MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] Rose Pikes Peak: come funziona il sistema ProGeo?

[Video] Rose Pikes Peak: come funziona il sistema ProGeo?

[Video] Rose Pikes Peak: come funziona il sistema ProGeo?

06/07/2017
Whatsapp
06/07/2017

Vi abbiamo presentato la nuova Rose Pikes Peak pochi giorni fa. Adesso ci troviamo in Valtellina, sui sentieri curati da 360 Valtellina Bike, per provarla. Io e Mauro Franzi abbiamo appena chiuso una giornata con circa 5.000 metri di dislivello negativo, e abbiamo provato diversi set up. In attesa dell’articolo dettagliato (EDIT: lo trovate qui), vi proponiamo il video che abbiamo girato, compresa la variazione della geometria e della progressività del carro, attuata sul sentiero in pochi secondi da Sergio di Rose Italia. La stessa operazione è stata effettuata da noi più volte con la stessa rapidità.

Riders: Mauro Franzi (davanti) e Sergio Ghezzi (con la telecamera)

Rose Bikes

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
uomoscarpia
uomoscarpia

che bastardi quelli di Rose…adesso sono in crisi con YT…..:-)

crifla
crifla

Bellaaaaaa!!

jimmy27
jimmy27

A me sinceramente questi sistemi per variare l’assetto sono degli specchietti per le allodole.
Non dico che non funzionino ma nella realta chi li usa?
Alla fine si mettono nella posizione che da la maggior apertura dell’angolo sterzo per andare piu sicuri in discesa e bona.
Un po come le forcelle abbassabili che davano solo problemi

dott_djalemario
dott_djalemario

Io lo ShapeShifter lo uso ad ogni uscita, e svariate volte..

brubikeboard
brubikeboard

@ jimmy
ma come ragioni, non capisco: sei uno di quelli che “di più è comunque meglio” a prescindere?
più la macchina è grossa e meglio è
più ha le tette grosse e più è figa
più soldi guadagna più lo ammiro
più angolo di sterzo ha e meglio va
echeccazz. mica tutti e sempre giù a cannone!
che dici magari si sale meglio con un angolo + chiuso?

jimmy27
jimmy27

Allora non è la bici giusta…
Se una biga ha le geometrie giuste sale bene e scende bene senza dover variare la geometria.
Poi se uno vuole fare xc con una enduro va bè che si chiarisca un po le idee…
A me le cose “all season” non hanno mai convinto. Come si dice non sono ne carne ne pesce

cameo81
cameo81

Sulla mia ex bici avevo RS Revelation dual position 150-120 e in salita mi è sempre tornata parecchio comoda, senza avermi dato mai un problema. Sulla bici nuova la forca non è abbassabile…per salire si sale lo stesso eh, ma ammetto di sentirne la mancanza

kitkat
kitkat

Non sono per niente d’accordo, sulla spartan trovo il chip per variare la geometria utilissimo.
Per come sono fatto io e per come mi piace la uso sempre volentieri in High, di certo se dovessi andare qualche giorno in Bikepark, magari in qualche posto bello liscio, la metterei volentieri in Low, tanto lì avere il movimento centrale basso non è così un problema come lo è, per me, sui sentieri di casa.. Anzi..

menollix
menollix

Io avevo la 36 talas ed andava da Dio. Mi convincono meno questi sistemi dove bisogna usare chiavi

space.invader
space.invader

uso lo shapeshifter decine di volte a giro…

Geep
Geep

Mi piacerebbe capire quali differenze riuscite a percepire su un trail di questo tipo buono più che altro per una front da XC. Con tutto il rispetto per @Mauro Franzi del quale apprezzo sempre molto i test.

Mauro Franzi

@Geep Noi siamo qui, ti aspettiamo per un giro assieme sui sentieri perfetti per le front xc. Se vuoi ti concediamo anche una marathon full 🙂

Geep
Geep

Non volevo fare polemica. Solo che dal video, a parte un paio di passaggi, sembra che il sentiero sia parecchio flow. Forse ho esagerato dicendo front da XC, tuttavia continuo a credere che un trail del genere non dia grandi informazioni su una sospensione e sulla bici in generale, dato che stiamo parlando di una bici progettata per affrontare ben altro.

