è una taglia M.

Salita

IMG_4373

La posizione di pedalata piuttosto eretta mi aveva colpito, la prima volta che ero salito in sella alla Stumpjumper FSR 650b, e avevo dei timori sulla sue capacità di scalatrice. Il reach di 414mm, unito ad un attacco manubrio corto (40mm), mi avevano fatto credere che la taglia fosse troppo piccola per me, visto che di solito mi trovo a cavallo fra una M ed una L. Mi sbagliavo.

Coadiuvato da un angolo sella bello verticale, mi sono subito trovato a mio agio sia sulle salite scorrevoli che su quelle tecniche. La posizione di pedalata è molto efficiente, ed il comportamento della sospensione posteriore è ben sostenuto, rimanendo chiaramente nella prima parte dell’escursione ed evitando di insaccarsi, anche quando l’ammortizzatore è tutto aperto. Ho utilizzato circa il 25% di sag.

Per la prova definitiva ho percorso più volte durante la stessa settimana quello che per me è il trail per antonomasia, cioè la traversata da San Lucio alla Capanna Monte Bar, sopra Lugano. Un sentiero di 7km in continuo saliscendi, con tratti tecnici sia in salita che in discesa, ed in parte esposto. Per farlo bene necessito di una discreta forma fisica ( devo spararmi 1.100 metri di dislivello per raggiungere da casa il punto di partenza) e di una bici il cui anteriore stia ben incollato al terreno, per poter superare alcune rocce ripide e tecniche. Di solito è difficile trovare queste caratteristiche in un mezzo con ben 150mm di escursione, quindi potete immaginare la mia sorpresa dopo essere riuscito a superare tutti i passaggi critici la prima volta che li percorrevo con la Stumpjumper FSR 650b.

Uno dei miei dubbi risiedeva anche nell’altezza del movimento centrale, con 335mm piuttosto bassa. Un colpo ai pedali nel punto sbagliato, e mi sarei capottato giù verso la Val Colla. Invece, anche qui, ho avuto zero problemi. Devo anche dire che, ultimamente, sempre più bici hanno il movimento centrale basso, e dunque mi sono abituato a questa caratteristica.

Alla fin della fiera, sono riuscito anche a conquistare il KOM su Strava nel tratto di sentiero di cui parlavo prima. Un mix fra efficienza di pedalata ed agilità nello stretto che mi ha letteralmente esaltato.

IMG_5469

Sicuramente uno dei fattori che mi ha dato una mano è stata la possibilità di girare senza zaino sulle spalle. Non solo per le temperature primaverili di questo autunno, ma anche per aver potuto mettere camera d’aria di scorta, pezze, pompa, barrette energetiche e alcuni gel nello scompartimento SWAT. Inutile girarci attorno: uno zaino fa sudare di più, richiedendo più energia e fluidi al corpo, e in discesa è d’impaccio (anche se uno poi vi si abitua). Vi posso dire che lo SWAT nel telaio è una di quelle cose che vale da sola l’acquisto di questa bici.

IMG_4388

Gli oggetti non vagano liberi nel telaio, ma sono avvolti da dei teli muniti di chiusure in velcro. Ne ho usato uno per la pompa, e uno per il resto. In questo modo non creano nessun rumore. Quello più grande , in foto, ha una linguetta che permette di “tirarlo” giù dal tubo obliquo, in cui viene spinto dentro.
Multitool e smagliacatena sono sempre insieme al telaio. L’unica cosa che uno deve fare è riempire la borraccia, poi si è pronti a partire. Una bella sensazione di avere tutto con sè, malgrado la mancanza dello zaino.

IMG_5466

È importante anche aggiungere come tutto il “pacchetto trail” messo a punto da Specialized sia perfetto, rimanendo in tema salita: la corona da 30 denti, su una 27.5, permette di arrampicarsi dovunque, la sella Body Geometry è comoda fin dal primo giro, e le gomme sono scorrevoli anche quando si deve pedalare su asfalto. A ciò si aggiunge una decisa chiusura dell’ammo, sempre benvenuta lungo salite scorrevoli.

IMG_5468

Una cosa che mi ha dato leggermente fastidio è stato il carro piuttosto largo, contro cui è facile sbattere i talloni se si ha una posizione dei piedi leggermente “a papera”. Non siamo comunque ai livelli dei carri di alcune altre bici e dopo una prima fase mi sono abituato e il problema non si è più presentato.

Discesa

IMG_4361

Immagino che, dopo aver letto tante lodi nel capito salita, uno si possa attendere qualche critica in discesa. Niente da fare. La Stumpjumper FSR 650b è semplicemente fantastica anche in discesa. Riassumo in tre parole quello che poi spiegherò: agile, con baricentro basso e stabile.

