MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] Flow nelle Dolomiti

[Video] Flow nelle Dolomiti

[Video] Flow nelle Dolomiti

20/11/2015
Whatsapp
20/11/2015

[ad3]

Max Schumann gira sulle Dolomiti con un’idea piuttosto personale di flow.

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
RS
RS

Si sa dove è girato?

mario_b71
mario_b71

Mi pare proprio il “Giro delle Coronelle” attorno alla Roda di Vael effettuato in senso antiorario… si vedono l’aquila di Christomannos, il rif. Roda di Vael, il passo Vaoiolon…

mario_b71
mario_b71

Visto tutto il video… sembra solo una parte del giro, sorry

8mat7
8mat7

ma è fattibile anche da persone normali questo giro o solo da pro come nel video?

tanguyx
tanguyx

da quanto riconosco Catinaccio … Coronelle.

dario88
dario88

potrebbe essere passo zigolade o cigolade tra roda di vael e Vajolet.
? bel video comunque!

PierVI
PierVI

Anche a me pare quella discesa ma non riconosco il resto del giro

gotto
gotto

Grande Max, forse più di tutti interpreti il mio ideale di mountainbiking.

gotto
gotto

Non pare però sia una Carver..
Quelle a catalogo non prevedono l’ ammo in quella posizione ma in verticale…

spino99
spino99

la bike è una Carver ICB 2013

Deroma
Deroma

Mamma mia che goduria si potrebbe girare per ore e ore in quei posti

surftrader
surftrader

Qualcuno mi sa dire che sentiero percorre dal minuto 2 in poi?

giaaan
giaaan

Ciao surftrader, non ne sono certo al 100%, ma a me sembra proprio il sentiero 22 tra Passo Feudo e Obereggen, quello che taglia in costa ai piedi del Latemar. Tra l’altro, anche quello subito più in basso nel bosco (sentiero 9) è veramente bello, e forse un po’ più pedalabile nel complesso.

Vettore2480
Vettore2480

Anche, dalle mie parti ci sono tanti percorsi di cresta, con questo classico terreno sassoso friabile. Bisogna scegliere percorsi non battuti dgli escursionisti, evitare assolutamente le classiche. Ho notato che gli escursionisti in si spaventano quando vengono puntati da un biker che frenando smuove i sassi. Poi accade che a livello istituzionale si aprono dei tavoli di confronto tra chi vuole vietare tutto, indistintamente, e chi è più ragionevole, il risultato chiaramente è sempre una via di mezzo che, inevitabilmente va a ridurre la libertà di noi bikers. Secondo me ci sono talmente tanti percorsi nei bischi di media quota che non è strettamente necessario andare in cresta. Finchè le creste saranno frequentate da pochi bikers di alto livello, che frenano poco e bene e non fanno franare tutto, va bene, ma se la mtb in cresta dovesse diventare una moda di massa (tipo l’enduro oggi) allora i divieti fioccheranno e, nell’ignoranza del politici, si farà di tutta l’erba un fascio, andando a ledere anche le libertà di chi se ne sta silenzioso sui trail classici….

paperino64
paperino64

Saggio. 🙂

MARCO2002
MARCO2002

Capacità di guida non comuni, terreno in perfette condizioni, magari anche tanto tempo a disposizione. Tutte cose che il biker “medio” non ha sempre a disposizione; ma vuole comunque emulare il video qui riproposto, col risultato di andarci in piena stagione, o in caso di umido e/o pioggia distruggere il sentiero tra scivolate e derapate più o meno controllate. E il rischio di farsi anche male!
Magari potrebbe bastare un cartello a fine video “don’t try this, YOU!”

gotto
gotto

Secondo me la preparazione per effettuare certi tipi di giri si raggiunge gradatamente, un po’ alla volta, fermo restando i limiti di ognuno di noi. Sbagliato pensare di poterli fare senza una preparazione fisica e tecnica adeguata.

spino99
spino99

bellissimo video e grannn manico 🙂
io credo che con il giusto ” civilismo ” e rispetto reciproco la montagna possa essere tranquillamente condivisa tra noi biker ed escursionisti in estate e sciatori e snowborder l’inverno 😉 ..
per gotto la bike è una …Carver ICB 2013

gotto
gotto

Grazie

zorro77
zorro77

ho riconosciuto l’aquila di Christomannos, il rif. Roda di Vael (in cui ho dormito quest’estate proprio facendo questo giro in mtb e si mangia moooolto bene!!!) rifugio Vajolet (un’agonia spingere la bici fin lassù) passo Vaiolon (pericoloso ed esposto da raggiungere con la bici in spalla ma panorami mozzafiato) poi la super discesa al rifugio Antermoia (discesa in sella per pochi direi ma anche qui un panorama incredibile). Me lo ricordo più come un giro CON la mtb non IN mtb

zorro77
zorro77

correggo aggiungendo…la salita infinita a piedi è quella che porta su al Rifugio Principe quindi sorpassato il Vajolet

gotto
gotto

comment image

Proprio bella…ma non è più in produzione?