• it
  • en
  • es

[Video] Pasubio Gravel

[Video] Pasubio Gravel

10/08/2016
Whatsapp
10/08/2016

[ad3]

Da sempre Scratera gira con una mountain bike rigida le montagne della sua zona. Questa volta però si spara 2.300 metri di dislivello in salita e soprattutto discesa su una gravel sulle rocce del Pasubio. Guardare per credere!

Screen Shot 2016-08-10 at 08.22.30

 

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
J
jack e-bike

Immensamente bravo. La salita è fattibile da tutti gli allenati e anche dagli elettrici ma la sommità del Pasubito non è per tutti e non lo è per me. Di nuovo bravo.

L
lgrosselli

Bravissimo e allenatissimo! Non vorrei essere la sua bici dopo questo giro però 🙂 Che non sia esattamente la bici adatta? L’importante poi è divertirsi!

K
klaubike

…ma vaa…! Si vede benissimo che è opera di un videomaker…è impossibile!!

giorgiocat
giorgiocat

Addio comfort! E complimenti per le braccia, il sedere e le gambe ovviamente ! Un’ impresa veramente notevole ed estrema ma d’altronde sapendo a cosa ci ha abituato Scratera con la sua rigida … Complimenti ancora!

F
Fabrizio Rossi

Complimenti Paolo, veramente bravo.

D
dcorradini

e poi arrivò il giorno in cui Scratera di butta lì un giro allmountain in Gravel….complimentoni e per me è la dimostrazione che con qualunque ferro si fa un pò di tutto basta avere il manico…

Se poi parliamo di divertimento essendo un sentimento soggettivo ognuno fà ciò che vuole c’è anche gente che va in mtb sulle tangenziali o scende dallo Stelvio su asfalto

J
jomark

Non corrisponde al mio concetto di divertimento in mtb, ma non per questo non mi piace…
Solo un commento nella mia lingua madre…” casso che manek!!!”…Complimentoni!!!

F
funnybike

Complimenti per la gamba e per le braccia, ma mi chiedo.. perchè?

Ispettore Zenigata
Ispettore Zenigata

Sabato ho trovato un tipo fra il Papà e il Lancia che faceva il giro con una Bianchi da corsa (con freni a disco). Il sentiero nn è difficile ma comunque complimenti. L’unico “problema ” può essere tagliare il pneumatico ma mi ha detto “basta gonfiare”

D
Davide_sd

complimenti scratera, bella impresa! 🙂
che bici è?

D
Davide_sd

ok, visto, si tratta della Haibike Noon, molto bella! 🙂 Che canzone è la prima nel video?

M
marte23

Bravissimo, bella gamba, padronanza del mezzo da invidia, ti sarai sicuramente divertito…,ma se non ti sei fatto almeno 100 km su aslalto per raggiungere lo sterrato non ha alcun senso, poi per sfida personale si può anche raggiungere il polo nord in pattini a rotelle.

M
monta1

Naturalmente grandi complimenti; ma mi viene spontanea una domanda :perche’?

M
MaurizioAndreolli1

Non è una polemica ma spesso mi chiedo perché molti acquistano le bici da enduro pensando che ti possa far scendere da sentieri come nel video è poi te li trovi che scendono a piedi con il casco integrale e full protezioni.

giorgiocat
giorgiocat

Beh diciamo che l’armamentario che hai elencato comunque aiuta. L’impresa di Scratera, con una rigida con ruote “sottili”, è una sfida (magari per lui anche divertente, da quello che ho capito anche un po’ una filosofia di andare in bici) ma per la stragrandissima maggioranza degli mtbiker sarebbe un supplizio, patito per la maggior parte portandosi la bici a mano, mentre con una full almeno alleggerisci il tutto con un po’ di comfort. Al limite anche con una front…

L
luca.pejrani

Forse cercano solo di imparare. D’altronde andare con una gravel o una XC e senza protezioni non li aiuterebbe di certo…