Agile e stabile di solito non vanno molto d’accordo, però qui gli ingegneri Specialized si sono dati una bel da fare per trovare la quadra, con un reach appena più piccolo dell’Enduro 650b (414 contro i 421mm dell’Enduro), un angolo sterzo di 67°, dei foderi posteriori molto corti e un movimento centrale basso, che in curva permette di tirare delle linee molto aggressive. Aggiungiamoci il peso dello SWAT nella parte bassa del tubo obliquo (al posto che sulla schiena), ed ecco che questa bici si comporta alla grande nei tratti veloci, coadiuvata dalla solita qualità della Rock Shox Pike e da un carro molto sensibile e piuttosto lineare tranne che nella parte finale della corsa. Un gran contributo arriva anche dalla combinazione gomme + cerchi larghi, cosa che permette di girare a pressioni leggermente più basse, aumentando il grip.

IMG_4360

La prima volta che l’ho portata sul solito sentiero con delle curve molto strette, sono rimasso di stucco per la facilità con cui sono riuscito a girare, paragonandola ad altre bici con minore escursione e che quindi, in teoria, si sarebbero dovute comportare meglio.

Proprio questo è il punto: 150mm davanti e dietro sono delle misure molto prossime all’enduro, eppure non si ha la sensazione di girare con una bici dalle escursioni così generose, fin quando non le si usano su gradoni o tratti scassati e veloci. È come se la SJ avesse due anime o, in parole povere, è bilanciata estremamente bene fra agilità e capacità di mangiarsi via dei grandi ostacoli.

L’assorbimento degli urti è ottimo, da parte del carro, ma la bici rimane comunque molto vivace ed è facile pomparla da una parte all’altra del sentiero, anche grazie alla sua rigidità complessiva.

IMG_4362

Conclusioni

La Specialized Stumpjumper FRS Expert Carbon 650b alza l’asticella di quello che è possibile fare con una trail bike. Molto efficiente in fase di pedalata, agile e al tempo stesso molto capace in discesa, offre una soluzione geniale, per ora unica sul mercato, per evitare di portarsi dietro lo zaino grazie al compartimento posto nel tubo obliquo. Pur avendo un’escursione generosa, si presta perfettamente a giri epici e a lunghe pedalate tecniche. Chi la farà sua non la mollerà più.

Peso rilevato (senza pedali): 12.5 kg
Prezzo: 6.090 Euro
Tutta la gamma ed i prezzi di Specialized 2016
Specialized.com

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Superdino
Superdino

É previsto anche il test della 29er?

montagnoso
montagnoso

così sembrerebbe la bici totale….
il telaio della s-works dovrebbe essere in carbonio fact-10 ( non fact-9 come la expert), a differenza di quello tipico di specialized per il top gamma che era fact-11, chi sa perché?
Paragone con la Enduro, si avverte la mancanza dell’archetto tra i foderi alti del carro post.?

cerbonim
cerbonim

una curiosita’ : il parafanghino e’ utile o e’ solo un vezzo estetico ?(se e’ utile lo monto)

crifla
crifla

Bel test! Cmq possono non piacere o no…ma certe soluzioni tipo swat etc le trovo geniali!
Quante volte in giri brevi ho lasciato a casa lo zaino e mi sono preso il rischio di girare senza pompa, camera e attrezzi! Inoltre bici azzeccatissima e bilanciata a quanto pare…

alcos
alcos

domandina… ma mettere, diciamo, 1 kg di roba nello SWAT e quindi la bici pesa 1 Kg in più, vale come metterlo nello zaino a livello di prestazioni complessive (salita)?

David Fregoli

In discesa è senz’altro un vantaggio avere il peso piu in basso, sia per la stabilita sia per i cambi di direzione il baricentro piu basso aiuta

markxxx79
markxxx79

…sempre stata una bella bike , adesso è pure meglio , certo fà impressione oggi chiamare trail bike una doppia 150 , cmq è bellissima migliorata anche nei colori che l’anno scorso non mi piacevano per niente ….il suo unico difetto rimane il prezzo !

PolSeven
PolSeven

Sicuramente uno tra i miei sogni proibiti, ma credo di essermi perso qualcosa: 150-150 parliamo di trailbike? Quindi adesso le AM sono da considerarsi le 160-160?

spiri
spiri

… la fine dell’enduro? che mostro di bici!

David Fregoli

La fine di chi compra una enduro per farci trail/am, più che altro

gaios73
gaios73

Sacrosanto.

