[Tested on Tour] Dart Frog: pedali, bash e stem

[Tested on Tour] Dart Frog: pedali, bash e stem

06/03/2013
Whatsapp
06/03/2013

Dart Frog

Dart Frog è un brand 100% italiano – di Borso del Grappa (TV) per la precisione – che fa del “made in Italy” e della qualità dei materiali e delle lavorazioni la propria bandiera. Al momento la produzione di questo giovane marchio si limita a stem, bash e due modelli di pedali flat, tutti componenti che abbiamo avuto modo di toccare con mano e provare sulle nostre bici. Altra caratteristica dei componenti Dart Frog è l’ampia gamma di colorazioni disponibili, per la gioia di chi non monterebbe un componente “che stona” neppure con un fucile puntato alla tempia.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=384106&s=576&uid=20[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=384111&s=576&uid=20[/img]

 

Pedali FR e DH

I due pedali proposti da Dart Frog sono identificati dalle sigle FR e DH, entrambi sono di tipo flat, entrambi disponibili con asse in acciao  oppure in titanio. Il vantaggio del perno in titanio, come facilmente intuibile, sta nel minor peso che per il modello FR si attesta a 368 g per la coppia (i pesi di tutti componenti sono specificati sul sito Dart Frog e sono veritieri). I FR ed i DH condividono praticamente le stesse dimensioni sia a livello di spessore che di ampiezza della base d’appoggio, ma il modello FR è maggiormente “scaricato” nella parte interna (vedere le foto qua sotto, con il modello FR di colore blu ed il DH verde) .

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=383628&s=250&uid=20[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=383629&s=250&uid=20[/img]

Nessuno dei due pedali è dotato degli svasi necessari per poterli avvitare alle pedivelle con la chiave da 15 mm, quindi vanno montati/smontati facendo uso della chiave esagonale. Poco male, visto che spesso con la chiave aperta si fa una leva eccessiva serrando più del dovuto con conseguenti smadonnamenti se poi capita di dover smontare il pedale con la chiave esagonale. I pedali sono inoltre totalmente smontabili per interventi di pulizia o manutenzione.

La qualità della lavorazione di entrambi i modelli, ricavati dal pieno con tecnologia CNC utilizzando alluminio 6082-T6, è decisamente al di sopra della media di quanto si trova in circolazione, cosa che balza all’occhio anche a chi non è un esperto di lavorazioni meccaniche.

Sia i FR che i DH presentano i pin intercambiabili disposti lungo il perimetro del pedale, dieci sui FR, undici sui DH. Nonostante la mancanza di pin a centro pedale, il grip si è dimostrato ottimale in tutte le condizioni. Merito della sufficiente altezza dei pin stessi, disponibili anche in versione non stondata e quindi ancora più “grippante” (ma occhio a polpacci e suole delle scarpe, perchè sono veramente appuntiti!!!).

Nonostante la superficie di 103 x 100 mm (103 x 99 mm i DH) non sia particolarmente ampia, anche con “pantofolone” come le 5-10 taglia 45 si ha sufficiente comodità e stabilità di appoggio. Qualche mm in più non avrebbe tuttavia guastato, come non avrebbe guastato limare qualcosina sullo spessore di 18 mm (18.5 mm per i DH).

 

Stem

Dart Frog propone questo stem completo di tappo e relativa vite, realizzato con lo stesso alluminio 6082 T6 utilizzato per i pedali. Le misure disponibili sono due, 35 e 50 mm, entrambe con rise zero.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=344063&s=576&uid=20[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=344058&s=250&uid=20[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=344061&s=250&uid=20[/img]

Lo stem è piuttosto massiccio e, come intuibile anche dalle lunghezze disponibili, particolarmente indicato in ambito gravity. Per quanto riguarda il livello delle finiture e la precisione  di lavorazione non possiamo che ripetere quanto già detto a proposito dei pedali, vale a dire che si tratta di un prodotto che si posiziona molto in alto in termini qualitativi. La struttura massiccia fa pagare qualcosa sul fronte del peso, che nella lunghezza di 50 mm si attesta attorno ai 200 g. La rigidità, per contro, è garantita sia dalla struttura stessa che, a livello di insieme cannotto-stem-piega, da un’altezza di serraggio sul cannotto di 35 mm e di ben 54 mm per quanto riguarda la larghezza di serraggio sulla piega!

In definitiva ci è parso un prodotto indicato per gli usi più gravosi, dove solidità e rigidità sono parametri di assoluta importanza.

 

Bash Guard

Dart Frog propone sia bash di tipo tradizionale che “parziali” (in sostanza dei semi-bash). Mentre i primi sono previsti per corone 32/34T oppure 36T, i bash parziali sono disponibili per corone da 36/38T oppure 42/44T.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=383403&s=576&uid=1[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=384507&s=250&uid=20[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=384506&s=250&uid=20[/img]

Ben fatto, sottile (5 mm), leggero e resistente. Questo è il giudizio che possiamo dare del bash 36T che Dart Frog ci ha fornito e che stiamo usando ormai da un po’ di tempo su una Rose Uncle Jimbo montata con doppia Shimano XT 24/36. Grazie a queste caratteristiche il bash di dart Frog – che nel frattempo è stato “rawizzato” – resterà ancora a lungo sulle nostre bici. Se in futuro dovessimo avere qualche sorpresa vi aggiorneremo…

 

Pesi rilevati e prezzi

Coppia pedali FR con asse in Ti: 368 g – 223 Euro

Coppia pedali DH con asse in acciaio: 509 g – 176 Euro

Stem 50 mm completo di viti e coperchio:  218 g – 122 Euro

Bash Guard 36T: 92 g – 37 Euro

Sul sito Dart Frog sono indicati prezzi e specifiche tecniche di tutti i componenti

 

dartfrogbike.com

[email protected]