MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] Nicolas Lau sui sentieri di casa

[Video] Nicolas Lau sui sentieri di casa

[Video] Nicolas Lau sui sentieri di casa

10/12/2015
Whatsapp
10/12/2015

[ad3]

L’Alsazia, in Francia, è la regione da cui provengono sia Jerome Clementz che Nico Lau. I sentieri non sembrano male. Un consiglio: togliete l’audio!
[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
fredricamx
fredricamx

Il video mi piace, ma in effetti l’audio fa pena.

19Tommy81
19Tommy81

invece io ho notato una perfetta sincronizzazione dell’audio con le varie azioni in molti punti del video…cosa non certo facile da realizzare senza snaturare il tutto

Lucianocapde
Lucianocapde

che guida fluida e pulita! senza alcuno spreco di energia e con derapate ridotte al minimo.

gabrireghe
gabrireghe

le prime zone del video fanno molto Lago di Como

Jolly01

La musica della parte iniziale è bella infatti pensavo fosse uno scherzo quello di levare l’audio, ma il resto non si può sentire. Hanno rovinato un ottimo video

gioskunk
gioskunk

La musica onestamente pensavo peggio…. a volte anche certe “metallate” a mio avviso non si sposano un granché…. Il vero problema è che secondo me sono stati eliminati completamente i rumori di fondo (ruote, bici ecc….) il che aliena molto la scena.

mountaindoctor
mountaindoctor

A me il video piace. Sarà che sono un estimatore dei sentieri naturali, però con l’avvento dell’enduro si vedono video molto più vicini alle mie capacità. Capiamoci: a me UnReal ha gasato tantissimo, MacAskill lo considero un genio e non mi perdo uno dei suoi video, però loro non fanno un altro sport, sono proprio su un altro pianeta… Uscendo con Lau lo perderei dopo 10 metri, ma almeno vedendolo scendere capisco cosa sta facendo 🙂

alenick
alenick

Video molto bello anche l’audio non mi dispiace…
Non scende solamente ma sembra danzare tra le curve, poi la derapata di potenza al minuto 3:20… che spettacolo!!

marc.nocera
marc.nocera

Riguardo l’audio non dispiace neanche a me. La Stereo criticata per la sua linea forse datata nelle sue mani e’ un bolide. Molto belli i sentieri, pensavo fosse diversa l’Alsazia.