Ilmonarca
Ilmonarca

se posso aggiungere una cosa…lo zainetto può essere pericoloso perchè gli oggetti più duri possono far male alla schiena in caso di caduta…magari lo zaino vuoto protegge, ma oggetti duri possono rappresentare pericolo…e poi lo zaino da solo fa mezzo kilo…quindi la toluzione

Riki174
Riki174

Ciao @Marco.
Scrivi che l’ammo è ben sostenuto anche da aperto, ma vorrei avere una tua opinione in dettaglio sul CTD.
Sullo scorrevole (asfalto e non) la bici per me deve essere assolutamente ferma anche in fuorisella dunque la domanda è: questa Speci si comporta così? Quanto rimangono libere le sospensioni?
Capire il comportamento delle sospensioni su scorrevole (trasferimenti, giri lunghi che prevedono salite asfaltate ecc…) di una bici all-round come questa per me è molto significativo.
Grazie 🙂

Worldbike Formia

Prendi con le pinze quanto ti dico, perchè comunque ognuno di noi ha un modo diverso di andare in bici e diverse preferenze nel setup delle sospensioni (a me piaccono plush), ma mi sono sbarazzato di una SJ FSR (29″) proprio a causa del bobbing eccessivo.
Posizionando il Float su C (Climb), la sospensione posteriore diventava piuttosto rigida ed il bobbing si risolveva del tutto, ma già in T si faceva avvertire ed in D sembrava di pedalare in groppa ad un cammello.
A mio modesto e personale parere, una full deve lavorare con la sospensione posteriore anche in salita e su qualsiasi fondo che non sia asfalto liscio, per cui trovo contradditoria (e fastidiosa) la necessità di agire continuamente sulla levetta dell’ammortizzatore per evitare il mal di mare.
Ovviamente siamo nell’ambito delle valutazioni soggettive (oltretutto riferite ad un modello da 29″ di qualche anno fa), per cui non voglio in alcun modo denigrare il modello qui proposto o far passare per assolute le mie osservazioni sulla famiglia Stumpjumper FSR.

Riki174
Riki174

Guarda…io ho una Scalpel 29 con un cinematismo single pivot (?) che ad ammortizzatore aperto rende la bici dispersiva in pedalata…non esiste fare Km in pianura o salite ad ammo aperto.
Il CTD che avevo montato di serie era: C=non chiuso T=aperto D=aperto…praticamente avevo la versione TD, e mi dava estremamente fastidio, quindi sono passato a un Monarch XX che è o tutto aperto o tutto chiuso, e grazie al comando remoto me la cavo alla grande (puta caso dal 2015 lo montano di serie).
Certo, volendo passare a una bici trail come questa sarebbe davvero opportuno avere 3 ben distinti livelli di intervento dell’ammortizzatore, con una modalità di blocco che davvero fermi del tutto il carro (e forcella).

Billo182
Billo182

Ciao, non tende ad impennare nei tratti di salita più ripidi? sopratutto nel superamento di roccette o strappi come quelli del trail in questione?

Cadricar
Cadricar

dai una bella comparativa ta le nuove AM la dovete fare!
esteticamente è super! ci sta un reverb da150?

Haran
Haran

Certo dev’essere bella robusta, però avere un buco così grosso nel tubo obliquo mi turba un po’

@lberto
@lberto

Il reggisella telescopico resta da 125 anche nelle taglie più grandi (L e XL)?

jomark
jomark

Sulla carta, e ora sembrerebbe anche in pratica, veramente un gran bel mezzo…Già presa da qualche socio di pedale…L’ho vista dal vivo un mesetto fa’ e ho subito pensato “ecco,questa sarà il bestseller 2016”.A dire il vero qualche altro socio di pedale passerà dalla sj 29″ – 2015 all’enduro 27,5 – 2016 ma e’ gente che in discesa scende cattiva…
Mi lascia perplesso lo swat, nel senso che e’ sicuramente utilissimo,ma solo per i giri corti, quando esco in montagna oltre a ciò che sarebbe contenuto nello swat mi porto ricambio e protezioni,che li purtroppo non ci stanno…In ogni caso gran bella bici…Se quest’anno cambiassi la mia questa sarebbe la mia prima scelta , incalzata dalla yt-capra ( ma solo perche’ costa decisamente molto meno!!! ).
Questa livrea molto “black-carbon” con pochi tocchi di colore poi mi piace un casino!!!!

jomark
jomark

Ps…Mi unisco anche io a chi chiede il test della 29″

Devastazione
Devastazione

Specy non sbaglia mai.

funsmart
funsmart

Non mi piace tanto (esteticamente) il tubo orizzontale e la trovo veramente troppo cara, ma mi piacerebbe senz’altro averla, mi pare di poterla definire al top delle mie esigenze, secondo la descrizione fatta nel test.
lo Swat poi mi pare davvero una gran bella idea.

