the king

The King: da digital community a big family

1

È stato presentato ieri ad Assago il progetto The King (TK), fino ad oggi conosciuto tramite Instagram, che adesso intraprende una strada dedicata ai camp e agli eventi. Nel comunicato qui sotto trovate tutti i dettagli.

Sole e temperature primaverili fanno da cornice alla giornata in cui la TK s.r.l. svela alla sua Family l’intero progetto che trasformerà un’importante comunità digitale (circa cento mila follower distribuiti tra i vari social) in una big Family alla quale offrire servizi reali e di qualità.
Il ritrovo è alle ore 10 presso la sede di Assago, dove si trovano gli uffici TK s.r.l. Gli ospiti arrivano puntuali: tutte facce amiche, conosciute nel mondo della MTB e non solo.

the king

Dopo i saluti di rito, inizia la presentazione. Si parte con uno dei fondatori di TK S.r.l., il Dott. Paolo Saibeni, che presenta una ricerca di mercato sul mondo bike, sulle tendenze di questo settore e sulla crescita futura. Con l’aiuto di Claudio Riotti, istruttore, guida e giornalista, Andrea Demaria, di Bike Consultant e parte dello staff dell’Accademia Nazionale MTB, e Marco Witteveen, responsabile vendite internazionali di Maciag Off-road, il Dott. Saibeni fa il punto della situazione illustrando l’andamento di questo mercato.

Un video molto emozionante, realizzato dalla TK s.r.l. family, dà il via alla presentazione ufficiale del progetto TK s.r.l..
Al microfono ora c’è Matteo Camia (co-fondatore) che spiega alle persone in sala e ai numerosi amici connessi in streaming cos’è la TK s.r.l. e quali sono gli obiettivi.

«Ci siamo trasformati da una realtà solo social ad una vera e propria Azienda in Start Up con l’obiettivo di creare una sinergia tra le persone che vivono questo mondo e lo sperimentano con la nostra stessa passione, condividendo i nostri stessi valori. Vogliamo far crescere e sostenere lo sport che più amiamo. Per questo abbiamo pensato che il modo più semplice per farlo, e che ci rispecchia di più, sia quello di creare una grande Family, una comunità, dove appassionati di tutti i livelli possono confrontarsi ed essere di ispirazione e aiuto per gli altri. Vogliamo offrire servizi di valore alla nostra community e lo faremo anche grazie ad un’app che ci permetterà di creare un sistema di loyalty che andrà a premiare i comportamenti virtuosi. Attraverso un modello di riconoscimento degli stessi, realizzeremo un’unione di valore tra le strutture commerciali che offrono servizi e l’intera TK s.r.l. Family»

the king

A questo punto interviene Fabio Martino (CEO), che apre il suo intervento con un sondaggio che vede coinvolti i follower della pagina Instagram. Nel sondaggio era stato chiesto cosa si aspettassero i follower dalla pagina @theking_mtb in questo 2022. Illustrate le risposte e le relative percentuali, nonché le considerazioni sul campione, è arrivato il momento più atteso, la presentazione del programma di quest’anno.

Sono quattro i grandi pilastri che descrivono la strategia di questa start-up: eventi, experience, academy e social.
Vi invitiamo a visitare il sito www.thekingmtb.com per vedere tutte le attività in programma 2022. Quello che più ci ha colpito, oltre ai tour e ai Family Day, sono l’apertura dell’academy e la brillante scelta di affidarne la gestione a Marco Marchesi presidente dell’associazione RRTB (Rive Rosse Trail Builder) e guida dell’Accademia Nazionale di Mtb. Marco sarà la persona alla quale è affidato il compito di trasmettere coscienza e conoscenza, parole usate per descrivere la filosofia della TK Academy. Coscienza, che serve a capire i propri limiti, e conoscenza, che verrà trasmessa per superarli. Sono in programma camp in posti magnifici, il primo dei quali a Finale Ligure il 19 e 20 marzo.

the king

A questo punto interviene di nuovo dott. Saibeni, che spiega cos’è il programma Local Hero e annuncia gli sponsor e le collaborazioni per del 2022.
«La nostra strategia si basa su una figura di riferimento territoriale, appassionata e inserita nel mondo bike, con la voglia di far crescere e conoscere il proprio territorio. L’idea è quella di creare un format replicabile in tutti quei posti dove si pratica la MTB. Lo scopo è di sensibilizzare le persone, al lavoro che c’è dietro la creazione e al mantenimento dei sentieri e supportare chi si impegna per dare la possibilità, a tutti, di praticare questo sport in sicurezza!»

Per quanto riguarda gli sponsor, anche se si era già intuito grazie all’intervento di Marco Witteveen sul palco, Maciag Off-road sarà main-sponsor del programma TK s.r.l. per questo 2022.
Oltre al colosso tedesco, ci sarà anche una collaborazione tecnica: un’azienda che ha fatto della qualità e dell’eleganza nello sport il suo marchio di fabbrica, RH+. Produttrice abbigliamento e accessori per lo sport ad alte prestazioni da quasi venti anni che si unirà a TK s.r.l. con l’obiettivo di creare una linea MTB con materiali innovativi e un design appropriato.

La presentazione si conclude con un appassionante video di Rive Rosse, una trail-area tra la provincia di Biella e quella di Vercelli, realizzato in collaborazione con Jump Cut Media, curatrice della regia e dello streaming di quest’evento.

 

Commenti

  1. Ho avuto modo di conoscere Fabio durante i miei week end nel dianese. Ragazzo in gamba, con tanta voglia di fare e simpatico. Auguro il meglio a tutta la Crew per il loro progetto!
Storia precedente

È morto Walter Belli

Storia successiva

[Test] Zaino CP Gang Hacker 9.5L

Gli ultimi articoli in News

La miniera

Le miniere di carbone del Belgio, da dove proviene Thomas Genon, il protagonista di questo video,…