MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] No EXIF 3: Hoshi e la fotografia analogica in DH

[Video] No EXIF 3: Hoshi e la fotografia analogica in DH

[Video] No EXIF 3: Hoshi e la fotografia analogica in DH

07/09/2016
Whatsapp
07/09/2016

[ad3]

Terzo episodio della serie No EXIF, nella quale Hoshi Yoshida ci fa rivivere alcuni momenti del suo lavoro nel mondo della World Cup, immortalati con una Leica M6 analogica. In questo episodio assaporiamo le immagini scattate durante la scorsa stagione di World Cup, caratterizzate dallo stile unico che la pellicola in bianco e nero riesce a trasmettere, con quel sapore morbido e contemplativo, narrate in sottofondo dalla voce dello stesso Hoshi.

Qui i primi due episodi: No EXIF 1No EXIF 2

020-2015-12-07-0020 025-2015-12-08-0002 029-2015-12-08-0006 053-2015-12-08-0028 064-2015-12-08-0039 140-2015-12-09-0007 154-2015-12-09-0021 156-2015-12-09-0023 167-2015-12-09-0007 169-2015-12-09-0009 174-2015-12-09-0014 175-2015-12-09-0015 176-2015-12-09-0016 177-2015-12-09-0017 178-2015-12-09-0018 0615-Leo-R001-031 0715-Lenz-CH-R001-0031 0715-Lenz-CH-R003-0301 2015-12-07-0004

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
francescoMTB1
francescoMTB1

Fotografia Analogica Bianco e Nero , un capolavoro d’Arte !

teoDH

rimango dell’idea che senza contenuto, non è che usando la pellicola elevi ad arte un lavoro mediocre…

FabioTS
FabioTS

un esercizio stilistico anacronistico con dei contenuti che possono essere ugualmente validi con un sensore digitale…siamo nel 2016 e scattare con pellicola e come andare al bike park con il cinelli rampichino
🙂

lenorecannan6
lenorecannan6

scattare si, sono d’accordo con te, ma……
scegliere pellicola, scattare, scegliere tempi e liquidi di sviluppo, scegliere carta, tempi e modalità di contrasto e mascheratura in stampa analogica invece è un altra cosa.

per quelli invece che vedono su uno schermo digitale una foto e si esaltano perchè gli è stato detto che è stata scattata in analogico beh…… è come dire che la pizza napoletana è la più buona, però la stai mangiando a parigi e te l’hanno consegnata direttamente da Napoli ma …… A PIEDI !

il processo di digitalizzazione di uno scatto analogico, se fatto bene, passa per forza di cose dalla scansione del negativo, a quel punto delle caratteristiche effettive dello scatto analogico rimane praticamente ….ehm,….fammi pensare un attimo…..ehm ….NULLA !

FdiFederico
FdiFederico

12 / 13 /14 /15 sono sempre la stessa foto. Ne bastava 1. Io vedo molti grigi, zero bianchi, zero neri

FabioTS
FabioTS

non sono effettivamente dei b/n strepitosi…ma forse dipende dal monitor

teoDH

o forse dipende da chi scatta e da chi sviluppa…
I BN da pellicola ben fatti, si apprezzano anche in digitale, basta aprire qualche vecchio scatto di Salgado o di Nachtwey su un PC per capirlo, certo vedere una stampa dal vivo, fatta bene e sulla carta, ha un’altro impatto, ma se la foto è valida, è valida su PC, dal vivo, da digitale o da pellicola…
Guardate i BN di Alex Luise fatti in digitale e ne avrete la riprova

lenorecannan6
lenorecannan6

si, tutto vero, ma ripeto come detto prima, che dal momento che la guardi sul monitor di un pc, ciò che vedi è dipendente dal processo di digitalizzazione per il 95% del risultato, e solo una minima parte può essere correlata allo scatto su pellicola. Se viene digitalizzato il negativo da cani, anche la miglior foto analogica del mondo verrà una chiavica. viceversa, scannerizzare un negativo ti permette di far rendere decentemente su schermo anche una foto scattata malissimo in analogico.