Devastazione
Devastazione

34 commenti e nessuno che dice niente sul pezzo ( e sui freni XT vecchi ). O è perché è Natale o vi state rammollendo tutti…????

menollix
menollix

6000€ sono tanti… ma se vuoi la 150mm da 12kg… e soprattutto se c’è chi la compra fanno bene
a tenerli così!
Se non ne vendono vedrai che il prossimo listino aggiusteranno il tiro 😉

David Fregoli

Di 150mm da 12.5kg ce ne sono a bizzeffe sotto i 6000 €, il peso non è certo la cosa piu entusiasmante di questa bici

lenorecannan6
lenorecannan6

domanda provocatoria : possibile che per anni ci sia stato detto che i telai erano studiati grammo per grammo , millimetro per millimetro per essere più rigidi robusti e resistenti possibile , e ora arriva un genio che ci piazza un mega buco nel mezzo e tutto funziona alla grandissima lo stesso ??

cioè, immagino ovviamente (o almeno spero) che dietro ci siano studi approfonditi e test di ogni tipo, ma rimane comunque il dubbio di scendere discese scassate con un telaio nel quale manca un pezzo del tubo obliquo. boh ?!?!

cmq molto bella e pare davvero ben studiata.

bompao
bompao

Lo SWAT è una di quelle cose tutto sommato semplici che ti fanno dire: “Perchè non ci hanno pensato prima???”
Come funziona lo smagliacatena contenuto nella serie sterzo? E’effettivamente utilizzabile sul campo per smontare la maglia rotta/danneggiata?

Devastazione
Devastazione

Usato una volta sulla Epic,funziona benissimo,se la sono pensata proprio bene.

mountaindoctor
mountaindoctor

Confermo quanto riportato sopra, smagliacatena comodo e di facile utilizzo sul campo.

LorenzoPastesini
LorenzoPastesini

Marco,
quanto sei alto ? che misura dic avallo hai ?
Condivido appieno la recensione avendola provata e possedendo una Enduro Expert

grazie

gasate
gasate

Lo chiede il popolo a gran voce. Test della ventinove e poi confronto tra le due. Facci la comparativa

frusketti
frusketti

Veramene bel mezzo!
Esiste in commercio un sistema tipo lo swat ma esterno, dal montare al posto del portaborraccia? una specie di “scatolotto” di plastica, rigido, dove mettere le cose per le piccole uscite?

DoubleT
DoubleT

per le piccole uscite, cosa serve? le chiavi dell’auto, la carta d’identità (personalmente mi porto dietro la tessera sanitaria), un po’ di denaro, il cellulare, un minitool, una camera d’aria con un levagomme, una pompetta. ma perché “tutta” ‘sta non può stare nelle tasche posteriori della maglia?

EmilianoNF
EmilianoNF

certo che ti sta tutto…..ma cadere ad una certa velocità-altezza…con delgli oggetti attaccati alla schiena nn è il massimo…..

DoubleT
DoubleT

sì, hai ragione. ma abbiamo pedalato per anni mettendo tutto sulle tasche posteriori della maglia, e sinceramente non si è mai sentito nessuno (almeno io, e non pedalo da ieri) rimasto ferito a causa di quelle quattro cose messe lì dietro, quindi…

FOF
FOF

Ho recentemente venduto la 29 EVO, ha sostanzialmente le medesime geometrie, e’ una bella bicicletta ma, limite mio, ho sempre sofferto il condizionamento mentale di essere inadeguato sia in salita, le front mi facevano mangiare la polvere, che in discesa, le enduro mi sverniciavano. Oggi ho una Enduro con la E maiuscola, qualcuno continua a sverniciarti ma almeno sono certo che il problema è solo nel pilota! Le trail sono per ciclisti razionali, i fanatici come me devono puntare agli estremi.

vagabondo73
vagabondo73

Le Roval come le hai trovate?

FeO
FeO

Io sabato ho ritirato la versione comp da 29 dopo aver venduto la comp in alluminio, devo dire che mi ha convinto sopratutto in salita , in discesa l’ho trovata più precisa e agile di quella “vecchia”. Il sistema swat mi ha creato qualche perplessità prima dell’acquisto, vediamo se nel lungo termine crea problemi. Per ora ho fatto una settantina di chilometri e la promuovo a pieni voti.

