[Video] Maiden: svelata la nuova DH di Rocky Mountain

[Video] Maiden: svelata la nuova DH di Rocky Mountain

06/08/2015
Whatsapp
06/08/2015

[ad3]

Dopo diversi spyshot che per mesi hanno fomentato la curiosità del pubblico, ecco svelata la nuova arma da discesa di Rocky Mountain. Quello delle lunghe escursioni è stato un segmento molto importante nella storia del marchio canadese, che ormai da anni non presentava un modello di riferimento. Grazie alla Maiden, RM rientra in questo segmento in grande stile, con una bici progettata e sviluppata con l’ausilio di rider come Thomas Vanderham, che racchiude tutto il know how dello storico brand della foglia d’acero.

MAIDEN UNLIMITED SIDE

Il telaio della Maiden è interamente realizzato in carbonio, compresi il carro e la biella. La tecnica di lavorazione del carbonio è la collaudata Smoothwall, che consente di eseguire lavorazioni estremamente precise anche all’interno del telaio. Le tipologie di fibre impiegate variano in base alle zone del telaio. Il passaggio dei cavi è completamente interno e sempre all’interno del telaio è possibile alloggiare la batteria del sistema di cambio elettronico Shimano Di2, dato che la Maiden è compatibile con questa tecnologia.

Maiden Unlimited Frame Only C1 (Black) side

Il telaio inoltre offre delle protezioni integrate come i respingenti per la forcella, la protezione del tubo obliquo, il batticatena e un parafango per l’ammortizzatore. I perni sono maggiorati e con sistema interno di expander e prendono il nome di Pipelock Collet System. I cuscinetti adottati sono Enduro MAX, quindi oversize.

MAIDEN UNLIMITED FRAME BLUE

Il sistema di sospensione Smoothlink, basato su un Virtual Pivot con giunto Horst, è stato ottimizzato per la destinazione d’uso della Maiden: la discesa. Mette a disposizione 200mm di corsa. I tecnici Rocky Mountain dichiarano di aver sottoposto ai loro test un elevato numero di sistemi di sospensione per capire effettivamente cosa volessero applicare sulla Maiden. Hanno quindi applicato il loro concetto di sospensione Smoothlink concependolo in modo da offrire i pregi dei migliori sistemi, con un cinematismo bilanciato e funzionale. Il risultato è un rapporto di compressione medio, che parte piuttosto basso per offrire sensibilità ai piccoli urti per poi aumentare diventando nettamente progressivo, per contrastare i fondo corsa. In generale il rapporto di compressione consente di utilizzare molle leggere, lasciando quindi molta sensibilità alle regolazioni idrauliche dell’ammortizzatore.

Web

Grande attenzione è stata posta sull’efficienza in pedalata, ottenendo un livello di antisquat pari al 140% in configurazione 27.5 e del 100% in configurazione 26. Si perchè la Maiden si può utilizzare sia con ruote da 26″ che con ruote da 27.5″, grazie al sistema Equalized Wheel Concept, che consente di modificare i principali punti di contatto del telaio con i componenti dedicati alle 26″, per ottimizzare geometrie e funzionamento del mezzo. Il primo punto modificabile è quindi l’attacco del perno della ruota posteriore sul carro, che prevede due sedi, ciascuna dedicata a un diametro ruota. Il secondo punto modificabile è la base del tubo di sterzo, che grazie a un distanziale permette di adattare la differente lunghezza delle forcelle da 26″ rispetto a quelle da 27.5″. Inoltre la Maiden offre il sistema Ride-4 che già conosciamo su altri modelli di Rocky Mountain e che, grazie alla rotazione del supporto quadrato sui cui è ancorato l’ammortizzatore, permette di modificare l’assetto geometrico del telaio intervenendo soltanto in modo marginale sulla curva di compressione del cinematismo.

maiden-adjustability-wheelsize

Altro aspetto al quale gli ingegneri Rocky Mountain hanno riservato gran parte dei loro test in fase di progettazione è l’efficienza della sospensione durante la frenata, aspetto decisamente importante su una bici da discesa. Grazie al particolare posizionamento degli snodi, il fulcro virtuale della sospensione subisce un elevato spostamento dal posteriore della bici fino all’anteriore durante l’escursione,  ottenendo un valore di anti rise della rotazione della pinza il più basso possibile (35%) e un basso valore di trasferimento inerziale della forza di frenata. Ne deriva un comportamento il più neutro possibile della sospensione durante la frenata, sia in compressione che in estensione. Questa caratteristica del cinematismo Smoothlink prende il nome di Autonomous Braking.

maiden_virtual_swingarm

In questo video, realizzato da Matty Miles della Anthill Films e con la fotografia curata da Sterling Lorence, vediamo in azione la Rocky Mountain Maiden in mano a Thomas Vanderham.