Mauro Franzi

@Geep Oggi abbiamo fatto circa 5500 m di dislivello negativo senza farci mancare nulla: flow, guidato, ripido, distese di radici, roccioso e chi più ne ha più ne metta. Stai quindi tranquillo che bici e sospensioni sono state provate dovere. Resta chiaramente valido l’invito per una giornata con la front da xc, shuttle offerto da noi! 🙂

Geep
Geep

Magari! Ma posso venire con la niner Ros? Forcella da 140, ma sempre front è 😉

Mauro Franzi

@Geep Certamente!

cheyax
cheyax

Se mi offrissero lo shuttle io sarei disposto a venire anche con una bici degli anni 90

morra
morra

FIdati, sono i miei sentieri di casa e i pezzi mostrati nel video sono praticamente di “trasferimento” tra le sezioni più difficili. Considerando che hanno girato anche sui sentieri di Talamona (patria di un certo Milivinti) le hanno spremute a dovere.

ecox
ecox

Dire a muldox che frequenta trail adatti ad una XC è come dire che il sole sorge a ovest.

niciz
niciz

in valtellina con la front.. non fai molti percorsi..

Geep
Geep

Quello del video di sicuro sì

ecox
ecox

A parte che non fai manco quello, ma conta anche quanto ci metti. Se bisogna aspettarti 6 ore non è la stessa cosa.

yura

Intervengo solo per dire che ci sono front e front, così come ci sono raider e raider.
Personalmente giro con una full e non tornerei più indietro ma dire che le front sono più lente non è proprio corretto. Giusto l’ anno scorso ho girato con @Spa e @Dario88 che hanno entrambi front Transition e ti assicuro che viaggiano a mach3 anche con quelle…e non certo solo su sentieri flow, anzi !!!
[IMGcomment image[/IMG]

Geep
Geep

Bravo @yura
Non c’ero in quell’occasione a cui ti riferisci, ma solitamente giro proprio con quei due che hai citato, anche se non alla stessa velocità. Cmq mi difendo..
E tra l’altro ho girato pure in Valtellina, proprio con loro, una due giorni con tenda e sacco a pelo, caricati sulla front, tra Edolo ed Aprica.
E mi sono divertito molto.

Dorell14
Dorell14

Io sono della zona e quei sentieri li ho fatti anche con la front; è chiaro che arrivi in fondo bello stanco.
Li ho fatti anche una full, una Nerve (quindi non un mezzo estremo anzi) e si fanno benone senza, alcun problema.
Comunque ci sono delle varianti (tipo salti acc) che le fai bene solo con una Enduro, il video comunque non rende la difficoltà di alcuni passaggi; si vedono solo le parti flow.

Mauro Franzi

@Dorell14 Quello che scende dal Bar Bianco è probabilmente fattibile tutto in sella anche con una frontina, anche se sulle rocce appena sotto il bar bianco ed in altri due o tre passaggi ti vorrei proprio vedere (a meno di non andare a cercare chicken line assurde, ovviamente).
Su quello che scende da Baitridana mi sa che i pezzi a piedi aumentano, se parliamo della stessa discesa.

Fbf
Fbf

Ci sarà qualcosa del genere in formato 29?

Lucio Voreno
Lucio Voreno

jimmy27 usa solo gli impianti?
in salita non pedala?

jimmy27
jimmy27

Magari… 😉
Io ho una trail da 140mm
Non una enduro proprio perche le salite me le faccio tutte pedalando 💪

kji
kji

non voglio entrare nella polemica ma vedo gente scendere con front xc fare tempi migliori di gente con enduro…e parlo di gente che fa podi regionali sia nell’una che nell’altra disciplina…quindi rimango sempre convinto che il manino in bici conta molto di più del mezzo…detto questo a me questa rose mi intrippa da paura , la comprerei domani

biker 69
biker 69

Bella bici e bel sistema, ma se in un giro a tante discese e salite quante volte ti devi fermare?

Mauro Franzi

@biker 69 Non è che lungo un itinerario in saliscendi devi cambiare setting continuamente altrimenti la bici non va, puoi però valutare di farlo in caso di salite e discese di una certa durata. E’ inoltre un sistema che, entro certi limiti, ti permette di “cucirti” la bici addosso enfatizzando determinate caratteristiche rispetto ad altre.

kji
kji

somiglia molto alla radon swoop 170…

stilgar

bici molto interessante, ancora di più interessante il sistema per la variazione delle quote….domandona…state testando la versione enduro o l’am oppure entrambe?