Paolino79
Paolino79

Premetto che sono un fan specy, ho avuto diversi modelli e ho una stj fsr 29 del 2014. Adoro Specialized.
Ora, capisco la presunta comodità dello SWAT ma deturpare un obliquo con quella specie di botola lo trovo raccapricciante. Ho visto un modello in negozio con questo ”accrocchio” e se per caso non usi la borraccia, ti ritrovi quella porticina che sembra una cabina telofonica in miniatura! E per cosa poi? Per mettere una bomboletta co2, una camera d’aria…….personalmente lo trovo orribile. Sarà che trovo così comodo lo zaino che ormai lo uso anche per andare a prendere il giornale ma davvero ragazzi, un telaio specy in carbonio di quella fattura e di quella bellezza con quel COSO è terrificante.
Dopo aver speso 6000euro almeno datemi un telaio senza cabina telefonica per puffi!!!

Claudio66
Claudio66

Dimentichi che lo zaino avrà certamente una protezione per la schiena, motivo in più per portarlo!

Alessandromtb80

Si diceva la stessa cosa per i monocorona nei confronti della tripla…

Gxp
Gxp

Sono daccordissimo con chi scrive che lo sportello ricavato nel tubo lascia esterrefatti dopo secoli di rincorse a compattezza e rigidità telaistiche, tanto maggiori quanto più si parla di bici da discesa.
Un pò come le ruote fat e plus che arrivano dopo decadi di predicazioni sulla leggerezza delle ruote.
Aggiungo che al test day che c’è stato recentemente a Roma a Villa Pamphili, ho avuto modo di provarla e ho notato che sulle rampe più ripide tende molto ad impennare. Tutti i miei amici che erano con me hanno rilevato la stessa dinamica. In discesa invece un vero “divano”

Paolino79
Paolino79

Sono d’accordo. La Camber ha preso il posto della ”vecchia” stj fsr, quella nuova è più votata all’enduro, mentre i modelli precedenti al 2014 erano più ”universali”. Parere personale……

FeO
FeO

Guarda io ho la 29 comp, forse rispetto alla 27,5 si comporta in modo diverso, però a me l’anteriore non si è mai alzato neanche sui ramponi…

LorenzoPastesini
LorenzoPastesini

Marco,
quanto sei alto ? che misura di cavallo hai ?
Condivido appieno la recensione avendola provata e possedendo una Enduro Expert

grazie

EmilianoNF
EmilianoNF

Secondo me le ultime innovazioni sono:
-il telescopico
-la Mondraker Forward Geometry, per intenderci…
-lo SWAT, quest’ultimo, anche se già il m.tool.e lo s.catena erano una ben pensati, la completezza del sistema, con l’aggiunta del vano è formidabile.

Poi uno può nn comprarla.

Claudio66
Claudio66

Come sempre il tempo giudicherà la validità delle super innovazioni. . .

scaligero
scaligero

scusa, ho sbagliato volevo darti un positivo, infatti io ho la camber comp carbon e il sistema swat e semplicemente fenomenale, io odio avere lo zaino e nei giri corti adesso non lo porto piu’…..poi a chi dice che non serve rispondo che non si e’ obbligati a usarlo xo si ha la possibilità di scegliere…..

gasate
gasate

Basta a questo punto la devo vedere dal vero basta fotografie.
Ma più se mi viene voglia di comprarla? Come faccio?

gabrireghe
gabrireghe

Ma state testando le camere d aria evolution della schwalbe? Quelle super leggere?

francomassolin
francomassolin

Interesato anch’io ad una prova della versione 29″, dovrebbe essere ancora più redditizia in salita…

ad esempio in una review si dice questo:
“Jumping off the S-Works 29er onto the S-Works 650B the trails felt very different to ride indeed, not so much easier or faster, we were just able to ‘let it hang out’ a bit more and that’s more our style, but of course not everyone’s.
We laid the bike right over onto the sides of the tyres, spent more time drifting with a foot off the pedals and the smaller wheels made those tight turns and quick decisions happen with a real snappy action.”

C’è in programma un test anche della versione 29″?

giorgiomartini
giorgiomartini

Il maggior svantaggio dello zaino (oltre che la sudorazione) è che il peso degli oggetti si trova in alto e grava sul fondoschiena (con tutti i problemi di affaticamento correlati, soprattutto nei giri lunghi). Se gli oggetti sono attaccati alla bici il loro peso grava solo su di essa ed il baricentro è spostato più in basso. Chi fa il bikepacking o il cicloturismo infatti porta un sacco di roba in borse attaccate alla bici, ma cerca di evitare di portare lo zaino o comunque vi mette preferibilmente gli oggetti più leggeri.
Personalmente preferisco portare gli attrezzi nel borsello sottosella, l’acqua nella borraccia sul portaborraccia, la pompa attaccata al telaio e tutto il resto in tasca (camera d’aria, telefono, cartografie, chiavi, cibo).
Solo se devo portare delle protezioni o per giri di più giorni uso uno zainetto, che in questo caso può funzionare da protezione per la schiena.