C
cheyax

@andy_g una gravel o una xc con le protezioni e i pedali flat invece li aiuterebbe molto di più secondo me dovendo avere per forza una guida molto attiva che oltre a insegnare meglio sviluppa la muscolatura più velocemente, le prime volte dovrai scendere ogni tanto ma una volta che hai imparato e hai portato ai limiti il tuo mezzo riuscirai a sfruttare veramente una enduro o una dh, moltissimi pro sono partiti dalle bici da xc e in fretta hanno imparato a usare le bici da dh, Johannes von Klebelsberg ha fatto la sua prima gara all’Abetone con una bici a noleggio

C
cheyax

te lo spiego io, le possibilità sono due, o è alle prime armi e si mette full protezioni perché è quello più a rischio sul trail, oppure è un po’ più bravo di quello prima ma fa ancora errori, magari si è dovuto fermare prima per non cadere e non potendo ripartire dal ripidone deve portarla giù per poi ripartire. Poi ci sono i casi particolari tipo che avevano montato le gomme da asciutto (semislick al posteriore magari) perché c’era asciuttissimo da due mesi, durante il giro si ritrovano nel bel mezzo di un temporale estivo e per non rischiare troppo scendono. Poi all’inizio non ti rendi conto di fin dove puoi arrivare con la tua bici e la tua tecnica e magari sei spaventato da una caduta precedente e non vuoi ricadere due volte nello stesso giorno. Comunque io non sto difendendo nessuno, ho una cube attention sl che porto su sentieri anche molto difficili e dopo i primi tempi non mi capita più di scendere e sono convinto che se la gente iniziasse dalle front, andando anche un po’ più protetto del necessario per i primi tempi, dopo passando a escursioni maggiori porterebbe molto meglio la bici, ma ognuno fa le sue valutazioni personali

C
cheyax

se uno fa un itinerario del genere in gravel è un grande, se uno col frontino da xc fa una discesa da enduro seria scassata con le protezioni è un babbo

M
Mario.lop

Il giro è la traversata del Pasubio, giusto? Complimenti per l’impresa! Ok la salita ci sta tutta con la gravel, ma castrarsi su quella fantastica discesa con un bici rigida siamo ai livelli di scendere con l’enduro su asfalto!
Che poi lí le pietre sono veramente aguzze anche per delle gomme da 1kg! Non so come facciano a reggere delle gommine di quel tipo!

Francesco Agapito Mariani

Complimenti , bella impresa , ma forse con una dici da discesa si sarebbe divertito di più

Haran
Haran

Bella impresa, ma non ne capisco il senso.

scratera
scratera

…il giro è questo che ho fatto http://tc.mtb-forum.it/traccia.php?id=362428
…perché l’ho fatto con una cx…e perché no…primo tratto tutto asfalto…sterrata fino al papa e arco fattibile tranquillamente…traverso sette croci e Roite ormai a mio giudizio è diventata un autostrada…erano anni che non lo facevo più e sceglievo altri sentieri…
[email protected] Zenigata ero io quel tipo…
…verso la fine del giro ho trovata una compagnia di enduristi del gruppo mtb lonato…come li chiamate voi…ma per me basta che una abbia voglia di girare non importa che bici abbia sotto il sedere…con cui ho finito gli ultimi 1300/1550m di dislivello su single trek…e ho spento la telecamera ormai il giro panoramico era finito e si trattava di buttarsi nel bosco…splendido da fare comunque questo tratto…sentivo ridere di gusta da chi lo stava facendo per la prima volta…
…una maniera come un altra per stare all’aria aperta…

M
Mizio78

A leggere questo commento –soprattutto nella parte conclusiva– mi viene voglia di abbracciarti.
Ciao!
Paul

L
luca.pejrani

Scratera, ho giusto una domanda alla quale mi piacerebbe avere una tua risposta: il manubrio da corsa, come trasmette i colpi provenienti dal terreno?
Cioè, bici rigida per bici rigida, c’è una grande differenza in termini di assorbimento dei colpi e di controllo tra i due manubri?