Lucky86
Lucky86

alla presentazione mi sembrava più bella esteticamente. vista in video mi sembra sproporzionato il triangolo che si crea verso l’alto tra l’orizzontale e il tubo sella.. poi magari dal vivo è diverso.
Al di là delle questioni del sentiero semplice o meno, che poi magari molti fullisti si vedono passare in testa da qualcuno con la front e cadono in depressione, questo sistema è geniale ma aspetto di leggere la dettagliata descrizione del test.
Alla fine con sistemi come trek o banshee che ho provato si finisce spesso di lasciarli per sempre in una posizione perchè è impegnativo cambiare la posizione e si va con un compromesso.
il sistema canyon è il più veloce e intuitivo che sicuramente si utilizza spesso.
questo credo sia una via di mezzo perchè è abbastanza veloce ma richiede comunque un attrezzo e poi per le 4 posizioni bisogna pensare molto di più a quale potrebbe essere la migliore. non c’è solo salita-discesa, c’è molto di più… mannaggia mi viene mal di testa solo a pensare di fare tutti questi ragionamenti in base all’uscita che voglio fare… diventiamo biker da tastiera e da garage…

Lucky86
Lucky86

per favore quando fare la recensione completa scrivete anche se il sistema è davvero sigillato nel senso che svitando e girando non c’è rischio di far entrare sabbia, terra o polvere presente nel trail. infatti si pubblicizza che può essere fatto durante l’uscita ma spesso non si opera sul pulito e ciò potrebbe danneggiare il sistema o richiedere manutenzione frequente.
grazie

alberto g
alberto g

Queste soluzioni che variano assetto se funzionano e se sono facili da configurare le trovo ottime.
Ho una pike dual position che trovo davvero utile e si sente la differenza nelle due posizioni.
Mi chiedo perchè in pratica non si fanno ammo dual position.
Giustamente come è stato detto non è necessario cambiare in continuazione le varie quote geometriche ma se so che devo percorrere un lungo tratto in salita o in discesa faccio le modifiche.
Io se so che un giro ha salita e poi discesa gonfio di più le gomme per poi sgonfiarle in discesa.

Aardvark
Aardvark

Ammo dual position… la “vecchia” Cannondale Trigger con il DYAD. Una levetta sul manubrio e via, passi da 80 a 140 mm di corsa. E le cose cambiano, me ne accorgo anch’io che sono una sola.

space.invader
space.invader

infatti trovo che il punto debole di rose (a differenza dello shapeshifter di canyon) è la non immediatezza del cambio di assetto. sulla strive lo fai con un comando remoto sul manubrio. sulla rose devi ravanare con una brugola ogni volta, senza contare la posizione in cui si trova, e che quindi sarà spesso sporca. vita e svita col fango…la brugola alla fine si spanerà?

Aedi85
Aedi85

aspetto con impazienza la recensione.. se buona la prendo al volo..
@marcotoniolo:
tre cose..
cortesemente come già scritto da altri soffermatevi parecchio sul sistema soprattutto sul fatto che durante il giro cambiando geometrie non si rischia di sporcare/rovinare il meccanismo.
proverete solo la top di gamma o anche altri allestimenti?
sapete se uscirà 29?

mayolone
mayolone

Il rutto rende tutto molto più realistico hihihihihihihi

Zergio

io metterei in risalto anche il delirio onirico di Muldox negli ultimi secondi del video… nell’estasi farfuglia cose tipo “sono bilanciato, bilanciatissimo, …azz” 🙂

valeduke
valeduke

Il il rutto a 36 secondi è top !!!!!!!!! Hahahahaha

Zergio

ma nooo, non è un rutto! E’ il suono che si sente quando si passa alla velocità smodata (presente il boom sonico degli aerei che vanno oltre la velocità del suono? Ecco! 🙂 )

Marcopazzo

[QUOTE="alberto g, post: 8172049, member: 152595"]

Ho una pike dual position che trovo davvero utile e si sente la differenza nelle due posizioni.

Mi chiedo perchè in pratica non si fanno ammo dual position.

[/QUOTE] Penso per due motivi principali: sulla forca c'è spazio per i vari meccanismi e più riduci la corsa e più l'angolo sterzo si "chiude" aiutando in salita; mentre se riduci la corsa dell' ammo si "apre" l'angolo sterzo e inoltre lo spazio a disposizione per fare cose più sofisticate è molto limitato.