gigix
gigix

Mi potresti dire le differenze maggiori (salita e discesa) rispetto alla bronson 1 che presumo sia meno discesistica della 2 rispetto alla quale ti sei già espresso?

gigix
gigix

Potresti inoltre specificare le maggiori differenze nell’uso tra i due sistemi di sospensioni posteriori ovvero horst link e virtual pivot in discesa ed in salita?

kabal
kabal

A me piacerebbe sapere se i giudizi così positivi sulle qualità di salita (sarebbe il mio sogno affrontare in salita sentieri tecnici senza che la ruota anteriore s’impenni) e discesa di questa bici possono essere estesi anche al modello in alluminio, quello qui sotto

http://www.mtb-mag.com/wp-content/uploads/2015/07/93316-63_SJFSR_I1-COMP-650B_BLK-RKTRED-750×435.jpg

Che costa 3000 euro in meno!!

Per quanto mi riguarda, ritengo lo SWAT una bella invenzione, ma per i miei giri di fine settimana, quelli che contano davvero, userei in ogni caso lo zaino.
Già ora comunque metto gli attrezzi più pesanti in un contenitore cilindrico al posto della borraccia.
E forse si potrebbe fare anche di più con un contenitore, chessò, in cordura di dimensioni adeguate.
E comunque immagino che il multitool, lo smaglia catena etc. trovino comunque il loro posto anche nel modello in alluminio… o no?

Adri26
Adri26

ho la versione 29 comp in alluminio…purtroppp specialized se le fa pagare…oltretutto la comp esce con freni e forcella che se cerchi prestazioni in discesa li devi cambiare…quindi tra pike e impianto xt (per esempio) spendi altri 700 euro circa…però che bici ragazzi…in discesa è una bomba ed in salita un mostro…non s impenna (tanto che mi sono permesso di prendere una pipa più corta)…a parer mio…per 300 gr che risparmieresti con il telaio in carbonio (ovvio che parsonalmente non ritengo il telaio in carbonio essenziale) non conviene ..o meglio…prendi una comp a 2.600 e con mille euro in più di upgrade hai una bici con i controcaz…

biker 69
biker 69

Ottimo test, gran mtb davvero,mi piacerebbe un test di confronto con altre Trail bikes,tipo Fuel Ex, Genius, ecc. è in programma? o è complicato da fare?

logio
logio

Dunque….
-escursione posteriore 150 c’è!
-escursione anteriore 150 pure
-angolo sterzo 67° anche
-angolo sella 74 c’è!
-lunghezza carro 420mm c’è!
ma vuoi vedere che l’obsoleta specy Pitch del 2008 aveva già tutte le cartatteristiche della “bici totale” che ha questa stumpjumper, fatta eccezione per le ruote da 26? ah già, ma prima dovevano vendere l’enduro 29! ahahahha

miki99
miki99

Nella SWAT ci entra il trolley da cabina o va stivato?

mountaindoctor
mountaindoctor

Con Ryanair andrebbe stivato, ma ora permettono portarti dietro un piccolo marsupio e così risolvi…

gmzolenart
gmzolenart
Velocity
Velocity

Io trovo assurdo spendere 6000€ per un mezzo del genere per poi zavorra il telaio con attrezzi camere e pompetta difatto raggiungendo il peso della versione alu che costa la metà. Un amico l’ha presa (versione alu) cambiando freni forcella (pike al posto della Revelation ) più altre piccole modifiche e con poco più di 3000€ si è fatto un mezzo eccezionale.Gli attrezzi e il resto li porta nello zaino insieme alle protezioni cibo acqua e kit emergenza cellulare e chiavi auto che dubito ci stiano nel buco del telaio…E poi secondo me una bici da 150mm non è il mezzo adatto a giri brevi senza portarsi lo zaino come si fa nell’Xc dove ad esempio non servono protezioni ecc…

EmilianoNF
EmilianoNF

Mah Velocity….io trovo assurdo che l’abbiano inventato solo ora!
Zavorri ben poco, tanto quello è peso che sulla bici o su di te, implica cmq energie, con il fatto che in discesa è orientato nel punto più basso, quindi comodo, nel caso di cadute è più sicuro che avere la roba nella maglietta…
Per quanto mi riguarda ho girato sia con zaino, maglia con le tasche, ora con marsupio….e credo che questa soluzione sia più che comoda, in oltre è l’unico telaio a disporre di questo vano….tt gli altri no….quindi nn è un nuovo standard.