Geometrie

maiden-geometry-27.5

Allestimenti

2016 Maiden unlimited 2016 Maiden World Cup 2016 Maiden Pro 2016 Maiden Park 2016 Maiden Frame

Prezzi

La Rocky Mountain Maiden sarà commercializzata a partire da fine Ottobre. Non appena disponibile, pubblicheremo il listino prezzi per l’Italia. Di seguito il listino in Dollari statunitensi come primo riferimento.

Unlimited:  $10.499
World Cup:  $6.999
Pro:  $5.499
Park:  $4.499
Telaio:  $3.999

Rocky Mountain

thomas vanderham in merritt, british columbia

Thomas Vanderham in Merritt, British Columbia – Photo Credit Sterling Lorence

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
teoDH

Magari funzionerà bene, ma è una bici dalle linee vecchie, pesanti, non ci vedo ricerca ne innovazione, i link supoeriori così lunghi hanno dimostrato negli anni e in vari progetti fragilità e problemi, vedi kona… dopo tanti anni di ricerca, da RM mi aspettavo di meglio!

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Paragonare il link superiore di questa Maiden a quelli delle vecchie versioni di Kona, che si piegavano e spezzavano, mi pare davvero parecchio azzardato. Per il discorso ricerca e innovazione, non c’é nulla di nuovo, se non il fatto di aver adattato un sistema Horst, noto per adattarsi ben poco alle lunghe escursioni e alle necessità di una bici da DH, facendolo evolvere in qualcosa di meglio, di performante e tecnologicamente adeguato alla destinazione d’uso, almeno sulla carta. Un po’ quello che ha fatto Specialized con il nuovo Demo, che non è neppure parente della versione precedente. Un Horst di nuova generazione.

Shelbiminox
Shelbiminox

Sono d’accordo… Credo solo che ci sia carbonio di qualità ed una geometria azzeccata, per il leveraggio nulla di nuovo… Un bel prodottino che NON rivoluzionerà di certo il mondo delle bike..

M
mommi-92

“i link supoeriori così lunghi hanno dimostrato negli anni e in vari progetti fragilità e problemi, vedi kona… dopo tanti anni di ricerca, da RM mi aspettavo di meglio”
…mah insomma come si fa a commentare così! ci hanno lavorato gli ingegneri per 4 anni… l’hanno provata sul campo… chissà quanto lavoro…
… non diamo pareri superficiali…

teoDH

il fatto che ci abbiano lavorato gli ingegneri non significa che funzioni bene e non si rompa, mi pare sia stato già ampiamente dimostrato… poi commento sulla base di ciò che vedo e leggo, RM non può vivere degli allori di 20 anni fa, e se non è in grado di sfornare una DH innovativa dopo 4 anni, secondo me poteva pure risparmiarsela…

M
Mario.lop

Così sulla carta sembra una bici di sostanza: rigido quadrilatero con infulcri sovradimensionati, teoricamente leggero visto l’uso di carbonio, ampiamente personalizzabile nelle geometrie, ammortizzatore a lunga escursione per non far soffrire l’idraulica e tante piccole soluzioni per offrire un prodotto completo.
Una cosa mi domando… che senso ha continuare a cercare sistemi antisquat in DH dove abbiamo visto è possibile andare a podio senza catena??? Personalmente sono dell’idea che la sospensione deve essere più neutra possibile rispetto al tiro catena e se voglio limitarne il movimento lo faccio con l’idraulica (magari elettronicamente) e non con i cinematismi.

S
SABBATH

Mai sentito dire Rocky Mountain chè avrebbe inventato l’acqua calda! Rocky crede in bici di sostanza senza vendere fumo. Per me questa si puo’ chiamare bici di “sostanza”.Trovo sbagliato giudicare un progetto,semplicemente guardando due bielle.

G
giborider

Finalmente!!!! benvenuta alla nuova belva!!! dopo anni di godimento con la Flatline speriamo di vivere altre grandi raidate con la Maiden!!