L
luca.pejrani

Dimenticavo, intendo tra piega da corsa e flat

AndreaBerardi
AndreaBerardi

Ma…contento lui…contenti tutti, che problema c’è?

O
OriXx

Sorrido,
uno, perchè ho conosciuto Scratera un anno fa proprio al rif. Lancia,
due perchè ho percorso questo stesso sentiero proprio Domenica mattina,
tre perchè il sentiero è impegnativo ma volendo uno può anche percorrerlo con i pattini,
quattro ripensando all’introduzione sensazionalistica,
ma specialmente (cinque) perchè penso al suo amico che esalta le fantastiche qualità delle fat.

E’ sempre un’ottimo svago leggere mtb-mag.
Ciao ragazzi.

M
Mizio78

Ok ok – rispetto la dimensione dei suoi testicoli (sia in senso lato che in senso letterale – dopo la discesa)…

1) Mi dicono tuttavia che Fox, Rockshox, Ohlin, Cane Creek abbiano messo una taglia sulla sua testa

2) Il giorno che gli danno una full da XC, biammortizzata, dove va? Su Marte?

G
Gioele caldana

Bravissimo Scratera . . . ma che dolor!!!
mi è venuto subito in mente dove mi ha portato un amico, che abitava a VR, in uno dei primissimi giri mitici. Salita da Vesio fino al Tremalzo e rientro a Limone (solo dopo imparai che era il percorso della Bike X-Treme). Era il 1993 e tutti e tre avevamo delle mtb “rigide” , non c’era altro, sigh…il ’93, mannaggia al tempo.

T
toniod78

Solo tanto rispetto. Portare al limite o comunque cercare di farlo, le proprie capacità e quelle di un mezzo inadatto a quello scopo non merita che questo!

F
funnybike

Minkis ricordone! Fatta Bike x-treme (1999 o 2000) con Wilier rigida e v-brake.. dopo un nubifragio del giorno prima,mi fanno male i polsi solo al pensiero, forse sono stato di più a scendere che a salire..

Pietro.68
Pietro.68

un grande!!! come sempre.

Q
quinnette

Innanzitutto complimenti a Scatera per il manico…
Approfitto per domandargli un parere: come giudicherebbe un anello Strada degli Eroi, Papa e discesa da Scarubbi e Xomo da farsi con una gravel con un paio di borse da bikepacking? Fattibile senza particolari difficoltà?
Grazie.

scratera
scratera

…dipende da che rapporti monti…io uso un 34 ovalizzato e 10/42 ….il tratto prima del tornante che precede la galleria D’Havert non è proprio piano…per il resto la strada degli eroi è tenuta bene…quella degli scarubbi sono 3/4 anni che non la faccio…ma non dovrebbe essere messa male…

Gianz
Gianz

Percorsi gli Scarubbi settimana scorsa, in salita.

Strapiena di ghiaino leggero, quello simpatico che ti fa affondare la ruota e/o scivolare da una parte. Questo per i primi 7 km. Quando invece hai finito la parte dei “gironi infernali” e arrivi a vedere le Porte del Pasubio, gli ultimi 2km, trovi diversi tratti con pietre belle esposte e se c’è pure traffico di gente fai un po’ fatica a gestire le traiettorie. Niente di distruttivo, comunque… Trovo meno sopportabile il ghiaino.

Ps: grazie per le indicazioni sul rapporto. Uso anch’io una gravel (una Grade), ma trovo assurda la scelta di rapporti simil stradali, e l’uso di gruppi stradali su bici come queste.

I
Igorout

Rinnovo i complimenti.
Io ho rifatto dei trail con gradoni ,sconnesso e saltini che prima facevo in full, con una front e…. mi sono divertito un casino , la biga un po’ meno, ma io .. yea a bomba !!!!
É un’altro modo di raidare ,la full é un’altra cosa .
Certo non avevo un manubrio così stretto,ed é quello che mi ha sconcertato di più nel video.