In oltre io sei mila euro nn li spendo su una bici, perchè nn li ho…e farei come il tuo amico probabilmente, che mi è sembrata un’ottima soluzione.
Ciò nn toglie che lo S.W.AT sia innovativo.

daniele0511

Scusa Velocity, ma pompa multitool e camera di scorta te li devi portare dietro comunque, indipendentemente dal materiale del telaio. Quindi non “zavorri” un bel nulla, è comunque massa da accelerare e far salire di quota. La differenza sta nei giri medio corti a mezza stagione, quelli da 2/3 ore, in cui non avere uno zaino semivuoto in spalla fa la differenza.

Velocity
Velocity

Il tipo di materiale non c’entra nulla, parlavo del peso che la bici raggiunge infilando nel telaio l’attrezzatura di cui sopra ..E non venitemi a dire che con una Mtb del genere anche in un giro breve da 3h non servono protezioni acqua e qualcosa ma mangiare perché significherebbe la state usando su qualche sentiero pianeggiante dietro casa dove non servirebbe portarsi queste cose….

wally73
wally73

rispondo a random di quello che mi viene in mente… sono stato un felice possessore della stumpjumper evo 26 ed è una delle migliori mtb che ho avuto. un equilibrio favoloso. modificata con una 36 da 160 ci facevo dall’xc a qualche uscita in BP. pimpata il giusto, in alluminio ottimo peso. veramente un mezzo che fa dell’equilibrio la sua dote migliore… hanno continuato ad affinare la cinematica del carro e dalle stumpjumper del 2010/11 dove senza talas non si usciva dal garage adesso sono dei mezzi con una resa in pedalata super e con la facilità in discesa che secondo me l’horst regala… per lo swat, già il portaborraccia col multitool sotto è una sciccheria, qui andiamo oltre. io faccio sia giri enduro con zaino con paraschiena, sacca e tutto il resto, sia giri trail dietro casa, 2 orette dove già borraccia tool e camera d’aria sono più che sufficienti. poter avere tutto integrato lo trovo geniale. una volta si usavano i borselli sottosella, ma è proprio brutto. anche gli XC adesso li vedo con la camera attaccata al telaio col nastro. posso poi dire che vedere la maglietta gonfia di roba oltre che pericoloso per reni e schiena, è anche brutta a vedersi ?? anche nelle uscite in BP, paraschiena, maglietta e quelle 2/3 cose per tornare alla funivia che serve avere sempre… per il montaggio è molto equlibrato, il prezzo è alto ma in linea con le altre del segmento che non abbiano vendita online. unica cosa… Read more »

rimirkus1975
rimirkus1975

Stupendo mezzo ed ottime soluzioni tecniche come lo SWAT di Mr.Gadget . Trovo un “difetto” : per chi la acquista e spende 6.000-8.900 Euro , nei BP o in discese tecniche a bomba può provocare una sindrome psico-tecnica (il cervello induce a pensare oltre all’incolumità fisica anche a quella finanziaria in caso di rotture!) il che induce a non sfruttare appieno il mezzo ; ovviamente ciò non si verifica se non si sborsa in prima persona o sei Mr. Euro

DoubleT
DoubleT

bravo! condivido in piano l’affermazione “provocare una sindrome psico-tecnica (il cervello induce a pensare oltre all’incolumità fisica…”, perché proprio da quando ho cambiato bike (anche se non è una specy), effettivamente è così. le bike moderne perdonano molto, per cui chi inizia oggi va certamente meglio, ma se sbaglia si fà certamente peggio.

Bald
Bald

@Lollo se spendi tot è perché te lo puoi permettere, almeno si spera…

E comunque il tuo ragionamento è molto parziale, c’è chi ha paura di rovinare la bici di terza mano della Decathlon e chi se ne impippa anche solo di lavare la bici da 12 mila euro.

rimirkus1975
rimirkus1975

Infatti dico può provocare e non provoca ; il può si riferisce essenzialmente a quegli utenti che i 6000-9000 euro della SJ li spendono , ma con sacrificio magari raccimulati con duro lavoro e rinunce (e come dici tu ciò vale anche per mezzi dai costi più modesti ) ed il pensiero di affrontare costose riparazioni induce prudenza. Poi certamente esiste chi se ne impippa per svariati motivi .
Personalmente ritengo che questa SJ sia un ottimo mezzo , e questa prova ne ribadisce le qualità, auguro a tutti i futuri possessori di poterne sfruttare appieno le doti e godere dei piaceri che può regalare .