Oggi è un giorno molto importante per gli appassionati RM!!!

Dave Mars
Dave Mars

E ora voglio un bel confronto specialized demo 2015,rocky mountain maiden e norco aurum carbon

N
nicosacco

Beh pero’ avrebbero potuto farne anche una versione non carbon..anzi più di sostanza..così avemmo avuto una Iron Maiden…ok scusate per la caxxata..ma non ho resistito..

M
mountaindoctor

Prossima presentazione Shimano il DI2 da discesa. DHI2? 🙂

S
stons65

Ecco che senso ha lo Shimano DI2 su una dh????

N
Nailos64

Scusate ma mi spiegate qual è l’utilità di montare un cambio elettronico Di2 su una bici da dh?

teoDH

così riescono ad arrivare a 10.000 euro di listino

A
anacron

@TeoDH Occhio, che se sparli del prezzo fuori dall’apposito thread c’è sempre in giro un robottino che mette un “non mi piace”.

P
pegno

Scusate la mia ignoranza eh….ma come caaa..o gli è venuta l’idea di queste forke+ammo di questa azienda francese !?!? Ma me ne sono accorto solo io !?!? Ma che roba è? Mai visto booo

Comunque infinito amore x RM , felicissimo possessore di element 999rsl

Francesco Mazza
Francesco Mazza

Sappi che stai bestemmiando. 😀
Prima di dire ulteriori cose di cui potresti vergognarti in futuro, fatti una ricerca su Olivier Bossard. Scoprirai cose moolto interessanti.

P
pegno

P.s.
Nel video ufficiale col cavolo che mostrano forke della BOS…nel video ufficiale c’è quello spettacolo classico della FOX

teoDH

Perchè Vanderham è sponsorizzato FOX…

P
pegno

bhe allora come ho scritto sopra….
“Scusate la mia ignoranza”

mi genofletto alle BOS suspension….mai viste su nessuna mtb.

gasate
gasate

Sono forcelle che non montano di serie di solito

A
anacron

Guarda le YT

F
francifranci28

Se è di carbonio va bene, se è di carbonio non va bene, se è di alluminio è meglio, se è di alluminio e peggio, se costa 10000 euro è una follia, denigriamo, insultiamo e sputiamo sul lavoro di tanta gente, ma poi facciamo la coda dal rivenditore per comprarla e magari non ci presentiamo neanche una volta sul cancelletto di partenza di una gara, anzi sfoggiamo l’esoterica bestia con il completo da cresima mod PoserOne, la domenica al bike park arrivando alle 11 perché la sera si è andati a Triangoli e invece si e rientrati sbronzi, e dopo una discesa più o meno decente, a già non ci sono rivali non c’è il cronometro, gara di tatuaggi, rutti con le rispettive ragazze che pascolano attorno…
Fatti non pugnette…
Le opinioni sono come le palle, ognuno ha le sue, ma tanti sono finocchi con il culo degli altri, questa è la realtà…

Riccardo.folli

Dopo un commento cosi hai 2 giornalieri gratis al nostro Bike Park 🙂 + 2 birre!
il top…

F
francifranci28

È riferito al mio commento?
2 giornalieri e birrette?
Troppo gentile, ma comunque è quello che vedo tutti i sabati e soprattutto le domeniche, per fortuna che il mese di agosto sono nel pieno del mio lavoro e quindi tutti sti Papponi o ,egli o Bimbiminchia non li vedo…

S
Swiggy

Ineccepibile…
🙂

I
iDella

Io sono abbastanza di parte lo ammetto, ma forse basterebbe pensare che questa è semplicemente una bici da DH studia è nata in un luogo con una conformazione dei tracciati molto diversa dai nostri. Posseggo ed ho posseduto due Rocky, tutto si può dire tranne che siano fragili, quindi i soldi per il telaio sono ben spesi (anche se molti…) per spaccarli bisogna veramente fare l’impossibile, durano un botto e difficilmente “annoiano” durante le radiate.

Scusate lo spot pubblicitario

Non importa che bici pedaliate l’importante è pedalare

R
Rockyluca

mmmmmmmm…… durano un botto è un pò “presuntuoso”…..
io di telai Rocky ne ho “aperti” 4…. però l’assistenza è super!! tutti sostituiti in garanzia (5 anni) e quindi sono un super felice possessore dell’ennesima Rocky Mountain….