Rampage, iniziano le danze

Buon giorno dalla Rampage! Dopo tante parole e attesa, si è cominicato a girare. Quando abbiamo lasciato la Rampage 2016 credevamo che non ci fosse più spazio per nuove linee, ma quanto ci sbagliavamo….

Dale Womack è il San Pietro della Rampage, che vigila sul cancello di partenza e vede tutto dalla sua posizione dominante, controllando la sicurezza dei riders.
Brett Rheeder al badile.
R-Dog landing con un riflesso delle lenti perfettamente centrato
Brandon Semenuk alla prima luce.
R-Dog durante la sua prima discesa dalla cima.
I rider hanno la scelta fra due linee, una volta varcato il cancelletto. Vinny T è stato il primo ad entrare sul ripido direttamente dalla parte più alta della cresta. Condivide questa linea con Andreu Lacondeguy e Bas VanSteenbergen.
Bas.
Cam Zink intende usare una linea più diretta, iniziando con un drop molto vicino alla cima della montagna.
Andreu, quasi in fondo al ripidone.

Nessuno è così selvaggio come Vinny T.
Pierre Edouard Ferry è stato il primo a provare la linea che condivide con Zink/Strait.
Buon trentesimo compleanno R-Dog!
Kurt Sorge torna su.
Tom VanSteenbergen prende il sole con un superman gigantesco.
Tommy G in salita.
Se seguite il nostro account instagram vi sarete chiesti perché la linea di R-Dog sia così perfetta e le nostre short stories così aggiornate. Ecco la risposta: Simon Silver fa parte della sua squadra di scavatori, con il suo telefono pronto per ogni scatto da paparazzo!
Claw sul salto in alto.
Quando il gioco si fa duro…
Bizet ha una linea molto ambiziosa. Vi teniamo aggiornati.
Ethan Nell ce la sta mettendo tutta, lasciando tanta gente a bocca aperta.
Questi tre domani partono dalla cima direttamente nel superripido (dopo un drop). Chi sarà il primo?
Tramonto a Virgin.
Storia precedente

La Rampage ha preso la direzione sbagliata?

Storia successiva

[Bike Check] La Trek Session di Tom VanSteenbergen per la Rampage

Gli ultimi articoli in News

La pioda

Brendan Fairclough aveva visto una placca di roccia spettacolare durante il suo trasferimento da Lenzerheide all’aeroporto…