castidavide
castidavide

Al di là del marchio blasonato e di tutti quelli che attaccano la specializzed… io sto letteralmente sbavando! E comunque non ho mai sentito un test negativo su una bici specializzed… a quanto pare il prezzo è giustificato dalla qualità, anche se moti come il sottoscritto non se la potranno mai permettere. Quanto costa quella in alluminio? Le caratteristiche sulla guidabilita sono uguali?

gigix
gigix

Per marco toniolo:
Mi potresti dire le differenze maggiori (salita e discesa) rispetto alla bronson 1 che presumo sia meno discesistica della 2 rispetto alla quale ti sei già espresso?
Inoltre: Potresti specificare le maggiori differenze nell’uso tra i due sistemi di sospensioni posteriori ovvero horst link e virtual pivot in discesa ed in salita?

domenicorss
domenicorss

Per Marco Toniolo:
Ciao Marco ho da poco comprato una Stj 650b Sworks con cui mi trovo bene,ma in questi ultimi giorni mi sta prendendo la scimmia di una Bronson 2 cc montata XX1.
Secondo te farei una stupidaggine,tu faresti questo cambio?
Data la cifra che ho già speso sono molto titubante…..

LorenzoPastesini
LorenzoPastesini

io non lo farei mai !

Grufus
Grufus

ottimo mezzo equilibrato, io ho la Comp con la Pike e altri upgrade, rispetto l’enduro 29 Comp 2014 che avevo un abisso e soprattutto molto piu’ facile , soddisfatto pienamente.
La differenza la fa la Pike, poi se uno puo’ sborsare 2500 in piu’ ..

nereidadaniels0
nereidadaniels0

La bici ha davvero una bella geometria. Mi sembra che anche Specy stia iniziando a spingere sulle 27,5 relegando le 29 sempre più al XC – Marathon (sbaglio o la Stumpy S-works 29er non la fanno più???).
Personalmente ritengo la versione Expert la più equilibrata come qualità/prezzo per chi vuole un mezzo ottimo out of the box. Certo che partendo dalla Comp si può fare un upgrade più mirato per le proprie esigenze.
Lo swat: semplice e geniale. Quello spazio c’è, perchè non sfruttarlo? Pensare che un buco determini un limite strutturale…mah… Secondo voi chi li progetta i telai in Specialized? Topolino?

Io ho una Stumpy 29er del 2014 pimpata con Pike (da 150…forse esagerata) e Monarch Plus + leveraggio EVO. Mi piace ma l’ho stravolta troppo…mi piacerebbe sostituire il telaio con questa nuova (magari abbassando la Pike a 140) o passando alla Intense Carbine (una Santa Cruz con ruote da 29…x banalizzare molto). Non saprei…mi sembra che Specy abbia fatto ancora centro.

Mario7mtb
Mario7mtb

Bella bici, ma la concorrenza offre meglio.
Io ho una GT FORCE X CARBOB PRO 160/150 e la trovo fantastica e soprattutto acquistata con 3600€ e le prestazioni in salita e discesa sono favolose una vera ALL MOUNTAIN.
Comunque brava specialized (la pubblicità è l’anima del commercio).
Fate un paragone con la gt, sarei curioso!! Ciao biker

l.j.silver
l.j.silver

dite cio’ che volete ma a me una bici col buco non la venderanno mai!
sara’ efficientissimo robustissimo ma questo è da dimostrare , comunque a vedersi è orribile e pure io trovo assurdo appesantire il telaio con degli oggetti
mah mi stupisce che vi piaccia e che alcuni lo trovino una gran figata….

dami977
dami977

Marco io volevo chiederti invece un paragone con la gt force x carbon expert e con la trek remedy 9.8 2016……quale mi consiglieresti e le hai già provate???..grazie

Luca8833
Luca8833

a @Marco Tonilo Ciao vorrei qualche consiglio, mi trovo tra due misure la S e M, ho avuto alcune bici al zestry 529 e ora una bronson dove preso solo telaio ho fatto un upgrade dalla lapier.
Vorrei cambiare visto la tua bella recensione della stump. Avevo deciso per una 29 E ho provato quella di mio nipote taglia M, bella veloce in discesa in salita non te lo dico non la senti neanche la pendenza, ma nello stretto se non la sai portare e la fai sculettare non gira, quindi avevo pensato una 650b e prima di cambiare una 27,5 con un altra volevo alcuni consigli tra la bronson e questa.
– la misura M la consigli
– e maneggevole nello stretto penso che è come la bronson
– e come escursione qualche garetta di enduro posso farla.
Anni 58 , grazie

vwgolf82
vwgolf82

Una domanda per Marco Toniolo…. preferendo una bici più giocosa, essendo alto 1,82 cm che taglia mi consigli?
Provengo da una gt force con un top tube in taglia m di 599 mm…..