[QUOTE="mayolone, post: 8172108, member: 72211"]Il rutto rende tutto molto più realistico hihihihihihihi[/QUOTE] ahahahahahaha vero

daniele.computer
daniele.computer

…Strive forever! non riesco a capire in cosa sia innovativo un sistema che per variare il setting ti devi fermare e armeggiare con una chiave. Non oso immaginare la pena in un persorso dove salite e discese si alternarnano più volte.

Rose Italia

non è questo il suo scopo. Non nasce per essere modificato ad ogni minimo cambiamento di terreno, per questo ci sono le piattaforme stabilizzanti dell’ammortizzatore. Nasce per permettere il setup adatto al tipo di uscita che intende affrontare ed al proprio stile di guida/preferenze personali: una gara enduro superscassata, una gara con molti rilanci/compressioni, una pedalata stile all-mountain, … buona serata – Sergio

daniele.computer
daniele.computer

Perdonami Sergio, ma io incontro percorsi superscassati in cui si alternano tratti levigati oppure tratti in cui pedalare seppur durante la fase di discesa. Un trail tutto compressioni o tutto smosso o tutto qualcos’altro non l’ho mai incontrato, sarà che mi piacciono le discese lunghe?

Rose Italia

Non stiamo offrendo il sistema PROGEO ma una bici con tale sistema. E’ un qualcosa in più. Non è che se hai una bici con angoli più aperti o più chiusi, movimento centrale più basso/alto e con più o meno progressione non puoi salire/scendere sui trails. Altrimenti dovresti avere 10 tipologie di telai e portarli tutti con te in spalla. 🙂 . Il PROGEO nasce per permettere all’utilizzatore finale di cucirsi addosso la bici per esigenze del percorso (gara EN? giro AM? pedalata dopo lavoro?..) e/o per preferenze personali (stile di guida).
Come nel tuo caso “ma io incontro percorsi superscassati in cui si alternano tratti levigati oppure tratti in cui pedalare seppur durante la fase di discesa” –al momento dell’acquisto avrai dovuto scegliere la bici più adatta. Magari il dubbio era proprio… angoli aperti o chiusi? e se poi me ne pento/voglio cambiarli? un mezzo con impostazione più da discesa o più all-mountain? Giro principalmente per divertimento/senza cronometro, ma se volessi fare un gara di enduro? o una giornata in bike park?
Come per altri setup (ad esempio pressione ammortizzatori), il PROGEO è una regolazione che i più smanettoni apprezzeranno in ogni uscita, altri solo in qualche occasione, altri dopo aver trovato il proprio setup non toccheranno più o quasi.
Ciao

space.invader
space.invader

senza contare le volte in cui ti scorderai la chiave da qualche parte e quelle in cui… magari la vite si spanerà… ho già provato con le forche fox a brugola…

tostarello

[QUOTE="daniele.computer, post: 8172799, member: 2729"]…Strive forever! non riesco a capire in cosa sia innovativo un sistema che per variare il setting ti devi fermare e armeggiare con una chiave.

…[/QUOTE]

forse che questo non si rompe 🙄

https://www.mtb-mag.com/forum/threads/shapeshifter-come-affrontare-il-futuro.329585/

space.invader
space.invader

guarda, sui modelli 2016 e 2017 finora zero problemi (parlo di me e amici vari)… il primo anno alcuni hanno avuto problemi (un mio conoscente diretto), ma gli shapeshifter difettosi sono stati sempre sostituiti gratuitamente. io pedalo un 130 post e in salita va da dio. e quando lo sbolocchi hai un bel 160. lo sblocchi con una comoda levetta a manubrio. fidati che è un’altra cosa armeggiare con le brugole nel fango

ciccioo

Strive  forever, certo, poi  montiamo  lo  bikeyoke  per  la  disperazione.

daniele.computer
daniele.computer

Senza entrare nel merito dell’incidenza statistica delle rotture o peggio nella partigianeria, ti posso dire che, prudentemente, mi sono fatto spedire da Canyon per circa 80 euro uno Shape Shifter nuovo di pacca che tengo nella cassetta come eventuale ricambio dal momento che a prescindere è un componente dedicato.
Dovessi incorrere in qualche problema, mi avvalgo dell’assistenza e nel frattempo mi godo la bici con il componente sostitutivo.
Tutto molto semplice, due mail e viaaaa